dall’Amat

dall’Amat

2017-04-07

DOMENICA 9 APRILE, ANDAR PER FIABE

SI CHIUDE LA STAGIONE CON UNA DOPPIO SPETTACOLO

 

IL MAGO DI OZ A SAN COSTANZO

QUEL GIORNO CHE PIOVVERO LE NOCCIOLINE DI MESTIERI MISTI AD APECCHIO

 

 

PESARO – Chiusura di Stagione in grande stile domenica 9 aprile alle ore 17.00 al Teatro della Concordia di San Costanzo (recupero data di ottobre annullata a causa del terremoto), e al Teatro Comunale di Apecchio per Andar per fiabe, l’amata rassegna per bambini e famiglie realizzata nei teatri della provincia di Pesaro e Urbino – sostenuta da MIBACT e Regione Marche e dall’AMAT in collaborazione con i Comuni del territorio, Provincia di Pesaro e Urbino e con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Pesaro.

A chiudere la rassegna un interprete amatissimo dal pubblico, Daniele De Bernardi del Teatrino dell’Erbamatta di Savona con la celeberrima favola de Il Mago di Oz al Teatro della Concordia e Mestieri Misti di Pesaro con il divertente Quel giorno che piovvero le noccioline al Teatro Comunale di Apecchio, interpretato da Clio Gaudenzi e Noemi Rinolfi.

Ne Il Mago di Oz i protagonisti della vicenda sono alla ricerca di qualcosa di cui hanno bisogno, e solamente il Mago di Oz li può accontentare: Dorothy vuole tornare a casa, l’omino di paglia ha bisogno di un cervello, l’uomo di latta desidera un cuore perché pensa di essere privo di sentimenti e il leone, re della foresta, è alla ricerca del coraggio. Ma ahimè, si viene a scoprire che Oz non esiste, è una truffa, e di conseguenza nessuno potrà ottenere quel cerca. Ma… ecco il colpo di scena!

L’animatore di pupazzi entra nel ruolo del mago e come nella storia basterà un pugno di segatura, un cuore di carta e una bottiglia con un liquido verde per rassicurare i protagonisti, facendogli finalmente ottenere ciò che cercavano…

Mestieri Misti porta in scena la storia di Vardiello, un bambino un po’ grullarello, ma tanto simpatico che non ne combina mai una giusta. Eppure, un guaio dopo l’altro, costruisce per lui e la sua adorata mamma una vera fortuna…

Se sei onesto e sincero e pronto ad accogliere, come sono i bambini, la vita ti può presentare occasioni inaspettate: uova di gallina colorate, sacchi di monete d’oro dentro statue, giudici burloni…e anche ghiotte noccioline che piovono dal cielo! I bambini amano Vardiello perché è un bambino come loro: sicuramente ne combina di grosse e come sciocco è il primo della lista, ma alla fine si fa voler bene e stimare da tutti. Vardiello insegna a prendere la vita con un po’ più di serenità e di fiducia.

E dalle ore 16.00, al Teatro della Concordia, insieme a PUK la piccola mascotte della rassegna, i bambini potranno divertirsi con il laboratorio artistico Dorothy, lo Spaventapasseri, l’Uomo di Latta e il Leone, a cura di MoCa.

 

BIGLIETTI

Posto unico non numerato adulti e bambini € 5

I biglietti potranno essere acquistati:

– IN PREVENDITA (con maggiorazione di € 1.00 a biglietto)

Biglietteria Tipico.tips, via Rossini 41, Pesaro tel. 0721 3592501

orario: da martedì a sabato, 10-00 – 13.00 e 16.30 – 19.30

Biglietteria Teatro Rossini, P.zza Lazzarini 1, Pesaro tel. 0721 387621

orario: da mercoledì a sabato, 17.00 – 19.30

Biglietteria Teatro della Fortuna, P.zza XX Settembre 1, Fano tel. 0721 800750

orario: da mercoledì a sabato, esclusi i festivi 17.30 -19.30

mercoledì e sabato anche dalle 10.30 alle 12.30

– Domenica 9 aprile  dalle 16.00

Biglietterie

Teatro della Concordia di San Costanzo tel. 0721 950124

e Teatro Comunale di Apecchio cell. 366 6305500

Info: Amat, Uffici di Pesaro, tel. 0721 3592515 –  366 6305500

reteteatripu@amat.marche.it www.amat.marche.it

FANOTEATRO, ULTIMO APPUNTAMENTO DA MARTEDÌ 11 A GIOVEDÌ 13 APRILE

CON UMBERTO ORSINI E MASSIMO POPOLIZIO NE IL PREZZO

 

 

Si avvia alla conclusione FANOTEATRO, stagione della Fondazione Teatro della Fortuna realizzata in collaborazione con AMAT e con il contributo del Comune di Fano, della Regione Marche e del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo. L’ultimo appuntamento della stagione 2016/2017 da martedì 11 a giovedì 13 aprile è con Il prezzo di Arthur Miller affidato alla indiscussa maestria interpretativa di Umberto Orsini e Massimo Popolizio, che firma anche la regia, affiancati da Alvia Reale ed Elia Schilton.

 

Mercoledì 12 aprile si conclude anche il seguito ciclo di incontri con le compagnie, alle ore 18 a teatro.

 

Il testo di Arthur Miller, ambientato negli anni successivi al crollo di Wall Street del 1929, fotografa con spietata lucidità e amara compassione le conseguenze della devastante crisi economica avvenuta negli Stati Uniti nel ‘29. Figli di un padre che ha subito drammaticamente questa crisi due fratelli si incontrano dopo alcuni anni dalla sua morte per sgomberare un appartamento in cui sono accumulati i mobili e gli oggetti raccolti dal padre nel corso della sua vita e che sta per essere demolito. Un vecchio broker è chiamato per stabilirne il prezzo. Dietro questo semplice spunto emergono tutte le incomprensioni e le menzogne che la paura della perdita improvvisa del benessere possono esercitare su chi si dibatte nella crisi. Miller tratta questo tema con la sua consueta maestria facendo scoprire un capolavoro che pur venendo da lontano conduce ai nostri giorni così pieni di incertezze.

 

“Ho accolto con grande entusiasmo la responsabilità di dirigere questa commedia di Arthur Miller – scrive Massimo Popolizio nelle note di regia – che è stata scritta nel 1968 e che in Italia è praticamente inedita. È un’opera a mio avviso molto importante, riproposta negli Stati Uniti e in Inghilterra in occasione del decimo anniversario della morte dell’autore. Ma è importante perché riprende argomenti cari a Miller ed ad altri autori americani della seconda metà del novecento che hanno focalizzato sul tema della famiglia e del disagio legato a mutamenti storico-economici il loro interesse più appassionato. In questa commedia tutto ha un prezzo: le scelte, i ricordi, gli errori, le vittorie e le sconfitte. Ma quello che mi ha colpito di più in questo lavoro così ben strutturato nella sua alternanza di momenti divertenti e di momenti drammatici è stata la consistenza e lo spessore dei quattro personaggi che animano la storia. Grazie anche ad uno sforzo produttivo raramente riscontrabile nel teatro privato ho potuto collaborare con i migliori artisti e professionisti del settore. Soprattutto ho avuto occasione di stare in scena con i colleghi che amo e di ripetere con Umberto quel sodalizio che ci ha legati per anni da L’uomo difficile fino a Copenaghen. È stata un’esperienza felice dirigerli perché essi parlano un linguaggio che ben conosco: quello del teatro di interpretazione”.

 

Informazioni e prevendita presso botteghino del Teatro della Fortuna (0721 800750). Inizio spettacoli ore 21.

 

TEATROLTRE, PESARO DA MARTEDÌ 11 A GIOVEDÌ 13 APRILE

EUGENIO ALLEGRI E MATTHIAS MARTELLI

TRE TAPPE DEL CANTIERE APERTO PER “MISTERO BUFFO”

 

 

Torna a fare tappa nella splendida Chiesa dell’Annunziata di Pesaro TeatrOltre, rassegna multidiscilinare che offre un vasto panorama sui linguaggi più innovativi dello spettacolo dal vivo, realizzata su iniziativa del Comune di Pesaro, insieme a molti altri della provincia, con AMAT e il contributo di Regione Marche e Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo. Da martedì 11 a giovedì 13 aprile l’appuntamento è con Cantiere aperto per “Mistero buffo”. Matthias Martelli – interprete – ed Eugenio Allegri – regista – ripartono dal testo del Premio Nobel Dario Fo per riscoprire la tradizione giullaresca e consegnarla nella loro personale versione alle nuove generazioni di spettatori, coinvolti in un confronto sulle tecniche, sulla realizzazione scenica dell’opera, ogni sera alla Chiesa dell’Annunziata con modalità e contenuti diversi per entrare direttamente all’interno del processo creativo, al quale è invitato a partecipare il pubblico seguendo tutti e tre gli appuntamenti.

 

Mistero Buffo è senza dubbio un classico del teatro e della letteratura italiana legata alla figura del sua autore – attore: Dario Fo. La nostra scommessa – scrivo nelle note allo spettacolo Matthias Martelli ed Eugenio Allegri – è quella di recuperare quest’opera straordinaria, restituirla al pubblico come un capolavoro intramontabile. Da qui nasce l’ambizioso progetto di riportare alla ribalta Mistero Buffo, rimanendo fedeli all’interpretazione di Fo e alla tradizione giullaresca da lui riscoperta, ma nello stesso tempo restando differenti e distinti dal Maestro, consegnando agli spettatori un’interpretazione il più possibile personale del testo. Dopo aver ottenuto il “permesso ufficiale” di rappresentazione pochi giorni prima della morte di Dario Fo, abbiamo iniziato un percorso di produzione e di prove tese al debutto ufficiale, che avverrà nella stagione 2017/2018. Abbiamo deciso però di affiancare al percorso di prove “al chiuso” un tragitto che permetta di portare a conoscenza del nostro lavoro i giovani, le nuove generazioni, a cui il nostro progetto è naturalmente destinato. In scena ci saremo noi: Matthias Martelli, attore trentenne con all’attivo diversi premi, oltre che un’esperienza non solo nei Teatri, ma anche nelle piazze di tutta Italia con lo spettacolo Il Mercante di Monologhi (oltre 200 repliche in meno di due anni); ed Eugenio Allegri, a governare registicamente la verve artistica di questo giovane attore grazie all’esperienza di attore e regista legato alla Commedia dell’Arte, alla lezione del grande pedagogo francese Jaques Lecoq e naturalmente affine al lavoro di Dario Fo, con il quale ha più volte lavorato. Nell’ambito del lavoro di preparazione, sarà dunque fondamentale il percorso di “prove aperte”, con l’obiettivo di restituire Mistero Buffo, non solo come un classico immortale della letteratura teatrale, ma anche come uno spettacolo vivo, rinnovato, che prende vita in carne e ossa davanti al pubblico: vogliamo che il percorso di rinascita di Mistero Buffo non avvenga come un’operazione asettica, calata dall’alto, bensì come il frutto di un percorso condiviso in modo da creare massimo interesse e curiosità intorno alla nostra riproposizione di questo classico di teatro totale”.

 

Per informazioni e biglietti (5 euro): Teatro Rossini 0721 387621, Chiesa dell’Annunziata 389 6657785 il giorno di spettacolo dalle 20. Inizio spettacolo ore 21.

 

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com