Benvenuto e Buona Navigazione, sono le ore 16:03 di Mer 8 Lug 2020

dalla Regione Marche

di | in: Cronaca e Attualità, dalla Regione Marche

consegna delle chiavi 20171209_114905

image_pdfimage_print

2017-12-09

INAUGURATA LA NUOVA SEDE DEL COMUNE DI SAN GINESIO E CONSEGNATE 12 CASETTE

Ventotto sanginesini hanno, da oggi, una casa che possono considerare il loro nuovo focolare domestico. Sono state consegnate stamattina, infatti, le prime 12 casette (strutture abitative d’emergenza) del Comune di San Ginesio, quelle alle porte del centro storico del paese, in viale del Tramonto. Un momento atteso a lungo da cittadini e amministratori, e che dà un segnale positivo verso la ripresa della normalità. L’inaugurazione del piccolo agglomerato ha visto la presenza del presidente della Regione Marche, Luca Ceriscioli, dell’assessore regionale alla Protezione Civile, Angelo Sciapichetti, dell’intera amministrazione e di tutto il personale del Comune di San Ginesio. Tanti i rappresentanti delle associazioni che sono state vicine alla popolazione nell’emergenza e oltre, come il Gus-Gruppo umana solidarietà, la Croce rossa Italiana, la Caritas.

La firma dei documenti da parte delle 12 famiglie ha avuto luogo nella sala consiliare del nuovo palazzo comunale, nell’ex Villa Giuffrè, al cospetto dei suggestivi Monti Sibillini stagliati di fronte.

il taglio del nastro IMG-20171209-WA0003

“La sede del nuovo municipio – ha sottolineato Ceriscioli – restituisce grandissima qualità perché il Comune è la casa di tutti ed è un punto di riferimento per la comunità. Un plauso all’amministrazione comunale di San Ginesio che fa poche chiacchiere e lavora molto. Con oggi siamo arrivati a consegnare 579  casette un numero  importante se lo sommiamo  a 250 che sono quelle finite e in fase di completamento delle opere di urbanizzazione. I cantieri sono sempre tutti  in azione per consegnare le casette e  proprio ieri abbiamo fatto degli ordini di servizio a  ditte che non volevano lavorare. In questi giorni sono state fatte scelte significative per la ricostruzione privata, semplificate le ordinanze sia per la leggera che per la pesante, facilitate le condizioni per i professionisti che possono avere un anticipo per la progettazione, il tutto per far tornane al più presto i cittadini nelle proprie case”.

“Restituiamo, dopo più di un anno, ambienti privati e domestici a tanti cittadini costretti a  lasciare le proprie case e, in alcuni casi, anche il paese a causa del terremoto – ha commentato il vicesindaco, Eraldo Riccucci – Ci auguriamo che da qui riparta la ricostruzione che tanto aspettiamo. Noi siamo gente abituata a lavorare in silenzio, a lottare. Ce la faremo”.


 Giornata delle Marche,

riunito il Comitato esecutivo del Consiglio dei marchigiani all’estero alla presenza dell’assessore Pieroni
Le associazioni e le federazioni rappresentano uno strumento importante per mantenere
il legame con la nostra regione soprattutto in chiave di promozione turistica.
L’idea di organizzare degli educational tour fortemente orientati verso la
promozione turistica viene ritenuta valida anche in chiave di scambio culturale
con i giovani marchigiani. È quanto emerso dai lavori del Comitato esecutivo
del Consiglio dei marchigiani all’estero, riunito a Montegiorgio di Fermo in
occasione della Giornata delle Marche, alla presenza dell’assessore al Turismo
ed Emigrazione, Moreno Pieroni. Domani pomeriggio i componenti parteciperanno
alla celebrazione al Teatro dell’Aquila, mentre in mattinata, presso il Comune
di Fermo, incontreranno i gruppi consiliari dell’Assemblea legislativa. Il
Comitato è composto da nove membri. Costituisce l’organismo operativo del
Consiglio, a sua volta formato da 60 componenti in rappresentanza di 5
Federazioni e 63 Associazioni del marchigiani nel mondo. Nella sessione dei
lavori odierna è stata evidenziata la necessità di utilizzare gli strumenti e i
mezzi di comunicazione digitale per coinvolgere i giovani all’interno
dell’associazionismo. Continueranno le attività per promuovere l’iscrizione
all’Albo delle numerose associazioni che si stanno costituendo nel mondo (Usa e
Belgio in particolare), ricercando contatti anche con le comunità dei
marchigiani che risiedono nell’est Europa per motivi di lavoro. Un altro punto
discusso riguarda la possibilità di creare una piattaforma di documentazione
dell’emigrazione marchigiana, con il coinvolgimento delle Università e la
valorizzazione del Museo dell’emigrazione di Recanati.

© 2017, Redazione. All rights reserved.


Sostieni www.ilmascalzone.it
La lettura delle notizie è gratuita ma i contributi sono graditi. Se ci credi utili sostienici con un contributo a tua scelta intestato a Press Too Srl
IBAN: IT07L0847424400000000004582
Banca del Piceno Credito Cooperativo – Filiale San Benedetto del Tronto 2




9 Dicembre 2017 alle 16:54 | Scrivi all'autore | | |

Argomenti Frequenti


Archivio


My Web TV Marche

• Coronavirus Marche: aggiornamento
• Ritorno al futuro
• dalla Regione Marche


Social

Visit Us On TwitterVisit Us On FacebookVisit Us On YoutubeVisit Us On Instagram
Ricerca personalizzata