Agri-cultura, le opportunità per il mondo agricolo

LE OPPORTUNITÀ PER IL MONDO AGRICOLO AL CENTRO DI UN CONVEGNO

Inaugurazione per il rinnovo locali della sede Cia – Confederazione Agricoltori di Potenza Picena

POTENZA PICENA – L’importanza del ruolo degli agriturismi per la ripresa del settore agricolo. Sarà questo uno dei temi al centro del convegno “Agri -cultura le opportunità per il mondo agricolo anche attraverso il Psr 2014/2020” che si terrà sabato 27 maggio a partire dalle 9 nella sala Mostre “Boccabianca” di Potenza Picena. Agriturismi come opportunità di inclusione sociale, una sorta di welfare, in quanto l’agriturismo, e in generale l’azienda agricola, racchiude non solo servizio di ristorazione e di pernottamento ma tutta una serie di attività come la didattica rivolta ai più piccoli e dunque di tutela ambientale. Alcuni di questi interventi vengono supportati dal PSR 2014/2020 della Regione Marche, altro tema al centro del convegno.

Al simposio interverranno Paolo Scocco assessore al Turismo e Commercio del comune di Potenza Picena, il presidente regionale Turismo verde Elso Renzi, il direttore nazionale Turismo verde Tommaso Buffa, il direttore della Cia di Macerata e Ascoli Massimo Sandroni, Doriano Scibè dell’azienda agricola Fattorie biologiche. Le conclusioni saranno a cura della presidente regionale della Cia Mirella Gattari.

“Gli agriturismi, dunque, hanno una loro valenza anche nel recupero degli edifici storici, vecchi casali e stalle – sottolinea il direttore Buffa -. E rappresenta, soprattutto per i giovani, un incentivo per restare ed investire nel territorio”. Il recupero del paesaggio, della biodiversità e delle antiche ricette saranno anch’essi tra i temi affrontati nel corso della tavola rotonda.

Al termine del convegno ci sarà l’inaugurazione per il rinnovo dei locali della sede Cia in via Boni 1.

 

 




Traversata nella Valle dell’Aterno con il Cai

Prossime iniziative del Club Alpino Italiano Sezione di San Benedetto del Tronto:
TRAVERSATA nella “VALLE DELL’ATERNO”, domenica 28 maggio 2017 TREKKING delle 3 A” (Arquata T., Accumoli, Amatrice), 10 + 11 giugno 2017

San Benedetto del Tronto – Per domenica prossima 28 maggio 2017 il Programma del CAI Sezione di San Benedetto del Tronto prevede una traversata molto interessante nella “VALLE dell’ATERNO“, sul versante settentrionale del Gruppo del Sirente: magnifica traversata lungo la valle del fiume Aterno che, partendo dal minuscolo borgo di Acciano, arroccato su uno sperone di roccia, e passando per l’antico nucleo fortificato di Beffi, raggiunge l’abitato di Fontecchio, ricco di testimonianze della civiltà italica pre-romana e noto per la leggenda “dei cinquanta rintocchi”.

La durata prevista dell’escursione è di circa 5 ore (diversi saliscendi con dislivello complessivo di 400-500m; difficoltà E=Escursionistica). La partenza è fissata, con PULLMAN, per le ore 6.30, presso il parcheggio c/o area “Tonic” (lato est della rotatoria all’ingresso sud di SBT).

La quota di partecipazione per l’uscita è di €.15 per i soci e di €.20 per i NON soci.

Si invitano gli interessati a dare la conferma della propria partecipazione entro il venerdì 26 p.v..

Per maggiori informazioni contattare: Marcucci Pino (328.6991477), Rocco Elio (348.2684637).

Evidenziamo, inoltre, il prossimo “TREKKING delle 3 A” che si svolgerà nei giorni 10 e 11 giugno 2017 e che la ns. Sezione CAI-SBT (soggetto organizzatore, con la fattiva collaborazione di altre Sezioni) propone per conto di tutto il Gruppo “Salaria: quattro regioni senza confini”: si ripercorreranno le due tappe della guida “Salaria” che collegano i borghi dei Comuni di Arquata del Tronto, Accumoli ed Amatrice (le “3 A”).

Nonostante le difficoltà logistiche dovute ai danni inferti dai vari eventi sismici alla viabilità ed alla ricettività della zona, siamo riusciti ad organizzare questa iniziativa (decisa unanimemente dal Gruppo) con lo scopo di far tornare in vita i borghi colpiti attraverso la frequentazione dei sentieri che li collegano. Vedremo le ferite inferte dal sisma in contrasto con la bellezza del paesaggio, sentiremo i profumi della primavera, ascolteremo il silenzio irreale dei borghi e, soprattutto, incontreremo i pochi abitanti che ogni giorno tornano nel territorio per curare i campi e gli animali.

Sono disponibili sulla ns. pagina facebook sia il programma (allegato) con le relative indicazioni sia le 2 schede di iscrizione (rispettivamente: per escursione a piedi o in mountain bike), da compilare e rimandare entro il 2 giugno (e-mail) complete dei dati richiesti, necessari per ottenere le corrispondenti autorizzazioni.

E’ possibile partecipare anche alle singole tappe tenendo conto delle indicazioni specificate nel programma.

Sottolineiamo che, per problemi organizzativi (autorizzazioni), le adesioni devono essere comunicate entro venerdì 2 GIUGNO p.v.. Per ulteriori informazioni rivolgersi a Mauloni Mario (338.9340093).

clicca l’allegato: Trekking 3A-2017.PROGRAMMA




Alia Simoncini con “Oltre la fine” si aggiudica Corto in Accademia

 

CORTO IN ACCADEMIA 2017

VINCE ALIA SIMONCINI CON “OLTRE LA FINE”

TEATRO DELLA FILARMONICA PIENO PER IL GALA FINALE

 

 

Macerata – È la studentessa maceratese Alia Simoncini con il suo “Oltre la fine” ad aggiudicarsi Corto in Accademia 2017, il contest dell’Accademia di Belle Arti di Macerata che anche quest’anno ha fatto il pieno di pubblico al teatro della Filarmonica di Macerata. «Settantanove cortometraggi arrivati da altrettanti autori – ha detto la direttrice Paola Taddei introducendo il pomeriggio – da 16 accademie italiane e 5 istituzioni europee». Dieci i finalisti selezionati dalla giuria internazionale. Per Alia Simoncini un premio di mille euro e una targa per il suo lavoro, spiega la giuria «di grande maturità espressiva che unisce tecnica e immaginazione in un modo colto e suggestivo». Secondo classificato Yang Yue (Torino) con “Water zen me”, premio di 500 euro e targa. Terzo è “Se” di Roberta Masala (Sassari) che vince 300 euro e la targa. A stabilire il podio la giuria tecnica presieduta dalla direttrice di Abamc Paola Taddei (unico componente non votante): Alessandro Valori, Valentina Capecci, Cecilia Ligorio e Simona Lisi. Il web ha il suo vincitore: Farid Amin (Torino) con “Her” si aggiudica il premio di 500 euro. Il pubblico presente in sala ha preferito la terza classificata, Marsala, assegnandole il Premio giuria demoscopica.

Si conclude così un evento che, come ha ricordato il vicesindaco e assessore alla Cultura Stefania Monteverde,  è «un lustro per la città». Il pubblico presente a teatro, dopo una breve introduzione e la visione del cortometraggio vincitore della scorsa edizione (“Claps your hands” di Mattia Barbati), ha fatto una full immersion con la proiezione dei 10 finalisti. A contendersi il podio alla finale di Corto in Accademia 2017 sono stati Farid Amin (ABA Torino), Roberta Baldas e Giulia Agnese (ABA Torino), Giuseppe Cacciola (ABA Palermo), Gloria Dall’Arche (ABA Venezia), Camilla Magnalardo (ABA Macerata), Roberta Masala (ABA Sassari), Alia Simoncini (ABA Macerata), Andrea Speca (ABA Macerata), Marco Villari (ABA Catania) e Yang Yue (ABA Torino). A spiegare come sono stati selezionati i finalisti Alessandro Ciaffardoni, ospite sul palco e componente della giuria internazionale: «abbiamo cercato di selezionare video che rappresentassero tutti gli aspetti del videomaking. Dal documentario all’animazione». Tra gli ospiti Francesco Chiatante, ex studente di Abamc poi approdato a Roma dove ha lavorato anche con Franco Zeffirelli e che domani presenterà in Accademia il suo “Animeland” nell’aula Antonioni del dipartimento di Multimedia. Il suo consiglio per gli studenti è andare avanti con determinazione: «anche la persona più importante al mondo potrebbe aver bisogno della vostra competenza». Tante domande del pubblico anche per le giurate Cecilia Ligorio e Simona Lisi. Prima del verdetto a sedersi insieme a Paola Taddei sulla scena della Filarmonica sono stati Valentina Capecci, Alessandro Valori e il giovane attore Simone Riccioni, che hanno lavorato insieme al film “Tiro libero”, girato anche a Macerata durante il terremoto. È Riccioni a lanciare una proposta all’Accademia: «nelle Marche abbiamo tante professionalità del cinema che però se ne vanno altrove. Qui a Macerata c’è un’Accademia che funziona e sarebbe bello collaborare a prossimi progetti insieme ai ragazzi per la parte artistica». Ad accompagnare i momenti prima della premiazione anche l’esibizione degli Elpris che hanno presentato alla platea il video del brano “Animali alieni”.

 




dall’UniUrb

2017-05-26

A 101 anni il pluricampione di atletica Giuseppe Ottaviani in visita al Carcaere di Fossombrone

Martedì 30 maggio alle ore 9,00 il campione di atletica master si recherà al “Teatro Casa Reclusione di Fossombrone” per tenere con i detenuti del centro un incontro riguardante salute e sport, i suoi vantaggi e valori principali.

Militare nella seconda guerra mondiale, Ottaviani ha scoperto il mondo dell’atletica dopo i settant’anni grazie ai fratelli. Da lì è iniziata la sua brillante carriera, apertasi con il salto in alto per estendersi poi a undici categorie (tra cui salto in lungo, pentathlon dei lanci e 100 metri piani, categorie di cui detiene il record mondiale M95).

Nel 2017 ha migliorato il suo record mondiale di salto in lungo con la misura di 1,60metri e il 20 maggio ha stabilito il record mondiale di categoria nel Pentathlon del lancio con 1253 punti.

Sempre forte è stato il suo legame con la Scuola di Scienze Motorie di Urbino, che lo ha spesso accompagnato nella sua preparazione, per la quale ogni anno tiene la lezione inaugurale del corso di attività motoria nella terza età.

L’incontro è diretto a trasmettere i valori dello sport, centrali e totalizzanti nella vita di Ottaviani, ai detenuti, in quanto, come il centunenne stesso sostiene, “lo sport è vita, lo sport è libertà”.

 

Workshop

Il progetto come impresa e il progetto nell’impresa

Università di Urbino – DESP – Palazzo Battiferri – Aula Blu

Venerdì 26 maggio 2017

Il 26 maggio dalle ore 10:30, presso l’Aula Blu di Palazzo Battiferri dell’Università di Urbino, avrà luogo il workshop “Il progetto come impresa e il progetto nell’impresa”.

La giornata vuole essere un momento d’incontro e di confronto tra studiosi, manager e operatori che si affacciano al mondo del progetto e del Project Management o che lo praticano da tempo, e la partecipazione attiva dei practitioners e professionisti di queste tematiche. Il workshop gode dell’appoggio delle sezioni italiane del PMI (Project Management Institute), organismo globale che opera per la diffusione dei saperi e delle competenze sui progetti e sulla loro ottimale conduzione.

La partecipazione è gratuita ed è possibile iscriversi a questo link https://ilprogettocomeimpresa.eventbrite.it.

Di seguito il dettaglio del programma

10,30 Saluti

  • Vilberto Stocchi, Magnifico Rettore Università degli Studi di Urbino Carlo Bo

  • Laura Gardini, Presidente della Scuola di Economia (Dipartimento di Economia, Società, Politica)

10.45-13,30 I sessione. Project management, ricerca e formazione (Coordinatore Alessandro Pagano)

Project management e education: il rapporto tra il Project Management Institute e l’Università (Gianmarco Antonelli – PMI-Northern Italy Chapter)

La gestione dei progetti

  • Project management e project marketing (Roberta Bocconcelli e Elisabetta Savelli – Università di Urbino)

  • Il controllo di gestione nei progetti (Massimo Ciambotti e Federica Palazzi – Università di Urbino)

  • Project management e “risorse di progetto” (Alessandro Pagano e Fabrizio Ciarmatori – Università di Urbino)

La varietà dei progetti

  • Project management e operations (Federica Murmura – Università di Urbino)

  • Project management e lean accounting (Francesca Cesaroni e Annalisa Sentuti – Università di Urbino)

  • Project management e progetti web (Marco Cioppi e Simone Moriconi – Università di Urbino)

  • Project management e gestione di eventi (Tonino Pencarelli – Università di Urbino)

14,30-18 II sessione. Il progetto nell’impresa (Coordinatore Roberta Bocconcelli)

Introduzione

  • Roberta Bocconcelli (Direttore Summer School in Project Management – Università di Urbino)

  • Antonio Cipolla (PMI – Central Italy Chapter)

  • Gianmarco Antonelli (PMI – Northern Italy Chapter)

Project management e cambiamento organizzativo (Angelo Caruso – Università di Urbino)

Project management e gestione degli stakeholders (Eugenio Marogna – EM Consulting)

Project management nell’impresa multi-project (Patricia Gamberini – PMI- Northern Italy Chapter)

Professional development nel PMI (Gianmarco Antonelli – PMI – Northern Italy Chapter)

Tavola rotonda: esperienze di progetti nelle imprese

  • Stefano La Motta (Polistudio)

  • Alessandra Pozzi (Acanto Comunicazione)

  • Bruno Brulli (2G & Partners)

  • Antonio Cipolla (PMI-CIC Central Italy Chapter)

Conclusioni Roberta Bocconcelli (Direttore Summer School in Project Management – Università di Urbino)

————————————————————————————————————

Comitato Scientifico

Alessandro Pagano – alessandro.pagano@uniurb.it

Roberta Bocconcelli – roberta.bocconcelli@uniurb.it

Angelo Caruso – angelo.caruso@uniurb.it

Segreteria Organizzativa: Studio Synthesis – info@studio-synthesis.it

 

 

Il CUS Urbino si rinnova

– Eletti i consiglieri del Centro Universitario Sportivo di Uniurb, con Gianluca Antonelli quale nuovo Presidente –

Gianluca Antonelli, funzionario dell’Università di Urbino, è il nuovo presidente del Centro Universitario Sportivo. L’assemblea dei soci, che si è riunita il 18 maggio, ha eletto anche cinque consiglieri nelle figure di Marco Becilli, Alessandro Micheli, Riccardo Monzoni, Stefano Pretelli e Paride Serafini. Giacinto Cenerini presiederà il Collegio Revisori dei Conti con Jader Rossi quale secondo componente.

<Il nostro programma è fatto di obiettivi concerti e dunque, come speriamo, realizzabili> spiega il neopresidente. < Tra questi l’inserimento di nuovi soci sulla base di criteri definiti dal nuovo direttivo, l’incremento del numero degli studenti universitari partecipanti ai Campionati Nazionali Universitari, nel rispetto dei regolamenti vigenti del CUSI e delle varie Federazioni; il rafforzamento delle attività agonistiche legate alle attività delle federazioni, l’incremento delle attività non agonistiche e dei corsi, implementando, tramite apposite convenzioni con soggetti terzi,  la possibilità di utilizzo di strutture sportive ed attrezzature, non avendo il CUS immobili di proprietà. Contiamo inoltre> prosegue Antonelli <di aprire in tempi brevi i campi da Tennis collocati al Colle dei Cappuccini, ora completamente risistemati. Compatibilmente con le finalità istituzionali, vogliamo essere  al servizio dell’Università, dei suoi studenti, dei suoi docenti, dei suoi dipendenti e naturalmente di tutta la cittadinanza, consolidando i rapporti con le istituzioni scolastiche locali per attivare  progetti educativi nel campo dello sport. Infine ma non meno importante, puntiamo a creare un nuovo sito web da collocare nel portale dell’Ateneo. Tutte attività che ovviamente saranno espletate rispettando il criterio di sostenibilità finanziaria del bilancio del CUS Urbino>.

 

A causa di improcrastinabili impegni sopraggiunti, il ministro degli Affari Esteri Angelino Alfano non potrà essere presente al previsto incontro di lunedì prossimo sul tema “Alta formazione e internazionalizzazione”, che pertanto è stato rinviato a Giovedì 15 giugno.

 




Vintage Village “Un Borgo in festa”

 

A Monsampolo protagonisti i favolosi anni ‘50

 

L’8 e 9 luglio, Monsampolo del Tronto ospiterà Vintage Village “Un Borgo in festa”, promosso dall’associazione 17Festival, con il patrocinio del Comune e la direzione artistica di Seventeen eventi. In programma: musica, mostre, laboratori, attività per adulti e bambini, degustazioni, esposizione di oggetti d’epoca, percorsi di ballo, sfilate di moda, animazione, truck food, Drive In, stand con Hair Style e Make Up, live performances, workshop fotografici, rigorosamente anni ‘50

MONSAMPOLO DEL TRONTO (Ap) – Torna anche quest’anno, in una rinnovata location, l’evento più retrò del sud delle Marche. Sabato 8 e domenica 9 luglio a Monsampolo del Tronto, si svolgerà Vintage Village “Un Borgo in festa”, la kermesse artistico-culturale che rievoca un’epoca di sogni, rinascita, musica ed esuberanza rockabilly sullo stile pin up: i favolosi anni ‘50. L’iniziativa, organizzata dall’associazione 17Festival, con il patrocinio del Comune e la direzione artistica di Seventeen eventi, è ad ingresso libero, e vuole essere un volano per il territorio e un’occasione di coesione fra generazioni diverse, ponendo in evidenza la qualità delle strutture ricettive locali e dell’offerta turistica.

 

Per due giorni, la manifestazione porterà indietro nel tempo il borgo di Monsampolo del Tronto, e farà rivivere luoghi storici e suggestivi del centro storico e vie circostanti, che per l’occasione saranno allestiti con particolari scenografie, e ospiteranno esposizioni, spettacoli, giochi, un Drive In, musica degli anni ‘50, dal Rock’n’ Roll allo swing di provenienza nazionale e internazionale, insieme a degustazioni, aperitivi, cene a tema, truck food provenienti da tutta Italia, esposizione di oggetti di modernariato per appassionati del vintage, stand con Hair Style e Make Up per poter spersonalizzare acconciature e trucco, un giardino del gioco vintage, con clown, truccatrici e animatori con intrattenimento per i più piccoli, sfilata di auto d’epoca, live performances, workshop fotografici, percorsi di ballo, sfilate di moda. Un weekend “fifties style”, che nelle prime due edizioni, nel 2015 e 2016, ha registrato oltre 15000 presenze.

 

L’Associazione 17Festival nasce dalla volontà di sensibilizzare alla solidarietà, affidandosi all’arte in tutte le sue sfaccettature (musica, fotografia, disegno, poesia, scultura) e promuove eventi culturali, tra i quali il “17Festival”, il “17 Contest” e il “Vintage Village”.

 




Nottenera Junior a Serra de’ Conti

NOTTENERA JUNIOR ‘17 / TEMA: COMUNITÀ / SABATO 27 MAGGIO / SERRA DE‘ CONTI

 

A Serra de’ Conti sabato 27 MAGGIO un minifestival con e per i bambini che anima il centro storico del paese, rigorosamente a luci spente. Spettacoli, mostre, installazioni di cuscini d’arte, concorso di disegno, scatti d’autore, laboratori, giochi e sorprese intorno al tema della “Comunità”, con apertura straordinaria del Museo delle Arti Monastiche.

 

A Serra de’ Conti – NOTTENERA, il festival-vetrina sui linguaggi creativi contemporanei che ogni agosto si tiene per una notte intera nella città di Serra De’ Conti, ha anche la sua versione Junior.

Sabato 27 maggio, dalle ore 18,15 fino a sera, Serra De’ Conti sarà teatro di spettacoli, installazioni, eventi speciali, proposte gastronomiche, laboratori e giochi, dedicati ai più piccoli e alle loro famiglie, per un evento fortemente voluto dal Comune di Serra de’ Conti (Assessorato alla Cultura e alle Politiche Giovanili), sostenuto dall’Ambito Territoriale Sociale n° 8 ed organizzato dall’Associazione NotteNera in collaborazione con le scuole del territorio: un minifestival dedicato ai bambini che anima il centro storico del paese, rigorosamente a luci spente.

Nottenera Junior nasce nel 2012 come specifico progetto educativo, sviluppato di anno in anno attorno ad un tema differente che promuove la conoscenza e la cultura dei linguaggi creativi contemporanei come strumenti di integrazione ai più consueti piani formativi. Grazie ad una consolidata collaborazione con le insegnanti di tutte le scuole del paese, i giovani di Serra de’ Conti possono incontrare cinema d’animazione, arti visive, danza contemporanea, illustrazione, teatro, circo. Gli artisti esterni selezionati vengono chiamati ad interagire e ad integrare la programmazione didattica della scuola in cui sono accolti. Gli esiti di questi percorsi, così come varie altre iniziative curate dallo stesso corpo docente, da diverse associazioni, da cittadini volontari, dalle famiglie, danno vita al prezioso momento finale, il minifestival aperto a tutti. Nello specifico Nottenera Junior si articola in un concorso di disegno che riguarda tutti i bambini del paese a partire dalla Scuola Primaria e in vari laboratori che invece partono già dalle Scuole di Infanzia, e che per l’edizione 2017 ha coinvolto, oltre agli insegnanti consueti, anche artisti e performer quali Valerio Giacone (Arti visive), il Teatro Rebis (Teatro) e Luciano Menotta (Clown e Mimo). La direzione artistica è a cura di Sabrina Maggiori.

 

Al centro della Nottenera Junior 2017, il tema della “Comunità”, declinato in una serie di eventi ad ingresso gratuito. Sarà possibile visitare al prezzo speciale di 2 euro il Museo delle Arti Monastiche, con apertura straordinaria fino alle ore 22 e all’interno una eccezionale esposizione dei disegni e dei cuscini realizzati dai bambini e dai ragazzi delle scuole del territorio per il Concorso di Disegno Nottenera 2017, una mostra allegra e colorata che resterà aperta fino al 13 giugno.

 

Il programma si apre alle ore 18,15 con il primo di una serie di quattro spettacoli esito dei laboratori delle scuole del territorio: alla Scuola dell’Infanzia “Il Girotondo” di via Cappannini va in scena “Fuori dalle righe”, interpretazione corporea di storie illustrate con i bimbi della stessa scuola; si tratta dell’esito del laboratorio di letture teatrali e messa in scena a cura di Luciano Menotta, un progetto sostenuto dalle famiglie. Il secondo spettacolo ha luogo alle ore 20,45 nel Chiostro di San Francesco, “Io… Tu… Noi… Tutti”, protagonisti i bimbi della scuola dell’Infanzia “Il Girotondo” di via Martorello, al termine del laboratorio teatrale tenuto dalle stesse Maestre della scuola. Alle ore 21,15, stesso luogo, va in scena “M. La Danse Kids + Contemporary Kids” con i bimbi da 7 a 12 anni di Arcevia, Montecarotto, Serra De’ Conti, Ostra Vetere, guidati da Arianna Solfanelli e Enrica Rossini. A seguire (ore 21,45) nel Chiostro, lo spettacolo “Una Apis, Nulla apis” ovvero “Io vedo il mondo come una creatura di creature”, con le classi 4F e 4G della Scuola Primaria G. Leopardi, al termine del laboratorio di Teatro condotto da Meri Bracalente del Teatro Rebis: il titolo di questo lavoro è un proverbio che dice che “un’ape da sola equivale a nessun’ape”, il sottotitolo è ispirato al pensiero del poeta, sociologo ed educatore Danilo Dolci, secondo cui “Natura deriva da nascituro ed è legata alla nascita. Essa richiede la comunicazione che ti permette di crescere, nell’interazione con le creature. Con quella creatura di creature che è la vita.”

 

Sarà sempre il Chiostro di San Francesco ad accogliere poi alle ore 22,30 la consegna degli attestati e dei premi ai vincitori del Concorso di Disegno, e alle ore 22,45 il concerto “Comunità in musica” con gli alunni della Scuola Secondaria di primo grado C. Cagli, a cura della Prof.ssa Beatrice Calai.

 

Per le arti visive, due gli appuntamenti. Dalle ore 18,30 in Piazza Gramsci (corridoio di accesso secondario al Museo delle Arti Monastiche), la mostra “Il grande libro dei Tuttuno”, una installazione partecipativa che raccoglie i frutti del laboratorio di arti visive a cura di Valerio Giacone con i bambini delle due scuole dell’Infanzia di Serra De’ Conti, Il Girotondo di Via Cappannini e di Via Martorello. Dalle ore 18,30, il Museo delle Arti Monastiche accoglie tutte le opere che hanno partecipato al “Concorso di Disegno Nottenera Junior 2017”, con elaborati degli studenti della Scuola Primaria G. Leopardi e della Scuola Secondaria di primo grado C. Cagli guidati dalla Prof.ssa Sara Giuliani: cuscini d’arte sculture di creta con inserti cromatici, scatti d’autore fotoreportage.

 

Intrigante e aperta a tutti i bambini l’offerta di Laboratori in occasione del minifestival: due in piazza Gramsci dalle ore 18,30 con “Ventagli d’autore” laboratorio di stampa e incisione a cura degli alunni delle classi 2D e 2E della Scuola Secondaria di Primo Grado C. Cagli con la supervisione delle Prof.sse Sara Giuliani e Arianna Bellucci, e con “Una notte da… editori” il laboratorio di disegno attorno alla creazione di un libro, a cura di Emanuele Ramini,  in collaborazione con il Gruppo Editoriale Raffaello Editore che regalerà un libro ad ogni vincitore del concorso di disegno. Dalle ore 19 nel Chiostro San Francesco il “Giro Giro Mondo”, laboratorio di danze popolari del mondo e gioco-danze di ispirazione folkloristica per bambini e genitori a cura di Claudia Gentili dell’Associazione TiVittori.

Per l’enogastronomia, appuntamento nell’area di ristoro “Mangiamo insieme” a cura della Pro Loco di Serra de’ Conti, con area libera pic-nic.

 

 

 

INFO: www.nottenera.it / info@nottenera.it

 




Recanati Art Festival, assaggi al Reasonanz

 

 

Il 1 giugno, in occasione della rappresentazione teatrale a cura di Magma Associazione Culturale presso il Reasonanz di Loreto,

inaugurazione della mostra fotografica dedicata al Festival

 

Recanati – Continua il sodalizio tra Whats Art e Magma Associazione Culturale. Dopo il laboratorio presso Centro Culturale Fonti San Lorenzo e la partecipazione al Recanati Art Festival nel 2016, Magma ha elaborato uno spettacolo teatrale al Reasonanz per giovedì 1 giugno alle ore 21.30, che darà l’occasione a Whats Art di presentare la nuova edizione del Recanati Art Festival, in programma il 15 e il 16 luglio nel Centro Storico leopardiano. Nei locali infatti saranno allestite delle stampe fotografiche con gli scatti più belli del Recanati Art Festival a cura del C.C.S.R. LE GRAZIE – BFI, confermato anche per quest’anno come fotografo ufficiale. A fine rappresentazione la video cronaca del Festival 2016 con i ringraziamenti di tutti coloro che l’hanno reso possibile. Inizia con questa serata anche un sodalizio con il Reasonanz di Loreto – uno dei Circoli culturali più innovativi del territorio, nato proprio per la diffusione delle arti attuali, dell’alimentazione non cruenta e dell’aggregazione consapevole – che darà i suoi frutti anche per eventi futuri.

Lo spettacolo teatrale dal titolo “NIP – Not Important Person”, realizzato con il consueto stile raffinato e puntuale di Magma, è frutto del corso teatrale realizzato nel corso di tutto l’anno presso la sede dell’Associazione Altra Eco in via Campo dei Fiori a Recanati. Narra di “quei 50 milioni di italiani, carne da auditel e da sondaggio, che non vivono nel paradiso dei VIP, pur adorandoli.
I NIP protagonisti, bizzarri e irriverenti, si alterneranno per raccontarci le loro storie tra situazioni surreali (a volte paradossali) e tragicomiche: signori che divagano, bancomat parlanti, barman detective e attrici disoccupate”.

L’ingresso è gratuito, ma per questione si spazi è gradita la prenotazione al n. 3890016545.

 

 

 

 




dalla Città

2017-05-26

26 maggio 2017

IMU, entro il 16 giugno si paga la prima rata

E’ possibile ottenere online il calcolo del tributo e la stampa del modello F24

 

L’Ufficio Tributi del Comune di San Benedetto del Tronto ricorda che venerdì 16 giugno 2017 sarà l’ultimo giorno utile per pagare la prima rata in acconto dell’IMU per tutte le tipologie di immobili diverse dall’abitazione principale. La cosiddetta “prima casa” e una pertinenza sono infatti esenti dal pagamento dell’imposta. Fanno eccezione le abitazioni principali di lusso, cioè quelle classificate catastalmente come A/1, A/8 e A/9.

 

Le aliquote sono le stesse del 2016 ma in ogni caso l’’Ufficio Tributi è a disposizione degli utenti per stampare il modello F24 compilato (solo per posizioni già verificate e presenti in banca dati). Il pagamento può avvenire solo in banca o alla posta attraverso il modello F24.

 

Analogo servizio è disponibile on line collegandosi alla sezione “Servizi e pagamenti on line” del sito istituzionale  Basta inserire la propria username e la password (inviata a domicilio dei contribuenti in occasione del pagamento IMU 2012) e sarà possibile visionare sia l’importo totale dovuto sia stampare il modello F24 per il pagamento.

 

Chi ha smarrito la password può, se già si è autenticato in passato, recuperarla attraverso la funzione “recupero password”, chi invece non ha mai effettuato l’accesso può richiedere username e password scrivendo a tributi@comunesbt.it

 

Un’apposita comunicazione sta comunque per essere inviata ai contribuenti presenti in banca dati con tutte le informazioni utili.

 

In vista di questa scadenza, dal 5 al 16 giugno 2017 l’orario di apertura al pubblico dell’Ufficio Tributi sarà ampliato come segue: lunedì, mercoledì e venerdì dalle 9,30 alle 13; martedì e giovedì dalle 16 alle 18. Nello stesso periodo sarà attivo un sportello nella delegazione comunale di via Turati a Porto d’Ascoli, aperta negli stessi orari.

 

Per saperne di più

 




dalla Regione Marche

2017-05-26

VIA LIBERA AL PIANO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO 2017-2019.

L’assessore Bravi: ”Progettualità formativa e welfare sociale per gli studenti”

Formazione mirata e welfare sociale per gli studenti. Sono questi i capisaldi del Piano triennale per il diritto allo studio 2017 – 2019 proposto dall’assessore all’Istruzione, alla formazione e al lavoro Loretta Bravi e approvato dalla giunta. L’atto, che fissa i criteri per l’erogazione delle borse di studio, del servizio ristorazione e del servizio alloggio per gli studenti universitari, approda ora in Commissione per poi passare al vaglio del Consiglio regionale. Il Piano è uno strumento nuovo, introdotto dalla legge regionale (n.04/2017) di riordino del sistema marchigiano per il diritto allo studio nell’ambito dell’istruzione superiore, per delineare, in maniera condivisa, le strategie di governance e di intervento in un ambito decisivo per il futuro della nostra società. “Il piano – spiega l’assessore Bravi – parte da due premesse: una progettualità formativa innovativa e rafforzata, ispirata agli obiettivi di Europa 2020 e un welfare sociale per lo studente marchigiano. Per la prima volta, inoltre, si intende considerare le prospettive del mondo del lavoro, su un’analisi della composizione della popolazione studentesca e dei suoi trend, in modo da rilevare punti critici e necessità e delineare tempestivamente adeguati interventi di risposta”. In questo contesto assume un ruolo fondamentale l’ERDIS (Ente regionale unico per il diritto allo studio) istituito dalla legge regionale 4/2017, che assorbe i 4 ERSU, ciascuno dei quali, dal 96 ad oggi, operava in corrispondenza dei 4 Atenei , in un unico Ente erogatore, allineando, quindi, la Regione Marche alle disposizioni nazionali in materia di gestione dei flussi finanziari del Fondo Integrativo nazionale (FIS) per il diritto allo studio superiore. Attraverso l’ERDIS la volontà della Giunta regionale, rappresentata anche dal piano triennale, è quella di qualificare e di armonizzare, su tutto il territorio regionale l’offerta di servizi agli studenti, nell’ottica di una loro gestione condivisa con gli Atenei, così da esaltare e mettere a fattor comune le peculiarità dei diversi territori. Il Piano, tra le sue priorità, prevede, infatti, che tutti gli studenti, qualsiasi sia l’ateneo o l’istituto frequentato, abbiamo le stesse opportunità e gli stessi servizi, oltre ad una graduale riqualificazione della spesa attraverso modalità gestionali che favoriscano l’acquisto di beni e servizi comuni, realizzando economie di scala. In conformità alle disposizioni nazionali di riferimento, l’atto prevede anche un bando unico e graduatorie uniche per la concessione delle borse di studio e pone un accento tutto particolare all’internazionalizzazione dei nostri Atenei, intesa come capacità di attrarre studenti stranieri ma anche come attitudine a proiettarsi verso cooperazioni internazionali. “Oggi – prosegue Bravi – dobbiamo puntare sui dottorati industriali, sulla terza missione dell’università e sulla territorialità: su questi temi la riforma è stata pensata. Per questo, nell’attesa di arrivare, attraverso un necessario processo di “traghettamento”, alla messa a punto del nuovo sistema regionale di gestione del diritto allo studio, secondo le opportunità che la nuova legge offre, noi incrementiamo l’investimento regionale con quello che serve per la formazione ad hoc dei nostri ragazzi”.

 

SISMA – AVANTI IL LAVORO PER LE SOLUZIONI ABITATIVE

Procede il lavoro della Regione sulle Sae. Tra ieri e oggi sono state fatte aggiudicazioni definitive per le aree di:

– Fiastra, area di Capoluogo e Cerreto-Acquacanina, 50 Sae per 148 abitanti

– Visso, Croce e Villa Sant’Antonio, 74 Sae per 240 abitanti

– Ussita, La Pieve-Capoluogo: 68 Sae per 210 abitanti

– Pieve Torina, aree di Antico- Casavecchia – La Serra – Appennino: 83 SAE per 278 persone.

Domani gli uffici provvederanno a dare avvio alle procedura di gara per i progetti per le Sae di: Montegallo – Uscerno, Caldarola – Campo Sportivo, Serrapetrona – Caccamo, Acquasanta Terme – Arli.

 

OGGI A MACERATA, IL FORUM REGIONALE DEI “SAPERI SOCIALI E TERRITORIALI”

 

L’INTERVENTO DELL’ASSESSORE REGIONALE, MORENO PIERONI

 

“Una riflessione profonda che sarebbe stata probabilmente necessaria anche senza una forte criticità come il terremoto”.Così l’assessore regionale al Turismo-Cultura, Moreno Pieroni, introducendo oggi a Macerata , al Teatro della Società Filarmonica i lavori del Forum regionale “ Saperi Sociali e territoriali “, promosso e organizzato dalla Regione Marche  – Assessorato al Turismo-Cultura con la collaborazione scientifica di AASTER, Agenti di sviluppo del territorio e con il supporto di Consorzio Marche Spettacolo(CMS).

Moreno Pieroni, preceduto dai saluti del Sindaco di Macerata, Romano Carancini  ha spiegato le motivazioni che hanno portato alla scelta di “fare appello al ricco mondo della cultura marchigiana per immaginare e progettare insieme il futuro delle aree interne”. “Sappiamo tutti – ha proseguito – di essere entrati ormai da quasi un decennio in una fase di profonda trasformazione nel modo di fare impresa, di fare impresa culturale, di fare coesione sociale e sviluppo turistico, di essere società adeguata ai tempi. Sappiamo che lo sviluppo che verrà è fatto di sostenibilità a tutto campo, di economia circolare, di responsabilità sociale diffusa, di bellezza, di green economy e di paesaggio. Ecco, il paesaggio, in particolare, è la metafora intorno alla quale sono impostati i lavori di oggi ai quali spero tutti possano avere la possibilità di dare contributi. Peraltro quella di oggi vuol essere una prima occasione per avviare un laboratorio di riflessione per un rinascimento e per progettare un futuro nel quale ci auguriamo che la cultura sia in grado di giovare un ruolo chiave, in quanto ambito generativo di suggestioni, idee e progetti per il territorio e con il territorio, che permettano di affrontare nel miglior modo possibile le situazioni nonostante una “natura matrigna”. Tutto questo dipende ancora da noi uomini e donne che abitiamo da millenni queste terre così lavorate dall’operosità e dall’ingegnosità umana. Occorre ripartire – per prendere in prestito un tema di Aldo Bonomi- dalla “sociologia delle macerie” e immaginare una “sociologia della comunità che verrà”, per  abitare il territorio e per uscire dalla contraddizione tra terremoto e turismo. Per superare questa contraddizione abbiamo lanciato l’impegno di arrivare ad un laboratorio di idee che oggi stiamo “battezzando” proprio alla BIT in occasione della presentazione della campagna “ViviAmo le Marche” che sta agendo in modo positivo sull’immaginario del turista italiano e straniero, e ciò anche grazie all’impegno di tanti “marchigiani eccellenti”, come quelli che hanno aderito al dibattito di oggi per rappresentare le Marche che sono e che saranno.

Vogliamo puntare l’attenzione su un concetto di cultura molto ampio, perché qui nelle Marche la cultura impregna gran parte della vita quotidiana: nelle scuole, nelle istituzioni culturali, nelle imprese, a prescindere dal settore operativo (manifattura, artigianato, agricoltura, professioni terziarie e creative, etc.), nel terzo settore e nel fitto tessuto associativo, quello delle categorie economiche e quello del volontariato, senza il quale davvero non sarebbe possibile rendere fruibile il grande patrimonio artistico ereditato dal passato.

Era presente in platea anche Francesco Palumbo, Direttore generale turismo del MIBACT.

A quattro gruppi di lavoro era affidato il compito, nella sessione pomeridiana, di elaborare proposte partendo dal tema del paesaggio: Gruppo 1 – Il Paesaggio – Eredità e identità in transizione Chairman: Pippo Ciorra, Docente di Composizione Architettonica e Senior curator MAXXI Architettura. Gruppo 2 – Il Paesaggio – Il patrimonio come bene culturale

Chairman: Carlo Birrozzi, Soprintendente Archeologia belle arti e paesaggio delle Marche Gruppo 3 – Il Paesaggio – I software dell’ipermodernità Chairman: Cristiana Colli, Giornalista, ricercatrice sociale    Gruppo 4 – Il Paesaggio – “Com’era e come sarà”, nuove geografie e nuovi modelli di sviluppo Chairman: Aldo Bonomi, Direttore AASTER

 




Politica ambientale europea, confronto tra amministrativisti, economisti ed operatori del settore

 

 

Martedì 30 maggio il convegno promosso dal prof. Francesco De Leonardis con Rosario Ferrara, Marcello Cecchetti e Gianluca Pesarini.

 

Macerata – Si terrà martedì 30 maggio dalle 9.30 al Polo Pantaleoni il convegno “Diritto dell’ambiente ed economia circolare”, promosso dalla cattedra di diritto amministrativo del prof. Francesco De Leonardis, ordinario del Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Macerata. L’iniziativa si inserisce nell’ambito di un più ampio progetto di ricerca dal titolo “Mercato e ambiente: la sostenibilità dei processi produttivi e dei prodotti”.

Alla luce di alcune recenti prese di posizione da parte delle istituzioni europee sul tema dell’economia circolare – a mero titolo esemplificativo, si segnala che nello scorso mese di marzo la Commissione europea ha approvato un secondo pacchetto di misure, l’evento vuole essere un’occasione per fare il punto sulle molte implicazioni di quello che si sta profilando essere il nuovo corso della politica ambientale europea.

Anche per questa ragione, dunque, il convegno ha un taglio multidisciplinare. Nella mattinata infatti – dopo i saluti istituzionali del rettore Francesco Adornato, e del direttore di Giurisprudenza Ermanno Calzolaio – si alterneranno le relazioni di studiosi amministrativisti ed economisti esperti della materia. Ad aprire i lavori sarà la relazione di Rosario Ferrara, ordinario di Diritto amministrativo all’Università di Torino e docente di diritto dell’ambiente all’Università Luiss Guido Carli di Roma, i cui studi in tema di diritto ambientale costituiscono da tempo un punto di riferimento imprescindibile per quanti si occupano della materia.

Nel pomeriggio è prevista una tavola rotonda – coordinata da Francesca Spigarelli, delegata del rettore ai rapporti con le imprese – cui sono stati invitati a partecipare alcuni tecnici ed operatori del settore. Tra questi, anche il capo dell’ufficio legislativo del Ministero dell’ambiente Marcello Cecchetti e il presidente di Confindustria Macerata Gianluca Pesarini. Seguirà il dibattito con il pubblico. Il convegno è accreditato dall’Ordine degli Avvocati di Macerata per sette crediti formativi.