dalla Regione Marche

dalla Regione Marche

Inaugurazioni all’Ospedale di Macerata:

taglio del nastro con il presidente Ceriscioli per la nuova oncologia, l’ammodernamento di radiologia, neuropsichiatria infantile, centrale termica

(MACERATA) – L’Ospedale di Macerata si veste di “nuovo”, con una serie di interventi  di ammodernamento e ristrutturazione, inaugurati oggi dal presidente della Regione, Luca Ceriscioli. Il taglio del nastro è avvenuto presso la struttura ospedaliera di Via Santa Lucia. Ha riguardato il nuovo reparto di oncologia, l’ammodernamento di quello di radiologia, l’adeguamento degli ambulatori ospedalieri di neuropsichiatria infantile, la riqualificazione  della centrale termica. “Una giornata nel segno degli investimenti e del miglioramento dei servizi”, ha commentato il direttore dell’Area Vasta 3, Alessandro Maccioni. Secondo il presidente, “a Macerata abbiamo dato un altro esempio della volontà di continuare a investire negli ospedali, pur sapendo che il progetto è quello di costruirne uno nuovo. Sono stati effettuati interventi tecnologici di rilievo, segno che i nuovi ospedali non sono la scusa per non investire in quelli vecchi. Continuiamo a farlo dove ci sono le persone che necessitano di cura, per poi realizzare qualcosa di nuovo che supererà i tanti limiti che oggi abbiamo nella frammentazione del sistema sanitario”. Ceriscioli ha concluso evidenziando che la scelta fatta in sanità è quella di “valorizzare la premialità per metterla a disposizione del sistema. Mantenere l’equilibrio finanziario consente di realizzare investimenti importanti e richiesti dal territorio”. Il sindaco di Macerata., Romano Carancini, ha riconosciuto che, sul fronte della sanità, “si sta camminando, si sta lavando, si sta rispettando la programmazione condivisa. Il rispetto dei tempi concordati è un valore istituzionale importante che la Regione ha fatto proprio”. Il sindaco ha poi auspicato “una valorizzazione sanitaria dei territori”, che coniughi la centralità del sistema con la responsabilità locale.

https://www.facebook.com/PaginaUfficialeRegioneMarche/videos/1811890435567297/

Il nuovo reparto di oncologia è collocato al terzo piano dell’ala ospedaliera ovest. I lavori rientrano in un progetto complessivo, da 1,3 milioni di euro, che prevede interventi su spazi mai ristrutturati da oltre 20 anni per adeguarli alle recenti normative sulla sicurezza. Interesseranno anche la chirurgia e il nuovo punto nascita. La nuova oncologia ha una superficie di 800mq, con quattro stanze per 16 posti letto, tre con 12 poltrone di somministrazione, sette studi medici e ambulatori, stanze per l’infermeria, visite, caposala e prelievi.

L’ammodernamento della radiologia è stato effettuato con fondi propri dell’Area Vasta 3. Rientra nel progetto della seconda sala di emodinamica. Ha riguardato la manutenzione straordinaria dei locali, con la realizzazione di un ulteriore spazio per la diagnostica e un adeguamento funzionale. Sono state allestite tre sale di servizio, locali accessori, studi medici per complessivi 180mq.

Un altro intervento ha visto l’adeguamento dei locali di neuropsichiatria infantile, 110mq, visto il costante aumento di utenza. Un polo di eccellenza regionale, centro accreditato per i disturbi comportamentali, dispone ora di spazi funzionali per la diagnosi e la presa in carico dei ragazzi che necessitano di un trattamento riabilitativo psicomotorio e logopedico.

La riqualificazione della centrale termica, senza oneri a carico dell’Asur (offerta migliorativa di un altro appalto, 400 mila euro il costo dei lavori), garantisce un risparmio energetico di circa1 milione di KWh/anno, pari a una riduzione del 10 per cento dei consumi e un significativo abbattimento di CO2.

All’ospedale di Recanati il presidente Ceriscioli inaugura l’impianto di climatizzazione del reparto Cure intermedie

(RECANATI) – Ha richiesto un investimento di 565 mila euro l’intervento di climatizzazione del reparto Cure intermedie dell’Ospedale di comunità di Recanati. Il nuovo impianto è stato inaugurato oggi dal presidente della Regione, Luca Ceriscioli. “Continuiamo a investire nelle strutture ospedaliere territoriali, per dare le risposte attese dai cittadini – ha detto il presidente – Investimenti che riguardano servizi e tecnologie, ma anche, come nel caso di Recanati, l’umanizzazione della cura. Aver realizzato una nuova climatizzazione in una struttura che ospita in gran parte anziani, con le estati torride che viviamo, è un’attenzione alla persona che va sottolineata. È stato concretizzato un desiderio espresso un anno fa. Consente di compiere un ulteriore passo in avanti in questo ospedale di comunità che ha mantenuto il punto di primo intervento, continando a offrire servizi importanti, ora in un ambiente completamente climatizzato”. L’investimento ha permesso di realizzare un sistema di distribuzione idronico (con l’acqua come termovettore invece del gas refrigerante) che assicura un’accurata regolazione della temperatura nei singoli ambenti. È a servizio di un reparto che ha una superficie di circa 1.500mq, accreditato di 40 posti letto (20 attualmente utilizzati per le cure intermedie e 10 gestiti dalla medicina generale) e che dispone di sette ambulatori.

 

 

Il presidente Ceriscioli inaugura il nuovo Ortopantomografo della struttura ospedaliera di Civitanova Marche

(CIVITANOVA MARCHE) – La struttura ospedaliera di Civitanova Marche ha a disposizione l’ultima generazione di ortopantomografi digitali, di elevato livello e innovazione. Operativo dallo scorso 3 luglio, lo strumento diagnostico è stato inaugurato, oggi pomeriggio, dal presidente della Regione Luca Ceriscioli. Viene utilizzato per la radiografia panoramica delle arcate dentarie con immagini 2D. Permette anche la rappresentazione in 3D, necessaria per il settore dell’implantologia. Il nuovo Ortopantomografo ha sostituito il precedente apparecchio ormai obsoleto. Fornisce dettagliate immagini digitali utilizzate per la diagnosi e la cura delle malattie dentali, valutazione della dentizione, trattamenti di ortodonzia. L’inaugurazione, alla quale ha partecipato il sindaco Fabrizio Ciarapica, è stata l’occasione per illustrare gli interventi in corso nella struttura ospedaliera. Compito assolto dal direttore dell’Area Vasta 3, Alessandro Maccioni, che ha presentato il progetto della nuova Risonanza magnetica, con l’ampliamento degli spazi a disposizione (è prevista la realizzazione di una nuova ala ospedaliera). Un intervento da 773 mila euro, al quale si aggiungeranno la Tac mobile per il Pronto soccorso, la climatizzazione del lato ovest dell’edificio e il nuovo reparto di ortopedia i cui lavori sono in conclusione. “Prosegue il potenziamento dell’ospedale, con un salto di qualità nelle prestazioni erogate”, ha detto Maccioni. “L’Area Vasta 3 ha visto la realizzazione di una serie di investimenti che testimoniano l’attenzione della Regione verso le esigenze della sanità territoriale – ha affermato il presidente Ceriscioli – Insieme a Macerata e Recanati, la struttura ospedaliera cittadina si è dotata di servizi adeguati alle attese dei cittadini. Quella degli investimenti è una direttrice su cui puntiamo molto, con l’obiettivo di allineare le migliori tecnologie disponibili alla diagnostica e alla cura che garantiamo nelle nostre strutture. La nuova apparecchiatura di Civitanova sarà collegata digitalmente alla rete che carica dati e informazioni nella cartella clinica elettronica dei pazienti, con una strumentazione dell’ultima generazione”. Ceriscioli ha quindi ricordato che “il lavoro di questi anni ci permette oggi di essere credibili, con una crescita degli investimenti. Si continua a investire, puntando sulle nuove tecnologie che si ripagano da sole nel tempo. L’auspicio è che il governo nazionale non operi tagli nella sanità, consentendoci di proseguire secondo i programmi che ci siamo dati”. Il sindaco Ciarapica ha parlato di “un bel giorno per Civitanova Marche, con il potenziamento della struttura ospedaliera che può garantire alla cittadinanza servizi efficienti e di qualità”.

 

 

 

LEGGE SISMICA REGIONALE: CERISCIOLI FAVOREVOLE AL RINVIO

“L’applicazione della Legge sismica regionale cade  in un  contesto particolare, legato al terremoto e all’impegno forte che tutti hanno sotto questo profilo. Il mondo professionale e i tecnici degli enti locali hanno espresso la loro preoccupazione per il possibile intasamento degli uffici sisma che i cambiamenti normativi potrebbero comportare.  Quindi, rispetto ad un  rinvio c’è un atteggiamento positivo  già  espresso anche  insieme all’Anci che è portatore della stessa richiesta  e sottoporremo l’obiettivo al Consiglio regionale. Anche parlando con il vicepremier Di Maio, in occasione della sua   visita a Fabriano,  avevo accennato a questa legge  che spinge verso un’autorizzazione  che a molte Regioni ha creato problemi  auspicando anche una modifica a livello nazionale per eliminare il provvedimento”.

Così il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli sulla questione sollevata dai  rappresentanti degli Ingegneri marchigiani che hanno chiesto  di posticipare i termini di entrata in vigore dalla Legge Sismica Regionale.

 

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com