Benvenuto e Buona Navigazione, sono le ore 15:13 di Dom 23 Feb 2020

Costruite a Jesi le scene della “Fedra” per il Teatro Massimo Bellini di Catania

di | in: Cultura e Spettacoli

Fondazione Pergolesi Spontini

image_pdfimage_print

Jesi (AN), 15 gennaio 2016 – Sono state costruite a Jesi, nel Laboratorio scenografico della Fondazione Pergolesi Spontini, le scene della “Fedra” di Paisiello, una prima messa in scena mondiale in tempi moderni che inaugurerà domenica 17 gennaio la Stagione lirica 2016 del Teatro Massimo Bellini di Catania.

Nella filiera produttiva della Fondazione, un elemento di unicità ed eccellenza è costituito dal Laboratorio di Via Carlo Marx a Jesi.


Sono state costruite a Jesi, nel Laboratorio scenografico della Fondazione Pergolesi Spontini, le scene della “Fedra” di Giovanni Paisiello, una prima messa in scena mondiale in tempi moderni che inaugurerà domenica 17 gennaio la Stagione lirica 2016 del Teatro Massimo Bellini di Catania. L’opera, che sarà rappresentata fino al 24 gennaio e registrata per l’etichetta Dynamic, è una nuova produzione del Teatro Bellini nell’anno delle celebrazioni del bicentenario dalla morte del compositore tarantino. Un’operazione di grande interesse che ha visto il recupero, a partire dal manoscritto originale e dalle varie trascrizioni, di una partitura ricca e complessa affidata alla direzione del francese Jérôme Correas. Il nuovo allestimento è curato da Andrea Cigni, regista tra i più accreditati della nuova generazione e noto al Teatro Pergolesi di Jesi per aver firmato con successo nel 2015 la regia del “Don Pasquale” nella coproduzione italo francese tra Fondazione Pergolesi Spontini e teatri di Clermont-Ferrand, Reims, Vichy, Limoges, Saint Etienne, Rouen, Massy, Avignon.

Per le scene della “Fedra”, il regista Andrea Cigni e lo scenografo Lorenzo Cutùli si sono avvalsi della collaborazione della Fondazione Pergolesi Spontini e della capacità costruttiva del suo Laboratorio già sperimentata con soddisfazione nel 2015 per il riadattamento del loro “Don Pasquale” ai palcoscenici di Jesi, Bergamo, Cremona, Como e Pavia.

Nella “filiera produttiva” della Fondazione Pergolesi Spontini, un elemento di unicità e d’eccellenza è costituito dal Laboratorio Scenografico di Via Carlo Marx a Jesi. Il Laboratorio svolge un ruolo fondamentale, sia di servizio alle attività di produzione per la costruzione delle scenografie e delle attrezzerie delle opere messe in scena nel Festival e nella Stagione Lirica, che di realizzazione conto terzi di elementi scenici, con positive ricadute economiche nel bilancio dell’ente. Il laboratorio scenografico si occupa, inoltre, costantemente della manutenzione degli allestimenti di proprietà della Fondazione Pergolesi Spontini richiesti dai teatri nazionali e internazionali che collaborano con la struttura. Nel laboratorio lavorano giovani maestranze artigiane del territorio dirette dal Direttore Tecnico della Fondazione, Benito Leonori, e vi si svolgono anche attività di tirocinio e formazione in scenografia teatrale e scenotecnica in collaborazione con l’Accademia di Belle Arti di Macerata e il Liceo Artistico “E. Mannucci” di Jesi.

 

 

Info       www.fondazionepergolesispontini.com

 

© 2016, Redazione. All rights reserved.




16 Gennaio 2016 alle 18:12 | Scrivi all'autore | | |

Argomenti Frequenti


Archivio


Ricerca personalizzata