Pensare altro, la nuova sezione di Futura

Pensare altro, la nuova sezione di Futura

 

Curata da Lucilio Santoni, indaga sull’altra faccia delle idee e dei personaggi

 

Civitanova 17 luglio – Si chiama Pensare altro, una delle nuove sezioni di Futura, il Festival diretto da Gino Troli che prende il via venerdì 22 luglio. “È una finestra su un pensiero filosofico e poetico – afferma il curatore Lucilio Santoni, collaboratore del direttore artistico da quattro anni – che lascia intravedere una via d’uscita non impossibile. Un percorso appassionato e lucido allo stesso tempo sul presente e sul futuro. Una risposta allo smarrimento contemporaneo, che genera inquietudine, per un mondo ricevuto in eredità senza apparente possibilità di trasformarlo”.

Pensare altro, in programma tutti i giorni alle ore 18 nel Cortile del Liceo, è un progetto che si propone di indagare l’altra faccia di idee, personaggi, movimenti, eventi storici. Una ricerca nella complessità del mondo, oltre i luoghi comuni consolidati. Oltre le descrizioni consuete della realtà, dando invece spazio alla compassione e alla commozione.

Non semplici presentazioni di libri o incontri con l’autore – prosegue Santoni – , saranno momenti in cui si affina l’arte del discorrere e la pratica della logica, come esperienze necessarie per un’educazione alla cittadinanza consapevole. Sentirsi a casa e ritrovarsi dentro un racconto, un ragionamento o una testimonianza può generare aperture inaspettate nella sensibilità di chiunque, nonché offrire parole e senso ai sentimenti più intimi. Può contribuire a far nascere l’adesione a una comunità culturale, offrendo la possibilità di non sentirsi soli al mondo. Con la consapevolezza che ciò che troppo spesso manca sono le parole e un linguaggio capace di dare orizzonti vasti al pensare se stessi e il mondo, se stessi nel mondo”.

Pensare altro è l’occasione per ascoltare una narrazione che mescola numerosi stili e per raccontare frammenti di umanità ribelle, fuori dall’ordinario, ma sempre segnata da un alto impegno civile e da uno sguardo non banale sulla realtà che ci circonda.

Primo appuntamento sabato 23 luglio con Matteo Marchesini che dialoga con uno dei coordinatori del Festival, Filippo La Porta, su Cronaca senza storia.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com