Convegno in ricordo di Carlo Urbani

 

 

L’Università di Macerata, su proposta dell’Inrca, e dell’Aicu, ha organizzato il convegno “Malattia e salute al tempo della globalizzazione” per martedì 30 maggio.

 

Macerata – L’Università di Macerata, raccogliendo una proposta dell’Inrca, per tramite del direttore Gianni Genga e dell’Aicu, Associazione Italiana Carlo Urbani, ha organizzato il convegno “Malattia e salute al tempo della globalizzazione” in occasione dei quattordici anni dalla scomparsa di Carlo Urbani, morto il 29 marzo del 2003 in Thailandia vittima della Sars, dopo essere stato uno dei primi medici al mondo ad individuare per la prima volta il virus di questa malattia e aver avviato misure di contenimento del contagio. L’iniziativa si svolgerà martedì 30 maggio dalle 16.30 al Polo Pantaleoni.

Dopo il saluti del rettore Francesco Adornato, interverranno il presidente dell’Aicu Emilio Amadio in ricordo di Carlo Urbani, il professor Luigi Alici su salute e malattia, vite fragili e cura preziosa, il condirettore Health Innovation Practice Nicoletta Dentico sule dimenticanze della salute globale, la presidente della fondazione Ivo De Carneri di Milano sulla formazione sul campo dei giovani operatori di salute, il prof. Sebastiano Porcu  su salute e volontariato internazionale, il chirurgo Gabriele Pagliariccio sull’esperienza in Ecuador. Introduce e modera Erik Longo, delegato del rettore alla quarta missione.

 

Originario di Castelplanio, la vita di Carlo Urbani è stata caratterizzata da un forte impegno nel sociale. Laureatosi in medicina ad Ancona nel 1981, si è specializzato in malattie infettive e ha conseguito un master in parassitologia. Dal 1986 lavora nel reparto di malattie infettive dell’Università di Ancona, prima di approdare all’ospedale di Macerata, dove rimane per dieci anni, durante i quali porta avanti varie missioni in Africa, diventando consulente dell’Organizzazione Mondiale della sanità. Presidente nazionale di “Medici Senza Frontiere”, esperto regionale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità per la regione del Pacifico Occidentale, muore a Bangkok, vittima della Sars, dove aveva avviato misure di contenimento del contagio ritenute ancora oggi molto efficaci.

 

 




Il professor Peter Buckley a UniMc

 

Focus sulle imprese multinazionali

 

Macerata – Il professor Peter Buckley ha tenuto oggi lezione al Polo Pantaleoni dell’Università di Macerata sulle multinazionali anche in relazione al concetto di “fabbrica globale”. Il professor Buckley è un autorevole studioso nel settore dell’economia internazionale e attualmente insegna alla Business School di Leeds, è fondatore e direttore di Cibul e direttore dell’Istituto di Confucio di Leeds, in Inghilterra.

La presentazione del professor Buckley ha analizzato la globalizzazione e ha esaminato l’interazione dei mercati e delle istituzioni e i loro conflitti. “Uno dei punti di forza delle imprese multinazionali è la loro capacità di adattarsi”, ha commentato Buckley mentre illustrava il mutevole paesaggio dell’economia globale. Il professor Buckley ha raccomandato ai professionisti di analizzare attentamente i contrasti tra globale e locale, l’esternalizzazione, la gestione delle conoscenze, le reti, l’offerta, la domanda e la produzione.

Il professor Buckley ha offerto un importante contributo alla ricerca in molti paesi del mondo. Ha pubblicato 28 libri oltre a presiedere e istituire molte organizzazioni internazionali. Il docente ha vinto molti premi per la sua ricerca e il suo contributo al settore delle imprese internazionali e, nel 2012, è stato nominato Ufficiale dell’Ordine dell’Impero britannico.

Peter Buckley_Unimc

 




Concorso Postacchini, la giapponese Yukiko Uno vince la categoria D

 

Torna al Postacchini un anno dopo e torna sul podio nella categoria superiore

 

FERMO – Tutto pronto ormai per la grande serata finale del la  “Andrea Postacchini” di Fermo. Atmosfera frizzante, grande entusiasmo e la ricerca come sempre del dettaglio per uno spettacolo, quello di stasera (27 maggio), molto caro alla città intera.

Mentre questa mattina i più piccoli della categoria A si preparano ad esibirsi al cospetto della giuria capitanata dal M° Boris Kushnir, ieri si sono conclusi i giochi per la categoria dei più grandi. La finale Cina-Giappone si è chiusa con la vittoria di un volto noto al Postacchini, Yukiko Uno, giapponese di 22 anni. Lo scorso anno aveva convinto anche la giuria presieduta dal M° Marco Rizzi che le aveva assegnato il primo posto per la categoria C. «Non mi aspettavo di vincere, sono emozionata e felice – racconta sorridente – rispetto allo scorso anno, la preparazione per la categoria D è stata più dura – spiega – ora in finale suonerò con l’Orchestra Filarmonica Marchigiana – conclude – È molto emozionante per me, questa è la seconda volta che suono con una orchestra dopo l’esperienza fatta ad inizio anno in Giappone».

Stasera proporrà il concerto di Tchaikowsky per violino e orchestra in Re maggiore, opera 35. A seguirla in classifica i cinesi Tang Yun e Tse Cheuk Nam, rispettivamente secondo e terzo posto.

Ieri intanto, passeggiando tra le sale destinate alle prove, tanti gli incontri con i violinisti della categoria B, dai 12 ai 16 anni. «Il livello è davvero molto alto – spiega Benedetta Fiechter, fiorentina di 12 anni durante una pausa studio – mi sono esercitata molto sui pezzi in programma per prepararmi al meglio, – continua – suono da quando avevo 5 anni, il suono del violino mi è piaciuto sin da subito e dedico più o meno 4 ore di studio al giorno». Ha le idee molto chiare circa il suo futuro «Studio molto, ho poco tempo libero e ascolto prevalentemente musica classica. Da grande vorrei diventare una grande violinista e suonare con una orchestra importante».

Il sogno della moscovita Arseniya Sibileva non è poi molto diverso. «Da grande vorrei che il violino diventasse il mio lavoro, girare il mondo con la musica ma come solista – racconta – è la mia prima volta in Italia e al Postacchini, Fermo è stupenda, protesa tra mare e monti, un vero gioiello».

Lasciate le quinte, sul palco ieri si sono avvicendati anche i giovanissimi talenti della categoria A per tastare l’acustica del teatro prima dell’impegno di oggi nella prova unica di concorso.

«Sono tanto emozionata – racconta la piccola Chloe Chua, 10 anni di Singapore – ho iniziato a suonare il violino a 4 anni e questa è la mia seconda competizione internazionale dopo quella in Thailandia – continua accompagnata nel racconto dalla mamma, maestra di pianoforte – suono dalle 3 alle 4 ore al giorno ma amo molto disegnare, leggere, nuotare e correre». Iniziato lo studio del pianoforte, i genitori le avevano poi affiancato un secondo strumento, il violino, e presto si sono resi conto che la passione e i progressi della piccola Chloe erano molto più spiccati per lo strumento a 4 corde. Da lì un mondo che si apre e la speranza di poter raggiungere, grandi, grandissimi obiettivi magari già a partire dal Postacchini.

Intanto ieri grande soddisfazione per l’Antiqua Marca Firmana; il Presidente della Repubblica Mattarella premia anche quest’anno il Concorso Postacchini, con la medaglia che ne riconosce il valore.

 

 




Palazzina Azzurra in gestione ai privati?

 

Sembra che l’attuale Amministrazione comunale voglia affidare la gestione della PALAZZINA AZZURRA a dei privati.

 

San Benedetto del Tronto – Il problema è che non si tratta di una semplice struttura pubblica, siamo di fronte a quella che la Città di San Benedetto del Tronto ha eretto a monumento della propria storia culturale e turistica, essendo parte integrante del patrimonio storico culturale della nostra città. Un BENE PUBBLICO e tale deve rimanere, pienamente pubblico!

Le passate amministrazioni di centro-sinistra si sono molto impegnate nella sua ristrutturazione, riqualificazione e valorizzazione per metterla al servizio dei cittadini sambenedettesi e dei tanti turisti che ogni anno vi accedono per assistere ai tanti eventi culturali, pubblici ed iniziative a sostegno dell’accoglienza turistica che vengono organizzati o semplicemente solo per ammirarne la sua struttura. Tra gli eventi uno è diventato un appuntamento fisso: la cerimonia della consegna di una copia della costituzione ai diciottenni il 2 giugno, Festa della Repubblica.

 

Sembrerebbe che l’attuale Amministrazione voglia dare in gestione a privati la “nostra” Palazzina Azzurra senza un confronto vero con i cittadini, i loro rappresentanti ed anche le associazioni cittadine; una scelta del tutto inopportuna e irrispettosa della città poiché è un bene che è sempre stato inteso e vissuto come pienamente pubblico e che tale a nostro avviso deve restare!

 

Siamo fortemente contrari alla scelta che questa Amministrazione sta mettendo in campo; non è accettabile che la Palazzina Azzurra venga concessa a “soggetti privati per proprie attività promozionali e di rappresentanza”.

 

I tre circoli cittadini del PD, con tutti gli iscritti ed anche l’Unione Comunale esprimono tutta la propria forte e ferma contrarietà ad un’operazione che priva i cittadini ed i turisti di un simbolo: storico, culturale e soprattutto di identità della città.

 

Altre erano state le promesse dell’attuale Amministrazione in campagna elettorale: riqualificazione del Ballarin, sistemazione e riapertura della piscina comunale, soluzione dei problemi legati alla sicurezza e in special modo alla “movida”; invece hanno solo cancellato eventi, fatto pagare lo scuolabus, aumentato la TARI e ora vogliono addirittura privatizzare la Palazzina Azzurra.

 

Segretario Unione Comunale PD – Edward Rino Alfonsi

Segretario Circolo Nord – Daniela Bigossi

Segretario Circolo Centro – Roberto Giobbi

Segretario Circolo Sud – Claudio Benigni




PlayOff Lega Pro quarti di finale

 

Le Società ammesse alla Final Eight

 

San Benedetto del Tronto – Si riportano gli accoppiamenti delle gare di Andata e Ritorno dei Quarti di Finale dei Play-Off del Campionato Lega Pro 2016/2017, determinate per sorteggio oggi Giovedì 25 Maggio 2017, presso la sede della Lega Pro, alla presenza delle società, in programma nelle date e degli orari sotto indicati, a ratifica delle richieste avanzate dalle società.

La gara di Andata viene disputata sul campo della squadra prima sorteggiata.

GARE DI ANDATA

MERCOLEDI’ 31 MAGGIO 2017
GARA 1 PARMA LUCCHESE                                                  Ore 20.30
GARA 2 LECCE ALESSANDRIA                                              Ore 20.30
GARA 3 PORDENONE COSENZA                                           Ore 20.30
GARA 4 LIVORNO REGGIANA         Diretta Televisiva Rai Sport Ore 18.30

GARE DI RITORNO

DOMENICA 4 GIUGNO 2017
GARA 1 LUCCHESE PARMA                                                  Ore 20.30
GARA 2 ALESSANDRIA LECCE         Diretta Televisiva Rai Sport Ore 18.00
GARA 3 COSENZA PORDENONE                                           Ore 20.30
GARA 4 REGGIANA LIVORNO                                              Ore 18.30

MODALITA’ DI SVOLGIMENTO – FASE DI FINAL EIGHT
I confronti valevoli quali “QUARTI DI FINALE” saranno disputati in gare di andata e ritorno, agli esiti delle quali risulteranno vincitrici le squadre che avranno ottenuto il miglior punteggio. In caso di parità di punteggio, dopo la gara di ritorno, per determinare la squadra vincente si tiene conto della differenza reti; verificandosi ulteriore parità, saranno disputati due tempi supplementari di 15’ ciascuno e, perdurando tale situazione, saranno eseguiti i calci di rigore.

“FINALL 2017”
Le 4 squadre vincenti i “Quarti di Finale” partecipano alla fase cosiddetta “Finall 2017”.
I confronti determinati dal tabellone, valevoli quali “SEMIFINALI” e “FINALE” saranno disputati in gara unica allo Stadio “Artemio Franchi” di Firenze, con gli accoppiamenti e nelle date di seguito riportate:

SEMIFINALE “A” – 13.06.2017
– La squadra vincente l’incontro di GARA 1 affronterà la vincente l’incontro di GARA 3.

SEMIFINALE “B” – 14.06.2017
– La squadra vincente l’incontro di GARA 2 affronterà la vincente l’incontro di GARA 4.

FINALE PLAY-OFF 2016/2017 – 17.06.2017
VINCENTE SEMIFINALE “A” VINCENTE SEMIFINALE “B”

MODALITA’ DI SVOLGIMENTO – “FINALL 2017”
I confronti valevoli quali “SEMIFINALI” e “FINALE” saranno disputati in gara unica. In caso di parità, saranno disputati due tempi supplementari di 15’ e, perdurando tale situazione, saranno eseguiti i calci di rigore.
La società vincente la Finale Play-Off 2016/2017 conseguirà il titolo sportivo per richiedere l’ammissione al campionato di Serie B.




Delegazione europea in visita nelle zone terremotate delle Marche

 

Markkula: “Immagini scioccanti, necessaria reazione forte dell’Europa”. Ceriscioli: “Sostegno dall’Unione”

 

Ancona, 2017-05-25Attenzione, vicinanza, solidarietà. È quanto ha testimoniato, con la presenza e con la disponibilità manifestata, la delegazione del Comitato europeo delle regioni, in visita nelle zone terremotate dell’Italia centrale. Una tappa, quella pomeridiana odierna, ha toccato le Marche, con appuntamenti a Pescara del Tronto, Amandola e Tolentino. La delegazione – guidata dal presidente, il finlandese Markku Markkula – era composta di nove membri, tra i quali i responsabili dei settori della protezione civile e dei fondi strutturali, insieme a diversi funzionari del Comitato. Oltre alle Marche, nei due giorni di permanenza in Italia, si è recata anche nel Lazio, Abruzzo e Umbria. Scopo della visita era quello di “dimostrare la vicinanza delle collettività locali e regionali europee alle comunità colpite dal sisma”.

“È veramente scioccante vedere quello che è accaduto – ha detto il presidente Markkula – Il Comitato delle regioni ha visto le immagini distribuite dai media che hanno suscitato forti emozioni, ma ora che le vediamo sul il posto l’impatto è completamente diverso e più forte. Ci saranno sicuramente delle ricadute sulla volontà di aiutare le popolazioni terremotate per un rapido ritorno alla normalità. È fondamentale che la reazione sia la più veloce possibile anche attraverso l’utilizzo dei fondi europei”.

Secondo il presidente Ceriscioli, si è trattato di “una visita importante che consente ai rappresentanti dell’Unione europea di valutare le attività che si stanno avviando, in modo da poter individuare le opportunità per allargare gli interventi sostenuti dall’Unione. L’Europa sta dando un grande contributo sia per l’emergenza che per la ricostruzione. Mostrare i luoghi devastati dal sisma, far vedere i danni che ha causato, quanto è accaduto e quando si dovrà fare, ci aiuterà nella fase della ricostruzione e aprirà ulteriori possibilità per rilanciare, dopo il terremoto, questa parte del nostro territorio.

A Pescara del Tronto (frazione di Arquata del Tronto), la delegazione ha visitato il villaggio Sae (casette), per poi proseguire verso Amandola dove è stato effettuato un sopralluogo all’ospedale cittadino lesionato. Successivamente, a Tolentino, presso il Cosmari, il presidente Markkula e rappresentanti del Comitato hanno visitato il sito temporaneo delle macerie provenienti dalle demolizioni degli edifici e la sala dove sono custodi gli oggetti personali dei terremotati ritrovati tra le macerie. Al termine la delegazione è partita per Norcia.

Il Comitato europeo delle regioni (CdR), con sede a Bruxelles, è un organo consultivo dell’Unione europea composto da 350 rappresentanti eletti a livello locale e regionale provenienti da tutti i 28 Stati membri. Formula pareri sulle norme dell’UE che incidono direttamente sulle regioni e sulle città. Le Marche sono rappresentate dall’assessora regionale all’Internazionalizzazione Manuela Bora.

 




Harmonized, la stagione chiude con un big della black music: Dj Spinna

 

 

Il club di Porto Sant’Elpidio saluta tutti con una serata ad ingresso gratuito

 

Porto Sant’Elpidio – Fine di stagione di altissimo livello quello di domani sera (27 maggio) per l’Harmonized di Porto Sant’Elpidio. Il club contenitore di idee e sperimentazioni, padre artistico anche di FAT FAT FAT, conclude la stagione invernale al locale di via Mar Egeo con una serata ad ingresso gratuito in compagnia di un big della black music. Dj Spinna, ai natali Wincent Williams, vero e proprio personaggio anomalo nel suo campo, rappresenta una di quelle figure la cui missione è quella di voler oltrepassare le barriere che confinano i generi musicali come Jazz, Soul, House ed Hip Hop.

La storia e la discografia che compongono un personaggio così cruciale per il panorama musicale attuale, sono difficilmente riassumibili: inizia con i Jigmastas, collettivo Hip Hop di Brooklyn fino ad arrivare a collaborare con le più grandi star del globo come Steve Wonder, Roy Ayers ed Eminem.

Per chiudere in bellezza questa strepitosa stagione, gli Harmonized Soundsystem affiancheranno DJ Spinna prima e dopo il suo dj set.

 

Ma da lunedì tutto il team sarà ancor più focalizzato sulla creatura estiva di casa Harmonized, il festival FAT FAT FAT dal 4 al 6 agosto alla Grancia di Sarrocciano.

 




Giochi Sportivi Studenteschi di Canottaggio: divertimento e spettacolo alla fase regionale in mare

 

San Benedetto del Tronto 24 maggio 2017 – Conclusa la fase regionale dei Giochi Sportivi Studenteschi di Canottaggio organizzata sulle acque del lungomare di San Benedetto del Tronto sotto la regia tecnica della Lega Navale Italiana, in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Provinciale e Regionale e la Delegazione Regionale FIC Marche. Al via circa 50 studenti in rappresentanza di alcune scuole cittadine: ISC Nord San Benedetto del Tronto, Istituto Alberghiero Buscemi e Liceo Classico Leopardi, problemi logistici hanno impedito la partecipazione di alcuni istituti della provincia di Pesaro.

La giornata è stata favorita dalle perfette condizioni del mare: tutti gli equipaggi, anche quelli formati dai più giovani e meno esperti alunni delle scuole medie Sacconi e Manzoni, guidati dalla prof.ssa Miria Consorti, hanno potuto dimostrare le acquisite abilità di voga sulle imbarcazioni a quattro vogatori messe a disposizione dalla Lega Navale Italiana, di fronte al pubblico degli entusiasti genitori.

Le studentesse del Liceo Classico Leopardi, guidate dalla prof.ssa Fausta Filipponio e gli studenti dell’Istituto Alberghiero Buscemi, guidati dalla prof.ssa Rossella Tomassetti, alcuni alla loro seconda partecipazione ai Giochi Sportivi Studenteschi di Canottaggio, hanno svolto gare in cui sono stati realizzati tempi di assoluto rilievo nazionale.

Grazie a questa partecipazione hanno conseguito la qualificazione alla finale nazionale gli equipaggi della categorie ragazzi e ragazze, cadetti e cadette dell’ISC Nord, quelli delle categorie allieve e juniores femminile del Liceo Classico Leopardi e quelli delle categorie allievi e juniores maschili dell’Istituto Alberghiero Buscemi.

Questi risultati sono frutto di un lavoro di squadra degli Istituti scolastici cittadini guidati dai Dirigenti Giuseppina Carosi, Silvia Fazzini e Manuela Germani con l’Ufficio Scolastico Provinciale guidato dalla prof.ssa Serafina Olmo e l’Ufficio Scolastico Regionale guidato dalla prof.ssa Michelangela Ionna e con la Lega Navale Italiana società tutor perno dell’attività remiera in acqua.

Entusiasmo tra i presenti, raccolte già le prime idee per la prossima edizione per continuare l’attività di propaganda del canottaggio nelle scuole cittadine.

A tal proposito il Delegato Regionale Marche della Federazione Italiana Canottaggio, Riccardo De Falco, sottolinea il successo della XV edizione del progetto “Remare a Scuola” che nei tre istituti menzionati ha visto coinvolti più di 1500 studenti in gare sui remoergometri sulla distanza dei 100 metri per l’aggiudicazione del titolo regionale interscolastico.

 

 

 




Sorsi di vino e arte a Candelara

 

Orari apertura mostra “sorsi di vino e arte

 

Candelara – Fino a domenica 28 maggio, presso la Sala del Capitano Candelara, prosegue la mostra “sorsi di vino e arte” allestita in occasione della “Notte dei Musei” 2017. L’esposizione è stata curata dalla Pro Loco di Candelara e dall’Associazione “AIIA: Accademia Internazionale Incisione Artistica “prof. Walter Bajocchi”. In mostra le opere di Muzio Piccioni, Rita Maccagnani, Serena Simoncini, Luciana Ceci, Paolo Del Signore, Paolo Manfredi, Nicolò Amadori, Gerardo Prosperi, Francesco Uguccioni e Giuliano Garattoni. La mostra sarà visitabile nei seguenti orari: sabato dalle 17 alle 19 e domenica dalle 21 alle 23.

Filo conduttore dell’esposizione è il mondo del vino, interpretato nei suoi diversi aspetti dai maestri incisori. C’è chi ha indagato il mondo naturale dei vitigni che caratterizzano le nostre campagne, chi quella del grappolo d’uva; mentre altri invece si sono soffermati sul valore sociale del vino che è un grande aggregatore sociale.

 

Il curatore dell’esposizione durante l’inaugurazione ha esordito con una celebre citazione di Ludwig FeuerbachL’uomo è ciò che mangia”; una frase che oggi può sembrare scontata, ma è in realtà non così. Oggi viviamo in un mondo in cui la maggioranza degli uomini non riconosce più il valore del buon cibo, perché non si conoscono più i sapori delle pietanze. I sapori sono stati cancellati. Ma se allarghiamo il discorso, l’uomo non si nutre solo del cibo, ma anche di cultura. E non c’è molto da sperare guardando la nostra società. Il patrimonio culturale, che potrebbe essere una risorsa energetica per la nostra società, è visto oggi come un peso gravoso da sostenere, un piacere per pochi fortunati. Ecco allora che comprendiamo appieno il valore della citazione di Feuerbach. Con questa prima mostra il gruppo vuole portare l’attenzione sui valori culturali del nostro patrimonio enologico. Prossimamente torneremo sicuramente con altre serate a tema a valorizzare altre eccellenze del nostro territorio.

 

La mostra “sorsi di vino e arte” è un evento del “festival CandelarArte 2017” che ha ottenuto il patrocinio della Regione Marche, della Provincia di Pesaro e Urbino, del Comune di Pesaro, del Consiglio di “Quartiere n. 3 delle colline e dei castelli” e Accademia AIIA.