dalla Regione Marche

dalla Regione Marche

2017-09-21

GIUNTA NAZIONALE CONI AD ANCONA – DICHIARAZIONE PRESIDENTE CERISCIOLI

“Un riconoscimento per il lavoro e l’impegno della Regione nello sport”

 

“Una giornata importante per le Marche. Il Coni ha scelto la nostra regione per portare 3.200 ragazzi e 700 accompagnatori per una grande festa dello sport. La riunione della giunta del Coni arriva nella nostra regione in un anno particolare, un anno in cui dopo molto tempo mettiamo in moto risorse importanti per quanto riguarda lo sport. Ormai mancano pochi giorni all’uscita del bando che permetterà a Comuni e società sportive (Province e Università) di riqualificare gli impianti della regione. A disposizione ci sono risorse per 3,2 milioni di euro. Erano veramente tanti anni che il settore era fermo e questo è un segno di attenzione allo sport in tutte le sue dimensioni: in particolare quella turistica che vogliamo adottare insieme alle Università e quella legata alla salute con un impegno molto importante che si sta concretizzando: un ordine del giorno approvato in consiglio regionale prevede l’utilizzo dei fondi della Salute destinati alla prevenzione anche per sviluppare corretti stili di vita nei più piccoli e nei più grandi con un beneficio sia per loro stessi che per la comunità in generale. Per quanto riguarda il tema sport e periferie c’è la richiesta delle quattro regioni colpite dal terremoto di poter privilegiare questi territori per quanto riguarda i fondi statali destinati alla riabilitazione urbana per creare luoghi di aggregazione che combattano quei fenomeni devianti legati ai giovani. Un pacchetto completo di interventi e impegni dunque, che ci vedono in prima linea. Il Coni con la sua presenza riconosce il lavoro che abbiamo fatto”.

Lo ha detto il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli oggi a Palazzo degli Anziani ad Ancona in occasione della giunta nazionale Coni presieduta da Giovanni Malagò che per la prima volta in 102 anni di storia si è riunita fuori dalla sua sede ufficiale. Decisione assunta per esprimere la vicinanza concreta alle popolazioni colpite dal sisma dello scorso anno.

Dopo la giunta ad Ancona,  a Senigallia, la cerimonia di inaugurazione del Trofeo Coni Kinder + Sport 2017, erede dei Giochi della Gioventù. Quattro giorni, dal 21 al 24 settembre, in cui bambini e ragazzi dai 10 ai 14 anni provenienti da tutta Italia si confronteranno in decine di discipline sportive, proprio come in una mini Olimpiade.

 

Convegno su “L’Approvvigionamento idrico nelle Marche. Da problema a risorsa”

Venerdì 22 settembre, ore 9,30, a Pesaro, nella Sala del Consiglio Provinciale

 

“L’Approvvigionamento idrico nelle Marche. Da problema a risorsa“. E’ questo il titolo di un interessante convegno che si svolgerà venerdì mattina, nella sala del Consiglio provinciale in via Gramsci 4, a Pesaro, e che vedrà seduti intorno al tavolo alcuni tra i principali protagonisti nella gestione dell'”oro blu”.

Dopo la prolungata siccità estiva che ha messo in ginocchio il territorio marchigiano, e non solo, le più importanti istituzioni regionali si confronteranno su un tema così strategico per la nostra sopravvivenza, ragionando sulle possibili prospettive.

“Questo convegno ha lo scopo di sollecitare una riflessione sulle criticità che la recente stagione siccitosa ha messo a nudo, se ancora ve ne era bisogno – spiega Claudio Netti, presidente del Consorzio di Bonifica delle Marche, che ha organizzato l’evento – . Non è  possibile pensare ad una gestione dell’acqua a mo’ di spezzatino. Da una parte l’irrigazione, dall’altra l’idropotabile ed ancora la difesa dalle acque, e poi la qualità delle stesse. Occorre una visione d’insieme, ad area territoriale vasta, unica regionale, che sulla base di un unico centro di indirizzo pubblico determini le azioni conseguenti per affrontare le varie criticità. In questo processo il Consorzio darà il proprio contributo mettendo a disposizione i propri invasi, le proprie competenze e tutte le attività di gestione fino a qui affidategli. Senza alcuna volontà di protagonismo, ma con la consapevolezza che non è più possibile andare avanti nella frammentazione che genera problemi e danni consistenti”.

Questo nel dettaglio il programma della mattinata:

Presiede Maiani Michele, Presidente dell’Assemblea del Consorzio di Bonifica delle Marche

Ore 9.30 Saluti ed introduzione Daniele Tagliolini, Presidente della Provincia di Pesaro-Urbino

Ore 9.40 Gli obiettivi della Regione Marche Luca Ceriscioli, Presidente della Giunta Regione Marche

Ore 10.00 ll modello di Romagna Acque Tonino Bernabè , Presidente Romagna Acque; Andrea Gambi , Amministratore Delegato Romagna Acque

Ore 10.40 Il servizio idrico integrato nelle Marche Stefania Tibaldi, Dirigente P.F. Tutela delle Acque e Tutela del Territorio di Ancona

Ore 11.15 Le proposte del Consorzio di Bonifica delle Marche Claudio Netti, Presidente del Consorzio di Bonifica delle Marche

Ore 11.45 Piano Nazionale Invasi per l’economia distintiva e competitiva Francesco Vincenzi, Presidente A.N.B.I.

Ore 12.15 Conclusioni Angelo Sciapichetti,  Assessore all’Ambiente, Risorse Idriche, Difesa del Suolo e Costa

 

MOBILITA’ SOSTENIBILE – AVANTI CON IL PROGETTO EUROPEO TRAM

 

Dopo gli Stati generali della mobilità nuova tenuti nei giorni scorsi a Pesaro e dopo l’ammissione a finanziamento ministeriale del progetto MobilAttivAncona cui partecipa anche la Regione Marche, proseguono le attività del progetto europeo Tram focalizzato sulla mobilità sostenibile guidato da Palazzo Raffaello. In questa prospettiva c’è stata già un’occasione di confronto a Bruxelles, durante il primo workshop tematico lanciato dalla Policy Learning Platform del programma Interreg Europe, a cui è seguita una visita studio in Romania focalizzata sui progetti di pedonalizzazione e gestione del traffico. Inoltre sono continuati i momenti di confronto locale con i soggetti coinvolti. “Gli incontri di Pesaro – spiega l’assessore ai Trasporti, Angelo Sciapichetti –  sono stati utili per sensibilizzare le amministrazioni e mettere in comune le esperienze delle città, con lo scopo di cambiare il modello di mobilità e ripensare lo spazio urbano. Un obiettivo che rientra tra quelli che si pone Tram, iniziativa di cui siamo capofila e finanziata da Interreg Europe, che per i suoi contenuti tematici si è posizionata al secondo posto su 261 progetti candidati a livello europeo. Le amministrazioni pubbliche locali, le aziende di trasporto, il mondo accademico e i cittadini devono lavorare insieme per realizzare nuovi modelli di mobilità a vantaggio della sostenibilità ambientale e della vivibilità delle città”. Tram (Towards new Regional Action plans for urban sustainable Mobility) è un’iniziativa della durata di cinque anni con un budget di 1,264 milioni di euro finanziati da risorse europee. Si inserisce nella tematica della mobilità sostenibile e vuole offrire risposte concrete al dibattito sulle politiche ambientali locali, nazionali e internazionali volte a ridurre l’impatto ambientale delle emissioni di carbonio. Il progetto, a cui partecipano anche partner svedesi, spagnoli, rumeni e ungheresi, punta a contribuire allo sviluppo di un sistema di trasporto più competitivo e di minore impatto ecologico.

 

Riconversione e riqualificazione produttiva nei territori del sisma

Manuela Bora

La Giunta regionale approva lo schema di accordo tra il ministero Sviluppo Economico, Abruzzo, Lazio, Marche, Umbria e Invitalia. 

Bora: “Alle Marche il 62% del plafond, altri 29 milioni a disposizione per le aree terremotate”

 

Ancona, 2017-09-21 – La Giunta regionale ha approvato lo schema di Accordo di programma tra le quattro Regioni interessate dal sisma (Abruzzo, Lazio, Marche, Umbria), il ministero dello Sviluppo economico (Mise) e Invitalia (Agenzianazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa, di proprietà del Mise) per rilanciare il sistema produttivo dei comuni terremotati. L’accordo è a totale cofinanziato nazionale (Fondo per la crescita sostenibile) e prevede una dotazione di 48 milioni di euro. Alle Marche spetta il 62% della disponibilità, pari a una quota di 29,7 milioni di euro. Lo strumento di finanziamento individuato è rappresentato dall’applicazione, nei territori interessati, della legge 181/89 che sostiene i programmi di investimento per la riqualificazione delle aree di crisi industriale non complesse.

“Nuove risorse si aggiungono alle dotazione già disponibile per la rinascita delle aree terremotate – afferma l’assessora alle Attività produttive, Manuela Bora – L’accordo, una volta sottoscritto, prevede meccanismi di flessibilità giustificati dal contesto e dalla specificità delle aree del cratere sismico. Quindi procedure più snelle per incentivare gli investimenti e la loro ricaduta economica nelle aree devastate dal sisma”. L’Accordo ha una durata di trentasei mesi dalla sua stipula e può essere prorogato o rinnovato alla scadenza. Il Mise, tramite Invitalia, emanerà un avviso pubblico che prevede aiuti alle imprese per nuovi investimenti, ampliamenti, diversificazione dei siti produttivi esistenti, per progetti di tutela ambientale, integrati con un programma occupazionale. I progetti ammissibili devono avere un importo di spesa massima di 1,5 milioni di euro, a fronte dei quali l’impresa ottiene un mix di finanziamenti agevolati e contributi a fondo perduto pari al 75% dell’investimento riconosciuto. Le agevolazioni procedurali introdotte riguardano l’estensione dei settori economici ammissibili, la possibilità di assicurare il semplice mantenimento occupazionale, una rimodulazione delle agevolazioni (l’impresa può scegliere tra finanziamento agevolato  e contributi a fondo perduto). 

 

 

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com