Benvenuto e Buona Navigazione, sono le ore 00:46 di Dom 19 Gen 2020

da Macerata

di | in: Cronaca e Attualità

image_pdfimage_print

giovedì 18 ottobre 2018

XIX Ecosistema Scuola Legambiente, Macerata tra le prime 15 città. Punti di forza l’aumento degli investimenti nell’edilizia scolastica e i servizi Pedibus e mense verdi bio

Il Comune di Macerata, rappresentato dal sindaco Romano Carancini e dall’assessore all’Edilizia scolastica Paola Casoni, è stato chiamato oggi a Napoli a presenziare in veste di comune virtuoso al primo forum ecologista su processi e strumenti per la sicurezza e qualità degli edifici scolastici promosso da Legambiente e nato dall’esperienza di due anni di Forum Scuola Innova e delle XVIII edizioni del dossier Ecosistema Scuola.

Macerata ha ricevuto il riconoscimento grazie al 15° posto che ricopre nella graduatoria nazionale delle città capoluogo nell’ambito della XIX edizione dell’Ecosistema Scuola 2018, e seconda nel Centro Italia dopo Prato, oltre che per la crescita degli investimenti nell’edilizia scolastica avvenuti negli ultimi anni, anche per il benessere che le sue scuole cittadine offrono in termini di servizi di elevata qualità.

Siamo fieri del riconoscimento che la nostra città ha avuto da Legambiente sulla qualità del nostro Ecosistema scuola tra tutti i capoluoghi di provincia del nostro Paese – afferma il sindaco Romano Carancini -. E’ il racconto di otto anni di impegno sui servizi scolastici, penso alle mense bio e al Pedibus, alle infrastrutture e alla certificazione di prevenzione incendio per tutti i plessi e infine e ai bassi costi dei servizi a domanda individuale a carico delle famiglie che oggi coprono solo il 38% del costo effettivo. Il risultato arriva solo a due anni dal sisma che ci ha messo in ginocchio ma che non è riuscito a fermare la determinazione nel cercare ulteriori miglioramenti che intendiamo raggiungere nei prossimi mesi: tutti gli studi di vulnerabilità degli edifici, la realizzazione delle scuole Mestica e Dante Alighieri e infine i progetti per le scuole colpite dal terremoto. Lavoriamo affinché il buon risultato 2018 possa essere confermato nel futuro.”

Eventi come quelle di oggi sono un fondamentale strumento non solo per il racconto di buone prassi nella gestione di un settore così delicato come quello dell’edilizia scolastica – interviene l’assessore Casoni- ma anche per il confronto sulle problematiche e sui nodi da sciogliere, comuni a tutte le amministrazioni: la continua ricerca di risorse, le lungaggini burocratiche nel settore degli appalti, la necessità di progettare con nuove norme che favoriscano la didattica innovativa. 

Tutte le esperienze mostrano però un fondamentale punto comune: la rigenerazione urbana non può che avere come punto di partenza la cura e il rinnovamento delle nostre scuole”.

L’indagine di Legambiente, infatti, oltre a esaminare la qualità degli edifici scolastici, ha preso in esame i servizi che incidono sulla sostenibilità e condivisione di stili di vita che coinvolgono l’intera comunità e i fiori all’occhiello per la nostra città, in questo senso, sono rappresentati dal Pedibus il servizio riservato ai bambini delle scuole primarie di accompagnamento a scuola a piedi che vede coinvolti più di 150 alunni, 23 accompagnatori volontari e 7 istituti e dalla mense verdi bio con i loro prodotti biologici, certificazioni di qualità, filiere rintracciabili, prodotti del territorio, condizioni di minor impatto ambientale nelle produzioni, ma anche prodotti del commercio equo e solidale e delle terre confiscate alle mafie con un’attenzione particolare alla formazione e all’educazione alimentare. Un servizio che ha ricevuto il premio nazionale “MensaVerde 2014”.

Nella foto: il sindaco Romano Carancini durante il suo interevento alla presentazione dell’Ecosistema Scuola di Legambiente oggi a Napoli


giovedì 18 ottobre 2018

In piazza della Libertà torna il Mercatino regionale Francese

Forte del successo delle precedenti edizioni ritorna dal 1° al 4 novembre in piazza della Libertà a Macerata il Mercatino Regionale Francese, un evento proposto da un gruppo di operatori commerciali con il patrocinio del Comune.

Si tratta di un evento che contribuirà a vivacizzare il centro astorico, una ghiotta occasione per conoscere i prodotti dell’enogastronomia francese e per venire a contatto con le tradizioni del Paese d’Oltralpe.

La tipicità del prodotto e la professionalità degli espositori ha permesso, in questi anni, uno sviluppo sia in termini di proposte, sia delle località che lo hanno ospitato, tanto da arrivare in oltre 30 città dell’Italia centro-settentrionale.

I prodotti legati all’enogastronomia francese rappresentano ancora una volta il cuore del mercatino. Oltre 80 i tipi di formaggio presenti, dal Mont d’Or, con la tipica confezione di legno, al Rocamadour del Midi Pyrénéés, dal Camembert della Normandia, al Brie della Ile de France. Anche i vini sono presentati in oltre 30 varianti, dallo Champagne al Bordeaux fino al Sidro. I salumi hanno particolari tipi di produzione che abbinano spezie ed erbe aromatiche. Per i più golosi le degustazioni dolci potranno contare sui biscotti bretoni, con oltre venti varietà di ripieno, dal cocco al sesamo, dal cioccolato al limone e su un gran numero di cioccolatini dai gusti raffinati, fino ad arrivare ai dolci preferiti da Re ed Imperatori: i macarons. Una grande tavolozza di colori è rappresentata dallo stand delle spezie, le quali provengono, nella maggior parte dei casi, dalle ex colonie francesi. Da non perdere è lo spazio dedicato alle crepes e alle gastronomia, tutte specialità da degustare calde.

In questo piccolo angolo di Francia saranno presenti anche tanti prodotti di artigianato, con un’ampia gamma di prodotti provenienti da diverse regioni: lavanda, saponi, profumi, le tovaglie provenzali e tanto altro ancora.

 

giovedì 18 ottobre 2018

Ciclo di incontri sulla terra cruda, di scena il “Modello Eco” per costruire sano e naturale

Prosegue il progetto “La terra è…” ideato e realizzato dall’assessorato alla Cultura del Comune di Macerata, dall’Ecomuseo delle case di Terra Villa Ficana della rete Macerata Musei e dall’Associazione Internazionale Città della Terra Cruda, con il patrocinio dei Comuni di Treia, Mogliano e Montegranaro, coordinato dall’architetto Anna Paola Conti, che si connota come un percorso per spiegare cosa sia, cosa sia stata e cosa possa essere la costruzione in terra cruda, attraverso il ciclo di incontri con taglio divulgativo.

  Il prossimo appuntamento in calendario è per il 23 ottobre alle 15 nella Sala Castiglioni della Biblioteca Mozzi Borgetti a Macerata con la conferenza intitolata “La terra è… contemporaneità, i progetti realizzati”.

  All’incontro saranno presenti l’ingegner Francesco Fulvi e l’architetto Giulia D’Ambrosio dell’Associazione Culturale Manifattura Urbana di Parma che presenteranno il Modulo Eco – piccolo padiglione dimostrativo auto costruito a scopo di divulgazione e didattica sui temi del costruire sano e naturale, diventato oggi uno spazio sociale a Parma.

  Il progetto è risultato tra i vincitori del concorso internazionale indetto nel 2016 dall’Associazione Internazionale Città della Terra Cruda in occasione del convegno “Riabitare la terra”.

  L’iniziativa, patrocinata dall’Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori di Macerata e dal Collegio dei Geometri di Macerata prevede il rilascio di 3 crediti per gli architetti con prenotazione obbligatoria sulla piattaforma iM@teria.

  L’incontro è a ingresso libero ed è previsto il rilascio di un attestato di partecipazione per gli studenti.

Info: www.ecomuseoficana.it o evento fb https://www.facebook.com/events/151223035830222/.

 

 

giovedì 18 ottobre 2018

Gran Galà del dialetto, al Don Bosco è la volta di “Grisù, Giuseppe e Maria”

Gran Gala dialetto

Prosegue con successo la rassegna “Gran Gala del dialetto” organizzata dalla compagnia teatrale Oreste Calabresi con il patrocinio del Comune di Macerata e della Uilt, dedicata al grande Silvio Spaccesi, che nella sua lunga carriera ha portato il dialetto maceratese in tutta Europa, e ai dialetti della Marca.

Il secondo appuntamento della rassegna è per sabato 20 ottobre alle 21,15 al Teatro Don Bosco. In scena una delle più esilaranti opere di Gianni Clementi “Grisù, Giuseppe e Maria”.. Un brillante storia di paese ambientata nella piccola frazione di Sforzacosta . Siamo nel 1956 e intorno alla chiesa di San Giuseppe c’era un gruppetto di case abitate da tante famiglie operaie con tante persone semplici e timorate di Dio e dove l’onore e la rispettabilità della “casata” erano assolutamente da difendere e preservare. Rosa e Filomena avevano, l’una il marito e l’altra il fidanzato in Belgio, nella triste miniera di Marcinelle e spesso toccava al parroco, Don Nazzareno, risolvere i problemi quotidiani di tutti i parrocchiani.

Uno spettacolo comico che negli ultimi anni ha ricevuto premi a Festival nazionali e regionali e che ci assicura una serata di fresca vitalità e allegria.

Prenotazioni e informazioni presso la Biglietteria dei Teatri. Tel: 0733.230735.

Nella foto: scena della commedia “Grisù, Giuseppe e Maria”

 

 

giovedì 18 ottobre 2018

Incontri d’autunno, tornano i dibattiti organizzati dal Circolo Aldo Moro. Il programma di ottobre.

Torna Incontri d’autunno, la serie di dibattiti e momenti di riflessione promossa dal Circolo di cultura politica Aldo Moro e patrocinata dal Comune di Macerata.

Da domani, venerdì 19 ottobre, fino al 5 dicembre, i più importanti temi di interesse sociale e collettivo saranno approfonditi con l’aiuto di qualificati relatori che si alterneranno nei vari appuntamenti all’Hotel Claudiani. Dall’analisi della nascita del governo Monti all’affermarsi di movimenti e formazioni politiche populiste, dalla situazione degli immigrati al caso Traini, tanti gli argomenti sul tappeto che saranno oggetto di dibattito con il pubblico.

Il primo appuntamento in programma domani, venerdì 19 ottobre, alle 21, vede l’intervento di Marco Tarquinio, direttore del quotidiano L’Avvenire che, introdotto dal direttore di Emmaus Piero Chinellato, parlerà sul tema I cattolici e l’impegno pubblico– A quasi cento anni dall’appello “liberi e forti” di Luigi Sturzo è tempo di un rinnovato interesse comune.

Due gli altri appuntamenti del mese di ottobre. Giovedì 25, alle 21, è la volta di Agenda città – Ripartire dalla Città per sviluppare l’innovazione, aumentare la competitività e rafforzare la coesione sociale. Introdotto da Narciso Ricotta, assessore ai Lavori pubblici del Comune di Macerata, l’argomento sarà sviluppato da Marco Marcatili, analista economico Nonisma e Graziano Delrio, capogruppo del Pd alla Camera dei deputati. Mercoledì 31 (h 21) S.O.S. LavoroL’innovazione cambia il lavoro e il rapporto tra imprenditori e lavoratori –dalla rinascita della Fiat all’Ilva, il coraggio di negoziare e sottoscrivere accordi per i lavoratori. L’argomento sarà introdotto da Marco Ferracuti, segretario regionale Cisl Marche. Interviene Marco Bentivogli, segretario nazionale Federazione Italiana Metalmeccanici-Cisl.

Programma completo su www.comune.macerata.it sulla pagina facebook Circolo Aldo Moro Macerata. Info 0733_202456.

 

© 2018, Redazione. All rights reserved.




18 Ottobre 2018 alle 18:08 | Scrivi all'autore | | |
Tags:

Argomenti Frequenti


Archivio


Ricerca personalizzata