Samb – Gubbio 1 a 1

 

 

San Benedetto del Tronto, 2018-01-27 – Il Gubbio sblocca la gara al 4st con un eurogol di Marchi che è stato bravo ad insaccare da centrocampo complici però un errore in fase di possesso di Bcinovic e di Perina che era troppo lontano dai pali. Poi è stato bravo Capuano con le sostituzioni che hanno letteralmente cambiato la partita. Con l’ingresso in campo al 7st di Esposito per Valente, Bellomo per Vallocchia, Marchi per Bacinovic, e al 19st di Di Massimo per Gelonese i rossoblu sono riusciti a pareggiare con Rapisarda al 35st che è stato devastante sulla fascia di competenza mettendo in area molte palle gol e concludendo appunto anche personalmente. Un’altra occasione mancata comunque per accorciare sul Padova che vince a Vicenza. Ma il campionato è lungo e l’occasione è propizia già dalla prossima gara che i rivieraschi andranno a giocarsela proprio in casa della capolista sabato 3 febbraio alle 16:30 allo Stadio Euganeo di Padova. Ma neanche il mercato e terminato e, dunque, tutti si aspettano da patron Fedeli l’agognato uomo gol per fare il salto di qualità.

 

 

Samb

Perina, Conson v©, Gelonese (66’ Di Massimo), Miceli, Di Pasquale, Rapisarda, Valente (46’ Esposito), Vallocchia (46’ Bellomo), Bacinovic © (46’ Marchi), Miracoli, Tomi

A disposizione: Pegorin, Ceka, Mattia, Bove, Demofonti, Tirabassi

Allenatore: Ezio Capuano
Gubbio

Volpe, Giacomarro (81’ Ricci), Malaccari, Marchi (92’ Jallow), Ciccone, Casiraghi (71’ Valagussa), Paolelli, Piccinni, Kalombo, Burzigotti, Sampietro

A disposizione: Costa, Pedrelli, Bergamini, Manari, Libertazzi, Battaiola

Allenatore: Dino Pagliari
Arbitro: Fabio Pasciuta di Agrigento assistito da Luca Bianchini e Lorenzo Biasini di Cesena
Marcatori: 49’ Marchi, 80’ Rapisarda
Ammoniti: 56’ Ciccone, 58’ Bellomo, 59’ Kalombo, 59’ Di Pasquale, 75’ Tomi
Angoli: 7 – 7
Recupero: 2 + 4 min.

 

Serie C Girone B 2017/18 – Risultati 23a G

SANTARCANGELO
ALBINOLEFFE 1:0
PORDENONE
BASSANO 1:1
SUDTIROL
TRIESTINA 2:1
FANO
FERALPISALò 1:1
MESTRE
FERMANA 0:1
SAMB
GUBBIO 1:1
RAVENNA
TERAMO 1:1
VICENZA
PADOVA 0:1

 

il Tempio del Tifo

 

FotoCronaca

© Copyright www.ilmascalzone.it © Press Too srl – Riproduzione riservata
nb: per immagini ad alta definizione scrivere a redazione@ilmascalzone.it

 

Serie C Girone B 2017/18 – Classifica 23a G

 

 

G

P.ti

V

N

P

Reti F/A

PADOVA

20

41

12

5

3

27:16

RENATE

20

33

9

6

5

21:16

SAMB

20

33

9

6

5

25:16

FERALPISALò

21

33

9

6

6

27:24

SUDTIROL

20

31

8

7

5

22:17

REGGIANA

19

29

8

5

6

21:15

BASSANO

21

29

8

5

8

21:19

ALBINOLEFFE

21

29

8

5

8

24:22

PORDENONE

20

27

6

9

5

26:24

MESTRE

21

27

7

6

8

23:22

TRIESTINA

20

26

6

8

6

30:23

FERMANA

21

26

6

8

7

16:18

VICENZA

20

24

6

6

8

19:22

RAVENNA

21

23

6

5

10

18:26

GUBBIO

21

23

6

5

10

20:29

TERAMO

20

22

4

10

6

21:24

SANTARCANGELO

21

22

6

5

10

20:39

FANO

21

16

3

7

11

15:24

MODENA

0

-3

0

0

0

0:0

Serie C Girone B 2017/18 – 24a G

GUBBIO
ALBINOLEFFE -:-
TERAMO
PORDENONE -:-
PADOVA
SAMB -:-
BASSANO
SUDTIROL -:-
FERALPISALò
VICENZA -:-
REGGIANA
RENATE -:-
TRIESTINA
MESTRE -:-
FERMANA
SANTARCANGELO -:-

 




Atletica, Melissa Mogliani Tartabini volata da record nei 60

La 15enne dell’Atletica Recanati migliora due volte il primato marchigiano under 20 e scende fino a 7.62, quinta allieva di sempre in Italia
Ancona, 2018-01-27 – Si corre forte sulla pista del Palaindoor di Ancona. Nella riunione che apre l’ultimo weekend di meeting prima delle rassegne tricolori, brilla una giovanissima velocista marchigiana. Sui 60 metri la 15enne Melissa Mogliani Tartabini riesce a battere due volte il record regionale under 18 e anche quello under 20 con 7.64 in batteria e 7.62 nella finale, per diventare la quinta allieva di sempre in Italia. Dopo 18 anni viene quindi superato il 7.65 stabilito nel 2000 da Alessandra Pini. La nuova primatista è cresciuta nell’Atletica Recanati sotto la guida del tecnico Alessandro Rovati, vive a Potenza Picena e studia al liceo scientifico di Civitanova. Si era già messa in grande evidenza nella scorsa stagione fino all’argento con la 4×100 delle Marche nei campionati italiani under 16, cogliendo anche il sesto posto individuale sugli 80 metri, invece sui 60 indoor aveva realizzato il primato regionale di categoria cadette con 7.77. Applausi anche per la tricolore junior del lungo Martina Aliventi (Collection Atl. Sambenedettese) con 7.67 e quasi un decimo di miglioramento.
Nella stessa gara cresce l’azzurra Irene Siragusa che scende a 7.35 nella finale per togliere quattro centesimi al record personale. La 24enne senese dell’Esercito ha conquistato nel 2017 due medaglie alle Universiadi con l’oro sui 200 e l’argento nei 100 metri. Sfiora così l’ingresso nella top ten italiana alltime, salendo all’undicesima posizione, e vince in rimonta il duello con un’altra toscana: la fiorentina Audrey Alloh (Fiamme Azzurre) alle sue spalle in 7.37 che vale comunque il primato stagionale. Al maschile progressi anche per il 22enne Lodovico Cortelazzo (Assindustria Sport Padova): 6.72 in finale dopo aver già centrato il personale di 6.74 nel primo turno. Lo junior Vittorio Massucci (Sport Atl. Fermo) corre in 6.94 e poi cresce l’allievo Mattia Mecozzi (Sport Atl. Fermo) con 7.03. Ancora una migliore prestazione italiana master SM70 ad opera dell’intramontabile elpidiense Livio Bugiardini (Sef Macerata): 8.44 il suo tempo-record.
Nei 400 metri l’allieva Emma Silvestri (Collection Atl. Sambenedettese) vince in 56.63, al maschile quarto il pesarese Lorenzo Angelini (Atl. Avis Macerata) con il personale indoor 49.71 e quinto Lorenzo Veroli (Fiamme Azzurre) in 49.86. Sui 1500 metri chiude seconda l’altra pesarese Ilaria Sabbatini (Atl. Avis Macerata) con 4:35.46, terzo tempo in carriera, e nel triplo quarto lo junior Valerio De Angelis (Asa Ascoli Piceno) con 13,58. Domani altri due meeting: giovanile al mattino, assoluto nel pomeriggio con diretta video streamingsulla pagina Facebook FIDAL Marche (fb.com/fidalmarche).

RISULTATI: http://www.fidal.it/risultati/2018/REG16091/Index.htm


CIPOLLONI CAMPIONESSA ITALIANA DEL PENTATHLON!
Secondo titolo tricolore assoluto della carriera a Padova per la sambenedettese, tornata alle gare dopo un lungo stop per infortunio

La prima maglia tricolore dell’atletica per il 2018 va nelle Marche. Protagonista dell’impresa Enrica Cipolloni, che a quattro anni di distanza torna sul gradino più alto del pentathlon assoluto a Padova nei Campionati italiani di prove multiple indoor. La 27enne sambenedettese delle Fiamme Oro, allenata da Francesco Butteri, dopo quel successo ha dovuto fare i conti con un infortunio al ginocchio e un lungo stop, ma in questa stagione è riuscita a rientrare conquistando subito una vittoria nella massima rassegna in campo nazionale. Una gara dominata fin dall’inizio, con 8.98 sui 60 ostacoli e un ottimo 1,83 nel salto in alto, a soli tre centimetri dal personal best, poi 11,83 nel peso e 5,31 nel lungo prima di chiudere con il personale indoor sugli 800 metri in 2:34.68. Alla fine il totale è di 3860 punti, che migliora lo score di 3709 ottenuto tre settimane fa nella competizione del ritorno agonistico nelle prove multiple, tre anni dopo l’ultima volta, mentre nel 2014 vinse con 4036. Netto il vantaggio sulle avversarie, con il secondo posto della lombarda Sara Bianchi Bazzi (Atl. Lecco Colombo Costruzioni, 3590) e il terzo alla veneta Mariaelena Agostini (Atl. Libertas Sanp, 3588). Nel pentathlon juniores quinta Martina Mazzola (Atl. Avis Macerata, 3346), dodicesima Martina Ruggeri (Atl. Fabriano, 2923) e 23° posto di Greta Luchetti (Team Atl. Marche, 2580).

RISULTATI: http://www.fidal.it/risultati/2018/COD6581/Index.htm

LINK ALLE IMMAGINI
Melissa Mogliani Tartabini (foto di Davida Ruggieri):
http://www.fidal.it/upload/Marche/2017/MoglianiTartabini.jpg
http://www.fidal.it/upload/Marche/2017/MoglianiTartabini2.jpg
Enrica Cipolloni sul podio a Padova (foto Passerini/FIDAL Veneto): http://www.fidal.it/upload/Marche/2018/Cipolloni_podio_Padova2018.jpg
Enrica Cipolloni (foto Colombo/FIDAL): http://www.fidal.it//upload/gallery/2013/Campionati-Italiani-Assoluti-e-Promesse-M-F-Indoor/anc069.jpg

 

Le foto indicate sono libere da diritti per l’uso editoriale, fatto salvo l’obbligo di citazione dell’autore.
E’ escluso ogni altro genere di utilizzo.

 

 




InformaGiovani – bacheche_270118

 

InformaGiovani – San Benedetto del Tronto

 

Consultare l’allegato: bacheche_270118

 

 

 

 




Amat Informa

n. 3 del 25/01/2018 | anno 23
PLATEADELLEMARCHE 
29 gennaio _ 4 febbraio 2018
PESARO | martedì 30 gennaio 2018
Teatro Sperimentale ore 21.00
TeatrOltre 18
AGRUPACIÒN SEÑOR SERRANO
A HOUSE IN ASIA

MACERATA | giovedì 1 febbraio 2018
Teatro Lauro Rossi ore 21.00
MARCO PAOLINI
TECNO-FILÒ
di Marco Paolini

PORTO SAN GIORGIO | giovedì 1 febbraio 2018
Teatro Comunale ore 21.15
GAIA DE LAURENTIIS, UGO DIGHERO
L’INQUILINA DEL PIANO DI SOPRA
di Pierre Chesnot
con Laura Graziosi
regia Stefano Artissunch

MACERATA | venerdì 2 febbraio 2018
Teatro Lauro Rossi ore 21.00
MARCO PAOLINI
TECNO-FILÒ
di Marco Paolini

MONTEMARCIANO | venerdì 2 febbraio 2018
Teatro Alfieri ore 21.15
MERY BRACALENTE, GIULIANO BRUSCANTINI/TEATRO REBIS
SIGNORINA ELSE
dall’omonima novella di Arthur Schnitzler
scrittura di scena e regia Andrea Fazzini

SENIGALLIA | venerdì 2 febbraio 2018
Rotonda a Mare ore 21.00
SOTTO A CHI DANZA!
TRACCE DI GIOVANE DANZA D’AUTORE DALLE MARCHE 
MICHELA PAOLONI_AFFLEURER
SERGIO GARAU|FRANCESCA GIRONI_CTRL ZETA
FEDERICO RUIZ_ TU.TE

URBINO | venerdì 2 febbraio 2018
Teatro Sanzio ore 21.00
STEFANO ACCORSI
GIOCANDO CON ORLANDO – ASSOLO
Liberamente tratto da «Orlando Furioso» di Ludovico Ariosto
adattamento teatrale e regia Marco Baliani

ASCOLI PICENO | sabato 3 febbraio 2018
Teatro Ventidio Basso ore 21.00
Incontri con la Storia
EDOARDO SYLOS LABINI
D’ANNUNZIO SEGRETO
di Angelo Crespi
regia Francesco Sala

MATELICA | sabato 3 febbraio 2018
Teatro Piermarini ore 21.15
ENRICO LO VERSO
UNO NESSUNO CENTOMILA
dal romanzo di Luigi Pirandello
adattamento e regia Alessandra Pizzi

PESARO | sabato 3 febbraio 2018
Teatro Rossini ore 21.00
TeatrOltre 18
MAURO ERMANNO GIOVANARDI
LA MIA GENERAZIONE TOUR
special guest Rachele Bastreghi, Ginevra Di Marco, Cristina Donà, Mara Redeghieri

SAN COSTANZO | sabato 3 febbraio 2018
Teatro della Concordia ore 21.15
PAOLO HENDEL, MATILDE PIETRANGELO
FUGA DA VIA PIGAFETTA
scritto da Paolo Hendel, Gioele Dix e Marco Vicari
regia Gioele Dix

CORINALDO | domenica 4 febbraio 2018
Teatro Goldoni ore 21.15
VITTORIO SGARBI
MICHELANGELO
uno spettacolo di e con Vittorio Sgarbi
musiche composte ed eseguite dal vivo da Valentino Corvino

e per i più piccoli

RECANATI | domenica 4 febbraio 2018
Teatro Persiani ore 17.00
La domenica al Persiani
ATGTP – ASSOCIAZIONE TEATRO GIOVANI TEATRO PIRATA ONLUS
VOGLIO LA LUNA

VALLEFOGLIA | domenica 4 febbraio 2018
Sala Branca di Sant’Angelo in Lizzola ore 17.00
Andar per fiabe
BLUTEATRO/UNTERWASSER
OUT

 

 

Se vuoi ricevere info sulle attività nei teatri gestiti dall’AMAT iscriviti alle nostre newsletter direttamente dalla home page del sito (colonna a destra)

 

BIGLIETTERIE AMAT/VIVATICKET

_ ANCONA Casa Musicale Ancona, corso Stamira, 68 tel. 071 202588
_ ASCOLI PICENO Biglietteria del Teatro Ventidio Basso piazza del Popolo, 17 0736 244970
_ FANO Biglietteria del Teatro della Fortuna piazza XX Settembre, 0721 800750
_ FERMO Biglietteria del Teatro dell’Aquila via Mazzini, 8 0734 284295
_ JESI Biglietteria del Teatro Pergolesi piazza della Repubblica, 9 0731 206888
_ LORETO Pro Loco Felix Civitas Lauretana corso Traiano Boccalini, 2 071 977748
_ MACERATA Biglietteria dei Teatri di Macerata piazza Mazzini, 10 0733 230735 _ 0733 230508
_ PESARO Biglietteria Teatro Rossini piazza Lazzarini, 1 0721 387621 – 387620 e Biglietteria AMAT c/o Tipico.Tips Via Rossini, 41 0721 3592058
_ RECANATI Biglietteria del Teatro Persiani corso Cavour 071 7579445

_ CALL CENTER DELLO SPETTACOLO DELLE MARCHE 071 21 33 600

_ AMAT Palazzo delle Marche, piazza Cavour 23 60121 ANCONA

I programmi possono subire variazioni di date, titoli e interpreti per cause indipendenti dalla volontà degli organizzatori.
Si raccomanda di verificare eventuali aggiornamenti e modifiche negli avvisi esposti nei teatri, pubblicati dagli organi di informazione e in questo sito nelle pagine dedicate alle diverse stagioni.




«Bio bio… quest’anno l’orto lo faccio Io»

Scuola dell’Infanzia Colle Gioioso, Monteprandone (AP) dell’Istituto Comprensivo di Monteprandone

ORTI SCOLASTICI E BIODIVERSITA’ AGRARIA”

A. S. 2017-2018 L. R. 12/2003 R. Marche – Sostenibilità e Biodiversità

Tutela delle risorse genetiche animali e vegetali del territorio marchigiano

Monteprandone – L’ASSAM, la Regione Marche e l’Ufficio Scolastico Regionale per le Marche, nell’ambito del progetto “Biodiversità agraria Marche”, hanno bandito il concorso “ORTI SCOLASTICI E BIODIVERSITA’ AGRARIA” «L.R. 12/2013 a tutela delle risorse genetiche animali e vegetali del territorio marchigiano» anche per l’anno scolastico 2017/2018.

Il concorso si rivolge agli alunni delle scuole d’Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado, statali e paritarie, della regione Marche ed è finalizzato alla realizzazione e cura di un orto, con tecniche agricole biologiche, e al consumo dei prodotti della biodiversità agraria marchigiana così ottenuti.

Cogliendo l’occasione del Bando, la Responsanbile Elena Cantalamessa , le docenti Antonella Reginelli e Debora Amabili, della Scuola dell’Infanzia Colle Gioioso di Monteprandone (AP) dell’I.C. di Monteprandone hanno presentato il progetto intitolato «Bio bio… quest’anno l’orto lo faccio IO» che è risultato l’unico vincitore nella Provincia di Ascoli Piceno, rispetto a 20 vincitori dell’intera Regione Marchesu 62 progetti proposti.

A questa metodologia si uniranno una serie di approfondimenti in aula a cura della Partners In Service srl titolare del CEA (Centro di Educazione Ambientale) «Ambiente e Mare» riconosciuto dalla R. Marche, che da più 4 anni è attivo a promuovere nel territorio gli “orti Bio”




Come, quando e perché scrivere un libro – e se pubblicarlo

 

 

di Raffaella Milandri

 
Chi non ha un libro nel cassetto? Delle memorie di gioventù, una storia familiare, una storia di fantasia, delle poesie, un saggio sul proprio lavoro o magari su un personaggio amato, o sul proprio cane. E’ una grande ambizione per molti: il proprio nome in copertina. E scrivere un libro e magari stamparselo da soli, diventa un po’ come esibirsi al karaoke: ognuno ha una cerchia di amici, colleghi e parenti, che sono pronti ad applaudirti e a dire che sei bravo, sorvolando sulle stonature – o anche mentendo spudoratamente. Si conta sulla propaganda su facebook e su whatsapp, su instagram e twitter. Su presentazioni del libro nel bar sotto casa e al circolo del paese. Ma un libro, oltre a richiedere un serio impegno per scriverlo, e un argomento di interesse, richiede un impegno anche per chi lo legge: è ben più lungo di un messaggio su whatsapp e per leggerlo ci vuole dedizione, tempo e passione. Qualcuno viene incoraggiato ad auto pubblicarsi dagli amici, qualcuno da una agenzia letteraria a pagamento, altri, caparbiamente, solo da se stessi e dalle proprie convinzioni. Il mondo dei libri oggi è perverso: da un lato chiunque, pagando, può dare alle stampe un proprio libro. Dall’altro lato, le case editrici che padroneggiano il mercato e hanno una ampia distribuzione sono sempre di meno, e sempre meno disposte a valutare nuovi scritti, a meno che non siano su argomenti innovativi e originali, o di personaggi conosciuti o che abbiano “entrature” particolari. E così, molti si autofinanziano e poi distribuiscono, con presentazioni su presentazioni, il proprio libro. Per avere un po’ di gloria, per poter parlare di sé, per poter spiegare ad un pubblico i propri sentimenti, i propri pensieri e passioni. Ma non si nasce scrittori. E si rischia di finire nel pulviscolo fitto e confuso di migliaia e migliaia di piccoli autori sconosciuti. Scrivere un libro, revisionarlo, correggerlo e poi sottoporlo alla attenzione e valutazione di qualcuno è un lavoro gravoso, soprattutto di questi tempi in cui tutti credono di sapere tutto, e di saperlo fare meglio di te. Esiste però un piccolo segreto per prendere una buona strada. Innanzitutto, la autocritica sul proprio modo di scrivere. Molti sono capaci di scrivere solo mediocremente, e costoro farebbero meglio ad abbandonare questo sogno nel cassetto, salvo non siano davvero determinati a vedere la copertina col proprio nome sopra, di cui parlavamo prima. Ma se si hanno qualità discrete o magari eccellenti di scrittura, bisogna individuare il target di lettori del libro. Ovvero: non si può mai scrivere solo per sé stessi. Bisogna avere qualcosa da dare, da donare attraverso le pagine del proprio libro. E bisogna sapere di cosa si sta scrivendo, in termini di vita personale, o di studi e documentazione. Anche un romanzo ha bisogno di una solida ambientazione storica, geografica e culturale. I personaggi hanno bisogno di uno spessore che solo la esperienza può dare. Bisogna prima vivere e poi scrivere, per poter condividere con i lettori certe emozioni e sensazioni. E bisogna esser capaci di creare la sospensione della incredulità: convincere il lettore che quello che sta leggendo sia plausibile, foss’anche in un romanzo di fantascienza o horror. Un buon film riesce, grazie a voci, immagini e volti, a creare quel paio d’ore di distacco dal quotidiano. Per un buon libro, è più difficile. Perché il libro ha bisogno di tempo, di consequenzialità nella lettura, e non può permettersi di essere ripetitivo o noioso. Il lettore si annoia subito, e attratto dallo smartphone o dalla televisione, preferisce distrarsi con qualcosa di meno impegnativo. Pensa al tuo lettore immaginario: non un amico, un parente, ma un perfetto sconosciuto. Pensa che devi intrattenerlo per almeno 120 pagine raccontandogli cose che lo interessino e lo appassionino. Pensa che devi tenerlo sveglio, che lo devi coinvolgere nella tua storia al punto di non abbandonare il tuo libro a prendere polvere sul comodino alla prima occasione. E se son rose, fioriranno. I lettori saranno i primi a complimentarsi con te. E come diceva una barzelletta su un autore che va a presentare il suo libro a un editore: “Il mio libro è sulla storia di un uomo che si innamora di una donna che ama un altro uomo”; e l’editore risponde: “Ma non va bene, lo hanno già scritto, è uguale ai Promessi Sposi!”.

( ndr: Fabrizio Patriarca, “Tokyo Transit”: <<Scrivere un romanzo, anche uno pessimo, in qualche modo ti mangia la vita>>

 

 




La Cna Picena in prima linea con gli imprenditori per la cresita della nautica e della cantieristica

SODDISFAZIONE PER L’AVVIO DEL PROGETTO DI RAZIONALIZZAZIONE E RIQUALIFICAZIONE DELL’AREA DI VIA FISCALETTI

San Benedetto del Tronto – Dieci anni di impegno, con la Cna Picena in prima linea al fianco degli imprenditori del settore della nautica e della cantieristica. E ora i risultati importantissimi per San Benedetto del Tronto e l’intera provincia. Al via, dunque, il progetto per razionalizzare gli spazi dei cantieri navali storici. Di questo percorso di miglioramento e di ricollocazione di alcune delle aree portuali, si sono stabiliti i tempi in un incontro fra l’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico centrale, Comune di San Benedetto del Tronto, Capitaneria di Porto e operatori. “Una riunione tecnico-operativa – spiega Giulio Piergallini, componente della Regione Marche nel Comitato di gestione dell’Autorità portuale del Mare Adriatico centrale e portavoce di Cna Nautica – per dare attuazione alle disposizioni contenute nel Piano regolatore portuale per l’area di via Fiscaletti e per la riperimetrazione dei lotti assegnati ai cantieri navali”.

Il cronoprogramma, condiviso da tutti i soggetti presenti, prevede l’installazione nella zona di una recinzione mobile e temporanea da parte del Comune, entro il 2 febbraio, lo spostamento dell’area di cantiere entro il 2 marzo con il successivo intervento di interramento da parte dell’Autorità di sistema. “Capitaneria di Porto, autorità di sistema e Comune – aggiungono Luigi Passaretti e Francesco Balloni, presidente territoriale e direttore generale della Cna Picena – grazie anche al’azione di stimolo che come Cna portiamo avanti da anni, hanno reso possibile il raggiungimento di un obiettivo di fondamentale importanza per tutta la Riviera e per gli operatori che gravitano attorno all’economia del mare”.

“Abbiamo da sempre sollecitato questo intervento – spiega Irene Cicchiello, responsabile Cna per la Nautica – e il riassetto della zona costituisce il presupposto per un’attività di riqualificazione complessiva di quest’area di cerniera fra porto e città, spazio che sarà recuperato e reso disponibile per iniziative imprenditoriali”.

 




dal Piceno

Conferenze di Servizio Anas – Provincia
26-01-2018

Interventi su S.S. 4 Salaria, S.P. 129 e messa in sicurezza di Ponte Moia sulla S.P. 89

Nuovi e importanti interventi sulla viabilità provinciale hanno avuto il via libera con le Conferenze di servizio che si sono svolte questa settimana, a palazzo San Filippo, per acquisire pareri e nulla osta su importanti attività di ripristino post sisma, nell’ambito del piano di interventi Provincia – Anas. Alle riunioni hanno preso parte i sindaci di Montegallo Sergio Fabiani e di Arquata del Tronto Aleandro Petrucci, funzionari dell’Anas, del Genio Civile e della Difesa del Suolo della Regione Marche, dell’Arpam, del Servizio Viabilità della Provincia e dell’Ufficio Tecnico dei Comuni coinvolti.

Entrando nel merito delle opere: sulla S.S. 4 Salaria, in corrispondenza dell’abitato di Pescara del Tronto, verrà effettuata la messa in sicurezza del versante a monte della sede stradale, dal km. 146+100 al Em. al 146+300, attraverso l’installazione di reti paramassi, chiodature e riprofilatura del costone. La realizzazione delle opere in progetto, dell’importo di circa 3,5 milioni di euro, è subordinata alla rimozione delle macerie insistenti sull’area oggetto di intervento.

Grande soddisfazione è stata espressa dal sindaco Fabiani riguardo all’intervento previsto sulla S.P. 89 ‘Valfluvione’, in località Ponte Moia vicino l’abitato di Bisignano: “Ringrazio la Provincia, l’Anas regionale e nazionale che hanno pianificato varie opere di messa in sicurezza di questa infrastruttura: nello specifico, mediante un investimento di circa 500mila euro, si provvederà al consolidamento della banconata in pietra che si trova alla base della spalla del ponte e dei gabbioni che sorreggono la strada verso Balzo di Montegallo.”

Molto importanti, infine, le attività di disgaggio di massi e la ripresa di alcuni tratti ammalorati del piano viabile, tutte opere previste sulla S.P. 129 ‘Trisungo – Tufo’, nel territorio di Arquata del Tronto. Come noto, infatti, la SS 685 delle Tre Valli Umbre, che collega Trisungo con Norcia, presenta condizioni precarie in molti tratti e viadotti: pertanto i lavori sulla S.P. 129 e sulla S.P. 64 saranno funzionali, con modalità di bypass, proprio ad una prima riapertura, a fasce orarie, del collegamento con Norcia.

 

Giornata della Memoria, iniziativa della Provincia
Giornata della Memoria
26-01-2018

Coinvolte le scuole superiori del territorio

Quest’anno la giornata della Memoria assume anche un particolare valore a ottant’anni di distanza dalla promulgazione delle leggi razziali fasciste contro le persone “di razza ebraica”, che portarono alla feroce discriminazione degli ebrei italiani e, per molti di loro, alla morte nei campi di sterminio nazisti. Le persone deportate per motivi razziali dall’Italia furono circa 7.500: ne sopravvissero solo 826.

La Provincia di Ascoli Piceno, insignita della Medaglia d’oro al valor militare per attività partigiana, ha inteso celebrare questa importante ricorrenza rivolgendosi in primo luogo alle giovani generazioni affinché, fatta memoria di tutte le atrocità compiute nel passato, possano farsi portatrici nel futuro dei valori di solidarietà, pace, tolleranza. Pertanto sono state donate ai dirigenti scolastici degli Istituti superiori del territorio provinciale alcune copie del “Il Diario di Anna Frank, invitandoli a comunicarne il significato alle classi.

“Abbiamo pensato a questa semplice iniziativa – sottolineano il Presidente della Provincia Paolo D’Erasmo e la Vice Presidente Valentina Bellini – per favorire un momento di riflessione dei nostri studenti riguardo l’assurdità di un dramma che coinvolse molti loro coetanei innocenti e che comportò una tragedia epocale di indicibile portata”.




Lu scallaliette in scena al kursaal

Ascoli Piceno in scena per Grottammare Mask

Tutto pronto al Kursaal di Grottammare per il secondo appuntamento della rassegna Commedie Nostre 2018.

Grottammare – Dopo il sold out della serata inaugurale, Sabato 27 Marzo alle ore 21,15 vedrà protagonista la celebre compagnia dialettale Li Freciuti.

Capitanato dal regista Vincenzo Castelli, il pluridecorato gruppo ascolano, porterà in scena lo spettacolo “ Lu Scallaliette”.

Un gran classico di Eduardo Scarpetta, scritto nel 1881 e riadattato in vernacolo per due atti esilaranti.

Questi i nomi degli attori che si esibiranno nella perla dell’adriatico: Laura Cannella, Roberto Scogliamiglio, Stefano Curzi, Gabriella Marcella, Luigi Piccinini, Marcella Tosi, Elide Agostini, Francesca Carnicelli, Tamara Pasqualini, Mario Vagnoni, Francesco Piccioni, Rita Grazioli, Sergio Spinozzi.

La serata sarà introdotta dall’associato del Lido degli Aranci Giuseppe Cameli, che insieme al presidente Alessandro Ciarrocchi, esprime profondo entusiasmo per l’inizio positivo della kermesse, che fa di Grottammare un capoluogo del teatro amatoriale:

“L’affetto del nostro pubblico ha permesso un buon avvio dell’edizione numero tredici; un anno da record con ben 111 performers protagonisti.

Ringraziamo l’ Amministrazione Comunale di Grottammare per il supporto e la fiducia nel progetto artistico.

Progetto che vede come mission la riscoperta del dialetto e delle tradizioni del territorio, per mezzo del talento dei migliori attori marchigiani ed abruzzesi.”

Biglietti disponibili in prevendita presso Merceria Il Cigno a soli 6€: info line 3475406630.

 




Francesco Butteri si racconta dall’atletica al bob

 

 

San Benedetto del Tronto, 2018-01-27 – Spesso non conosciamo abbastanza le persone che ci circondano, non comprendiamo che molte hanno un patrimonio di esperienze, conoscenze e vita vissuta che le rende davvero uniche. Un esempio? Francesco Butteri, noto per la sua attività nelle discipline atletiche ma giunto agli allori delle Olimpiadi grazie al bob.

 

A raccontarci questa storia è proprio lui che abbiamo avuto occasione di conoscere meglio presso il nostro liceo, lo scientifico Rosetti di San Benedetto del Tronto, dove svolge attività di docente di discipline sportive. Siamo rimasti piacevolmente sorpresi nel conoscere la storia di come, quello che era uno studente come noi, sia diventato un atleta olimpionico nel 1976. Il suo percorso sportivo inizia  in questa scuola, tra le stesse quattro mura che noi oggi percorriamo ogni giorno, dove il nostro intervistato è stato invogliato ad avviarsi allo sport a livello agonistico. Ha portato  avanti la sua formazione sportiva tra le mura domestiche che pian piano venivano invase dalle attrezzature che egli stesso arrivava a realizzare. Un aneddoto curioso: l’arrivo a casa di una grande quantità di cascame di gommapiuma ordinato da Treviso, apparentemente gratuito visto che il padre fu poi costretto a sborsare il salato prezzo della spedizione.

 

Ma questi sacrifici collettivi ebbero i primi risultati quando giunse a Tirrenia, dove iniziò a svolgere, da come ci dice, “un’atletica di un altro livello” fino ad arrivare all’ISEF dell’Aquila. Fu contattato grazie alle sue prestazioni, e fu proprio in questo momento  che si avvicinò alla disciplina che lo avrebbe portato a partecipare alle Olimpiadi di Innsbruck nel 1976, il bob. Ancora oggi rimane a stretto contatto con lo sport professionistico nello scoprire e far crescere, per conto della FIDAL (Federazione Italiana di Atletica Leggera), atleti promettenti. Svolge questo compito parallelamente alla sua attività da docente ed è proprio in ambito scolastico che ha scoperto il talento di Martina Aliventi.

 

Chiudiamo con una curiosità: il nostro intervistato è famoso tra i suoi alunni anche per le sue doti artistiche: non pochi tra noi hanno potuto osservarlo mentre realizza caricature anche di se stesso.

Foto e Video a cura di Lorenzo Barberis
Copyright © www.ilmascalzone.it © 
Press Too srl – Riproduzione riservata
nb: per immagini ad alta definizione scrivere a redazione@ilmascalzone.it

 

 

 

 

 

 

Alessia Schiavi – Bikram Cardelli – Carlo De Angelis – Daniele Sbaffoni – disegno di Serena Censori – foto e video a cura di Lorenzo Barberis: 3B del Liceo Scientifico Benedetto Rosetti

 

 

 

Gli studenti della classe 3B del Liceo Scientifico Benedetto Rosetti stanno collaborando con la testata giornalistica Il Mascalzone.it per il progetto di alternanza scuola-lavoro “Dalla realtà alla scrittura. Gli alunni sono impegnati nella stesura di articoli  sulla base delle esperienze affrontate previste dal progetto nell’arco dell’anno scolastico. Obiettivo è quello di potenziare le competenze comunicative, attraverso attività di scrittura e documentazione foto/video, per vivere la realtà con maggior consapevolezza.