Benvenuto e Buona Navigazione, sono le ore 05:59 di Ven 19 Lug 2019

dal Piceno

di | in: Cronaca e Attualità, dal Piceno

Esercito, prevenzione e sicurezza sui luoghi di lavoro

image_pdfimage_print

2016-03-22

Esercito, prevenzione e sicurezza sui luoghi di lavoro
 

Formazione per il personale del 235° Reggimento Piceno

Si sono conclusi nei giorni scorsi ad Ascoli Piceno, con la consegna degli attestati nell’Aula multimediale “La Marmora” della Caserma “Emidio Clementi”, i corsi di formazione ed aggiornamento sulla sicurezza dei lavoratori.

L’iniziativa è stata organizzata dal Servizio Prevenzione e Protezione del 235° Reggimento Addestramento Volontari “Piceno”, in collaborazione con il Dott. Luigi Ria, consulente in materia di antinfortunistica, ed il Dott. Enrico Ritrecina, esperto in antinfortunistica e tutela dell’ambiente dell’Agenzia Regionale Protezione Ambientale di Ascoli Piceno.

Il momento formativo risponde all’obbligo del datore di lavoro, previsto dalla vigente normativa, di consentire ai propri dipendenti la frequenza di appositi corsi di formazione ed aggiornamento sulla sicurezza nei luoghi di lavoro. Le lezioni hanno visto la partecipazione di Ufficiali, Sottufficiali e Graduati di truppa ed impiegati civili del 235° e hanno riguardato approfondimenti giuridico-normativi, analisi e valutazione del rischio in ambiente lavorativo e relative misure di prevenzione, con particolare attenzione, al pericolo incendi.


Riqualificato il Sacrario di Colle San Marco dopo 20 anni
Sacrario partigiano San Marco
Provincia ed Anpi “Un modo per onorare il sacrificio di tanti cittadini per la libertà e la democrazia”
Sono in via di completamento i lavori di riqualificazione del Sacrario ai Caduti in località Colle San Marco e sarà tutto pronto in occasione della significativa cerimonia del 25 aprile, alla quale saranno invitati tutti i Sindaci del territorio. Era da oltre 20 anni che non si realizzavano opere di manutenzione straordinaria su questo luogo simbolo della storia locale. Per questo intervento di salvaguardia, che era stato fortemente richiesto e sollecitato dall’Anpi fin dall’inizio del mandato al Presidente della Provincia Paolo D’Erasmo, l’Ente ha stanziato 20 mila euro di risorse del proprio bilancio con l’obiettivo di restituire alla piena fruizione dei cittadini del Piceno il monumento a ricordo del sacrificio di tanti per la libertà e la democrazia.

I lavori hanno riguardato la struttura portante in latero cemento del sacrario che risultava fatiscente e pericolante. E’ stata infatti effettuata la rimozione delle parti deteriorate della pavimentazione in copertura esistente in calcestruzzo armato e si è provveduto alla sistemazione del massetto sottostante con l’applicazione di una guaina impermeabile a protezione del solaio nonché predisposto il ripristino definitivo del pavimento originario. Si è inoltre proceduto al risanamento delle travi in cemento armato ammalorate nella zona interna, oltre alla realizzazione di un cancello in acciaio a protezione del locale servizi.

“La Provincia di Ascoli Piceno è stata insignita della medaglia d’oro al valor militare per attività partigiana – sottolinea il Presidente D’Erasmo – ed era pertanto doveroso onorare, anche attraverso questo piccolo segnale di attenzione, il generoso contributo dei concittadini della nostra terra, che hanno avuto un ruolo di primo piano in questa pagina di storia dell’Italia. La medaglia d’oro è un riconoscimento, di cui siamo fieri e la cui memoria collettiva va coltivata sempre soprattutto tra le nuove generazioni”. “In questa prospettiva – prosegue D’Erasmo – intendo ringraziare l’Anpi Provinciale per il grande lavoro di sensibilizzazione che fa nelle scuole e sul territorio. Lo stesso Presidente Mattarella ha più volte evidenziato l’importanza civica di ricordare i valori della resistenza come fondamento della nostra Costituzione. Ringrazio inoltre i dipendenti della Provincia che si sono prodigati per la realizzazione di questo intervento”.

Anche il Presidente dell’Anpi Provinciale Pietro Perini ha espresso apprezzamento per l’intervento della Provincia sottolineando come “l’Anpi sia fortemente impegnata a promuovere gli ideali dell’antifascismo, della democrazia e della libertà”.

 

Disposto senso unico alternato sulla S.P. 255
Senso Unico Alternato
L’ordinanza valida da lunedì 21 a venerdì 25 marzo
Il Servizio Viabilità della Provincia ha disposto, da lunedì 21 fino a venerdì 25 marzo, l’istituzione del senso unico alternato, regolato con l’utilizzo di semafori mobili e barriere stradali tipo newjersey, sulla S.P. n. 255 Degli Agglomerati Industriali del Tronto. Il tratto coinvolto va dal Km. 0+670 al Km. 0+850 nel territorio del Comune di Monsampolo.

Il provvedimento, in vigore nel periodo interessato nella fascia oraria lavorativa dalle ore 7 alle 18, è stato stabilito per consentire i lavori necessari all’allaccio di una cabina di distribuzione Enel.

 

 

Precetto Pasquale Interforze ad Ascoli Piceno
Precetto Pasquale
La celebrazione nella Cattedrale della Città
Il Vescovo di Ascoli Piceno, S.E. Monsignor Giovanni D’Ercole, ha officiato ieri nella Cattedrale della città, intitolata al patrono Sant’Emidio, la Santa Messa in occasione del Precetto Pasquale dedicato alle Forze e Corpi Armati dello Stato ed alle Forze di Polizia presenti sul territorio. Alla solenne celebrazione, organizzata dal 235° Reggimento Addestramento Volontari “Piceno”, hanno partecipato le Autorità civili e militari del territorio tra cui il Consigliere Provinciale Sergio Corradetti, le rappresentanze delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma con i loro Labari e numerosi cittadini, a dimostrazione del solido legame tra la comunità e coloro che in uniforme sono quotidianamente impegnati al servizio della collettività.

Alla cerimonia, con la presenza dei Gonfaloni del Comune e della Provincia di Ascoli Piceno, decorati di Medaglia d’Oro al Valor Militare, il 235° Reggimento “Piceno” è stato rappresentato dal Comandante, Col. Marco Zona, insieme a Ufficiali, Sottufficiali, Graduati e Soldati.

 

Presentazione del libro “Dieci donne – storie delle prime donne elettrici italiane”

 

Marco Severini, Dieci donne - storie delle prime donne elettrici italiane

Marco Severini, Dieci donne – storie delle prime donne elettrici italiane

L’iniziativa il 24 marzo nella Sala Tornasacco
Ascoli Piceno – La Commissione Provinciale Pari Opportunità, insieme all’Anpi e all’Istituto Provinciale per la Storia del Movimento di Liberazione delle Marche, a 70 anni dal voto delle donne in Italia, ha organizzato per giovedì 24 marzo l’iniziativa “1906 – 1946 – 2016 il diritto di voto, un cammino verso la parità”. 

Nella sala Tornasacco della Provincia, alle 17, Marco Severini presenterà il suo libro “Dieci donne – storie delle prime donne elettrici italiane” con l’introduzione della Consigliera Provinciale Valentina Bellini e della Presidente della Commissione Provinciale Pari Opportunità Maria Antonietta Lupi.

Il libro prende spunto da un episodio poco noto della storia contemporanea: il 25 luglio 1906 la Corte di Appello di Ancona, presieduta da Lodovico Mortara, insigne giurista poi ministro della Giustizia, accordò a dieci donne marchigiane il diritto di voto politico. Tuttavia, poiché non si verificò alcuna crisi di governo nei mesi in cui esse rimasero iscritte alle liste elettorali dei reciproci Comuni di residenza, non ebbero modo di esercitare quel diritto, annullato da una successiva sentenza della Cassazione. Ricostruendo il contesto socio-politico del tempo l’autore, docente all’Università di Macerata, racconta la storia di queste donne coraggiose e dimenticate. 

Agli studenti che parteciperanno all’incontro verrà rilasciato dall’Istituto Provinciale per la Storia del Movimento di Liberazione l’attestato di partecipazione per l’acquisizione di crediti formativi.

© 2016, Redazione. All rights reserved.




22 Marzo 2016 alle 20:04 | Scrivi all'autore | | |

Argomenti Frequenti


Archivio


Ricerca personalizzata