Benvenuto e Buona Navigazione, sono le ore 09:49 di Ven 13 Dic 2019

dalla Città

di | in: Cronaca e Attualità, dalla Città

PicenAmbiente

image_pdfimage_print
In Comune EcoSportello anche il sabato

San Benedetto del Tronto, 16-01-2018 – Visto il gradimento riscontrato dagli utenti che dal giugno scorso si rivolgono al’Ecosportello aperto da Picenambiente nel Comune di San Benedetto del Tronto, ma anche per rispondere alle esigenze di coloro che non hanno la possibilità di recarsi in Comune durante la settimana lavorativa, Amministrazione comunale e società che gestisce il ciclo dei rifiuti hanno deciso di ampliare il servizio anche al sabato.

 

E così, da sabato 20 gennaio l’Ecosportello sarà aperto anche il sabato mattina, dalle 10 alle 12, sempre al piano terra del Municipio di viale De Gasperi, al bancone d’ingresso. L’apertura del sabato va ad aggiungersi a quelle del lunedì, mercoledì e venerdì dalle 9 alle 12,30 nei locali dell’Ufficio Relazioni con il pubblico, sempre al piano terra del Municipio.

 

Ricordiamo che l’Ecosportello, a cui è preposto un dipendente di Picenambiente, ha il compito di fornire informazioni sui servizi di raccolta dei rifiuti (modalità di conferimento, orari, tipi di materiale oggetto di raccolta), ricevere segnalazioni e proposte ma anche assegnare o sostituire contenitori e per la consegna dei sacchi per la raccolta differenziata. A titolo sperimentale, l’EcoSportello fornisce inoltre gratuitamente sacchetti per raccogliere le deiezioni canine secondo una periodicità stabilita in base al consumo stimato.

 

L’EcoSportello è raggiungibile anche telefonicamente al numero 0735/794433 (attivo nei giorni di apertura tranne il sabato) o per posta elettronica all’indirizzo ecosportello@comunesbt.it


Obesità infantile, parte uno screening di massa

Accogliendo una proposta della Fondazione italiana per la lotta all’obesità infantile, della Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale (SIPPS) e dell’Associazione Ricerche Terapie Oncologiche Integrate (ARTOI), l’Amministrazione comunale si è fatta promotrice di un incontro, svoltosi nel pomeriggio di martedì 16 gennaio in sala Giunta, tra i rappresentanti delle tre realtà guidati dalla dr.ssa Marina Aimati, specialista in scienza dell’alimentazione e nutrizionista clinico, l’ASUR – Area Vasta 5 e le dirigenze dei tre Istituti Comprensivi della città per lanciare il progetto “Salute in movimento” finalizzato a prevenire e curare l’obesità infantile.

 

Il progetto è stato già condotto tra il 2013 e il 2015 nelle scuole dei comuni di Anzio e Nettuno ed è intenzione dei promotori riproporlo anche nelle scuole di San Benedetto del Tronto.

 

Ottenuto l’assenso delle dirigenze scolastiche, nelle prossime settimane le famiglie dei bambini che frequentano le scuole primarie e secondarie di primo grado riceveranno un invito a partecipare agli “obesity day”: in alcune date sarà possibile rivolgersi agli specialisti del settore presso il Centro medico Forum che ha messo a disposizione i suoi spazi per uno screening, ovviamente gratuito. Al termine della valutazione, le famiglie riceveranno una scheda descrittiva della situazione del minore e delle eventuali misure da adottare per ridurre ed eliminare i rischi derivanti dall’obesità. Il programma prevede il coinvolgimento dei servizi scolastici per costituire un fronte comune con la famiglia contro uno dei maggiori rischi di questi anni per la salute dei più piccoli.

Sale videolottery, i controlli saranno serrati

L’Amministrazione comunale è intenzionata a svolgere un controllo più puntuale e pressante sui requisiti posseduti dalle sale per videolottery che esistono in città.

 

Nei giorni scorsi si è svolto un incontro con funzionari della Questura di Ascoli Piceno per definire i margini di intervento di cui il Comune dispone per evitare che queste attività sorgano in prossimità di luoghi sensibili come edifici scolastici, religiosi, istituti di credito.

 

Poiché negli ultimi tempi sono state aperte nuove attività per le quali il Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza prevede verifiche unicamente sui requisiti del richiedente, è intenzione dell’Amministrazione procedere ad una verifica dei requisiti delle sale così come comunicati al momento dell’apertura, anche con riferimento alla normativa regionale recentemente varata. Qualora tali requisiti non fossero soddisfatti, si procederà senza indugio all’adozione di provvedimenti di chiusura.

© 2018, Redazione. All rights reserved.




17 Gennaio 2018 alle 22:28 | Scrivi all'autore | | |
Tags:

Argomenti Frequenti


Archivio


My Web TV Marche

• dalla Regione Marche
• Ecco la 55ma Tirreno-Adriatico
• Le Marche… domani


Social

Visit Us On TwitterVisit Us On FacebookVisit Us On YoutubeVisit Us On Instagram
Ricerca personalizzata