Science Factor all’UniCam

TUTTO PRONTO PER LA FINALE DELLA PRIMA EDIZIONE DI S-FACTOR, IL TALENT SCIENTIFICO DELL’UNIVERSITÀ DI CAMERINO

 

 

 

Camerino, 10 maggio 2016 – 22 progetti, 260 studenti coinvolti, 4 province e 8 città interessate, 3 vincitori finali, 1 vincitore social, 1 vincitore “comunicam”: sono questi i numeri della prima edizione di Science FACTOR, o meglio S-Factor, il primo contest di divulgazione scientifica promosso dall’Università di Camerino.

 

Exhibit, prodotti e prototipi, immagini, performance e pensieri scientifici: questo potevano presentare gli studenti coinvolti e numerosissimi hanno raccolto la sfida, si sono messi all’opera ed hanno realizzato progetti eccellenti ora al vaglio della commissione giudicatrice composta dal Rettore Unicam prof. Flavio Corradini, dalla delegata del Rettore per le attività di orientamento dott.ssa Valeria Polzonetti, dall’ideatore del festival “Fosforo Scienza” ing. Mattia Crivellini, dal divulgatore scientifico e conduttore televisivo Francesco Petretti, dall’amministratore delegato dell’Agenzia di Comunicazione Cohn&Wolfe dott.ssa Elena Silva, dalla responsabile dell’ufficio comunicazione e stampa di Unicam dott.ssa Egizia Marzocco.

E ora è tutto pronto per la fase finale nella quale saranno esposti tutti i lavori partecipanti e saranno premiati i vincitori. L’incontro si aprirà con i saluti del Rettore Flavio Corradini, della Delegata per l’Orientamento Valeria Polzonetti e della Responsabile dell’Ufficio Stampa e Comunicazione Egizia Marzocco, ai quali seguiranno le presentazioni di tutti i progetti partecipanti e le premiazioni.

L’appuntamento è per il pomeriggio di giovedì 12 maggio presso la sede Unicam di San Benedetto del Tronto e scopriremo insieme gli studenti “portatori” di S-Factor!

Vi aspettiamo!

 




Coterapie in ospedale, servono profili professionali definiti

CLOWN, ARTE, PET THERAPY: RISORSE PREZIOSE IN OSPEDALE

Alla Conferenza Internazionale di Ancona la Fondazione Salesi richiama la necessità di profili professionali definiti

Caporossi: “Nel nuovo Salesi non solo medici e psicologi ma anche coterapeuti”

 

 

Ancona, 2016-05-10 – Clownterapia, arteterapia e pet therapy rappresentano un aiuto efficace ai percorsi di cura e per questo devono essere svolte da chi ha una adeguata preparazione, soprattutto se si parla di bambini. Questo il messaggio lanciato alla Conferenza Internazionale sulle coterapie in ospedale svoltasi oggi alla Mole Vanvitelliana di Ancona a conclusione del progetto europeo Musa “MUSic performing and creative Arts professions involved in healthcare”, coordinato dalla Fondazione Salesi.

 

“Abbiamo sempre creduto nelle coterapie – sottolinea Anna Rita Settimi Duca, direttrice operativa della Fondazione – e ci auguriamo che le linee guida emerse dal progetto vengano recepite, perché è fondamentale che questi interventi siano realizzati da personale adeguatamente formato. Su questo terreno operiamo all’interno del Salesi da oltre dieci anni, in raccordo con l’equipe medica; ora stiamo per avviare nuovi progetti di musicoterapia che riguarderanno in particolare gli adolescenti affetti da epilessia, i bambini con disturbi neuromuscolari e quelli che hanno subito interventi al cuore”.

Nel corso della conferenza, i rappresentanti istituzionali hanno messo in evidenza l’importanza di integrare le coterapie nelle strutture ospedaliere. Michele Caporossi, direttore generale dell’Azienda Ospedali Riuniti di Ancona, partner del progetto Musa, ha fatto riferimento al futuro del Salesi: “Ripartiamo con una tessitura nuova – ha detto Caporossi – composta non solo da medici e psicologi ma anche da chi lavora nello sviluppo delle coterapie”. Emma Capogrossi, assessore alla Sanità del Comune di Ancona, ha sottolineato il ruolo pionieristico svolto dal Salesi in questo campo e l’intenso lavoro degli ultimi anni. Per Fabrizio Volpini, presidente della Commissione sanità in Consiglio regionale, le coterapie devono uscire da una prospettiva sperimentale ed entrare in maniera continuativa nel processo terapeutico, ed è auspicabile che la Regione assuma un ruolo nella creazione della governance su questo.

 

Il progetto Musa è stato condotto da sette partner provenienti da cinque Paesi: Italia, Regno Unito, Lettonia, Turchia e Polonia. Si è occupato in particolare della definizione dei profili professionali ed ha svolto una importante opera di raccolta di informazioni ed evidenze scientifiche sulle coterapie, tracciando lo stato dell’arte nei diversi Paesi partner. Un patrimonio oggi accessibile grazie al portale musaproject2014.eu, dove saranno disponibili anche opportunità di formazione e di lavoro, in un’ottica di mobilità europea. La conferenza ha visto confrontarsi esperti di respiro internazionale ed ha ospitato anche laboratori dedicati alle diverse discipline per lo scambio di buone prassi.




Cna, Capitaneria di Porto, Asur e Polizia Municipale insieme per la Sicurezza sul Lavoro

San Benedetto del Tronto, 2016-05-10 – La Cna ha organizzato in collaborazione con la Capitaneria di Porto di San Benedetto del Tronto, la Polizia Municipale e l’Asur il corso di formazione ed addestramento e abilitazione all’uso di autogru, gru mobili – travel lift.

Il corso ha visto la partecipazione di addetti di imprese in particolare cantieri navali che in queste due giornate formative sono stati in aula per l’apprendimento tecnico e la pratica che ha luogo nell’area portuale

I formatori che sono intervenuti dopo il saluto del presidente Cna Luigi Passaretti sono: Paolo Capriotti e Roberta Piersimone dell’ Asur; Piergiorgio Federici della Polizia municipale, Francesco Mancini docente della Cna. Al corso ha partecipato, con un modulo di conferenza, il S.T.V. Antonio Cipresso, della Capitaneria di porto di San Benedetto del Tronto, che ha illustrato le Ordinanze e i Regolamenti inerenti la disciplina delle attività cantieristiche nel porto di San Benedetto del Tronto.

Hanno curato l’organizzazione dell’iniziativa promossa dalla Cna Nautica Irene Cicchiello e Daniele Gladioli. “Siamo soddisfatti sia per il risultato ottenuto, sia per le sinergie con le istituzioni del nostro territorio – è il commento del presidente Cna Luigi Passaretti – e la Cna cerca sempre di essere al fianco delle proprie imprese dando risposte concrete alle esigenze anche formative delle aziende”.




Ceramisti Piceni in evidenza a “Ceramica 2016”

QUATTRO ARTIGIANI CERAMISTI PICENI SUPERANO LA DIFFICILE SELEZIONE PER PARTECIPARE ALLE “FORME DELLA TERRA” DI MONTELUPO FIORENTINO

 

Ascoli Piceno – Quattro maestri ceramisti Piceni in evidenza a “Ceramica 2016” in programma da giovedì 2 a domenica 5 giugno a Montelupo Fiorentino. Patrizia Bartolomei (porcellane), Andrea Fusco, Antonio Narducci e Barbara Tomassini (foggiatura, decoro e pittura su ceramica) hanno infatti conquistato un posto di diritto nell’esclusiva kermesse della ceramica del Centro Italia partecipando e superando le selezioni che il comune di Montelupo Fiorentino aveva promosso con l’emanazione di uno specifico bando.

“Partecipiamo anche come ceramisti Cna e come rappresentanti di una tradizione artigiana, quella Picena, che ha grande valore ma altrettanto grande bisogno di promozione, sia in Italia che all’estero, per ribadire il valore di saper fare e mestiere artigiano a dispetto di tante improvvisazioni e mistificazioni”. Così Barbara Tomassini, pittrice, ceramista e presidente provinciale di Cna Artistico e Tradizionale ha commentato l’ammissione sua e dei suoi colleghi alla manifestazione.

 

L’evento quest’anno ha per titolo “Le forme della terra” e – nei progetti degli organizzatori – vuole essere caratterizzata soprattutto dalla qualità delle espressioni ceramiche, accompagnate da dimostrazioni professionali e da percorsi didattici che coinvolgeranno tutti i visitatori. E quest’anno anche la ceramica “made” in Ascoli Piceno avrà il posto che gli compete.




Esercito e Scuola “insieme in meta”

MINI TORNEO DI RUGBY AL 235mo PICENO

ALLA CASERMA CLEMENTI 70 PICCOLI ATLETI DELLE SCUOLE PRIMARIE

Ascoli Piceno, 10 maggio 2016. Il 235° Reggimento Addestramento Volontari “Piceno” ha ospitato oggi alcune classi delle scuole primarie di Ascoli Piceno, impegnate nel corso dell’anno scolastico nello svolgimento del progetto “Insieme in meta”, che hanno dato vita ad un mini torneo di rugby. L’iniziativa, promossa dalla locale Società Sportiva Fainplast Amatori Rugby Ascoli ASD, con il patrocinio dell’Ufficio Scolastico Regionale per le Marche ed il CONI, è stata subito accolta e condivisa dal Comandante di Reggimento, Colonnello Marco Zona, il quale ha messo a disposizione dei giovani atleti gli impianti sportivi della Caserma “Clementi”. Disciplina, lealtà, coraggio, spirito di sacrificio, senso di appartenenza, altruismo e preparazione fisica sono i valori fondamentali della professione militare, ma sono anche alla base di questa antica disciplina sportiva per la crescita e la formazione dei piccoli alunni. Nelle due ore previste circa 70 bambini di tre quinte classi si sono sfidati su tre campi da gioco, dando vita ad accesissime partite con la palla ovale. Immancabile al termine degli incontri il tradizionale “Terzo Tempo”, che, di fatto, ha concluso la giornata sportiva. L’iniziativa testimonia ancora una volta l’attenzione costante e sincera delle Istituzioni locali nei riguardi del 235° “Piceno”, perfettamente integrato nel tessuto sociale cittadino e consolidata realtà del territorio ascolano. A conferire maggiore prestigio ed importanza all’evento numerose autorità , tra cui il Dott. Maurizio Longhi, Presidente del Comitato Regionale Marche della Federazione Italiana Rugby; il Dott. Massimiliano Brugni, Assessore allo Sport e Politiche giovanili ed alla Pubblica Istruzione del Comune di Ascoli Piceno; il Prof. Armando De Vincentis, Delegato provinciale del CONI Ascoli Piceno;il Prof.  Ermenegildo Baldini, Delegato dell’Ufficio Scolastico Regionale per le Marche di Ascoli Piceno ed il Dott. Giancarlo Oresti, Responsabile Comunicazione e Marketing della Fainplast Amatori Rugby Ascoli ASD, in rappresentanza del Presidente.




Ultimo Consiglio Comunale a San Benedetto prima delle votazioni

San Benedetto del Tronto, 2016-05-10

 

 

Sorrisi, pacche sulle spalle, selfie , volemose bbe’…

Commozione da ultimo giorno di scuola (pure tra ripetenti).

 

Tra persone serie ci sarebbe stata una sparatoria.

 

     10. 5. 2016                    PGC




Grande esordio per l’ Alfa Romeo Mito del Campionato Italiano Turismo, vincente con safety cage Sassa roll-bar nella prima gara

L’autovettura  vincente in entrambe le gare della  categoria TCS

 

Ascoli Piceno – Si è svolta ad Adria il 7 e 8 maggio la prima giornata del Campionato Italiano Turismo 2016, meglio non poteva cominciare per la vettura del biscione, sempre in testa nella classe TCS 1.4.

Doppia vittoria e quindi doppia soddisfazione per l’azienda di Maltignano, leader nella costruzione dei dispositivi di sicurezza per le vetture da competizione, che si conferma top nelle performance dimostrando di saper coniugare sicurezza e prestazioni.

 

Prossimo appuntamento per la seconda tappa il 12 giugno a Misano Adriatico, nel circuito dedicato a Marco Simoncelli.  Nello stesso weekend, sempre a Misano, ricordiamo che si svolgerà anche la seconda giornata del campionato MINI Challenge 2016, in cui le nuove F56 JCW montano i roll-bar prodotti in esclusiva dalla Sassa roll-bar.




dalla Regione Marche

2016-05-10

CERISCIOLI INCONTRA IL NUOVO COMANDANTE DELLA LEGIONE DEI CARABINIERI DELLE MARCHE

Ieri il presidente della Regione Luca Ceriscioli ha incontrato, nella sede di Palazzo Raffaello,  il Generale di brigata Salvatore Favarolo che dal 20 aprile scorso

ha assunto l’incarico di  Comandante della Legione Carabinieri delle Marche alla guida di quattro comandi provinciali, sedici compagnie e 150 stazioni.

 

PROGETTO EMPOWERING – GIOVEDI’ INCONTRO DI LANCIO IN REGIONE

 

Si terrà il 12 maggio 2016 dalle nove in Regione – Sala Verde, Palazzo Leopardi, via Tiziano, 44 Ancona – il seminario di lancio di Empowering, progetto focalizzato sulle strategie integrate sostenibili in campo energetico da parte degli enti locali e finanziato da Horizon 2020, il programma quadro dell’Unione europea per la ricerca e l’innovazione. La realizzazione del progetto è curata da Svim spa. E’ prevista la partecipazione di esperti e tecnici regionali e universitari, dell’agenzia europea per le piccole e medie imprese, dell’Anci, di agenzie di sviluppo regionale di Spagna, Romania, Svezia, Croazia, Ungheria e Grecia. Concluderà i lavori l’assessore all’Ambiente, Angelo Sciapichetti.

 

L’assessore Bravi in visita nelle scuole marchigiane

“Incontri proficui che permettono un dialogo fruttuoso con le istituzioni scolastiche locali sui problemi della didattica e sui servizi al territorio”. Un metodo di lavoro che l’assessore all’Istruzione Loretta Bravi sta portando avanti dal suo insediamento e che ha registrato altre significative tappe nei giorni scorsi. L’assessore ha visitato il Liceo scientifico Medi di Senigallia (AN), premiando gli studenti che hanno partecipato alle giornate del Fai (Fondo ambiente italiano). Successivamente si è recata all’Istituto scolastico comprensivo di Castelfidardo (AN) per un incontro con la preside Vincenza D’Angelo. Un’altra tappa è stata dedicata, nel Pesarese, all’Istituto comprensivo di Mercatino Conca, alla Scuole medie di Piandimeleto e Frontino. In quest’ultima località l’assessore ha incontrato i sindaci del territorio e i dirigenti scolastici. Sempre in provincia di Pesaro e Urbino, accompagnata dal sindaco, ha visitato il Nido montessoriano di Auditore. “Confrontarsi con i problemi è un gesto di vicinanza alle istituzioni locali e un’opportunità per orientare le scelte di governo – sottolinea Bravi – Altre visite sono in programma nelle prossime settimane e interesseranno varie realtà scolastiche del territorio marchigiano”.

 

SOLIDARIETA’ DEL PRESIDENTE CERISCIOLI AL PROCURATORE DELLA REPUBBLICA DI PESARO MANFREDI PALUMBO

“Esprimo solidarietà al Procuratore della Repubblica di Pesaro Manfredi Palumbo per l’atto di intimidazione subito. Mi auguro si faccia piena luce sull’accaduto avendo certezza che il dottor Palumbo continuerà a svolgere al meglio e con serenità il suo prezioso lavoro”.  Lo afferma in una nota il presidente della Regione Luca Ceriscioli.

Domani, 11 maggio a Palazzo Li Madou

 

GIORNATA DELLA TRASPARENZA 2016

 

 

Proseguire il confronto costruttivo iniziato quasi un anno fa tra l’amministrazione regionale, gli enti locali, i cittadini, singoli ed associati e i territori. E’ questo l’obiettivo della Giornata della Trasparenza 2016 della Regione Marche che si svolgerà domani, 11 maggio 2016, dalle 9,30 Sala Li Madou di Palazzo Li Madou ad Ancona.

Un’occasione per presentare, oltre al piano della performance della Giunta regionale e dell’Assemblea legislativa, anche alcuni importanti progetti inter-istituzionali destinati a dare un supporto alle pubbliche amministrazioni locali nell’attuazione della normativa sulla trasparenza e anticorruzione, sia quella ad oggi in vigore, che le modifiche di prossima adozione. L’intento sostanziale è quello di avviare, con tale incontro, un approfondimento allargato alla rete formata con i responsabili degli enti locali regionali, delle aziende, delle società vigilate e partecipate dalla Regione e del mondo della Scuola. Saranno, inoltre, presentati alcuni temi sensibili, come la digitalizzazione, le varie tipologie di accesso agli atti ed alle informazioni, i patti di integrità ed i protocolli per la legalità, nonché la piattaforma “social” regionale dell’Istruzione nella quale saranno inseriti e presentati i progetti avviati dalle scuole secondarie superiori regionali nell’ambito dell’educazione alla legalità. La Giornata sarà trasmessa in diretta streaming attraverso il sito internet regionale www.regione.marche.it  e la registrazione resterà disponibile nella sezione Amministrazione trasparente del nuovo portale regionale.

 

Il programma della Giornata prevede l’introduzione del presidente della giunta regionale, Luca Ceriscioli per illustrare l’accordo tra la Regione Marche e la Sezione Regionale di Controllo per le Marche della Corte dei Conti, per la fruizione in modalità informatica dei dati contabili della Regione Marche ai fini delle attività di controllo e di referto della Corte dei Conti. Seguirà la relazione del Segretario generale della Giunta regionale,Fabrizio Costa su Trasparenza e prevenzione della corruzione correlate al ciclo delle performance. Elisa Moroni  Segretario generale del Consiglio regionale parlerà del Piano delle performance, Piano di prevenzione della corruzione e Programma triennale per la trasparenza e l’integrità del Consiglio regionale. Anticorruzione: protocolli di legalità e patti di integrità sarà il tema affrontato da Michele Pierri, Direttore della Stazione Unica Appaltante della Regione Marche.

Altro spazio dedicato al nuovo portale della Regione Marche, digitalizzazione dei procedimenti, piattaforme social che saranno illustrate da Serena Carota, dirigente della Posizione di funzione Sistemi informativi e telematici. Sul tema dei diritti di accesso, per l’ARPAM parlerà Thomas Valerio Simeoni, Responsabile della prevenzione della corruzione. Infine Pietro Talarico, Dirigente regionale Turismo, commercio e tutela dei consumatori spiegherà gli  Strumenti per favorire la partecipazione delle Associazioni dei consumatori.

 

 

Forum Iran, le opportunità dopo la fine delle sanzioni

 

 

Forum IranForum Iran

A Jesi l’ambasciatore Mozaffari chiama le Marche: “Siamo un mercato da rivitalizzare”.

Ceriscioli anticipa una missione a Teheran: “Scenari interessanti”

 

Jesi – A ridosso dell’estate, le Marche effettueranno una missione istituzionale in Iran, guidata dal presidente della Regione. Luca Ceriscioli accompagnerà una delegazione di imprenditori alla riscoperta di un mercato con cui l’Italia e le Marche in particolare, hanno avuto rapporti di proficua collaborazione prima delle sanzioni internazionali sul nucleare. L’annuncio è stato dato nel corso del Forum Iran che si è svolto, a Jesi, presso l’Auditorium della Nuova Banca Marche. “Quello iraniano è un mercato da rivitalizzare per rilanciare l’economia. Servono 900 miliardi di euro e il nostro Paese dispone di queste risorse”, ha detto l’ambasciatore Jahanbakhsh Mozaffari, presente all’incontro a cui hanno partecipato oltre duecento imprenditori marchigiani. “Il nostro è un mercato ricco che può offrire opportunità alle imprese marchigiane. Siamo i primi produttori di energia al mondo, abbiamo una popolazione di 80 milioni di abitanti, siamo geograficamente strategici per raggiungere un bacino di 300 milioni di persone dell’area mediorientale. Saremo il mercato emergente del prossimo decennio e abbiamo bisogno di tutti i settori merceologici, a seguito della cessazione delle sanzioni. Dopo aver visitato alcune azienda marchigiane e apprezzato la qualità delle vostre produzioni, l’entusiasmo a collaborare con le Marche è aumentato. L’Iran ha avuto rapporti storici con l’Italia, dai tempi della Repubblica di Venezia. Quattrocento anni di relazioni diplomatiche che hanno portato il vostro Paese a essere il primo partner commerciale nel periodo antecedente le sanzioni. Oggi gli iraniani apprezzano il made in Italy. Le principali aziende italiane sono già presenti in Iran. I 28 memorandum, del valore di 100 miliardi, firmati dal premier Matteo Renzi nella recente visita a Teheran, testimoniano l’interesse concreto a sviluppare rapporti commerciali. Guardiamo con attenzione alle piccole e medie imprese che caratterizzano anche la nostra economia. Raccordiamole con le Camere di commercio dei due Paesi e venite in Iran con la missione del presidente Ceriscioli. Se gli imprenditori marchigiani toccano con mano la nostra realtà, possono farsi un’idea concreta su un mercato dinamico che offre opportunità di crescita e sviluppo”.

Forum Iran

Forum Iran

 

Ceriscioli ha espresso “l’onore per essere, le Marche, la prima regione visitata dall’ambasciatore dopo la fine delle sanzioni. Si aprono scenari interessanti non solo per le Pmi, ma anche per scambi culturali che possono rafforzare il gemellaggio con una regione iraniana, proposto dall’ambasciatore nella visita a Palazzo Raffaello. Nel colloquio con lui ho apprezzato la serietà, la concretezza, il desiderio di tradurre in tempi rapidi le parole in fatti: attitudini comuni ai marchigiani che agevolano i rapporti di collaborazione”. Ceriscioli ha ricordato che agli iraniani “piace viaggiare, visitare l’Italia. Amano la cultura, il mare, lo shopping: caratteristiche che corrispondono perfettamente alle opportunità offerte dal turismo marchigiano. Abbiamo di fronte, quindi, una grande occasione che le imprese devono cogliere appieno. Ma tutto si gioca sulla velocità, perché le opportunità, dopo la fine delle sanzioni, si aprono a tutto il mondo occidentale. L’Italia deve valorizzare il ruolo storico che ha sempre avuto con l’Iran”.

Secondo le proiezioni macro economiche più accreditate, l’Iran è tra i Paesi del Medio Oriente e Nord Africa con un Pil elevato e seconda economia dopo l’Arabia Saudita. Più della metà della popolazione è al di sotto dei 35 anni di età. Il tasso di scolarizzazione giovanile è molto elevato (ha raggiunto pressoché la totalità della popolazione), in particolar modo tra le ragazze. La forte spinta demografica in atto sorreggerà lo sviluppo dell’economia: già oggi l’e-commerce, cioè l’abitudine a comprare attraverso i canali digitali, vale 17 miliardi di euro, contro i 25 dell’Italia. Dopo le sanzioni “c’è fame e curiosità per i prodotti occidentali”, apprezzati per la qualità e il design. Nel corso del 2015 le Marche hanno esportato, verso l’Iran, merci per un valore di 16,7 milioni di euro, in calo del 23% rispetto all’anno precedente. I principali settori di esportazione sono stati la meccanica (32%), gli apparecchi elettrici (23%), mobili e prodotti in legno (10%). Nonostante le sanzioni, in termini percentuali si sono avuti incrementi significativi nel tessile e abbigliamento, calzature e pelletterie, gomma e materie plastiche.

 

 




Forum Iran, le opportunità dopo la fine delle sanzioni

A Jesi l’ambasciatore Mozaffari chiama le Marche: “Siamo un mercato da rivitalizzare”.

Ceriscioli anticipa una missione a Teheran: “Scenari interessanti”

 

Jesi – A ridosso dell’estate, le Marche effettueranno una missione istituzionale in Iran, guidata dal presidente della Regione. Luca Ceriscioli accompagnerà una delegazione di imprenditori alla riscoperta di un mercato con cui l’Italia e le Marche in particolare, hanno avuto rapporti di proficua collaborazione prima delle sanzioni internazionali sul nucleare. L’annuncio è stato dato nel corso del Forum Iran che si è svolto, a Jesi, presso l’Auditorium della Nuova Banca Marche. “Quello iraniano è un mercato da rivitalizzare per rilanciare l’economia. Servono 900 miliardi di euro e il nostro Paese dispone di queste risorse”, ha detto l’ambasciatore Jahanbakhsh Mozaffari, presente all’incontro a cui hanno partecipato oltre duecento imprenditori marchigiani. “Il nostro è un mercato ricco che può offrire opportunità alle imprese marchigiane. Siamo i primi produttori di energia al mondo, abbiamo una popolazione di 80 milioni di abitanti, siamo geograficamente strategici per raggiungere un bacino di 300 milioni di persone dell’area mediorientale. Saremo il mercato emergente del prossimo decennio e abbiamo bisogno di tutti i settori merceologici, a seguito della cessazione delle sanzioni. Dopo aver visitato alcune azienda marchigiane e apprezzato la qualità delle vostre produzioni, l’entusiasmo a collaborare con le Marche è aumentato. L’Iran ha avuto rapporti storici con l’Italia, dai tempi della Repubblica di Venezia. Quattrocento anni di relazioni diplomatiche che hanno portato il vostro Paese a essere il primo partner commerciale nel periodo antecedente le sanzioni. Oggi gli iraniani apprezzano il made in Italy. Le principali aziende italiane sono già presenti in Iran. I 28 memorandum, del valore di 100 miliardi, firmati dal premier Matteo Renzi nella recente visita a Teheran, testimoniano l’interesse concreto a sviluppare rapporti commerciali. Guardiamo con attenzione alle piccole e medie imprese che caratterizzano anche la nostra economia. Raccordiamole con le Camere di commercio dei due Paesi e venite in Iran con la missione del presidente Ceriscioli. Se gli imprenditori marchigiani toccano con mano la nostra realtà, possono farsi un’idea concreta su un mercato dinamico che offre opportunità di crescita e sviluppo”.

Forum Iran

Forum Iran

Ceriscioli ha espresso “l’onore per essere, le Marche, la prima regione visitata dall’ambasciatore dopo la fine delle sanzioni. Si aprono scenari interessanti non solo per le Pmi, ma anche per scambi culturali che possono rafforzare il gemellaggio con una regione iraniana, proposto dall’ambasciatore nella visita a Palazzo Raffaello. Nel colloquio con lui ho apprezzato la serietà, la concretezza, il desiderio di tradurre in tempi rapidi le parole in fatti: attitudini comuni ai marchigiani che agevolano i rapporti di collaborazione”. Ceriscioli ha ricordato che agli iraniani “piace viaggiare, visitare l’Italia. Amano la cultura, il mare, lo shopping: caratteristiche che corrispondono perfettamente alle opportunità offerte dal turismo marchigiano. Abbiamo di fronte, quindi, una grande occasione che le imprese devono cogliere appieno. Ma tutto si gioca sulla velocità, perché le opportunità, dopo la fine delle sanzioni, si aprono a tutto il mondo occidentale. L’Italia deve valorizzare il ruolo storico che ha sempre avuto con l’Iran”.

Secondo le proiezioni macro economiche più accreditate, l’Iran è tra i Paesi del Medio Oriente e Nord Africa con un Pil elevato e seconda economia dopo l’Arabia Saudita. Più della metà della popolazione è al di sotto dei 35 anni di età. Il tasso di scolarizzazione giovanile è molto elevato (ha raggiunto pressoché la totalità della popolazione), in particolar modo tra le ragazze. La forte spinta demografica in atto sorreggerà lo sviluppo dell’economia: già oggi l’e-commerce, cioè l’abitudine a comprare attraverso i canali digitali, vale 17 miliardi di euro, contro i 25 dell’Italia. Dopo le sanzioni “c’è fame e curiosità per i prodotti occidentali”, apprezzati per la qualità e il design. Nel corso del 2015 le Marche hanno esportato, verso l’Iran, merci per un valore di 16,7 milioni di euro, in calo del 23% rispetto all’anno precedente. I principali settori di esportazione sono stati la meccanica (32%), gli apparecchi elettrici (23%), mobili e prodotti in legno (10%). Nonostante le sanzioni, in termini percentuali si sono avuti incrementi significativi nel tessile e abbigliamento, calzature e pelletterie, gomma e materie plastiche.




Giornata “Eures” alla facoltà di Economia di Porto d’Ascoli

L’iniziativa per conoscere le occasioni di lavoro all’estero

San Benedetto del Tronto – Far conoscere le tante opportunità di lavoro e di studio all’estero: è stato l’obiettivo del focus tematico “Eures”, promosso dalla Provincia in collaborazione con l’Università Politecnica delle Marche, che si è svolto a Palazzo Vannicola nella sede della Facoltà di Economia a Porto d’Ascoli. Nell’incontro consulenti e operatori del Centro per l’Impiego hanno illustrato i programmi che consentono ai più giovani di fare una prima esperienza di lavoro, di tirocinio o di apprendistato fuori dall’Italia, come ad esempio, “Your First Eures Job”.
Tra i relatori è intervenuto il consulente regionale di “Eures Adviser” Giuseppe Attilio Trotta che ha fatto una ampia panoramica sui contenuti dell’importante progetto legato alla mobilità professionale all’interno dell’Unione Europea. Presenti al seminario anche le referenti dell’ufficio “Europe Direct” della Regione Marche Barbara Fioravanti e Marisa Cameli, che hanno presentato le occasioni di tirocinio formativo che, annualmente, la Commissione Europea mette a disposizione presso i propri organi e le proprie sedi.