Benvenuto e Buona Navigazione, sono le ore 12:19 di Dom 5 Lug 2020

dall’Amat

di | in: Cultura e Spettacoli

Amat

image_pdfimage_print

2017-04-03

CIVITANOVA MARCHE, TEATRO CECCHETTI GIOVEDÌ 6 APRLE

L’INCUDINE E LA ROSA DI GIORGIO CONTIGIANI CONCLUDE “MARCHE DI SCENA”

 

 

Giovedì 6 aprile al Teatro Cecchetti L’incudine e la rosa di Giorgio Contigiani conclude “Marche di scena”, sezione della stagione dei Teatri di Civitanova dedicata alle esperienze del territorio promossa dal Comune di Civitanova Marche, dall’Azienda Teatri di Civitanova e dall’AMAT, realizzata con il contributo di Regione Marche e Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo e con il sostegno di Il Cuore Adriatico Centro Commerciale (main sponsor) e Banca di Credito Cooperativo di Civitanova Marche e Montecosaro (sponsor).

 

Lo spettacolo è un omaggio alla poesia “gitana” di Federico Garcia Lorca, autore di due raccolte di poesie, Poema del cante jondo e Romancero gitano, dalle quali sono stati scelti quasi tutti i componimenti poetici che strutturano la seconda parte dello spettacolo. “Lorca non s’è limitato all’aspetto creativo: nel voler nobilitare le radici della propria cultura – si legge nelle note di Giorgio Contigiani – s’è impegnato anche sul piano intellettuale, promuovendo iniziative per sensibilizzare sulla questione artisti e scrittori del suo tempo. Nella prima parte de L’incudine e la rosa vengono portati in scena alcuni brani dei testi di due famose conferenze dedicate l’una al cante jondo e l’altra al duende. L’incudine e la rosa è uno spettacolo di poesia in voce, di musica, danza e animazioni video: nella seconda parte del programma queste forme di espressione si fondono insieme in un’unica opera creativa”.

 

La recitazione – sia in versi che in prosa – è demandata all’attore e regista Giorgio Contigiani, la danza è incarnata dalla ballerina di flamenco Andreina Bracci, la quale, oltre a proporre alcune tipiche danze andaluse (siguiriya, tango de Malaga e buleria), si è lasciata coinvolgere dal regista in una ricerca espressiva che, esulando dal proprio bagaglio specifico, s’inoltra in territori piú consoni al metodo mimico e al teatro-danza.

La musica, nella prima parte, è composta da un brano di Manuel de Falla, uno di Tarrega e uno di Debussy, da un cante di Terremoto de Jerez (por siguiriya) e uno di Dolores Agujetas (por martinete); la colonna sonora della seconda parte è stata realizzata al computer dal compositore Emanuele Evangelista: un lavoro originale che, usando strumenti moderni, cerca di restituire le magiche atmosfere delle poesie di Lorca.

Le animazioni video che completano il gioco di voce-musica-movimento offrono libere interpretazioni visive dei temi dello spettacolo, con immagini tratte da celebri pittori, alcuni dei quali citati espressamente nella conferenza sul duende (El Greco, Goya, Rousseau).

 

Lo spettacolo è prodotto da Associazione Nina tesse le Arti, l’ideazione scenica, la regia e l’interpretazione sono di Giorgio Contigiani, le coreografie di Andreina Bracci.

 

Informazioni e biglietti: Teatro Rossini 0733 812936, Teatro Cecchetti 0733 817550.

Inizio spettacolo ore 21.15.


PESARO, TEATRO ROSSINI VENERDÌ 7 APRILE THE NOTWIST IN CONCERTO

 

 

Da sempre band pioneristica nel creare un universo sonoro unico e inconfondibile frutto di innumerevoli elementi e influenze, The Notwist arrivano al Teatro Rossini di Pesaro venerdì 7 aprile con un concerto dal sapore esclusivo proposto da Comune di Pesaro e AMAT nell’ambito di TeatrOltre e tappa della rassegna regionale KLANG altri suoni, altri spazi realizzata in collaborazione con Loop Live Club.

 

I The Notwist sono autori di una musica estremamente personale, una specie di alchimia non sollecitata in alcun modo dalle convenzioni né da particolari scadenze, ma solo frutto dell’ispirazione e del talento.

Forti di una carriera iniziata nel 1990, i The Notwist ribadiscono con questo live di sole cinque date italiane che che fa seguito alla pubblicazione dell’album live Superheroes, Ghostvillains & Stuff, di essere un progetto in continua evoluzione, alla instancabile ricerca di dialogo tra il passato rock e le tendenze contemporanee più esplorative e sperimentali. Superheroes, Ghostvillains & Stuff, uscito a ottobre 2016 per Sub Pop, è un doppio CD registrato durante il secondo dei tre concerti sold out che la band dei fratelli Markus e Micha Acher ha tenuto nel dicembre 2015 a Lipsia. Il disco raccoglie sette brani da Neon Golden, cinque da Close to the Glass, tre da The Devil, You + Me e uno da Nook. La band ha sempre ricercato un dialogo tra un rock di vecchia data e le tendenze più innovative: sono proprio le gradazioni che stanno in mezzo a questi due estremi a rendere la band così unica. I fratelli Markus e Michael Acher, insieme a Mecki Messerschmidt, fondano il gruppo nel 1989 a Weilheim, una cittadina vicino a Monaco, in Baviera. Nel 1990 registrano il loro debutto indipendente, intitolato The Notwist. Il disco si caratterizza di un approccio molto forte al metal, con qualche divagazione grunge e indie rock. Il 1992 vede la pubblicazione di Nook, che segue la via percorsa dal precedente lavoro. A dominare il disco sono ritmi punk metal. Una prima svolta arriva con la pubblicazione di 12, avvenuta nel 1995. Questo disco segna il passaggio al post rock. Si possono infatti percepire qui le prime divagazioni del gruppo nei territori dell’elettronica. Nel 1997 Martin Gretschmann si unisce al gruppo e presto arriva la svolta, con la pubblicazione nel 1998 di Shrink. Si tratta di un album di rock sperimentale che fonde jazz ed elettronica. Brani come Day 7 o Chemicals possono essere considerati l’archetipo dell’indietronica. Nel 2002 arriva Neon golden, enorme successo di pubblico e critica, tutt’oggi considerato il loro capolavoro e un album fondamentale nello sviluppo della musica degli ultimi decenni. Dopo 6 anni esce il bellissimo The devil, you + me che li consacra come una delle band più importanti degli ultimi decenni. Infine nel 2014 l’ultimo album in studio Close to the glass, un attraente e imprevedibile matrimonio tra melodie emozionanti e la pulsazione precisa delle macchine e dell’elettronica. Romantico e robotico allo stesso tempo, questo album è un collage che unisce pop songs, scienza, ricerca e capacità di raccontare storie.

 

Informazioni e biglietti (da 10 a 20 euro) presso biglietteria Teatro Teatro Rossini 0721 387621 – 20 e punti vendita del circuito AMAT (info su www.amatmarche.net). Inizio concerto ore 21.

 

© 2017, Redazione. All rights reserved.


Sostieni www.ilmascalzone.it
La lettura delle notizie è gratuita ma i contributi sono graditi. Se ci credi utili sostienici con un contributo a tua scelta intestato a Press Too Srl
IBAN: IT07L0847424400000000004582
Banca del Piceno Credito Cooperativo – Filiale San Benedetto del Tronto 2




3 Aprile 2017 alle 12:33 | Scrivi all'autore | | |
Tags:

Argomenti Frequenti


Archivio


My Web TV Marche

• Coronavirus Marche: aggiornamento
• Ritorno al futuro
• dalla Regione Marche


Social

Visit Us On TwitterVisit Us On FacebookVisit Us On YoutubeVisit Us On Instagram
Ricerca personalizzata