dalla Regione Marche

dalla Regione Marche

2016-04-06

575 DOMANDE PERVENUTE  PER IL BANDO A SOSTEGNO DEGLI INVESTIMENTI NELLE AZIENDE AGRICOLE

L’assessore Casini: “Valuteremo dopo l’istruttoria se allargare il plafond delle risorse”.   Sono ben 575 le domande presentate per il bando di sostegno agli investimenti nelle aziende agricole che si è chiuso il 30 marzo scorso. Il contributo richiesto è di 51.897.791 euro per un totale di investimenti pari a 133.719.854 euro. La misura è finalizzata a garantire il sostegno del settore della produzione primaria attraverso il miglioramento della competitività delle imprese agricole promuovendo l’adeguamento e/o l’ammodernamento delle loro strutture produttive  e il miglioramento della sostenibilità globale anche in termini di adattamento ai cambiamenti climatici.   “La risposta è andata al di là delle nostre aspettative – spiega l’assessore all’agricoltura Anna Casini -,  segno che la campagna di informazione e ascolto che abbiamo fatto sul territorio ha funzionato. Attualmente la dotazione di risorse previste dal bando  ammonta a  18 milioni di euro a cui va detratta una quota pari al 10% per il fondo di riserva in caso di ricorso. Una volta terminata l’istruttoria delle domande valuteremo se aumentare il plafond di risorse per rispondere a quante più richieste possibile. Per quanto riguarda i tempi per la formazione della graduatoria, quelli  previsti dal bando sono di 90 giorni dalla scadenza  tuttavia il  Servizio, al cui lavoro va il merito per il successo del bando,  si è dato come obiettivo quello di ridurlo a 60 giorni. Ovviamente  vista la quantità di domande presentate dipenderà anche dal numero di riesami interni che perverranno”. Destinatari del bando sono gli imprenditori agricoli singoli e associati. Possono beneficiare del sostegno previsto dalla presente sottomisura anche gli enti pubblici o associazioni agrarie comunque denominate (comunanze, università, ecc.) a condizione che conducano direttamente i loro terreni agricoli di proprietà. JVillage, la Cittadella marchigiana delle tecnologie nell’ex Sadam di Jesi  

JVillage

JVillage

Sinergia tra la Regione e Confindustria. Bora: “Presto una legge regionale Manifattura 4.0”. Bucciarelli: “Capacità progettuale”. Schiavoni: “Contaminazione imprenditoriale”.  Gialletti: “Filiera evoluta”   Ancona, 2016-04-06 – Un luogo dove ospitare le aziende tecnologicamente all’avanguardia e con capitale umano qualificato. Si chiamerà JVillage è sarà una “cittadella delle tecnologie” che, replicando esperienze internazionali e nazionali di successo, attrarrà, in un unico sito  – l’area ex Sadam di Jesi, in base all’accordo di riconversione del 2011 – le Knowledge companies, ovvero quelle aziende a elevato contenuto tecnologico che daranno impulso alla manifattura intelligente 4.0. Presentato nella sede della Regione Marche, JVillage è un “progetto ambizioso”, nato all’interno di Confindustria Ancona, che ha acquisito un respiro regionale grazie alla volontà di Confindustria Marche di farne un intervento strategico per tutto il territorio, con la condivisione della Regione Marche. “È un’iniziativa che si collega perfettamente al primo punto del programma di governo regionale: creare occupazione – ha detto l’assessora all’Industria, Manuela Bora – Il progetto valorizza le aziende ad alto contenuto tecnologico che daranno poi impulso allo sviluppo della manifattura 4.0, quella che si fonda sull’integrazione crescente di servizi, internet e tecnologie informatiche nella produzione industriale”. Un tema legato a quello che, a livello internazionale, viene ormai definito “rinascimento industriale”, che non trova, però, le Marche impreparate: “ La Regione – ha continuato l’assessora – sta lavorando a una propria legge per cogliere le opportunità della rivoluzione industriale 4.0, inserendosi nel fermento legislativo che sta animando le varie istituzioni”. Le Marche, anche per il ruolo coordinatore della Commissione attività produttive della Conferenza delle Regioni, saranno, di fatto, una Regione pilota, tra le prime a muoversi sulla base degli obiettivi del progetto nazionale Industria 4.0 che dovrebbe essere presentato a breve. “In sede di approvazione del bilancio troveremo le risorse necessarie per avviare la legge regionale, per poi attingere a quelle della programmazione europea”, ha concluso l’assessora. JVillage “È con molta soddisfazione che Confindustria Marche vede trasformarsi, concretamente, in un progetto, parte del contenuto dell’accordo siglato il 19 febbraio fra Confindustria Marche e Giunta regionale. Quell’accordo riguardava le priorità e le linee di lavoro condivise per il rilancio del nostro territorio e delle nostre imprese – ha spiegato il presidente di Confindustria Marche, Bruno Bucciarelli – Il Tavolo di lavoro è quindi già partito. Questo è un progetto che testimonia la capacità progettuale e la visione del mondo industriale; si tratta inoltre di una iniziativa ad alto valore aggiunto che guarda al futuro e aumenta l’attrattività di tutto il territorio puntando sul fattore innovazione”. “L’idea di realizzare a Jesi una cittadella delle tecnologie è nata a novembre 2014 in Associazione e rappresenta uno dei progetti fondamentali per il rilancio del territorio e del sistema economico imprenditoriale delle Marche – ha spiegato Claudio Schiavoni, presidente di Confindustria Ancona – L’idea di base è quella di creare un vero e proprio spazio fisico che risulti attrattivo per un sempre maggior numero di aziende tecnologicamente all’avanguardia e con capitale umano sempre più qualificato, provenienti anche da fuori regione. Sono le cosiddette knowledge companies, protagoniste indiscusse del mercato futuro. Le Knowledge companies sono presenti nelle Marche; l’elemento nuovo e determinante di JVillage, però, è il meccanismo di contaminazione che deriva dal riuscirle a insediarle nel medesimo spazio per farle stare tutte insieme. Questa modalitàfacilita il network, aumenta l’efficacia della filiera avanzata, accelera l’evoluzione tecnologica delle singole realtà e dell’intero sistema economico-territoriale”. “Per Confindustria Ancona, JVillage è un progetto esclusivamente industriale, basato sul concetto di filiera evoluta – ha continuato Marco Gialletti, vice presidente di Confindustria Ancona, con delega all’innovazione e responsabile della parte tecnica del progetto – Vogliamo mettere insieme aziende ad alto valore aggiunto, perlopiù di piccola e media dimensione, caratterizzate da capitale umano con elevate competenze tecnologiche e mission aziendale votata all’innovazione. La condivisione di un luogo fisico, dove insediarsi, attiva un meccanismo di contaminazione di idee e di scambio di competenze il cui moltiplicatore è decisamente superiore alla mera sommatoria di quanto le singole realtà potrebbero fare emergere, restando logisticamente distanti le une dalle altre”.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com