Benvenuto e Buona Navigazione, sono le ore 05:16 di Lun 26 Ago 2019

Parole d’Atelier con Marina Ripa di Meana e Vittorio Camaiani

di | in: Cultura e Spettacoli

Parole d’Atelier con Marina Ripa di Meana e Vittorio Camaiani

image_pdfimage_print

VITTORIO CAMAIANI atelier

“VITTORIO CAMAIANI A MARRAKECH”

COLLEZIONE AUTUNNO-INVERNO 2017

 

Porto San Giorgio – Dopo il successo dell’evento romano del 5 luglio scorso in cui il giardino di Marina Ripa di Meana si è trasformato per una sera nei giardini Majorelle di Marrakech ospitando la nuova collezione di Vittorio Camaiani dedicata al Marocco, il prossimo appuntamento è a Porto San Giorgio il 10 agosto. Questa volta è la splendida villa Montanari Rosati a fare da scenografia suggestiva al talento dello stilista marchigiano, che questa volta ha guardato al fascino misterioso del Maghreb. Nell’ambito della stessa serata verrà presentato dall’autrice il libro “Colazione al Grand Hotel”, l’ultima fatica letteraria di Marina Ripa di Meana dedicata al suo rapporto con due grandi personaggi della scena culturale italiana, Moravia e Parise, sullo sfondo di una Roma ormai scomparsa. A seguire una tavola rotonda tra arte, moda e cultura con la giornalista Sarina Biraghi, lo storico dell’arte Stefano Papetti e lo psicoterapeuta Alessandro Calligaro, che converseranno con l’autrice e allo stesso tempo presenteranno la collezione di Vittorio Camaiani.


É una collezione che riporta in vita la Marrakech di Yves Saint Laurent, un viaggio creativo tra passato e presente che avrebbe certamente affascinato anche Talitha Getty, la fashion icon degli anni Sessanta che importò per prima l’estetica etno-chic dal Marocco a Roma. Vittorio Camaiani sorprende sempre con le sue collezioni, che sono fatte di sottili citazioni, di suggestioni che toccano il tema principale in modo mai scontato e anche questa volta è un gioco raffinato di rimandi ad evocare il “suo” Marocco. Il viaggio reale diventa per Camaiani viaggio mentale, creando una collezione di forte impatto scenografico, sospesa tra sartorialitá e originali impennate creative. Per la parte giorno, il giallo, il rosso, l’ocra delle spezie, si trasformano per magia negli intarsi delle bluse in cachemire color carta da zucchero, che cita la latta dei barattoli delle botteghe del souk di Marrakech. Le spezie tornano poi nei riquadri sartoriali in cachemire, lane bouclé, tweed dei cappotti a vestaglia e nei ponchos. Il blu indaco dei mosaici della Madrasa Ben Youssef compare nelle tessere di lana bouclè appoggiate alla silhouette dei pantaloni o nelle tasche delle gonne in flanella grigia, in un gioco suggestivo e quasi futurista che compone e ricompone i disegni tipici dell’arte marocchina. Per la parte sera, le bluse di organza di seta si colorano delle maxi tessere spruzzate di cristalli di un mosaico scomposto, e sono abbinate a pantaloni neri decorati con tessere multicolore. Le tute caftano e gli abiti da sera alternano sapientemente i batik dipinti a mano su disegno dello stilista alle lane ricamate. Il metallo lavorato a mano di placche decorative che provengono dal souk di Marrakech si appoggia sulle spalle di giacche in flanella grigia e chiffon. Le calzature realizzate da Lella Baldi si muovono trasversalmente nella palette della collezione in stiletti e stringate che citano le babouches, mentre i cappelli che accompagnano molti dei capi richiamano in versione femminile il tipico fez marocchino realizzato dal cappellificio Jommi Demetrio.

 

© 2017, Redazione. All rights reserved.




2 Agosto 2017 alle 17:08 | Scrivi all'autore | | |

Argomenti Frequenti


Archivio


Ricerca personalizzata