Tutti i corsi della Cna di Ascoli per la Formazione e l’Aggiornamento professionale

Ascoli Piceno – Il 2016 parte per la Cna di Ascoli Piceno con un nutrito pacchetto di corsi di formazione e di aggiornamento professionale che hanno il duplice obiettivo di fornire agli imprenditori occasioni di specializzazione e qualificazione sia per loro che per i loro dipendenti e di agevolare l’accesso qualificato al lavoro per i giovani o per chi ha necessità di ricollocarsi nel mondo produttivo.

Tecnico meccatronico delle autoriparazioni. I primi 4 corsi Cna riguardano una nuova figura professionale specializzata che opera nel campo delle autoriparazioni, ovvero il “meccatronico”. Questo il dettaglio dei corsi: Formazione rivolta ai possessori di qualifica professionale triennale (durata 100 ore); Formazione rivolta agli ex elettrauti (durata 40 ore); Formazione rivolta agli ex meccanici (durata 40 ore); Formazione rivolta ai possessori di un diploma del quarto anno “le fp” (durata 50 ore).

Fashion e bellezza. Corso per qualifica e specializzazione per estetista (durata 300 ore). Corso per fashion dressing designer (durata 300 ore).

Somministrazione alimenti e bevande. Corso di abilitazione SAB (durata 100 ore) e corso di specializzazione per aggiornamento SAB (durata 8 ore).

Per ulteriori informazioni gli interessati possono contattare la Cna Picena scrivendo una email ad ascoliformartmarche.it o collegandosi al sito www.cnapicena.it. Gli operatori Cna sono a disposizione per ulteriori chiarimenti anche presso l’ufficio provinciale di Ascoli Piceno (viale Indipendenza 42 – 0736.42176) e quello zonale di San Benedetto del Tronto (nuova sede in via Nazario Sauro 162 – 0735.658948).




Tre giorni di prosa a Fano

DA VENERDÌ 15 A DOMENICA 17 GENNAIO TRE GIORNI DI PROSA A FANO

AL TEATRO DELLA FORTUNA LEO GULLOTTA IN SPIRITO ALLEGRO

SABATO INCONTRO CON IL PUBBLICO

 

 

Venerdì 15, sabato 16 (inizio ore 21) e domenica 17 gennaio (inizio ore 17), tre giorni di prosa al Teatro della Fortuna con il quarto appuntamento di FANOTEATRO, stagione di prosa dell’omonima Fondazione Teatro in collaborazione con AMAT. L’appuntamento, da non perdere, è con Spirito allegro interpretato da Leo Gullotta diretto dalla regia di Fabio Grossi.

Spirito allegro è una commedia brillante, ironica e raffinata, dall’aspetto classico con la novità dell’inventiva usata per raccontare il soprannaturale: scenografie e video-mapping accompagnano il testo che nasce dalla penna di Coward. Risultato è una messinscena scattante e piena di ritmo arricchita dall’interpretazione di una nutrita compagnia di attori composta da Betti Pedrazzi, Rita Abela, Federica Bern, Chiara Cavalieri, Valentina Gristina, Sergio Mascherpa.

Con lo spettacolo tornano anche gli abituali incontri del pubblico con gli artisti. Sabato 16 gennaio alle ore 18 presso il Teatro della Fortuna sarà la volta di Leo Gullotta.

Il testo di Spirito allegro racconta di Carlo Considine, uno scrittore appena sposato alla puritana neo moglie Ruth. Attraverso una seduta spiritica Carlo involontariamente invoca lo spirito della sua prima moglie Elvira. Credendo che Elvira voglia rovinargli il matrimonio Carlo ingaggia una medium del posto, Madame Arcati per far esorcizzare lo spirito di Elvira. La medium però fallisce e intanto Ruth viene assassinata. Così Carlo si ritrova per le mani due ‘spiriti allegri’!

 

Scritta nel 1941 Spirito allegro (titolo originale Blithe spirit, tratto dall’incipit di una poesia di P. B. Shelley) è un’opera fra le più rappresentate di Coward, nella tradizione del grande teatro comico inglese. Quando al Piccadilly Theatre di Londra la commedia andò in scena per la prima volta, si era nel pieno della seconda guerra mondiale. Mai come allora la gente aveva davvero bisogno di sorridere, di evadere e di distrarsi. Noel Coward con la sua commedia nera riuscì a far dimenticare al pubblico, anche se solo per un paio d’ore, ciò che accadeva fuori dal teatro. La critica biasimò il modo dissacrante e ironico in cui l’autore, in quel doloroso momento storico, aveva trattato la morte. Ma pubblico non se ne curò e ne decretò il successo al punto che la commedia rimase in scena per ben 1997 repliche. Nella sua autobiografia Coward ricorda come scrisse la commedia tutta d’un fiato in soli cinque giorni nel corso di una vacanza sulla costa gallese. Della essa esiste una versione cinematografica del 1945 (Oscar per gli effetti speciali nel 1947) prodotta dallo stesso Coward per la regia di David Lean, interpretata da Rex Harrison, Kay Hammond, Constance Cummings e Margaret Rutherford nel ruolo di Madame Arcati. Una versione teatrale è stata presentata nel 2009 a Broadway, con tra gli interpreti Rupert Everett e Angela Lansbury. La Lansbury è tornata a interpretare Madame Arcati nella stagione 2014/15, in una fortunata edizione messa in scena al Gielgud Theatre di Londra.

 

Le scene dello spettacolo – prodotto da Diana Or.i.s – sono di Ezio Antonelli e le musiche di Germano Mazzocchetti. Biglietti da € 8 a € 25, riduzioni per giovani e studenti, presso botteghino del Teatro (0721 800750, botteghino@teatrodellafortuna.it). Info su www.teatrodellafortuna.it | Facebook, Instagram, Periscope, Pinterest, Twitter, Vine.




Itinerari nel teatro del presente

 

 el grito Un viaggio sorprendentemente originale, un’ esperienza sensoriale unica dove perdersi in un componimento sinfonico di acrobazie, giocolerie e musiche dal vivo.

Uno spettacolo sensibile e poetico, dove l’incontro tra circo, musica e teatro dà vita ad una tenera esplosione di energia che toccherà la vostra anima.

RECANATI_TEATRO PERSIANI
Sabato 16 gennaio ore 21.00
Domenica 17 gennaio ore 18.00
Circo El Grito
SCRATCH & STRETCH
info QUI

 

 

 

CECHOV h Questo Zio Vanja si colloca in un terreno poco battuto dalla tradizione, poiché tenta di far emergere la profondità delle tematiche cechoviane attraverso uno sguardo poetico e al contempo umoristico. Lo stesso ?echov suggeriva di guardare alle sue pièce come a delle commedie, forse per assicurarsi che gli allestimenti scenici accogliessero le oscillazioni di registro – soprattutto dal drammatico al comico – disseminate con grande perizia nelle sue opere.ASCOLI PICENO_TEATRO VENTIDIO BASSO
Teatro Cast
PROGETTO ?ECHOV

Venerdì 15 gennaio ore 20.30
ZIO VANJA

Domenica 17 gennaio ore 17.30
UNA STORIA COMUNE
STUDIO SU PLATONOV DI ANTON ?ECHOV

info QUI

 

 

 

giganti latini Paragonato spesso a Carmelo Bene e Leo De Berardinis, Roberto Latini ha vinto quest’anno il Premio Ubu come migliore attore italiano. Con I giganti della montagna consegna al teatro di ricerca un lavoro profondo e affascinante, che tocca le corde più intime dell’animo umano.
Ed è più che uno spettacolo, perché Roberto Latini – prendendo come testo e pretesto I giganti della montagna, l’ultimo dramma di Pirandello, e scavandolo con rara intensità e acume – ci regala un lavoro sulla vita, sull’apparenza, la paura, la rappresentazione di sé per proteggersi, per ritrarsi dal mondo o per sfidarlo. Lo fa, ereticamente, sulle orme di Leo de Berardinis, accreditandosi come vero erede del grande uomo di scena, perché ne recupera lo spirito, la luce l’ombra l’ascesi che cerca l’uomo attraverso il teatro, andando per maestria a rompere l’involucro della finzione. Massimo Marino, “Doppiozero”

FERMO_TEATRO DELL’AQUILA
Lunedì 18 gennaio ore 21.00
FORTEBRACCIO TEATRO / ROBERTO LATINI
I GIGANTI DELLA MONTAGNA

info QUI




I rapporti tra Europa e paesi del Mediterraneo nella nuova collana editoriale Epheso

  • Venerdì 15 gennaio a Roma la presentazione del primo volume, Il voto in Italia dei Tunisini curato da Anna Maria Medici –

 

Urbino – La casa editrice milanese Cisalpino-Monduzzi ha assegnato al Professor Giuseppe Giliberti, Delegato rettorale alle Relazioni Internazionali dell’Università di Urbino, l’incarico di dirigere la nuova collana editoriale EPHESO (Euromediterranean Phenomena. Historical, Economic and Social Observatory) che si dedicherà ai rapporti tra Europa e paesi del Mediterraneo.

 

L’iniziativa si avvale di un prestigioso Comitato Scientifico internazionale, nel quale l’Università di Urbino è rappresentata tra gli altri dal Prorettore Vicario prof. Giorgio Calcagnini, e da una rete di corrispondenti da varie realtà: università, organizzazioni non governative, fondazioni.

 

Il primo volume in uscita è Il voto in Italia dei ‘Tunisini all’estero’, una ricerca coordinata dalla Prof. Anna Maria Medici sulle elezioni politiche e presidenziali tunisine.

 

Un’équipe dell’Università di Urbino e dell’associazione Pontes ha monitorato le operazioni di voto che hanno coinvolto i cittadini tunisini residenti in Italia. Il testo verrà presentato a Roma, presso la Sala Conferenze delle Officine Farneto, il 15 gennaio, sotto l’egida del Ministero degli Affari Esteri e della Fondazione Mediterraneo.

 

Seguirà, pochi giorni dopo, la pubblicazione del volume di Athanasia Andriopoulou, Esseri greci, che prenderà in esame il dibattito politico in corso in Grecia per l’introduzione dello ius soli.




Cirene, Atene d’Africa

Fano – La proiezione del documentario “Cirene, Atene d’Africa” si terrà alle ore 17,30 di venerdì 15 gennaio nella Sala di Rappresentanza della Fondazione Cassa di Risparmio di Fano in Via Montevecchio, 114.




dalla Regione Marche

Rete regionale dei servizi sanitari penitenziari nelle Marche, la Regione recepisce l’Accordo della Conferenza unificata

La Regione Marche ha recepito l’Accordo della Conferenza unificata sull’assistenza sanitaria negli istituti penitenziari per adulti. L’intesa garantisce ai detenuti nelle strutture marchigiane le stesse opportunità di cura previste dai Lea (Livelli essenziali di assistenza) per tutti i cittadini. L’Asur (Azienda sanitaria unica regionale) dovrà organizzare la rete sanitaria intra penitenziaria, territoriale e ospedaliera, in collaborazione con il Provveditorato regionale dell’amministrazione penitenziaria. Ai detenuti verranno garantite cure adeguate nell’ambito detentivo, anche attraverso l’attivazione di sezioni dedicate. A questo scopo sarà stipulata una convenzione con la Regione Emilia Romagna per fornire l’assistenza intensiva (Sai) non disponibile negli istituti penitenziari delle Marche. L’Osservatorio regionale sulla sanità penitenziaria attiverà un monitoraggio semestrale di controllo sul funzionamento delle rete. Attualmente nelle Marche operano sette servizi intra penitenziari, di cui quattro sono “servizi medici di base” (Fossombrone, Ancona Barcaglione, Camerino, Fermo), due “multi  professionali integrati” (Pesaro, Ancona Montacuto) e uno “multi professionale integrato con sezione specializzata” (Ascoli Piceno). Sono poi operative tre sezioni specializzate: custodia attenuata tossicodipendenti (Ancona Barcaglione), ridotta capacità motoria (Ancona Montacuto) e salute mentale (Ascoli Piceno). Le camere di detenzione per malattie infettive sono sette (una in ciascun istituto penitenziario), mentre altre per la degenza e il ricovero dei detenuti sono predisposte presso le Aziende ospedaliere Marche Nord e Ancona, gli Ospedali di Camerino, Civitanova Marche, Fermo, Ascoli Piceno, San Benedetto del Tronto. Una recente ricerca nazionale (16 mila le persone coinvolte) evidenzia che oltre il 70% dei detenuti è affetto da almeno una patologia e oltre il 40% da almeno una patologia psichiatrica (ansia, nevrosi, depressione, adattamento). La dipendenza da sostanze è la patologia più diffusa e riguarda il 24% dei detenuti. Seguono quelle infettive (epatite C e B, HIV), ipertensione, dislipidemia, diabete mellito di tipo 2, malattie dell’apparato digerente (le più diffuse, dopo quelle psichiatriche). Un’emergenza è rappresentata dai tentativi di suicidio e dai gesti di autolesionismo: nel 2014 il 5% dei detenuti ha messo in atto, almeno due volte, un gesto autolesivo.




da Cupra Marittima

2016-01-11

Nel corso dell’ultimo consiglio comunale tenutosi il 29 dicembre scorso, rileva il vice sindaco Roberto Lucidi, il sindaco D’Annibali ha letto un’adeguata ed esauriente risposta all’interrogazione presentata in tema di “scuola” da parte dell’opposizione consiliare.

Continua Lucidi: “invitiamo la minoranza ad un confronto costruttivo e progettuale su temi di rilevanza ed interesse generale, come la scuola e non solo, per costruire se possibile percorsi condivisi a beneficio dell’interesse collettivo.”

“L’amministrazione comunale considera la scuola, l’istruzione, elementi aggreganti e rilevanti per favorire la crescita culturale e sociale dei nostri ragazzi. Nel bilancio di previsione 2015 sono state stanziate risorse a favore dell’istituto scolastico comprensivo e durante l’anno sono state ulteriormente integrate. Nel mese di dicembre abbiamo consegnato anche due borse di studio a studenti meritevoli per l’anno scolastico 2014/2015. Il nostro impegno e sostegno è stato portato avanti anche a beneficio delle altre realtà formative e scolastiche presenti sul territorio comunale, nei cui confronti siamo sempre molto attenti e vicini.”

Durante il consiglio comunale, continua Lucidi “abbiamo approvato un importante documento come il Documento Unico di Programmazione, una novità introdotta dal legislatore con il passaggio alla nuova contabilità finanziaria armonizzata per gli enti locali, con il quale si costruisce una programmazione pluriennale in vista dell’approvazione del bilancio di previsione 2016. L’opposizione consiliare non ha sollevato e presentato alcuna osservazione in merito.” 




da Ascoli Piceno

Classifica sul gradimento dei sindaci italiani.
Castelli tra le prime 25 posizioni in italia: “Particolarmente soddisfatto, la Città ci capisce. Ora al via un 2016 di grandi investimenti per la Città”.Ascoli Piceno, 11 gennaio 2016 – “Sono particolarmente soddisfatto degli esiti della classifica “governance poll” che annualmente il Sole 24 h dedica ai sindaci italiani. Il consenso che la Città mi riserva, pari al 56,5 %, colloca l’amministrazione di Ascoli tra le prime 25 posizioni di gradimento in Italia. Nonostante un 2015 lacrime e sangue, fatto di enormi sacrifici chiesti ai cittadini e tanta spending rewiew , viene confermata sostanzialmente la percentuale della rilevazione dell’anno precedente. La città ha capito la bontà dei nostri sforzi e la necessità di alcuni interventi complessi: lo dimostra un consenso sull’operato del Sindaco che rimane saldamente superiore al gradimento medio di cui godono i sindaci italiani (54,8%).  Questo dato, in momento di grande crisi come quello che stiamo vivendo, non appariva né scontato né probabile. Insomma : si tratta del miglior viatico possibile per avviare un 2016 in cui finalmente riprenderà una significativa attività di investimenti pubblici che, senza ombra di dubbio, rafforzerà l’azione dell’amministrazione e la crescita complessiva della nostra comunità. Avanti così.”

ROTATORIA EX GIL:

CAMBIA LA CIRCOLAZIONE VEICOLARE PER L’ESECUZIONE DEI LAVORI DI COMPLETAMENTO

 

 

 

 

Fino al prossimo 30 giugno, la circolazione veicolare in via Circonvallazione Nord (all’intersezione di S.Emidio alle Grotte), in prossimità del tratto interessato ai lavori per la realizzazione della nuova rotatoria, subirà delle modifiche.

Lo dispone l’Ordinanza Dirigenziale n. 6 dell’8/1/2016.

A partire da oggi, 11 gennaio e fino al 30 giugno prossimo, quindi, verrà mantenuta la segnaletica stradale di cantiere, installata precedentemente in via Circonvallazione Nord, adeguata per quanto attiene ai limiti di velocità all’attuale destinazione della strada che ora è una arteria comunale.

La stessa Ordinanza interdice l’immissione dei veicoli in via Circonvallazione Nord da via S.Emidio alle Grotte e istituisce l’obbligo di svolta a sinistra per tutti i veicoli in uscita dal parcheggio ex Gil.

Inoltre viene istituito il doppio senso di marcia in via S.Emidio alle Grotte per il tratto da viale M. Federici all’ingresso del parcheggio ex Gil; l’obbligo di fermarsi e dare la precedenza per tutti i veicoli provenienti da via S.Emidio alle Grotte all’incrocio con viale M. Federici e il divieto di sosta, con rimozione forzata in ambo i lati, in via S.Emidio alle Grotte.

 

CONSIGLIO DEGLI ANZIANI DELLA QUINTANA.

PUBBLICATA LA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER LA NOMINA DEL QUINTO MEMBRO

 

 

E’ l’organo di raccordo tra il Comune e i Sestieri.

Al Consiglio degli Anziani sono attribuite funzioni consultive e propositive per l’organizzazione, la realizzazione, la gestione e per il costante miglioramento delle manifestazioni della Quintana di Ascoli ed è composto da cinque membri: tre nominati dal Magnifico Messere, il Rettore, nominato dai Comitati di Sestiere e un membro eletto dai Comitati di Sestiere.

“Con la pubblicazione del bando di interesse – ha commentato il Magnifico Messere, Guido Castelli – ora procederemo alla nomina del quinto componente del Consiglio degli Anziani della Quintana in sostituzione del dimissionario Andrea Ferretti e dopo che le recenti elezioni hanno indicato il Rettore e il rappresentante dei Comitati di Sestiere.

Le persone che ne hanno fatto e ne fanno parte hanno dimostrato di avere una forte passione quintanara e competenze utili a sostenere il nuovo modello dello storico evento. Al “nuovo” Consiglio degli Anziani – ha concluso il Magnifico Messere, spetta ora di traghettare la Quintana verso nuovi successi e di dare maggiore impulso alla promozione della città tramite il brand Quintana”.

Nel bando si specifica, tra l’altro, che il membro del Consiglio degli Anziani sarà individuato tra persone di comprovata esperienza nel mondo della cultura e della storia della rievocazione della Quintana di Ascoli Piceno.

Come criterio preferenziale di scelta verrà considerato il comprovato possesso di competenze ed esperienze i taluno dei seguenti settori disciplinari. Promozione di manifestazioni ed eventi connessi alle rievocazioni storiche, promozione turistica, ricerca di finanziamenti (fund raising), marketing turistico e territoriale, storia medievale e rinascimentale e tutela e valorizzazione della proprietà industriale e intellettuale.

Chiunque sia interessato a ricoprire questa carica dovrà far pervenire al Sindaco una dichiarazione di disponibilità, in carta libera, contenente firma e data, resa ai sensi degli artt. 46 e 47 del DPR 445/2000 (allegando copia di un documento di riconoscimento in corso di validità), utilizzando il modello appositamente predisposto e disponibile come il bando integrale nel sito del Comune di Ascoli Piceno: www.comuneap.gov.it

Le domande dovranno pervenire entro le ore 12.00 di lunedì 18 gennaio 2016 a mezzo del servizio postale con raccomandata con avviso di ricevimento o direttamente all’URP del Comune di Ascoli Piceno che osserva il seguente orario: dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 12.30 – martedì e giovedì dalle ore 15.00 alle ore 17.00 e il sabato dalle ore 9.30 alle ore 12.00 oppure mediante posta elettronica certificata (P.E.C.) all’indirizzo: comune.ascolipiceno@actaliscertymail.it.

In caso di dichiarazione di disponibilità presentata a mezzo posta (raccomandata A/R) sul plico dovrà essere riportata la seguente dicitura “Manifestazione di interesse per la nomina di un membro in seno al Consiglio degli Anziani previsto dallo Statuto della Quintana di Ascoli Piceno”.




dal Liceo Scientifico Rosetti

San Benedetto del Tronto, 2016-01-11

 

Ora del codice

 

L’aula magna del liceo scientifico Rosetti li ha contenuti a stento: quasi 200 alunni del biennio dell’istituto
superiore hanno ottenuto il certificato di partecipazione all’ora del codice e tutti lo mostrano orgogliosi
nella foto.
Anche quest’anno il Rosetti ha partecipato alla settimana di educazione all’informatica, meglio conosciuta
come l’ora del codice, che si è tenuta dal 7 al 13 dicembre. Il progetto, che rientra nelle attività del POF, ha
visto l’adesione massiccia degli alunni, guidati dai loro insegnanti di matematica. Questi hanno raccolto
anche le sollecitazioni giunte dal MIUR che, in collaborazione con il CINI – Consorzio Interuniversitario
Nazionale per l’Informatica- ha avviato l’iniziativa (rientrante ne#labuonascuola) con l’obiettivo di fornire
alle scuole una serie di strumenti semplici, divertenti e facilmente accessibili per formare gli studenti ai
concetti di base dell’informatica. Nella giornata di presentazione del progetto Programmareilfuturo, sono
state madrine di eccezione il Ministro dell’istruzione, Stefania Giannini, e il Presidente della Camera, Laura
Boldrini.
“Obiettivo primario del progetto- sottolinea la Dirigente scolastica Stefania Marini- è quello di sollecitare la
curiosità dei ragazzi nei confronti di un’attivitàche interessa a livello mondiale più di 48 nazioni e 100
milioni di persone, inserendo così il nostro istituto in un circuito internazionale di soggetti impegnati a
promuovere il ‘sapere’ ed il ‘saper fare’”. L’evento è stato preceduto, il 4 dicembre 2015, da un incontro
introduttivo sul tema del pensiero computazionale condotto dai ricercatori dell’università di Camerino
Andrea Polini e Rosario Culmone. I due studiosi hanno esposto agli alunni ilconcetto del pensiero
computazionale e presentato loro alcuni esempi, tratti dall’esperienza quotidiana. Per l’immediato futuro il
progetto, che è coordinato dal professor Nuccio Mozzicato, prevede per gli studenti corsi di
approfondimento,proposti sempre dall’organizzazione code.org., appoggiata in Italia dal MIUR.
Eduscopio premia ancora i diplomati del Rosetti
Il liceo Rosetti si riconferma come il migliore istituto ad indirizzo scientifico, nella provincia di
Ascoli Piceno, per i risultati conseguiti dai propri diplomati nel primo anno di corso universitario.
Le cifre sono quelle emerse dalle indagini compiute da Eduscopio, istituto della Fondazione
Agnelli, che da vari anni è attivo nel raffrontare i numeri che giungono da Scuola in chiarodel Miur
e dall’Anagrafe degli studenti universitari. I dati sono riferiti a tre classi successive di immatricolati
(anni accademici 2010/11-2011/12-2012/13) che hanno già completato il primo anno di studi
universitari.A dare la misura del successo universitario, è l’indice FGA, pari a 77.26/100(forchetta
tra 74.16 e 80.36), indice che combinamedie e percentuali dei crediti acquisiti. Il dato è valido anche
mettendo in relazione i risultati degli ex studenti del Rosetti con quelli di ex studenti di altre scuole
nel raggio di 30 chilometri e pone lo scientifico al primo posto tra tutti gli istituti superiori
sambenedettesi. La media dei voti conseguiti agli esami del primo anno è superiore a 27/30 ed i
crediti ottenuti sono oltre il 78%; entrambi i valori sono calcolati, si legge nel rapporto Eduscopio,
tenendo conto del “diverso grado difficoltà dei corsi di laurea e degli esami sostenuti”. Le cifre
sono inoltre accompagnate da quelle relative al voto medio conseguito alla maturità dagli
immatricolati (80,9/100) e dai non immatricolati (75,8/100) ed al numero medio di diplomati per
anno (201). Confermate, rispetto al passato, anche le scelte universitarie, per oltre la metà di tipo
tecnico (27%) e scientifico (24,7%); seguono le aree economico-statistica (13%), umanistica
(9,7%),giuridico-politica (7,4%), sanitaria (5,7%), sociale (4,7%), medica (4,5%) e delle scienze
motorie (2,9%). Le sedi più amate sono Ancona, presso l’Università Politecnica delle Marche
(26,7%), Bologna (15%), Chieti (9,8%), Roma 1 La Sapienza (8%), Camerino (6,3%); il restante 34,3%
si indirizza presso altri atenei.
Con piena soddisfazione la dirigente Stefania Marini, commenta i positivi risultati dell’indagine
Eduscopio che “confermano la qualità degli insegnamenti e l’ambiente formativo di eccellenza del
liceo Rosetti. Tutta la comunità scolastica del Liceo Rosetti, accoglie le più recenti sfide educative,
riconoscendo le priorità del programma europa 2020: promuovere la conoscenza e l’innovazione
come motori della futura crescita e, in occasione delle iscrizioni per l’a.s. 2016/17, invita tutti gli
studenti impegnati nella scelta della scuola secondaria di secondo grado alle giornate Open day,
previste per il 17 gennaio e 13 febbraio 2016, per conoscere l’offerta formativa del Liceo scientifico
con indirizzo sportivo, B. Rosetti”.

 




Il Progetto Pappa Fish non è stato al momento finanziato dalla Regione

Castelleone di Suasa – L’Amministrazione Comunale aveva presentato alla Regione Marche il Progetto Pappa Fish per incentivare il consumo di pesce nella mensa scolastica, essendo questo un alimento che fa bene, soprattutto ai bambini, come gli esperti dimostrano.

 

Il pesce è una fonte preziosa di omega 3, utili alla concentrazione, oltre che di proteine nobili altamente digeribili, di sali minerali e vitamine, per cui la Regione Marche ha realizzato “Pappa Fish”, con il cofinanziamento del Fondo Europeo per la Pesca, a disposizione degli Enti che desideravano distribuire il pesce fresco nelle mense scolastiche, particolarmente oggi, quando ritmi quotidiani frenetici impongono cibi scarsamente salutari.

 

Il Mare Adriatico, così ricco di varietà ittiche, fa sì che le flotte dei nostri pescherecci garantiscano un prodotto sano, fresco e di qualità, a “miglia zero”, ma soprattutto disponibile in ogni stagione.

 

La validità del progetto Pappa Fish ha ricadute anche sull’educazione ambientale: bambini e ragazzi capiscono l’importanza di rispettare l’ecosistema e i cicli di vita delle specie che popolano il mare.

 

Purtroppo però, per scarsità di fondi assegnati a questo progetto, la Regione ha recentemente inviato la graduatoria che prevede il nostro Comune come ammissibile per € 3,360,00, ma non al momento finanziabile.

 

Su 50 progetti ammissibili (contributo per l’80% della spesa) solo 23 sono stati finanziati per un totale di spesa di € 150.000,00 disponibili.

 

La Regione probabilmente aumenterà i fondi così da finanziare anche gli altri Comuni rimasti fuori, tra cui anche il nostro, ma non sappiamo se per quest’anno o per il prossimo anno scolastico.