Benvenuto e Buona Navigazione, sono le ore 17:02 di Sab 17 Ago 2019

Giorgia Spurio, L’orecchio delle dèe

di | in: Cultura e Spettacoli

Giorgia Spurio, L’orecchio delle dèe

image_pdfimage_print

 

 

Ascoli Piceno – È uscito il libro di poesie della poetessa marchigiana Giorgia Spurio, L’orecchio delle dèe (Macabor Editore, 2017), con prefazione di Emilia Sirangelo.

“L’orecchio delle dèe” – ha dichiarato l’autrice a proposito del suo libro – è nato dall’esigenza di dare voce alle problematiche del nostro tempo attraverso simboli e figure mitologiche che l’antichità ci presta. La silloge si trasforma in un diario che raccoglie confidenze e silenzi. Se esistesse un Olimpo chiederemmo alle dèe di ascoltarci, mentre tali divinità nella poesia non sono che personificazioni di paure, disgrazie, preghiere.  Si vuol parlare della difficile situazione che vivono ogni giorno le donne, soprattutto le madri in particolare in alcune zone del mondo. Altrettanto difficile è la sorte dei bambini. Con i versi ho voluto esprimere il dolore e la speranza di chi trova il coraggio di fuggire da guerra e fame intraprendendo il duro viaggio della traversata del Mediterraneo, ma anche il coraggio di chi ogni giorno intraprende l’ardua traversata che è la Vita.”


Giorgia Spurio

C’è, quindi, nella poesia della Spurio non solo il rifiuto palese di voltare la testa dall’altra parte ma anche una innata capacità di sentire il dolore di una parte di mondo devastata dalla crudeltà delle guerre e dalla povertà:

“E le madri ridono./ E le madri piangono./ E ci sono madri che né ridono/né piangono/ per quel bambino senza nome, /senza giorno, senza età,/ per quel bambino che è/senza profumo,/ quell’odore di latte che manca/ – l’assenza di una nuvola in un temporale d’estate – /quell’odore che si stringe e si contorce,/ ha solo un aspetto, il potere/ che ha l’odore di una lacrima.

L’autrice Giorgia Spurio è nata il 21 dicembre 1986 ad Ascoli Piceno, laureata in Lettere presso l’Università “Carlo Bo” di Urbino. È musicista. Lavora nel sociale come educatrice. Insegna musica nelle scuole primarie e d’infanzia. Ha pubblicato libri di poesia vincendo a prestigiosi premi letterari tra cui “Quando l’Est mi rubò gli occhi”, “Dove bussa il mare” e “Le ninne nanne degli Šar”. Nel 2016 si classifica seconda al premio letterario Le Fenici con il romanzo “L’inverno in giardino” di prossima pubblicazione, stesso anno è segnalata dal premio letterario “Il Poeta e il Narratore” grazie al quale prenderà vita l’opera “L’Albero e la Luna”.

© 2017, Redazione. All rights reserved.




22 Marzo 2017 alle 11:28 | Scrivi all'autore | | |

Argomenti Frequenti


Archivio


Ricerca personalizzata