Un graditissimo ritorno quello di Aterballetto al Teatro Rossini

Un graditissimo ritorno quello di Aterballetto al Teatro Rossini

SABATO 20 FEBBRAIO AL TEATRO ROSSINI DI PESARO

ATERBALLETTO IN SCENA CON LE COREOGRAFIE DI MICHELE DI STEFANO E CRISTINA RIZZO

PRECEDE LO SPETTACOLO ALLE ORE 18 A PALAZZO MOSCA

LE RADICI DEL PRESENTE NELLA DANZA CONTEMPORANEA ITALIANA CON MARINELLA GUATTERINI

 

 

Un graditissimo ritorno quello di Aterballetto, principale compagnia di produzione e distribuzione di spettacoli di danza in Italia e prima realtà stabile di balletto al di fuori delle fondazioni liriche, sabato 20 febbraio al Teatro Rossini. Un vento di novità contemporanee avvolge la compagnia emiliana ed è percepibile in questo sorprendente trittico tutto italiano presentato a Pesaro su iniziativa del Comune e dell’AMAT. Vi spiccano Upper-East-Side di Michele Di Stefano, già Leone d’Argento alla Biennale Danza 2014, e Tempesta/The Spirits di Cristina Rizzo. Una coreografia formalistica tentata da un nomadismo concettuale, fatto di fragilità, coraggio, aspirazione ad impossessarsi fisicamente di un luogo. E un’altra danza pura, ma anche dorata e tribale, per tre coppie al loro rinnovato incontro dopo una “tempestosa” rottura. A coronamento E-Ink, primo successo, nel 1999, di mk, la compagnia di Di Stefano: è un duetto freschissimo, di sussultante, tragica e comica goffaggine, fuoriuscito dall’ormai lunga e collaudata lista del Progetto RIC.CI ideato e diretto artisticamente da Marinella Guatterini, cui anche il ringiovanito Aterballetto ha aderito.

Sempre sabato 20 febbraio, alle ore 18 presso Palazzo Mosca – Musei Civici di Pesaro, precede lo spettacolo LE RADICI DEL PRESENTE nella danza contemporanea italiana, presentazione delle iniziative editoriali inerenti il progetto RIC.CI (Reconstruction Italian Contemporary Choreography – Anni ’80/’90) ideato e diretto da Marinella Guatterini presente all’incontro.

Dopo lo spettacolo invece l’appuntamento è con Stop! Visioni intorno alla danza incontro con il pubblico a cura di Silvia Poletti.

 

Aterballetto è nato nel 1979 e formato da danzatori solisti in grado di affrontare tutti gli stili. La compagnia – direttore generale Giovanni Ottolini, direttore artistico Cristina Bozzolini – gode di ampi riconoscimenti anche in campo internazionale.

Tempesta/The Spirits è un balletto su musiche di autori vari a tre coppie che formano un gruppo, una specie di tribù che nel suo gioco coreografico articola una danza fatta di ingaggi subitanei, di abitazioni epidermiche e di corpi volatili agganciati in una continua e reciproca torsione di uno nell’altro. E-ink – su musica di Paolo Sinigaglia – nasce dalla curiosità per le modalità di trasmissione dei messaggi oracolari e divinatori che, pur essendo formalmente precisi, sono il prodotto di una destabilizzazione. “Mentre ricostruivamo il lavoro per Aterballetto, a distanza di più di quindici anni – afferma il coreografo Di Stefano – è stato soprattutto il corpo a ritrovare l’esattezza di quella scrittura, a rimettere in connessione tutti i particolari scollegati tra di loro per farli ridiventare organici nella loro misteriosa iconografia”. La matematica della “frase” coreografica, la sua collocazione all’interno di un sistema, la sua riproducibilità nel tempo e le conseguenze che essa produce sono il punto di partenza di Upper-east-side danzato su musiche di Lorenzo Bianchi Hoesch.

 

Informazioni e biglietti (da 7,50 a 27 euro): biglietteria del Teatro Rossini 0721 387621, AMAT 071 2072439. Inizio spettacolo ore 21.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com