Maiella

 

San Benedetto del Tronto, 2016-12-25 – …e anche il giorno di Natale la Maiella ci regala un sorriso

 

 

 

 

 

Ph © Alessandro Barbizzi
Copyright www.ilmascalzone.it © Press Too srl – Riproduzione riservata
nb: per immagini ad alta definizione scrivere a redazione@ilmascalzone.it

 

 

per sapere di + sulla Maiella

 




Presepe Vivente a Castellalto

Castellalto – Il primo gennaio 2017, il Borgo di Castellalto, si vestirà dei drappi e delle luci che rievocano scenari antichi più di duemila anni, nella sacra rappresentazione della Natività.
Il Presepe Vivente, ideato e allestito dall’Associazione Castrum Vetus con il Patrocinio del Comune di Castellalto, giunge quest’anno alla IV edizione.
Più di 150 figuranti e una scenografia mozzafiato, trasformeranno ogni vicolo del borgo di Castellalto, in una nuova Betlemme. Il presepe è il simbolo per eccellenza della povertà e dell’umiltà e dietro le quinte di questa straordinaria manifestazione c’è il lavoro generoso e umile degli Amici del Presepe di Castellalto, dei volontari della Protezione Civile di Castellalto e degli addetti volontari provenienti da tutte le frazioni del nostro Comune. Già in questi giorni che precedono la manifestazione, il borgo vive il fermento festoso dei preparativi e tutta la dedizione dei cittadini che prestano la propria opera.
La manifestazione si svolgerà il 1 gennaio 2017, a partire dalle ore 17.00 e offrirà ai visitatori uno scenario incantevole.
Saranno presenti punti di ristoro e l’angolo del vin brûlé.
Vi aspettiamo il 1^ Gennaio a Castellalto.




da Giulianova

2016-12-29

Conferenza stampa di fine anno.

Il sindaco snocciola i dati del 2016: “Abbiamo fatto molto. E per il 2017 tante le realizzazioni. A partire dai primi mesi del nuovo anno”.

Tradizionale conferenza di fine anno del sindaco Francesco Mastromauro affiancato in Sala consiliare dalla vice Nausicaa Cameli, dagli assessori Francesca Guerrucci, Germano Giovanardi, Gian Luca Grimi, Fabio Ruffini con i capigruppo consiliari del PD, Federica Vasanella, e della Lista civica “Per Mastromauro Sindaco” Lorenzo Di Teodoro.
“Il 2016, anno orribile a causa del sisma, ha comunque recato risultati significativi per la nostra città sotto vari aspetti e, come indicano i dati, abbiamo fatto molto”, ha dichiarato in premessa il sindaco, snocciolando da subito le cifre riguardanti l’attività della Giunta. Nel 2016 si sono avute 62 riunioni di Giunta (+ 9 rispetto al 2015; + 6 rispetto al 2014) con l’approvazione di 231 delibere (+9 rispetto al 2015; + 12  rispetto al 2014). Sono stati invece 17 i Consigli comunali (+ 2 rispetto al 2015; + 6 rispetto al 2014) e 84 le delibere consiliare approvate (+ 11 rispetto al 2015; + 4 rispetto al 2014).
Nel settore delle Opere pubbliche e Manutenzione l’impegno dell’Amministrazione ha riguardato in primo luogo la realizzazione del nuovo impianto “Castrum-Tiberio Orsini” per un importo complessivo di circa 1 milione di euro, i lavori, nella prima fase, sul plesso scolastico della “De Amicis” di piazza della Libertà per migliorarne il coefficiente antisismico su un importo di 547.000 euro, i lavori di adeguamento igienico-sanitario del Mercato ittico, peraltro già dal settembre 2014 munito di nuova asta elettronica e telematica, e gli interventi, grazie ai Fondi FSC – Risorse Premiali per Obiettivi Prima Infanzia di 405.000 euro, per l’adeguamento sismico dell’asilo nido “Le Coccinelle” di zona Orti. “Realizzazioni ritengo assai importanti – dice Mastromauro – e che da sole hanno comportato un impegno di circa 2 milioni di euro. Ma insieme e accanto a queste, abbiamo garantito una serie ampia di interventi migliorativi sulla rete viaria”. Al riguardo, si è infatti provveduto al ripristino della pavimentazione e delle rampe di accesso di piazza Giovanni XXIII lato nord e al Centro commerciale “I Portici” nonché del manto stradale del sottopasso via D’Annunzio. Realizzati anche i marciapiedi di via Mantova e rifatti quelli del viale dei Pioppi, lato Parco, e di via Gorizia divelto dalle radici degli alberi. Si è provveduto anche, mediante lavori di ripristino, all’apertura della ciclopedonale sud costeggiante il fiume Tordino sino all’ingresso del ponte di legno distrutta dall’alluvione del marzo 2011. Altri interventi sono stati effettuati in via del Popolo, in via Colle San Massimo, corso Garibaldi, a Case di Trento e a Colleranesco, frazione dove pure si è provveduto a installare, lungo la statale 80, un nuovo impianto di illuminazione. Nuovo impianto di illuminazione anche sulla statale adriatica, nel tratto tra via Nervi e via Ippodromo. Nel corso dell’anno si è provveduto anche alla manutenzione straordinaria e alla regimentazione idraulica del collettore di via Filetto mentre per quello di via Parma è stata avanzata richiesta al Genio Civile per i lavori ai sensi della L.R. 17/74.
Relativamente al Turismo, il sindaco si dice soddisfatto per i risultati conseguiti. “Un settore nevralgico per Giulianova, e al quale sono state giustamente riservate le nostre attenzioni. Intanto, siamo riusciti ad ottenere anche per il 2016 il Frecciabianca. Un obiettivo perseguito con decisione ed ottenuto nel risolutivo incontro del 2 febbraio con Trenitalia a Roma. Dove, dati alla mano, convinsi della bontà di ripristinare la fermata nella nostra stazione, in effetti attuata a partire dal 12 giugno. Gli sforzi fatti ci hanno dato ragione considerando che nelle prime due settimane di agosto si è avuta una media giornaliera di oltre 110 passeggeri così restituendo la stazione di Giulianova al suo ruolo di centralità per l’intera provincia teramana con indubbi benefici sotto il profilo turistico. E che la stagione, contrariamente alle previsioni catastrofiste di alcuni, sia andata molto bene – prosegue il sindaco – non solo lo aveva evidenziato già il 22 settembre il presidente di Faita FederCamping, ma lo confermano i dati benché non ufficiali: ben 94.000 arrivi, dei quali circa 20.000 dall’estero, e 550.000 notti trascorse nelle strutture ricettive, con un + 3% rispetto all’anno scorso. Risultati di tutto rispetto che premiano la nostra città, impalmandola come meta preferita nel Teramano e, con buona probabilità, anche in Abruzzo”. Il sindaco ricorda in proposito l’attivazione a giugno del nuovo portale dedicato al turismo e il ritorno dell’Infopoint in piazza Buozzi a Giulianova Alta ma anche il cartellone di Giulia Eventi Estate ed il successo ottenuto con la riapertura estiva dei siti museali e delle visite guidate gratuite nel Centro storico. “Penso che anche lo speciale su Giulianova, inclusa nelle città ideali del Rinascimento, andato in onda su Rai Storia il 7 marzo, abbia contributo non poco a veicolare l’immagine della nostra città accrescendone la notorietà con positive ricadute turistiche”. Motivi di rammarico il  mancato conseguimento della Bandiera Blu e delle Vele di Legambiente, benché Giulianova abbia ottenuto nuovamente la Bandiera Verde figurando così tra le 134 località italiane (8 le abruzzesi) insignite del riconoscimento dei pediatri italiani.
Per il settore Ambiente il sindaco ricorda quelli che definisce primati di cui andare orgogliosi e che obiettivamente fanno di Giulianova una città virtuosa. “Il 27 aprile vincemmo Un sacco in Comune. A tutta plastica”, la gara per la raccolta degli imballaggi in plastica indetta da COREPLA. Un’affermazione davvero rilevante in quanto Giulianova fece registrare nel periodo campione fissato per la gara, tra il 21 marzo ed il 16 aprile, un incremento del 44% della raccolta degli imballaggi in plastica rispetto al 13% di Roseto degli Abruzzi e al 9% di Teramo. Quella vittoria ci ha premiato con giochi per bimbi che il 24 ottobre scorso sono stati posizionati nella Bambinopoli Comunale del Parco degli Eucalipti. Ma ottimi risultati abbiamo anche ottenuto nella raccolta di carta e cartone. In base ai dati forniti dal direttore generale di COMIECO Carlo Montalbetti, Giulianova con i suoi 62 kg/abitante, oltretutto al 99% di purezza grazie all’eliminazione delle buste per la raccolta di carta e cartone, è al top, al pari dei Comuni del nord Italia. Si consideri che in Abruzzo la provincia di Pescara ha registrato 58,9 kg/abitante, quella di Chieti 56,8, la provincia di Teramo 48,8 e quella de L’Aquila 43,3. C’è poi da aggiungere che, in base al Rapporto Rifiuti 2015, reso noto lo scorso 11 dicembre, Giulianova si conferma, tra i Comuni con popolazione superiore ai 15.000 abitanti, il più virtuoso della provincia superando quindi Teramo grazie ad una differenziata oltre il 70%. Certamente esistono ancora alcune criticità, ma i risultati obiettivamente ci sono e sono confortanti”. Il sindaco ha anche ricordato il posizionamento di quasi 200 nuovi cestini porta rifiuti in varie zone cittadine, la messa a dimora, nel corso del 2016, di 10 alberi nel parco degli Amicis grazie al Lions Club Giulianova, di 6 palme in piazza della Libertà andate a sostituire quelle eliminate a causa del “punteruolo rosso”, e delle essenze floreali nel Lungomare monumentale, in Piazza Fosse Ardeatine e in Via Sauro.
Relativamente alle Politiche sociali, il sindaco ha sottolineato come siano state numerose le iniziative e le realizzazioni, anche tramite l’Ambito Sociale “Tordino”. Ma in particolare si è rilevato come anche nel 2016 siano stati garantiti dall’Amministrazione 70 pasti gratuiti quotidiani ai cittadini in difficoltà riproponendo quindi una forma di sostegno avviata la prima volta nel 2013. Importanti anche le risorse messe a disposizione a beneficio dei meno abbienti e per interventi nel sociale, ben 250.000 euro dal giugno 2014 ad oggi, grazie al Fondo di Solidarietà sociale che lo stesso Mastromauro ha voluto all’indomani della sua riconferma a sindaco ed alimentato annualmente con il taglio del 50% delle indennità spettanti per legge al sindaco, agli assessori ed al presidente del Consiglio comunale. Rientra in questa categoria anche l’avvio, il 29 luglio scorso, dei lavori previsti nei Programmi Urbani Complessi per realizzare la palazzina ed i parcheggi di Via Bellini su un impegno di 1,3 mln di euro. “A fine lavori – dichiara Mastromauro – saranno 18 gli appartamenti a canone sostenibile, cioè con affitto calmierato, assegnati tramite apposito bando. E ciò per garantire una casa di buona qualità alle categorie sociali intermedie costituite da giovani coppie, anziani e, più in generale, da famiglie a basso reddito che non riescono a soddisfare il proprio bisogno abitativo sul mercato per ragioni economiche o per assenza di un’offerta adeguata”.
Per la Cultura si annoverano, tra gli altri, la convenzione con la cooperativa “II Volo” che consentirà di dare nuovo avvio al servizio educativo dei musei nelle scuole, la fitta serie di incontri d’arte, cultura, archeologia e presentazioni di volumi in collaborazione con le associazioni Italia Nostra, Gaetano Braga, G.A.M.A., Archeoclub e Accademia Acquaviva. “Il Polo Museale Civico – dice il sindaco – si è anche occupato della fase formativa del progetto HI-Storia Lab che ha previsto la realizzazione di un dispositivo guida che consiste nella stampa 3-D del duomo di San Flaviano. Grazie al Lions Club è stato anche collocata la riproduzione dell’epigrafe quattrocentesca del Vescovo Campano, mentre il Rotary ha donato l’insegna del Museo Archeologico cui dovrebbero seguire le altre da collocare nelle rimanenti strutture. I siti museali, aperti nei mesi di luglio e agosto il mercoledì, il sabato e la domenica sera, sono state visitati da oltre un migliaio di persone. Grazie alla rimodulazione dei compiti della cooperativa Forma Talenti, che da anni cura il servizio Informagiovani, la Biblioteca dal 2 novembre ha prolungato gli orari di apertura al pubblico dal lunedì al venerdì anche nel pomeriggio dalle 15.15 alle 19.15 aumentando in maniera esponenziale la frequentazione da parte degli studenti. Il 16 maggio scorso abbiamo ottenuto un finanziamento di 80.000 euro per la Pinacoteca e pertanto presto verrà progettato l’adeguamento della struttura per consentire di riportare la collezione nella sua sede originaria”.
Nel settore delle Innovazioni e delle tecnologie sono state indicate, tra gli altri, tre innovative soluzioni fornite a marzo dalla TIM al Comune: Street Control, Smart Parking ed Environment Sensebox. “Il primo – spiega il sindaco – riguarda i temi del controllo e della sicurezza e coinvolge la Polizia Municipale  nei suoi compiti di tutela del territorio e di applicazione del codice della strada. Il secondo consiste in una piattaforma cloud basata sull’utilizzo di sensori applicati sul manto stradale nei singoli stalli di parcheggio, senza cablaggi. Permette la gestione strutturata dei parcheggi, fornendo informazioni in tempo reale sullo stato di occupazione. L’Environment Sensebox, infine, consiste in un sistema di monitoraggio territoriale ed ambientale in tempo reale rivolto al contesto urbano e paesaggistico della città”. Da rammentare anche l’attivazione, lo scorso settembre da parte del Comune, dei servizi internet in banda larga e di telefonia VoIP grazie alla realizzazione di nuove infrastrutture di rete locali nei plessi scolastici “De Amicis”, “Bindi”, “Don Milani”, “Pagliaccetti” e a Colleranesco interconnesse con la infrastruttura IT comunale in fibra. “Le nuove infrastrutture di rete scolastiche – dice Mastromauro – sono state realizzate grazie ai Fondi strutturali e di investimento europei, nell’ambito del Programma Operativo Nazionale (PON) e a risorse proprie del Comune”.
Riguardo alle realizzazioni per il 2017, il sindaco si è soffermato, in particolare, sull’ultimazione dell’intervento di manutenzione straordinaria delle condotte di areazione della Piscina comunale per garantire sicurezza alla struttura, che pertanto riaprirà a gennaio. E’ previsto invece per marzo l’intervento di manutenzione straordinaria di viale Orsini e di via Curiel, di via Nazario Sauro est e di 27 scivoli di raccordo dei marciapiedi della zona Centro Lido. A giugno partiranno invece i lavori per la messa a norma degli impianti antincendio degli edifici scolastici (elementare/materna Colleranesco e media Pagliaccetti). Lavori anche sul ponte ciclopedonale sul Salinello grazie all’ottenimento, su richiesta del sindaco, di 50.000 euro da parte della Regione. Prenderà anche avvio nel corso dell’anno l’intervento di manutenzione straordinaria dei due canali demaniali, quello  Autocori e l’altro di via XXIV Maggio. Via libera anche al progetto “Paride”che prevede l’efficientamento energetico dei sistemi pubblici di illuminazione. Su un punto però il sindaco mette l’accento: l’avvio dei lavori per la nuova sede della Compagnia dei Carabinieri nel quartiere Annunziata. “Metteremo così fine ad un’attesa trentennale realizzando le aspettative dei miei concittadini che tante volte hanno sentito parlare di nuova caserma ed altrettante hanno visto sfumare questo obiettivo”, dice il sindaco.




da Grottammare

2016-12-29

Il Consorzio idrico potenzia il depuratore
Opere di ordinaria e straordinaria manutenzione da 2,5 milioni di euro

L’efficientamento dell’impianto di depurazione delle acque reflue è il nuovo intervento del CIIP spa sul territorio comunale. L’opera corrisponde a un investimento finanziario di 2,5 milioni di euro necessario a potenziare il depuratore da 35.000 a 45.000 A.E. (abitanti equivalenti, cioè l’unità di misura della capacità di un impianto di trattamento dei reflui) e ad eseguire altri lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria dell’intero sistema depurativo.

Le opere sono progettate, finanziate, appaltate e assegnate dal Consorzio Idrico. Saranno realizzate dall’impresa Alma C.I.S. srl di Pescara che ha preso in consegna i lavori il 19 dicembre; il professionista incaricato della direzione dei lavori è l’ing. Vincenzo Felici di Ascoli Piceno.

L’intervento è realizzato anche in considerazione della qualità turistica della città: “Restituiremo alla collettività grottammarese e non – sostiene il presidente del Consorzio, Pino Alati – quel giusto servizio che evita disagi in un’area, in più, a forte valenza turistica. Nei riguardi del comune di Grottammare c’è sempre il massimo impegno da parte del Ciip, sia con grandi che con piccoli investimenti”.

“I lavori non interferiranno con il normale funzionamento dell’impianto e dovranno essere eseguite entro un anno dalla consegna dei lavori, quindi a dicembre 2017”, fa sapere a sua volta il geometra Antonio Serena, nell’illustrazione dell’intervento che fa il paio con altre importanti opere già in corso sul territorio comunale da fine ottobre, per la riduzione del rischio allagamenti in zona Valtesino e in via Sacconi.

La costruzione del depuratore di Grottammare risale alla fine degli anni Settanta. Il primo ampliamento, in cui fu raddoppiata la capacità depurativa con la costruzione di un secondo sedimentatore, risale alla fine degli anni Ottanta. L’impianto è stato in carica al Comune fino al dicembre del 2003, quando fu siglata la convenzione con l’AATO (l’Autorità costituita da un consorzio obbligatorio di comuni per la gestione dei servizi idrici) che da quel momento gestisce l’intero ciclo dell’acqua.

“Un cantiere storico – dichiara il sindaco Enrico Piergallini –, indispensabile per gli anni futuri. Queste opere di potenziamento del nostro depuratore rappresentano un passo avanti nella qualità ambientale della Città. Grazie ad esse sarà possibile in futuro mantenere riconoscimenti prestigiosi come la Bandiera Blu, fondamentali per il destino turistico della Riviera. Non ringrazierò mai abbastanza l’AATO, il CIIP e i rispettivi presidenti Stracci e Alati per l’attenzione dimostrata in questi anni a Grottammare. Soltanto nel 2016, sono stati eseguiti lavori e aperti cantieri riguardanti l’approvvigionamento idrico, lo smaltimento delle acqua reflue e il depuratore per un investimento complessivo vicino ai 3 milioni di euro”.

 

Vietati gli spari di fine anno, emessa l’ordinanza.

Niente botti a San Silvestro e a Capodanno. Il sindaco Enrico Piergallini ha emesso l’ordinanza che vieta lo sparo di petardi e mortaretti e l’accensione di botti e artifici pirotecnici di ogni sorta nei giorni 31 dicembre e 1 gennaio.

Il divieto è esteso a “tutto il territorio comunale, nei luoghi pubblici o aperti al pubblico, nonché in luogo privato laddove possano verificarsi ricadute degli effetti pirotecnici sui luoghi pubblici, dello sparo di petardi, lo scoppio di mortaretti, l’accensione di botti e artifici pirotecnici di vario genere e di qualsiasi tipo – anche se di libera vendita – nei giorni 31 dicembre 2016 e 1 gennaio 2017”.

L’amministrazione comunale, infatti, ritiene necessario limitare il più possibile rumori molesti nell’ambito urbano in tutte le vie e piazze ove si trovino delle persone, e in particolare in prossimità di scuole, uffici pubblici, luoghi di culto, luoghi di cura, rifugi per animali e colonie feline, anche ai sensi dell’articolo 659 del Codice penale (disturbo delle occupazioni e del riposo delle persone);

L’obiettivo dell’ordinanza è di promuovere una specifica attività di prevenzione a tutela dell’incolumità dei cittadini e della sicurezza pubblica, nella quale è fortemente impegnata anche la Polizia Locale garantendo che le manifestazioni, programmate e spontanee, si svolgano nelle condizioni più idonee per la sicurezza generale. L’inosservanza del divieto comporterà l’applicazione della sanzione amministrativa pecuniaria da euro 25 ad euro 500.

Una serie di motivazioni è alla base del provvedimento, emesso per contrastare i danni derivanti dall’uso imprudente o inadeguato di prodotti pirotecnici o similari: limitare l’aumento del dato nazionale su incidenti e infortuni alle persone (anche se in città non siano mai stati segnalati infortuni significativi legati al lancio di petardi), ridurre le polveri sottili che i prodotti pirotecnici rilasciano nell’aria e salvaguardare il patrimonio pubblico e privato dal rischio di incendi, oltre che la qualità dell’ambiente urbano.

Il testo integrale dell’ordinanza è consultabile all’Albo Pretorio on line.

 




da Ripatransone

Pubblicato il bando per l’affidamento dei servizi di gestione e miglioramento del parco avventura sito nell’area “Selva dei frati”

In data 29 dicembre 2016 è stato pubblicato, sul sito internet www.comune.ripatransone.ap.it  (sezione bandi di gara), il bando di gara per l’affidamento dei servizi di gestione e miglioramento del parco avventura sito nell’area “selva dei frati” presso il Comune di Ripatransone.

Il contratto all’esito della procedura di gara avrà durata di 48 mesi, prorogabili di 12 mesi.

Sono ammessi a partecipare i soggetti di cui al D.lgs. n. 50/2016, quali imprese singole, riunite o consorziate ovvero che intendano riunirsi o consorziarsi e che siano in possesso dei seguenti requisiti:

Iscrizione nel registro competente (Registro Imprese o R.E.A.), presso la CCIAA, per l’attività oggetto del bando;
Possesso di tutti i requisiti professionali e delle autorizzazioni prescritti ex lege per l’espletamento delle attività oggetto di affidamento, consistenti in corso di formazione specifico per gestione Parco Avventura (ovvero impegno a conseguire il relativo attestato entro tre mesi dalla data di pubblicazione dell’avviso di gara);
Possesso dei requisiti di ordine generale ex art 80 del D.Lgs. 50/2016;
Capacità economica e finanziaria (idonee referenze bancarie) ex art 83(lett. a,b,c) del D.Lgs. 50/2016;
Capacità tecnica e professionale ex art 82 del D.Lgs. 50/2016: 1- indicazione dei tecnici e degli organici tecnici facenti capo direttamente al concorrente, con particolar riguardo a quelli incaricati dei controlli di qualità;2- dichiarazione circa l’attrezzatura, il materiale e l’equipaggiamento tecnico di cui si disporrà per l’esecuzione dell’appalto.
Tra i punti salienti del bando si richiede all’affidatario di proporre, descrivendole in modo dettagliato, diverse tipologie di percorsi distinti per fascia di età e difficoltà, nonché di fornire le relative strutture e attrezzature.

Le offerte dovranno pervenire via posta o presso l’ufficio Protocollo del Comune di Ripatransone, entro e non oltre le ore 13:00 del giorno 3 Febbraio 2017.

Per il recapito a mano l’Ufficio del Protocollo osserva il seguente orario: dal lunedì al venerdì, dalle ore 08:30 alle ore 13.00 ed il martedì e il giovedì anche dalle ore 16:00 alle ore 17:30.

LA BEFANA ARRIVA IN LUDOTECA

Il giorno 6 Gennaio 2016, in occasione dell’Epifania, su iniziativa del comune di Ripatransone, il consueto appuntamento con i bambini presso la biblioteca A. Gabrielli, sarà allietato dall’arrivo della Befana.

Nell’attesa i piccoli ospiti potranno assistere ad un avvincente spettacolo di magia e partecipare ai giochi organizzati per l’occasione.

Dolce merenda offerta dal Comune.




dal Piceno

Premiati i nuovi maestri del lavoro a Palazzo San Filippo

Cerimonia nella Sala del Consiglio Provinciale

Ascoli Piceno, 2016-12-29 – Si è svolta stamane, nell’aula Consiliare di palazzo San Filippo, come apprezzata consuetudine, la consegna degli attestati di riconoscimento da parte dell’Amministrazione Provinciale ai maestri del lavoro del Piceno insigniti dell’onorificenza nel maggio 2016. Una cerimonia semplice ma significativa, che ha visto la partecipazione del Presidente della Provincia Paolo D’Erasmo, del Prefetto di Ascoli Piceno dott.ssa Rita Stentella, del Vice Presidente della Provincia Valentina Bellini, dei Consiglieri Provinciali Sergio Corradetti, Alberto Antognozzi, Stefano Novelli e Roberto De Angelis del Console emerito interprovinciale Ascoli Piceno – Fermo Francesco Rocca e il dott. Giorgio Fiori, componente del Direttivo Maestri del Lavoro e responsabile per i rapporti istituzionali. Erano naturalmente anche presenti familiari dei neo maestri del lavoro e rappresentanti delle aziende e realtà professionali dei premiati.

Il Prefetto di Ascoli Piceno dott.sa Rita Stentella si è congratulata con i maestri del lavoro del Piceno sottolineandone “le capacità e competenze professionali, l’esempio di abnegazione, serietà e di dirittura morale e il valore della loro attività come esempio per le giovani generazioni“.

Il Presidente della Provincia Paolo D’Erasmo si è a sua volta complimentato evidenziando “la valenza di una cerimonia, giunta alla sua 39° edizione ed unica a livello nazionale nel panorama delle iniziative organizzate dalla Federazione Nazionale Maestri del Lavoro. Un’ iniziativa che rende omaggio a quanti con dedizione si sono dedicati al lavoro costituendo una testimonianza encomiabile di impegno civico per la comunità e per i giovani“.

I Maestri del Lavoro premiati con l’attestato di riconoscimento dalla Provincia sono: Antonio Alessandrini di Spinetoli impiegato Magazzini Gabrielli per 30 anni, Luigi Antinori di Ascoli Piceno dipendente della Start S.p.A. per 27 anni, Stefania Cellini di Ascoli Piceno impiegata per 36 anni presso Confindustria Ascoli, Maurizio Gaspari di Castel di Lama impiegato per 35 anni presso la CIM Matricardi Costruzioni, Carla Parisi di Ascoli Piceno impiegata per 31 anni nella Magazzini Gabrielli, Sabatini Alberto di Colli del Tronto operaio per 35 anni presso la Mecaer Avition Group S.p.A., Bernardo Pierantozzi di Folignano operaio per 36 anni presso la ditta Tarfil srl e Giuseppe Sisti di Ascoli Piceno impiegato per 26 anni impiegato presso la Santarelli Costruzioni S.p.A.

Ultimo Consiglio Provinciale del 2016, approvato il regolamento per gli incarichi di patrocinio legale
Affari Legali
29-12-2016

Verrà istituito un albo con avviso pubblico aperto a tutti i professionisti compresi i giovani

Si è svolta stamane nell’aula consiliare di Palazzo San Filippo l’ultima seduta dell’anno del Consiglio Provinciale che è coincisa con l’ultima seduta di legislatura dell’assise provinciale eletta nelle elezioni di secondo grado dell’ottobre 2014. In base alla Legge Delrio infatti, mentre il Presidente della Provincia rimane in carica per 4 anni, i Consiglieri Provinciali vengono invece rinnovati ogni 2 anni ed eletti dai sindaci e dai consiglieri comunali dei 33 Comuni del Piceno. Le elezioni sono state fissate per domenica 8 gennaio

Tra i provvedimenti deliberati dal Consiglio Provinciale vi è stata l’approvazione del regolamento per il conferimento di incarichi di patrocinio legale dell’Ente. Il documento stabilisce le modalità e i criteri per il conferimento da parte della Provincia di Ascoli Piceno a professionisti esterni degli incarichi di assistenza, difesa e rappresentanza in giudizio in occasione di ogni singola vertenza sia in sede stragiudiziale, sia innanzi a tutte le autorità giurisdizionali, ed in tutti i possibili gradi di giudizio, anche esecutivi e di ottemperanza. In particolare il regolamento istituisce un apposito albo che sarà preceduto da una pubblicazione di pubblico avviso, aperto ai professionisti, singoli o associati esercenti l’attività di assistenza di patrocinio dinanzi a tutte le magistrature.

L’albo si ispira ai principi di cui all’art. 4 del nuovo codice degli appalti D.lgs n.50 del 2016, e in particolare al rispetto dei principi di economicità, efficacia, imparzialità, parità di trattamento, trasparenza, pubblicità e proporzionalità. Da evidenziare che per accedervi non sarà richiesta alcuna esperienza lavorativa pregressa al fine di consentire anche ai giovani professionisti la possibilità di avanzare la domanda di iscrizione. L’albo, sarà suddiviso in 5 sezioni distinte per tipologia di contenzioso ossia: Contenzioso Amministrativo, Contenzioso Civile, Contenzioso Lavoristico, Contenzioso Penale e Contenzioso Tributario. Il professionista interessato potrà richiedere l’iscrizione per un massimo di due sezioni; l’albo avrà durata annuale e sarà aggiornato entro il 31 gennaio di ogni anno.

Al termine della seduta il Presidente D’Erasmo ha ringraziato “per l’impegno serio, appassionato e competente profuso da tutti i Consiglieri, in particolare voglio citare i consiglieri uscenti Sergio Corradetti e Bruno Menzietti, che non possono ricandidarsi non essendo consiglieri comunali e i Consiglieri Aleandro Petrucci, Lucia Quaglia e Ignazio Simone Matteucci che hanno deciso di non ricandidarsi, ma che hanno svolto tutti, un servizio istituzionale di grande profilo e incisività insieme agli altri colleghi consiglieri”. “Il prossimo consiglio – ha evidenziato il Presidente – troverà una Provincia più forte e strutturata ed in condizioni economiche e finanziarie migliori rispetto a due anni fa. C’è la volontà di proseguire un impegno determinato ed efficace con il nuovo consiglio.”




“Siamo in ballo… scegliamo di condurre noi le danze” e “Una Befana per Arquata”

 

Presentate in Sala Consiliare le iniziative “Siamo in ballo…scegliamo di condurre noi le danze” e “Una Befana per Arquata” in cui la Città di Pescara accoglierà gli arquatani per l’intera giornata del 4 gennaio.

 

San Benedetto del Tronto, 29-12-2016 – Nella mattinata del 30 dicembre, la Sala Consiliare del Comune di San Benedetto del Tronto ha ospitato un incontro organizzato dalla sezione di Ascoli Piceno di “Rete al Femminile”, unico punto di riferimento tra Marche e Abruzzo di questo network nato a Torino tre anni fa su iniziativa di Gioia Gottini e orientato all’imprenditoria e all’emancipazione femminile.

 

L’assise, iniziata con la presentazione di questo network, ha focalizzato l’attenzione su due aspetti, entrambi finalizzati ad aiutare e a dare occasioni di spensieratezza alle popolazioni di Arquata e Pescara del Tronto, tra le più colpite dal terremoto che in questi mesi l’Appennino Centrale

 

Il primo aspetto ha riguardato la presentazione del progetto “Siamo in ballo….scegliamo di condurre noi le danze” costituito con la collaborazione dell’Amministrazione Comunale di Arquata del Tronto. Il progetto si propone di sostenere l’intera comunità arquatana attraverso degli incontri mensili, conviviali ma anche con contenuti e servizi utili alla collettività ed ai singoli, durante i quali gli arquatani avranno modo di confrontarsi, anche con l’amministrazione comunale, ed accedere a servizi ed attività laboratoriali di supporto.

In secondo luogo, è stato presentato l’evento “Una Befana per Arquata” in programma per il 4 gennaio 2017 in cui i cittadini di Arquata partiranno da San Benedetto alla volta di Pescara con i pullman della START, forniti gratuitamente dalla Regione Marche.

 

La giornata, organizzata da “Rete al Femminile” e da “Spazio Donna Abruzzo” con il patrocinio del Comune di Pescara e della Regione Abruzzo, sarà caratterizzata al mattino dalla Santa Messa presso la Chiesa di Sant’Andrea nei pressi di Piazza Italia (luogo in cui i cittadini arquatani saranno accolti dalle autorità) e nel pomeriggio dalla visita delle Luci D’Artista in Corso Umberto e dal concerto della Big Band del locale Conservatorio Luisa D’Annunzio, in Piazza Della Rinascita.

 

All’incontro in Sala Consiliare hanno preso parte l’Assessore alle Pari Opportunità della Città di San Benedetto Antonella Baiocchi, la Presidente della sezione di Ascoli Piceno di “Rete al femminile” Paola Petrucci, l’Avvocato Adele Fiaschetti, la Presidente di Spazio Donna Abruzzo e membro della Commissione Pari Opportunità del Comune di Pescara Annarita Rossini, la Psicologa Anna Casciati e Maria Luisa Fiori in rappresentanza dei cittadini di Arquata del Tronto.

 

Presente anche il Sindaco Pasqualino Piunti, che ha manifestato la sua soddisfazione e il suo interesse a questa iniziativa d’altruismo organizzata solo ed esclusivamente da esponenti dell’universo femminile.

 




Da oggi disponibili le “Terre fragili” di Tullio Pericoli

Le 100 litografie, numerate e firmate dall’autore, a sostegno di un intervento di recupero di un bene artistico nelle zone del terremoto

Ascoli Piceno – Cento litografie dell’opera esclusiva di Tullio Pericoli “Terre fragili” sono da oggi disponibili nel quadro dell’iniziativa “Diamo FORZA al PICENO” promossa dal Circolo Acli Achille Grandi di Ascoli Piceno, in collaborazione con il Centro Turistico Acli ed il sito Optime – Vivere il Piceno.

L’iniziativa ha lo scopo di raccogliere fondi da destinare alla messa in sicurezza o al recupero di un bene artistico o architettonico del Piceno.

Le cento riproduzioni, numerate e firmate dall’autore, vengono offerte a chi effettua una donazione di 150 euro.

Informazioni sull’iniziativa sono da oggi pubblicate sul sito www.vivereilpiceno.it, su www.ctascoli.it e sulla pagina Facebook del Circolo Grandi www.facebook.com/circoloacligrandi.

Per informazioni: circolograndi@gmail.com 

Tullio Pericoli

Tullio Pericoli




Un Presepe Vivente per Rinascere Insieme

Da Ussita, Visso e Castelsantangelo sul Nera a Porto Sant’Elpidio

 

Porto S. Elpidio – Le scene della natività ricreate ad arte da figuranti e organizzatori esperti con un’insolita location. Questo è lo spettacolo che attende i visitatori di Rinascere Insieme il presepe vivente che domenica 1 gennaio apre il nuovo anno promosso dall’Assessorato al Turismo di Porto Sant’Elpidio e che vede la collaborazione tra i comuni di Visso, Ussita, Castelsantangelo sul Nera e Porto Sant’Elpidio.

Appuntamento alla Pineta nord dalle 15,30 per lo spettacolo più antico del mondo che assume una particolare valenza di unione e solidarietà a seguito delle ripetute scosse di terremoto che da agosto a novembre 2016 hanno quasi raso al suolo paesi dalla tradizione presepista decennale.

«Rinascere Insieme è il nome che ho proposto raccogliendo immediatamente l’approvazione di tutti i soggetti che hanno collaborato all’evento » dice l’Assessore al Turismo Milena Sebastiani « Un nome che simboleggia l’unione tra la forza e la volontà di reazione di queste zone martoriate dalle scosse di terremoto e la capacità e la disponibilità all’accoglienza dimostrate dalla nostra città. Il presepe vivente che vanta una tradizione consolidata ad Ussita sarà dunque trasportato nella pineta di Porto Sant’Elpidio per uno spettacolo commovente già dalle intenzioni che gli hanno dato impulso. Per il quale ringrazio tutti i soggetti che insieme a me stanno lavorando all’allestimento ed alla comunicazione. Sarà un modo molto particolare di iniziare l’anno, un pomeriggio suggestivo e ricco di sorprese a cominciare dal Vin Brulè offerto dalle cantine vinicole del territorio in una vera gara di disponibilità. Per questo invito tutti i cittadini a partecipare e far sentire anche in questa occasione  il calore della nostra città».

L’organizzazione dell’evento, che prevede la ricostruzione di alcune delle scene principali dalla natività alla venuta dei magi con un totale di circa 50 figuranti,  ha visto la collaborazione tra il sig. Sante Basilli, storico pilastro del presepe vivente di Ussita che vanta una tradizione decennale, l’Assessore al Turismo del Comune di Visso,  Patrizia Serfaustini, la rappresentante del Borgo Marinaro di Porto Sant’Elpidio Umbertina Pambianchi che ha arricchito l’evento con spunti del folklore locale, Mauro Lucentini di Montegranaro che ha fornito alcuni costumi, Valentina Pagnotta che ha curato la grafica e decine di altri volontari animati dal desiderio di restituire spazio ad un evento che altrimenti sarebbe stato annullato a causa del sisma.

All’ingresso della manifestazione sarà possibile offrire un contributo concreto alla rinascita di queste comunità grazie alla presenza di punti per la raccolta di offerte. A tutti i visitatori sarà offerto Vin Brulè grazie al contributo delle cantine:  Azienda Agricola Vitali Gabriele di Montelparo, Cantina di Ruscio di Campofilone, Terra Fageto di Pedaso, Vigneti Santa Liberata e Cantina Ortenzi di Fermo.

Uno straordinario pomeriggio indietro nel tempo tra animali e mestieri, scene ben note ma da sempre cariche di nuove emozioni specie conoscendo le vicissitudini delle comunità che ne sono state promotrici.

Per informazioni: Assessorato al Turismo di Porto Sant’Elpidio 0734 908 263 – pseturismo@elpinet.it

Presepe Vivente

Presepe Vivente




Pallanuoto : l’Albatros Ascoli vola in serie C

Risultato storico: questa volta dirigenti, tecnici e gli splendidi atleti ascolani entrano di diritto nella storia dello sport cittadino

L’ufficialità è arrivata a pochi giorni dal Natale: l’Albatros Ascoli disputerà il prossimo campionato di pallanuoto di serie C.

 

Ascoli Piceno – Il 20 dicembre scorso la Lega Pallanuoto ha reso noti i gironi del campionato di serie C che prenderà il via il prossimo 21 gennaio.

La neopromossa Albatros Ascoli è stata inserita nel Girone 4 – Cr Marche insieme ad altre 7 formazioni : Blugallery Team San Severino, Fermo N e PN, Jesina Pallanuoto, Pallanuoto Pesarese, Pallanuoto Tolentino, Rosetana Nuoto Team e Team Marche PN Moie.

Una grande soddisfazione ed entusiasmo alle stelle per la società ascolana, l’unica società di nuoto agonistico in attività ad Ascoli Piceno; bellissima notizia che arriva in un momento difficile, la società deve correre a trovare immediatamente un campo gara che consenta di partecipare al campionato in attesa che riapra la piscina di casa… nei primi giorni del mese di gennaio dovrebbe maturare la decisione.

Di certo senza la loro piscina per i ragazzi dell’Albatros ci sarà un ostacolo in più e non solo da un punto di vista tecnico: non poter contare su una propria struttura e, di fatto, dover disputare un intero campionato in trasferta è davvero un bel problema da gestire .

Naturalmente oltre al problema delle partite casalinghe c’è quello degli allenamenti Grazie alla sportiva ospitalità delle società di nuoto Abbruzzesi e Marchigiane i nostri ragazzi hanno potuto allenarsi e disputare amichevoli per prepararsi al campionato. le società di Ancona, Fermo, Tolentino, Chieti, Pescara, Roseto, ci hanno ospitato e aiutato, dimostrando con i fatti quali sono i veri valori dello sport”.

Naturalmente le difficoltà restano, non solo per i ragazzi della pallanuoto ma per tutti gli atleti della società sportiva Albatros nuoto che stanno aspettando che la loro bellissima casa riapra dopo la ristrutturazione per poter nuotare tra mura amiche

La serie C è una grande soddisfazione ed un esempio e orgoglio per tutti gli atleti della società ma anche per tutta la città. Il lavoro svolto dai tecnici e dai dirigenti in questi anni hanno davvero cambiato il volto e traghettato lo sport del nuoto in città a livelli d eccellenza si ricordano i collegiali della nazionale di sincronizzato ospitati ad Ascoli prima di ogni olimpiade, i collegiali degli atleti nazionali Rosolino, Brembilla, Fioravanti, i campionati italiani per disabili ospitati nella splendida piscina di Ascoli per due anni consecutivi un lavoro d ‘eccellenza riconosciuto a livello nazionale che ha dato lustro alla comunità sportiva ma anche alla citta…

la serie C di pallanuoto è un risultato che arriva dopo ben 8 anni di lavoro di investimenti di sacrifici e si ritiene che ciò possa far piacere agli ascolani che possono dire di avere una squadra di calcio in serie B ed una di pallanuoto in serie C…

il movimento della pallanuoto è solido ed ha futuro lo scorso anno i ragazzini dell’U15 hanno vinto il campionato regionale ed anche questo risultato non è uno scherzo

L’ufficializzazione della serie C è una grande soddisfazione, oltre che motivo di orgoglio per la società stessa, che serve anche a mitigare, sia pure parzialmente, l’amarezza per il difficile momento che si sta vivendo. Aggravato dal fatto che, proprio nei giorni scorsi, la società è stata privata dal Comune di quel piccolo locale utilizzato come segreteria che le era stato assegnato dalla stessa amministrazione molti anni fa. “Ci auguriamo che si sia trattato di uno sbaglio involontario, di una disattenzione probabilmente provocata dal gran lavoro e dallo stress del post terremoto. Non vogliamo e non possiamo credere che si tratti di un atto deciso e voluto”.

Vi aspettiamo tutti sugli spalti a tifare con orgoglio la squadra della citta un piacere per gli atleti tecnici e dirigenti che ci hanno regalato questo traguardo