Benvenuto e Buona Navigazione, sono le ore 09:26 di Gio 18 Lug 2019

dalla Regione Marche

di | in: Cronaca e Attualità, dalla Regione Marche

Una Fiaba Dedicata Al Mare

image_pdfimage_print

2017-11-30

15^ EDIZIONE CONCORSO DEDICATO ALLE SCUOLE C’ERA UNA FOGLIA – CONFERENZA STAMPA IN REGIONE

La 15^ edizione del concorso regionale dedicato alle scuole primarie “Cera una foglia” è stata presentata questa mattina in Regione in un incontro con la stampa. Il tema dell’edizione di quest’anno è “Una fiaba dedicata al mare”. Hanno preso parte all’iniziativa  Angelo Sciapichetti, assessore all’Ambiente della Regione Marche, Robertino Perfetti, presidente SpazioAmbientee ideatore del progetto, Annarita Settimi Duca, direttore operativo Fondazione Ospedale Salesi Onlus, Roberta Tiranti, responsabile commerciale Italia –  ELI – La Spiga Edizioni. “Ringrazio Perfetti, l’Associazione SpazioAmbiente e tutti i partner del progetto – ha detto Sciapichetti – per il lavoro che stanno portando avanti da 15 anni. E’ un progetto molto importante per l’educazione ambientale dei ragazzi delle primarie, per avere futuri cittadini consapevoli che l’ambiente che ci circonda è un bene di assoluta importanza. Gli enti pubblici provvedono alla tutela, ma un’inversione di tendenza può derivare solo da una rivoluzione culturale che parta dalle abitudini quotidiane di vita, dopo decenni di indifferenza verso questo bene comune. C’è poi l’abbinamento con la solidarietà e questo rende l’iniziativa ancor più meritevole. Ogni anno, quando viene premiato il lavoro più bello, frutto di una condivisione in classe con gli insegnanti, ci meravigliamo delle opere straordinarie composte dai bambini. In questa edizione potranno sbizzarrirsi, il tema del mare sarà per loro molto stimolante. E’ una componente essenziale per la nostra regione, che fonde economia, turismo, pesca, alimentazione”. “L’iniziativa ha coinvolto nel tempo circa 9mila ragazzi – ha detto Perfetti – e si è arricchita ogni anno di nuovi partner e nuovi premi messi a disposizione da enti pubblici e privati. Con le opere selezionate sarà edito un libro i cui proventi saranno destinati a un progetto di solidarietà grazie alla collaborazione con la Fondazione Ospedale Salesi Onlus”. “E’ un piacere per noi collaborare a questo progetto – ha detto Tiranti – che dà l’opportunità di riflettere su tematiche che toccano la quotidianità, stimolando la creatività dei ragazzi”. “L’iniziativa coinvolge anche i bambini ricoverati – ha detto Settimi Duca – e lo scorso anno è stato inserito anche nel progetto Favole della buonanotte, che operatrici specificamente formate leggono ai piccoli ospitati al Salesi, aiutandoli nella degenza”. Quest’anno dunque saranno premiate fiabe, poesie o racconti dedicati al mare, attraverso uno scritto della lunghezza massima di due cartelle. “C’era una Foglia” crea una rete tra istituzioni, amministrazioni, scuole ed aziende del territorio, oltre la Regione Marche – Assessorato all’Ambiente, l’Università di Macerata, Legambiente Marche, il Comune di Ancona – Assessorato alla Cultura, la Eli edizioni, la Clementoni, e la Rainbow, la Puli Ecol Recuperi e tanti altri.Con le opere selezionate sarà edito un libro di fiabe e racconti e, come nelle edizioni precedenti, verrà illustrato da professionisti. I proventi derivanti dalla vendita ad offerta del libro, come in ogni edizione, saranno destinati a un progetto di solidarietà grazie alla collaborazione con la Fondazione Ospedale Salesi Onlus. La prima scadenza per partecipare al concorso è il prossimo sedici dicembre. Entro il 26 febbraio dovranno essere presentati i lavori. Tutte le informazioni al sito www.spazioambiente.org


Donne vittime di violenza di genere, le Marche adottano le modalità per la presa in carico sanitaria

Manuela Bora


Nuovi codici di urgenza per garantire l’anonimato.

Bora: “Assistenza tempestiva e corretta nei Pronto soccorso, percorsi di cura personalizzati e gratuiti”

Ancona, 2017-11-30 – Un percorso sanitario dedicato, personalizzato e anonimo, esente da ticket, con l’assegnazione di una codifica di urgenza uniforme in tutti i Pronto soccorso regionali (codice giallo, per assicurare una visita tempestiva e ridurre il rischio di ripensamenti o allontanamenti volontari) e l’introduzione di un ulteriore codice rosa – visibile ai soli operatori sanitari – per avviare l’assistenza immediata da parte di un’apposita equipe multidisciplinare. È quanto prevedono le “Modalità operative per la presa in carico, in ambito, sanitario, delle donne vittime di violenza di genere”. La Giunta regionale ha recepito le recenti Linee guida nazionali denominate “Percorso per le donne che subiscono violenza” (di cui all’Intesa in Conferenza Stato-Regioni del 23.11.2017), previste dalla Legge di stabilità 2016. I percorsi di tutela vanno istituiti dalla Aziende sanitarie e ospedaliere, dagli Enti del Servizio sanitario regionale. Rafforzano l’operatività della Rete antiviolenza delle Marche, impegnata nella prevenzione e nel contrasto alla violenza di genere. “Una realtà dai contorni ancora poco definiti, in quanto non è semplice, per le donne vittime di maltrattamenti o di violenza, trovare il coraggio di chiedere aiuto e denunciare la propria situazione”, evidenzia l’assessora alle Pari opportunità, Manuela Bora. Lo scorso anno 417 donne si sono rivolte ai cinque Centri antiviolenza delle Marche. “Un numero drammaticamente elevato che sicuramente non rispecchia la totalità del fenomeno, in quanto spesso la violenza viene vissuta in solitudine e in silenzio – sottolinea l’assessora – Uno dei luoghi in cui più frequentemente è possibile intercettare le vittime sono i Pronto soccorso ospedalieri, ai quali le donne si rivolgono per un primo intervento sanitario. Da qui l’importanza che le strutture siano in grado di assicurare una tempestiva e corretta assistenza sanitaria, oltre a un adeguato supporto emotivo e psicologico per determinare una relazione di fiducia e ascolto con la vittima di violenza”. Le procedure assistenziali adottate dalla Regione coinvolgono aspetti organizzativi, procedurali, medico legali ai quali tutti i Pronto soccorso dovranno attenersi anche nei confronti di eventuali figli minori della donna, testimoni o vittime di violenza. I Pronto soccorso garantiranno il raccordo operativo e la comunicazione con la Rete regionale antiviolenza per assicurare, quando necessario, un percorso di cura, indirizzando le vittime ai servizi sanitari territoriali dedicati. Il Consultorio familiare o Distretto di competenza coinvolti avvieranno la presa in carico sanitaria, con la definizione di piani terapeutici personalizzati, sulla base delle indicazioni pervenute dai Pronto soccorso. Consultorio o Distretto gestiranno le ulteriori prestazioni sanitarie utili, garantendo l’anonimato della vittima e dei minori attraverso il codice di esenzione RMVG. Le prestazioni verranno erogate senza compartecipazione alla spesa sanitaria per le vittime.

 

Martedì 5 dicembre alle ore 12.30 presso la sede della Giunta regionale (Sala Raffaello di Palazzo Raffaello, Via Gentile da Fabriano 9 – Ancona), è convocata una conferenza stampa in concomitanza con la firma del Protocollo inter-istituzionale “Rete regionale antiviolenza delle Marche: azioni integrate per la prevenzione e il contrasto alla violenza di genere”. Interverranno l’assessora regionale alle Pari opportunità Manuela Bora, presidente del Forum permanente contro le molestie e le violenza di genere, insieme a rappresentanti dei 65 enti istituzionali aderenti che sottoscriveranno il documento: Anci, Uncem, Comuni capofila degli Ambiti territoriali sociali, Prefetture, Corte di appello delle Marche e Magistrature, Carabinieri, Polizia di Stato, Asur Marche, Ufficio scolastico regionale, organizzazioni sindacali e datoriali, Commissione regionale pari opportunità, Ombudsman Marche, Corecom Marche, Ordine dei medici, Collegio degli infermieri, Ordine degli psicologi, Ordine degli assistenti sociali, Ordine degli avvocati, Ordine dei giornalisti. Con la firma del protocollo i soggetti istituzionali si impegnano a cooperare per contrastare la violenza di genere, aiutare le vittime, promuovere la prevenzione, monitorare il fenomeno, realizzare campagne di informazione e sensibilizzazione attraverso i media e i social media. L’iniziativa è collegata alla seduta dell’Assemblea legislativa che si riunirà alle ore 10.00 dello stesso giorno (5/12/2017), a Palazzo Leopardi, per la sessione dedicata all’esame del “Rapporto annuale sul fenomeno della violenza di genere nella regione Marche”, curato dalla Giunta regionale. 

© 2017, Redazione. All rights reserved.




30 Novembre 2017 alle 21:00 | Scrivi all'autore | | |

Argomenti Frequenti


Archivio


Ricerca personalizzata