Elezioni Usa: perchè voto Trump

Elezioni Usa: perchè voto Trump

Intervista a Michelle Heberle

 

L’idea di questa intervista è nata quando ho letto su facebook che la mia amica Michelle Heberle avrebbe votato Trump. E’ una mia amica che vive in Montana. Poichè i media ci bombardano dicendo di Trump tutto il male possibile, descrivendolo praticamente come un orco, ho voluto dare voce anche, per par condicio, a chi ne parla bene. Ho voluto dare voce a una cittadina americana della classe media che voterà per Trump cercando di capire quali sono i punti positivi che trovano i suoi sostenitori .

Cosa ne pensa Michelle? E chi diventerà il prossimo Presidente degli Stati Uniti?

Michelle Heberle ha 56 anni , lavora part time ai magazzini Wal Mart ed è la assistente personale di Danny Lopez, famoso imitatore di Johnny Depp ; ha sempre vissuto a Great Falls, ama passare il tempo in famiglia e, quando ha tempo, dedicarsi alla sua passione: la caccia ai fantasmi.
Qui il link alla mia esperienza con Michelle nella caccia ai fantasmi 
https://youtu.be/FM8Q95akScs

Dice Michelle: “Ho sempre lavorato da quando avevo 16 anni e io e mio marito lavoriamo duro per mantenere la famiglia. Ho due figli e un nipotino, e 7 piccoli cani. Mio padre ha sempre lavorato e mia madre guadagnava qualche extra lavando e stirando. Ora, i miei genitori lavorano per riuscire appena a tenere la testa fuori dall’acqua. Credo che l’America sia andata sempre peggio dopo l’assassinio di Kennedy, ogni volta peggio con ogni Presidente. Desidero che i tempi tornino a quando non si aveva bisogno di tanto solo per sopravvivere…”

Tempo di elezioni del nuovo Presidente degli Stati Uniti, Michelle. Prima di tutto, cosa pensi di Obama e della sua amministrazione?

Obama non ha controllo sul nostro Paese! Quando è stato eletto la prima volta, ho pensato che potesse essere bravo, ha promesso dei cambiamenti…ma non disse che i cambiamenti avrebbero diviso il nostro Paese e ci avrebbero lanciato in una spirale senza controllo. Secondo me, è uno dei peggiori Presidenti degli Stati Uniti che abbiamo mai avuto. Ci ha mandato alla bancarotta! Il suo Obamacare ha lanciato i prezzi delle assicurazioni sanitarie alle stelle e se una persona non può permettersi l’assicurazione, ora deve pagare una multa per non averla. 

I beneficiari del Social Security, cioè del sistema previdenziale, sono fortunati ad avere un aumento del COLA, Cost-of-Living Adjustment (https://www.ssa.gov/news/cola/ ) , adeguamento del costo della vita, solo perchè Obama dice che l’economia è buona! Su che pianeta viviamo. Noi, la classe media, paghiamo per i sussidi pubblici, per la assistenza sanitaria e tanto altro. Noi, la classe media, non possiamo andare avanti perchè facciamo i salti mortali per i debiti di quelli che non possono o semplicemente non vogliono lavorare. La disoccupazione qui è andata alle stelle perchè le aziende non possono permettersi le indennità per chi viene assunto a tempo pieno. Nella mia famiglia abbiamo quattro stipendi e nonostante questo non riusciamo a andare avanti! 

 

La stampa parla molto di Trump, descrivendolo come una potenziale minaccia per la democrazia. Tu cosa ne pensi e perchè? 

Io sono essenzialmente Repubblicana, come i mie genitori e i miei nonni. Quest’anno ho pensato che fosse giusto per me cambiare partito, finchè non ho realizzato che i candidati sarebbero stati la Clinton o Sanders. La Clinton, credo che farebbe peggio di Obama. Sanders è un socialista. Crede nel “devolvere”, donare tutto. Da dove verrebbe il denaro? I ricchi non pagherebbero i conti e lascerebbero noi, classe media, a pagare per tutte le “donazioni”. Non puoi aspettarti che paghi il governo quando, dall’ultima che ho sentito, abbiamo 19 bilioni di dollari di debito. ( ndr qui si può verificare il micidiale contatore del debito statunitense http://www.usdebtclock.org/ , semplicemente terrificante con i numeri che scorrono implacabili…ne abbiamo uno noi per l’Italia?)

Così ho iniziato a prestare attenzione a trump. Diceva cose che non avevo mai sentito dire a nessuno. Certamente qualcuno avrà fatto promesse simili, ma Trump parlava al nostro livello. Ha spiegato cose che una persona normale può capire, non tutte quelle ” legali” chiacchiere senza senso. Ha spiegato che abbiamo bisogno del nostro esercito a casa, a pattugliare i confini: abbiamo bisogno di mandar via i clandestini dal nostro Paese, perchè stanno prosciugando le nostre risorse. Trump vuole distruggere l’ISIS, che ha infiltrati tra i rifugiati, mentre Obama li lascia entrare nel Paese. Trump vuole rendere di nuovo grandi gli Stati Uniti. Appena lo ho visto, ho pensato che fosse una testa calda bigotta e sessista. Ora penso che fosse uno scherzo. C’è una cosa che è risaltata che me lo ha fatto piacere: non può essere comprato! Il nostro Governo è stato a lungo sotto i pollici dei lobbisti, del petrolio estero, delle aziende farmaceutiche, dei grossi media e delle grosse aziende. Per troppo tempo. Tutti hanno vantaggi di miliardi di dollari dai loro accordi. Ecco, Obama certo non ci aiuta a toglierci dalla pressione di quei pollici….

 

Quindi pensi che Trump sarebbe un buon Presidente degli Stati Uniti? E cosa cambierebbe con lui, nelle relazioni internazionali?
Trump è diverso, farà cose a modo suo e non può essere controllato. I partiti Repubblicani e Democratici sono entrambi contro di lui. E’ al massimo dei sondaggi. Come può essere? E’ gente come me, della classe media, nutrita con tutte le fesserie che il nostro Governo ci ha propinato per anni, è gente come me che lo vota. Veniamo da diversi percorsi di vita, siamo neri, bianchi, ispano-americani, musulmani, attori, insegnanti, democratici. vogliamo un cambiamento, abbiamo bisogno di un cambiamento! Trump, che si è fatto da solo, può davvero fare quel cambiamento. Dice le cose come stanno, non tira pugni a vuoto. Certo, è sfacciato e presuntuoso, ma io davvero credo che sia l’unico oggi a poterci tirare fuori da questo casino. In merito alla politica straniera, ho letto che si circonda dei migliori membri del sistema politico internazionale. Vuole mettere l’America al primo posto. E’ stanco di una America che prende le fregature. Vuole che gli altri Paesi comincino a prendersi cura di sè stessi. Ogni volta che nel mondo qualcosa va storto, fanno appello all’America per esercito, soldi, risorse….Questo cosa ci lascia? Abbiamo decine di migliaia di senzatetto in America. Donald Trump crede che noi dovremmo smetterla di essere la Polizia del Mondo a prenderci cura di noi stessi. E assolutamente concordo sul suo punto di vista su Israele. Io credo in

Dio e la Bibbia parla di tutte le Nazioni che volgono le spalle a Israele. Gesù era Israelita, ha benedetto i Giudei e tutte le Nazioni che si schieravano con loro. Isaia 60:12 Perché il popolo e il regno che non vorranno servirti periranno e le nazioni saranno tutte sterminate. Donald ha preso posizione a favore di Israele. Leggi il suo discorso alla AIPAC http://time.com/4267058/donald-trump-aipac-speech-transcript/
Sono sicura che un Paese straniero, come il vostro, non comprenda la popolarità di Donald Trump.
I media preferiscono parlare del Grande Fratello, perchè Trump dice la verità. Lo hanno raffigurato come un sessita, odioso e bigotto. I media cambiano le sue parole e le distorcono sicchè voi non abbiate una idea corretta di chi è realmente Donald Trump. Ascoltatelo e non seguite il gregge che crede ai media. Troverete un Trump completamente diverso, come è successo a me.

Michelle Heberle - Danny Lopez
Michelle Heberle – Danny Lopez

 

Chi è Donald John Trump Sr. 

Nato a New York14 giugno 1946 è un imprenditorepolitico e personaggio televisivo statunitense.È figlio di Fred Trump, un facoltoso investitore immobiliare di New York, da cui è stato fortemente influenzato nel proposito di intraprendere una carriera nel medesimo settore. Ha frequentato la Wharton School of the University of Pennsylvania, lavorando allo stesso tempo nell’azienda paterna, la «Elizabeth Trump & Son», di cui divenne socio dopo essersi laureato nel 1968; tre anni più tardi rilevò in prima persona la gestione della compagnia, ribattezzandola «Trump Organization». Le sue strategie aggressive di brand management, il suo stile di vita e i suoi modi diretti hanno contribuito a renderlo un personaggio celebre, status accresciuto dalla popolarità del programma televisivo The Apprentice, da lui stesso prodotto e condotto fra il 2004 e il 2015. Dopo aver concorso senza successo alle primarie del Partito della Riforma per le elezioni presidenziali del 2000, aderì dapprima al Partito Democratico e poi al Partito repubblicano. Nel 2015 ha annunciato la sua candidatura alle primarie repubblicane in previsione delle elezioni presidenziali del 2016, impostando la sua campagna elettorale su posizioni populiste e conservatrici: in particolare, le sue dichiarazioni in favore del libero utilizzo delle armi da fuoco hanno suscitato aspre polemiche, così come la sua proposta di istituire una moratoria sull’immigrazione delle persone di religione islamica (fonte Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/Donald_Trump )

 

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com