Ceriscioli, Pieroni, Menichelli e Farinetti “guidati”nelle Stanze segrete di Sgarbi

Ceriscioli, Pieroni, Menichelli e Farinetti “guidati”nelle Stanze segrete di Sgarbi

Osimo – Una visita con una guida d’eccezione oggi a Osimo alla Mostra “Lotto, Artemisia, Guercino – Le stanze segrete di Sgarbi” : un Vittorio Sgarbi appassionato come sempre di fronte all’Arte ha accompagnato per le stanze di Palazzo Campana,  in un itinerario dedicato, quattro ospiti importanti: il presidente della Regione,  Luca Ceriscioli, l’assessore regionale al Turismo-Cultura, Moreno Pieroni, il cardinale Edoardo Menichelli  e Oscar Farinetti fondatore della catena enogastronomica Eataly, invitato dallo stesso Sgarbi. Dei 140 quadri esposti il critico ha spiegato ogni dettaglio e la storia dell’autore, non risparmiando battute e ironia e rivelando anche particolari inediti, per esempio sull’acquisto del Guercino : “ Era all’asta, mia madre riuscì a farselo assegnare e dopo diversi tentativi in varie banche , mi fece un prestito Corrado Passera; dovevo avere quel ritratto e non avevo tutti i soldi…”

“ Questa mostra  – ha commentato il presidente Ceriscioli al termine della visita e dopo aver ammirato anche le Grotte di Palazzo Campana –  è senza dubbio un valore aggiunto nella nostra offerta culturale.  Al di là della fortuna di visitarla con le spiegazioni di chi l’ha progettata, pensata e vissuta , oggi ho davvero capito il motivo di tanto successo : è molto bella e lascerà un segno molto forte.  Sono soddisfatto della bella idea di aver lanciato come unica proposta queste quattro grandi mostre nell’anno della Misericordia, non l’ha fatto nessuna altra regione e si sta rivelando una scelta vincente.”

Anche Oscar Farinetti ha commentato  a margine della visita: “Con Sgarbi abbiamo condiviso la cura del padiglione EXPO di Eataly  e ci tenevo particolarmente a vedere la sua mostra. E’ interessantissima e davvero molto bella. Conosco bene queste terre, le Marche mi piacciono moltissimo ma Osimo, che non conoscevo, è una scoperta meravigliosa. In questi paraggi acquistiamo il Verdicchio per Eataly che vendiamo in tutto il mondo e so bene il valore della enogastronomia marchigiana.“

Alla domanda se avesse intenzione di investire nelle Marche con il suo marchio, Farinetti ha risposto che nei prossimi tre o quattro anni sono in programma investimenti solo all’estero e non in Italia: “.. le prossime aperture  saranno New York, poi Mosca, Boston, Copenaghen, gli Emirati Arabi e poi Londra e Parigi . Ma poi  torneremo  in Italia ad occuparci di provincia italiana, io adoro le Marche e perché no?  Eataly ad Ancona ci starebbe benissimo.”

Alla visita erano presenti anche il sindaco di Osimo, Simone Pugnaloni e il critico d’arte Stefano Papetti che insieme a Sgarbi curerà la terza grande mostra del Giubileo, “ Maria Maddalena., tra  Peccato e Penitenza. Da Simone Martini a Canova”, dal 3 settembre 2016 all’8 gennaio 2017 al Museo-Antico Tesoro della Santa Casa di Loreto. E con tutta probabilità Sgarbi porterà in questa mostra una delle due Maddalene della sua collezione, forse quella del Morazzone già appartenuta a Pio IX,  presente in mostra a Osimo.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com