dalla Regione Marche

dalla Regione Marche

2016-10-04

MODIFICHE PIANO EDILIZIA RESIDENZIALE – CASINI: ”2 MILIONI PER BUONI CASA E 1,5 PER ELIMINAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE”.

 

Sostegno alle famiglie per l’acquisto della prima abitazione ed eliminazione totale delle barriere architettoniche. Sono queste le principali  novità previste dalla proposta di deliberazione sulle modifiche al Piano regionale di edilizia residenziale  presentata dall’assessore all’Edilizia residenziale pubblica Anna Casini, approvata dalla giunta e ora destinata al vaglio del consiglio regionale.

“Il provvedimento – spiega Casini – è volto a migliorare il Piano attraverso le indicazioni emerse nella fase attuativa venendo incontro alle esigenze dei cittadini e delle famiglie. Si è quindi stabilito di stanziare 2milioni di euro per i cosiddetti “buoni casa”, ossia i contributi per l’acquisto della prima abitazione. 1,5 milioni di euro invece sono destinati all’Erap Marche per interventi  volti alla eliminazione e al superamento delle barriere architettoniche negli edifici residenziali pubblici. La somma necessaria è stata quantificata dall’Erap in base alle segnalazioni e alle richieste pervenute dagli stessi inquilini con problemi motori o di disabilità e con questo intervento potranno essere soddisfatte tutte le richieste”.

 

Tutela, valorizzazione e in rete del patrimonio culturale delle Marche

 

 

Moreno PieroniMoreno Pieroni

 

Per il patrimonio culturale di 23 comuni una dotazione finanziaria di  9,7 milioni

NASCE UNA NUOVA GEOGRAFIA CULTURALE SU CINQUE TEMI STRATEGICI

 

Ancona, 2016-10-04 – Un programma di interventi da 7 milioni e 700 mila euro di risorse POR FESR 2014/2020 per la tutela, la valorizzazione e la messa in rete del patrimonio culturale delle Marche. Il via libera alla deliberazione, che interessa 23 comuni e 24 interventi, è stato dato ieri  nella seduta della giunta regionale che ha anche deciso la disposizione di ulteriori due milioni, sempre di fondi europei, ad integrazione dei progetti dei territori di Fermo e Macerata arrivando così ad una mole complessiva di risorse di 9 milioni e 700 mila euro. 

“Per la prima volta  – ha spiegato l’assessore al Turismo Cultura, Moreno Pieroni–  è stato elaborato un progetto organico che si articola su tutto il territorio regionale, finalizzato a migliorare l’offerta turistico culturale e l’accoglienza attraverso  una più efficace fruizione dei beni culturali.  Si tratta – ha aggiunto-  di un importante strumento di programmazione che riguarda misure di valorizzazione integrata tra cultura e turismo già previsto nel Piano annuale della Cultura relativamente alle cinque aree tematiche: Il Rinascimento nelle Marche , la Musica e lo spettacolo dal vivo, La Cultura e l’Arte nei luoghi della fede, Il Contemporaneo, Aree e siti archeologici . La Regione svolgerà anche un ruolo di coordinamento delle reti culturali che dovranno legarsi attorno a obiettivi congiunti: i Comuni dovranno quindi connettersi tra loro per la promozione unitaria della rete tematica.  Ciò favorirà non solo la percezione di un’immagine culturale omogenea delle Marche, l’acquisizione di una più consapevole identità culturale, ma accrescerà anche la capacità di dialogo con gli operatori sociali ed economici”.

L’individuazione dei temi e dei poli di attrazione di rilevanza strategica concorrono a disegnare sul territorio una geografia equilibrata che, in integrazione con quella dei progetti territoriali delle Aree interne e degli ITI Urbani, porterà alla creazione di un  sistema culturale connesso anche agli ambiti di aggregazione del Distretto Culturale.

Ecco più in dettaglio il programma approvato in base ai tematismi individuati:

Il Rinascimento nelle Marche – Comune capofila Urbino, ne fanno parte Urbania e Mondavio per una dotazione finanziaria complessiva di 1 milione e 820 mila euro. L’intervento prevede il recupero, la riqualificazione funzionale e la valorizzazione del patrimonio architettonico, artistico e documentale dell’età rinascimentale.

La Musica e lo Spettacolo dal vivo– Comune capofila Macerata ne fanno parte Recanati, Castelfidardo, Camerano, Osimo. La dotazione complessiva è di 1 milione e 900 mila euro. L’intervento prevede la valorizzazione della tradizione musicale, lirica e dello spettacolo dal vivo delle Marche

La Cultura e l’Arte nei luoghi della fede – Comune capofila Loreto ne fa parte anche il comune di Macerata. La dotazione complessiva è di 1 milione per realizzare interventi di potenziamento dell’offerta culturale e turistico-religiosa sia attraverso azioni di recupero funzionale di edifici, catalogazione di archivi storici e inoltre la valorizzazione della figura di Padre Matteo Ricci.

Il Contemporaneo – Comune capofila Fermo, sarà in rete con Amandola, Grottazzolina, Spinetoli, Porto Recanati, Monteprandone per una dotazione finanziaria di 1 milione e 750 mila euro. L’intervento prevede il recupero e l’adeguamento funzionale di contenitori culturali, con particolare riferimento al contemporaneo, e valorizzazione della civiltà contadina e marinara intese come testimonianze contemporanee.

Aree e siti archeologici- Comune capofila Ascoli Piceno e ne faranno parte San Benedetto del Tronto, Montefiore dell’Aso, Monsampolo del Tronto, Acquaviva Picena, Numana, Sirolo, Pergola. La dotazione complessiva è di 1 milione e 150 mila euro.  L’intervento prevede il recupero, la conservazione e la valorizzazione di aree, siti e percorsi archeologici rappresentativi di tutte le Marche e di tutti i periodi storici – dalla preistoria all’alto medioevo –  e lo sviluppo dei servizi a potenziamento dell’offerta turistico-culturale.

allegata una scheda sintetica sulle cinque aree tematiche e gli interventi che saranno realizzati nei 23 Comuni 

Tabella Generale Sintetica

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com