Benvenuto e Buona Navigazione, sono le ore 02:33 di Dom 21 Lug 2019

dalla Città

di | in: Cronaca e Attualità, dalla Città

rotatoria via Asiago

image_pdfimage_print

Via Asiago, approvato il progetto definitivo della rotatoria

L’importo complessivo dei lavori è di 60.000 euro 

 

La Giunta comunale nella giornata di ieri, martedì 22 dicembre, ha approvato il progetto definitivo per i lavori di adeguamento della viabilità con abbattimento delle barriere architettoniche nell’incrocio tra viale De Gasperi e via Asiago.

 

 

Il progetto, elaborato dell’ufficio del settore Progettazione e Manutenzione Opere pubbliche, ha un importo complessivo di 60.000 euro. Per il momento verrà finanziato il primo stralcio di lavori pari a 40.000 euro.

 

Rispetto all’assetto attuale, il diametro della rotatoria aumenterà da 8 a 12 metri e verranno orientate le corsie di accesso a viale de Gasperi in maniera da rallentare la velocità di chi viene da nord e da sud; in sostanza, si creerà una curvatura maggiore che favorirà il rallentamento delle auto.

Inoltre verranno realizzati due passaggi pedonali sopraelevati su viale De Gaspari (all’altezza del Municipio) e su via Ulpiani (all’altezza dell’incrocio con via Asiago) che permetteranno di abbattere le barriere architettoniche.

 

Verrà anche realizzata una piazzola per la sosta e fermata degli autobus davanti al liceo scientifico “Rosetti”, arretrata rispetto alla corsia di marcia per evitare ingorghi su viale De Gasperi in orari di punta. Per poter realizzare questo spazio riservato ai bus, si dovranno eliminare i cinque pini esistenti.

 

Per quanto riguarda i parcheggi, l’Ufficio traffico sta valutando l’opportunità di realizzare stalli per la sosta a spina pesce con inclinazione a 30 gradi nelle corsie di viale De Gasperi. Dopo le festività natalizie, si procederà all’approvazione del progetto esecutivo e ad appaltare i lavori.

 

Approvato il progetto definitivo per il completamento della “Curzi”

Via libera della Giunta ai lavori per trasferire tutta la scuola nell’edificio di piazza Dalla Chiesa 

 

Un altro importante traguardo verso il completamento della trasformazione dell’ex palazzo di giustizia di piazza Carlo Alberto Dalla Chiesa in scuola è stato raggiunto con l’approvazione, da parte della Giunta comunale nella seduta di ieri 22 dicembre, del progetto definitivo, redatto dal settore Progettazione e Manutenzione Opere pubbliche, per il completamento del secondo e ultimo piano dell’edificio.

 

Il progetto ha un valore di 750.000 euro di cui 500mila per lavori. “Ribadiamo l’impegno assunto al momento dell’inaugurazione del primo stralcio –  dice il sindaco Giovanni Gaspari – e cioè che da settembre 2016 tutte le classi della “Curzi” troveranno accoglienza nel nuovo plesso.”


Torna l’iniziativa “Lasciamo l’auto a casa”

Domenica 27 dicembre e 31 gennaio corsia est del lungomare chiusa 

 

Tornerà domenica 27 dicembre “Lasciamo l’auto a casa,” iniziativa voluta dall’Amministrazione comunale che prevede la chiusura mattutina al traffico automobilistico, ogni ultima domenica del mese, della corsia est del lungomare.

 

Dalle 9 alle 13, il tratto del lungomare compreso tra via Virgilio (davanti all’area ex camping) e via Trento sarà interdetto al traffico veicolare di tutti i mezzi a motore ad eccezione di quelli autorizzati (mezzi di soccorso e mezzi pubblici). Lo stop alle auto sarà valido anche domenica 31 gennaio 2016.

 

Avviso annullamento mercati

Annullamento dello svolgimento dei mercati di venerdì 25 dicembre 2015 e venerdì 1° gennaio 2016

 

Con Ordinanza Sindacale n. 60 del 16/12/2015, sentite le organizzazioni di categoria, le quali hanno convenuto – dopo aver sentito i propri associati – di chiedere l’annullamento dei suddetti mercati, è stato disposto l’annullamento dei mercati di venerdì 25 dicembre 2015 e 1° gennaio 2016.

L’approdo negato, commemorate tutte le vittime del mare

commemorate tutte le vittime del marecommemorate tutte le vittime del mare

Commosso ricordo dei caduti della prima guerra mondiale e del sambenedettese Sergio Rosetti

 

San Benedetto del Tronto, 2015-12-23 – Nel quarantacinquesimo anniversario dall’affondamento del motopeschereccio “Rodi”, avvenuto il 23 dicembre 1970, si è tenuta questa mattina, mercoledì 23 dicembre, dinanzi al Monumento ai Caduti del Mare “Il Mare, il Ritorno” di Paolo Annibali in zona portuale, la commemorazione di tutte le vittime del mare.

 

Come ricordato dalla presidente emerita del Circolo dei Sambenedettesi prof.ssa Benedetta Trevisani, “quest’anno si sono voluti ricordare i sambenedettesi morti in mare durante la prima Guerra Mondiale, uomini che hanno dato la loro vita per la Patria”.

 

Sono anche stati letti i nomi dei sedici sambenedettesi che parteciparono alla guerra come marinaio o “cannoniere scelto” del Corpo Regio Equipaggi Marittimi (C.R.E.M.) e che non fecero ritorno a casa: Giuseppe Biondi, Pasquale Bracaletti, Giovanni Battista Bruni, Giuseppe Luigi Consorti, Nazzareno Cosenza, Giuseppe Pasquale Cosignani, Serafino Di Carlo, Nazzareno Felicetti, Fortunato Granucci, Ercole Malatesta, Domenico Malavolta, Alfredo Massetti, Francesco Silenzi, Nazzareno Spazzafumo, Francesco Tancredi, Vincenzo Vagnoni.

 

 

 

 

Anche il vice comandate della Capitaneria di Porto Giuseppe Marzano ha parlato di sicurezza come dovere istituzionale della Capitaneria e ha ricordato l’importanza di lavorare insieme per prestare massima attenzione a che tali tragedie non abbiano a ripetersi.

 

La parola è passata a don Giuseppe Giudici, viceparroco della Basilica Cattedrale “Madonna della Marina”, che ha voluto ricordare Marco Iampieri e Graziano Battistelli, due pescatori del motopeschereccio “Onda” morti in un incidente stradale la scorsa settimana.

 

Poi autorità e i tanti cittadini intervenuti, tra cui molti familiari di vittime del mare, si sono trasferiti in corteo al molo nord “Rodi” dove è stata deposta una corona sulle lapidi che costellano il muro frangiflutto per tenere viva la memoria di chi ha perso la vita in mare.

 

Alla presenza della moglie Maria Concetta e dei figli Nicola e Debora, è stata scoperta una targa in memoria del sambenedettese Sergio Rosetti e di tutte le vittime della tragedia del Moby Prince avvenuta al largo di Livorno nella notte del 10 aprile 1991. L’iniziativa è stata curata dell’associazione “140 – Familiari delle vittime del Moby Prince”. “Una tragedia – ha dichiarato Gaspari – che ci ha toccati da vicino e che ancora non ha ottenuto la verità: perché è giusto che i cari dei 140 morti sappiano cosa è realmente accaduto e ottengano giustizia”.

 

Al termine della cerimonia, il Sindaco ha anticipato che a gennaio, in occasione del “Giubileo della Misericordia dei marittimi” voluto dalla Curia Vescovile, verrà scoperta una targa in memoria di Livio Capriotti, comandante del motopeschereccio “Stella Bianca” deceduto lo scorso anno, come concordato con la famiglia.

 

L’approdo negato

L’approdo negato

© 2015, Redazione. All rights reserved.




23 Dicembre 2015 alle 18:01 | Scrivi all'autore | | |
Tags:

Argomenti Frequenti


Archivio


Ricerca personalizzata