Cross: ecco i campioni regionali

Cross: ecco i campioni regionali

Nella prima prova dei Societari, assegnati ad Ancona i titoli marchigiani individuali assoluti

Ancona – Entra nel vivo anche la stagione della corsa campestre, con la prima prova del Campionato assoluto di società sul percorso intorno allo stadio Italico Conti, adiacente al Palaindoor di Ancona, e valida per l’assegnazione dei titoli marchigiani individuali. Nel cross maschile di 10 km si conferma il 21enne Ahmed Abdelwahed, romano di famiglia egiziana che difende i colori del Cus Camerino, vicecampione europeo under 23 dei 3000 siepi. Alle sue spalle l’ascolano Stefano Massimi della Sef Stamura Ancona, società organizzatrice della manifestazione, e Doriano Bussolotto (Atl. Potenza Picena). Tra le donne sugli 8 km si aggiudica il successo Martina Maria Antonini (Cus Camerino) seguita da Elena Schintu e Denise Tappatà, entrambe della Sef Stamura Ancona, mentre la migliore under 23 è l’altra stamurina Federica Masini.
Nel cross juniores uomini di 8 km festeggia il successo Simone Barontini (Sef Stamura Ancona), nei confronti di Ndiaga Dieng (Atl. Avis Macerata) e Francesco Itto (Sef Stamura Ancona). La gara under 20 femminile sui 6 km vede il primo posto di Ilaria Piottoli (Atl. Avis Macerata) che precede Valentina Honorati ed Elena Romagnoli della Sef Stamura Ancona. Tra gli allievi, davanti a tutti sui 4 km Andrea Virgili (Atl. Avis Macerata), con José Miller Savorelli (Atl. Ama Civitanova) e Andrea Mingarelli (Atl. Fabriano) a completare il podio. Nel cross allieve di 4 km Andree Fioretti (Sef Stamura Ancona) riesce ad avere la meglio sulle compagne di club Emma Mainardi e Letizia Breccia.
Disputata anche la prima prova dei Societari cadetti e ragazzi, con le vittorie tra gli under 16 di Tommaso Ajello (Sef Stamura Ancona) sui 2,5 km ed Eva Luna Falcioni (Atl. Avis Fano-Pesaro), nelle gare di 1,5 km della categoria under 14 conquistano il successo Andrea Tazza (Mezzofondo Club Ascoli) e Marica Melatini (Atl. Ama Civitanova). La seconda prova dei Societari assoluti e giovanili si svolgerà a Civitanova Marche, domenica 11 febbraio.

RISULTATI: http://www.fidal.it/risultati/2018/REG16001/Index.htm


JUNIORES: ANCONA LANCIA LA STAGIONE DELL’ONDA AZZURRA
In palio i titoli italiani under 20 in sala: tutte le sfide nel Palaindoor del capoluogo marchigiano, sabato 3 e domenica 4 febbraio

Tanti protagonisti annunciati nel fine settimana tricolore di Ancona, sabato 3 e domenica 4 febbraio, per i Campionati Italiani Juniores e Promesse indoor. Sarà l’edizione numero 43 per la fascia di età più giovane, quella degli under 20, che quest’anno vedrà impegnate le classi 1999 e 2000. Attesi quindi alcuni atleti già saliti alla ribalta internazionale, in particolare nella scorsa estate agli Europei di categoria a Grosseto, in una rassegna ricca di successi. Nei 400 metri torna in pista il partenopeo Alessandro Sibilio (Atl. Riccardi Milano 1946), argento continentale sui 400hs e oro con la 4×400 azzurra insieme a Klaudio Gjetja (Pro Sesto Atletica). Sulla pedana del triplo attenzione ad Andrea Dallavalle (Atl. Piacenza), vicecampione europeo U20, mentre nel mezzofondo i nomi di punta sono ancora quelli di Andrea Romani (Atl. Riccardi Milano 1946) e dell’atleta di casa Simone Barontini (Sef Stamura Ancona), entrambi sul podio agli Europei U18 del 2016 sugli 800 metri, rispettivamente argento e bronzo. Probabile duello sul filo del primato tra i due Mattia dei 60 ostacoli: Montini (Atl. Lecco Colombo Costruzioni) e Di Panfilo (Atl. Futura Roma), che nelle recenti uscite agonistiche hanno sfiorato la migliore prestazione italiana juniores con 7.82 e 7.85. Nell’asta da tenere d’occhio i progressi di Andrea Marin (Atl. Vicentina), nono under 20 alltime a livello nazionale con il recente 5,10. In campo femminile, nei 60 ostacoli al via la campionessa europea under 18 dei 100hs Desola Oki (Fiamme Oro). L’altra emiliana Zaynab Dosso(Corradini Excelsior Rubiera), appena entrata in Fiamme Azzurre, è la favorita nelle gare di velocità su 60 e 200 metri, invece Elisabetta Vandi (Atl. Avis Macerata) con 54.98 nei 400 ha fatto quest’anno il suo ingresso nella top ten italiana di sempre per la categoria come la mezzofondista Gaia Sabbatini (Atl. Gran Sasso Teramo, 4:30.08 sui 1500 metri). Nel getto del peso nuovamente in azione Sydney Giampietro (Fiamme Gialle), bronzo continentale U18, tornata vicino ai 16 metri nell’ultimo weekend con 15,81. Il capoluogo marchigiano proclamerà i vincitori del tricolore juniores per la ventiquattresima volta nella storia, l’undicesima di fila, ma le gare avranno anche un orizzonte azzurro. La prima occasione di confronto sarà offerta dal classico triangolare juniores in sala Italia-Francia-Germania, quest’anno in programma a Nantes (Francia, 3 marzo) e abbinato al consueto match under 23 di lanci lunghi all’aperto. Ma poi l’appuntamento principale della stagione all’aperto è rappresentato dai Mondiali U20 di Tampere (Finlandia, 10-15 luglio).
UOMINI – Una sfida molto equilibrata sulla carta per la gara più veloce, i 60 metri. L’atleta con le migliori credenziali potrebbe essere il trentino Lorenzo Paissan, da quest’anno passato al Lagarina Crus Team, che nel 2017 ha mancato di un soffio il record under 18 con 6.84. E poi, in entrambe le distanze dello sprint, è iscritto un altro ex allievo come il sardo Lorenzo Patta (Atl. Oristano), tricolore di categoria nei 200 all’aperto. Ma in questo primo scorcio di stagione con 6.87 i migliori sono due lombardi: Ruskin Molinari (Atl. Riccardi Milano 1946) e Mattia Donola (Pro Sesto Atletica), classe 2000 e compagno di allenamenti del “golden boy” azzurro Filippo Tortu. Appena un centesimo più dietro il massese Samuele Ceccarelli (Atl. Alta Toscana), neoprimatista dei 55 metri con 6.46 a Firenze, e il marchigiano Vittorio Massucci (Sport Atl. Fermo). Il favorito d’obbligo dei 400 metri è Alessandro Sibilio (Atl. Riccardi Milano 1946), anche senza le barriere che all’aperto lo hanno già visto più volte sul podio fino a diventare campione continentale allievi, oltre alle due medaglie di Grosseto. Ai blocchi di partenza, insieme al 18enne napoletano che ha esordito a metà gennaio in 48.24 a quattro decimi dal personal best, un compagno di squadra nella staffetta d’oro agli Europei U20: Klaudio Gjetja (Pro Sesto Atletica). C’è l’ipotesi di un doppio impegno per Sibilio, iscritto anche nei 200 dove difende il titolo Mario Marchei (Atl. Futura Roma), argento della 4×100 alla rassegna europea juniores nella città toscana. Nel mezzofondo invece la scorsa edizione ha visto la doppietta di Simone Barontini (Sef Stamura Ancona), davanti al pubblico di casa su 800 e 1500 metri, prima di trionfare agli Assoluti indoor nella distanza più breve con il record di categoria (1:49.40). La gara degli 800 attende comunque Andrea Romani (Atl. Riccardi Milano 1946), compagno di allenamenti di Sibilio, autore di un significativo 2:24.58 al debutto stagionale sui 1000 metri con cui ha avvicinato il primato under 20. Al via anche Michele De Berti (La Fratellanza 1874 Modena), su 400 e 800, e il siepista Pietro Arese(Safatletica Piemonte) nei 1500 metri. Sui 60 ostacoli finora un duello a distanza tra Mattia Montini (Atl. Lecco Colombo Costruzioni), 7.82 a Modena per mancare di un solo centesimo il record italiano di Lorenzo Perini, e il campione in carica Mattia Di Panfilo(Atl. Futura Roma), 7.85 nello scorso weekend ad Ancona sfiorando il personale di 7.83 ottenuto nel 2017.
Nell’alto il capofila stagionale con 2,10 è Andrea Motta (Atl. Bergamo 1959 Oriocenter) mentre nell’asta alle spalle di Andrea Marin (Atl. Vicentina), salito a 5,10 due settimane fa, ci sono altri giovani in crescita che lotteranno per il podio. Sulla pedana del lungo, finora si segnala soprattutto il miglioramento di Lorenzo Mantenuto (Atl. Gran Sasso Teramo), alle soglie della top ten italiana di sempre con 7,52 per un progresso di oltre 40 centimetri rispetto alla scorsa stagione. Il 18enne pescarese sarà opposto tra gli altri all’ex allievo friulano Davide Rossi (Atl. Malignani Libertas Udine). Nel triplo il vicecampione europeo under 20 Andrea Dallavalle (Atl. Piacenza), che a Grosseto è arrivato a lambire i 17 metri con un formidabile 16,87, ha esordito a Modena con 15,68 nello scorso weekend, a due centimetri dal personale indoor, ma anche Simone Biasutti (Trieste Atletica) si è messo in evidenza con 15,15 a Udine. Nel peso in gara Alessandro Pace (Fiamme Gialle Simoni) e Andrea Proietti (Studentesca Rieti Milardi). Sui 5000 di marcia attesi gli azzurrini Riccardo Orsoni (Cus Parma) e Davide Marchesi (Atl. Riccardi Milano 1946) insieme al campione in carica Diego Chirivì (Cus Torino).
DONNE – Con le volate di questa stagione, la sprinter Zaynab Dosso (Calcestruzzi Corradini Excelsior Rubiera) è tornata ad avvicinare il record personale: 7.41 nei 60 metri sulla pista di Magglingen, in Svizzera, poco distante dal 7.37 ottenuto due anni fa da allieva. E poi si conferma una delle più regolari di sempre, visto che ormai detiene quasi la metà delle migliori prestazioni nella parte alta delle liste alltime (11 su 24). Ma non c’è soltanto la 18enne di origine ivoriana, arruolata in Fiamme Azzurre e iscritta anche sui 200 metri, perché nell’ultimo weekend sono cresciute l’ex allieva Margherita Zuecco (Atl. Vicentina, 7.54 a Bergamo) e Virginia Schieda (Atl. Pinerolo, 7.55 ad Aosta), senza dimenticare la tricolore under 18 Eleonora Alberti (N. Atl. Varese, 7.57 a Modena). Sui 400 metri, al debutto in questa categoria, subito in luce Elisabetta Vandi (Atl. Avis Macerata) capace di eguagliare il personale all’aperto con 54.98, però anche l’ostacolista Anna Polinari (Fondazione Bentegodi Verona) ha messo a segno un notevole progresso per scendere a 55.72 nell’anello di Padova. Un nome su tutte nel mezzofondo, quello di Gaia Sabbatini (Atl. Gran Sasso Teramo) che ha già realizzato crono interessanti nelle prime gare di stagione: 2:49.07 nei 1000 e 4:30.08 sui 1500 metri, quarta e nona di sempre. Se la vedrà in entrambe le gare con l’altra azzurrina Flavia Ferrari (Studentesca Rieti Milardi), mentre stavolta non saranno al via Eloisa Coiro (Atl. Roma Acquacetosa/Fiamme Azzurre) e Martina Tozzi (Fiamme Gialle Simoni). Nei 60 ostacoli ai blocchi di partenza una delle star dell’intera manifestazione: Desola Oki (Fiamme Oro), campionessa europea under 18 dei 100hs, che quest’anno a Magglingen ha corso in 8.34 a cinque centesimi dal personal best. Fra le pretendenti al podio la tricolore allieve all’aperto Fabrizia De Meo (Us Foggia Atl. Leggera), 8.69 sul rettilineo di Ancona.
In base ai risultati stagionali, nell’alto i favori del pronostico vanno a Marta Morara (Atl. Lugo) con il recente 1,77 a Modena, anche se proveranno a sfidarla le azzurrine Rachele Bovo (Atl. Riviera del Brenta) e Pamela Croce (Us Quercia Trentingrana Rovereto). Nell’asta, priva della tricolore assoluta Maria Roberta Gherca (Atl. Velletri) che potrebbe comunque rientrare presto in gara, la leader provvisoria è Rebecca De Martin (Atl. Brugnera Friulintagli), tornata a 3,85 dopo quasi un anno di stop. Sulla pedana del lungo quest’anno comanda Giorgia Sansa (Libertas Friul Palmanova) con 5,95 a Lubiana. Non ci sarà invece la tricolore allieve del triplo Camilla Vigato (Aristide Coin Venezia 1949), che punterà alla stagione estiva, e allora in testa alla graduatoria stagionale nell’hop-step-jump c’è la valdostana Corinne Challancin (Atl. Pont Donnas). Nel peso è rientrata Sydney Giampietro (Fiamme Gialle) che il 27 gennaio con il suo miglior risultato delle ultime due stagioni (15,81) ha festeggiato il 19° compleanno e anche quello di Nicola Silvaggi, che adesso la segue dal punto di vista tecnico. Sui 3000 di marcia al via la campionessa under 18 Andrada Lacatus (Pbm Bovisio Masciago), ma sono iscritte anche le gemelle Anthea e Angelica Mirabello (Fiamme Gialle Simoni). Per la staffetta 4×200 metri, prima della rassegna tricolore, è già arrivato un risultato di rilievo ad opera dell’Atletica Vicentina (Todescato, Kouakou, Muraro, Zuecco) con 1:42.15.
DIRETTA STREAMING – Anche quest’anno sarà possibile seguire la manifestazione in diretta video streaming su atletica.tv per vivere le sfide e le emozioni di questa partecipatissima rassegna giovanile.

ISCRITTI E RISULTATI: http://www.fidal.it/risultati/2018/COD6584/Index.htm
PROGRAMMA ORARIO: http://calendario.fidal.it/files/Orario_Camp_JunPro_Indoor_11gen.pdf

LINK ALLE FOTO
Un passaggio del cross assoluto maschile con Ahmed Abdelwahed: http://www.fidal.it/upload/Marche/2018/Abdelwahed_Cross2018.jpg
Il cross juniores vinto da Simone Barontini: http://www.fidal.it/upload/Marche/2018/Barontini_Cross2018.jpg
L’azzurro Andrea Dallavalle (foto Colombo/FIDAL): http://www.fidal.it/upload/gallery/2017/Campionati-Europei-U20-Grosseto-2017-4-giornata/grosseto772.jpg

Le foto indicate sono libere da diritti per l’uso editoriale, fatto salvo l’obbligo di citazione dell’autore.
E’ escluso ogni altro genere di utilizzo.

 

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com