Benvenuto e Buona Navigazione, sono le ore 07:41 di Sab 19 Ott 2019

dalla Regione Marche

di | in: Cronaca e Attualità, dalla Regione Marche

image_pdfimage_print

LE ECCELLENZE MARCHIGIANE PROTAGONISTE IN ALBANIA

Ceriscioli: ”La nostra regione sinonimo di agroalimentare di qualità, settore strategico per l’economia”

Le Marche grandi protagoniste in Albania in occasione della terza edizione della Settimana della Cucina Italiana nel Mondo in corso dal 19 al 25 novembre 2018.

Il presidente della Regione Luca Ceriscioli  in questi giorni è a Tirana  per partecipare agli eventi previsti nell’ambito della manifestazione tra i quali, ieri sera, il ricevimento ufficiale dell’ambasciatore italiano Alberto Cutillo (FOTO).

“Gli appuntamenti in corso – spiega Ceriscioli – mirano a far conoscere sempre di più all’estero l’agroalimentare e la cucina italiana di qualità. In questo contesto, le Marche enogastronomiche, che in questi anni  stanno crescendo significativamente a livello internazionale, non potevano mancare. L’agroalimentare rappresenta un settore strategico della vita economica e culturale di questa regione e quella di oggi è una ottima occasione per valorizzare le eccellenze marchigiane veicolando l’enogastronomia regionale attraverso iniziative gestite con grande professionalità. Si tratta di un progetto dal respiro turistico in una vetrina di livello internazionale  che coinvolge gli enti locali, le imprese, le scuole e l’università in una promozione mirata e coordinata del nostro territorio ”.

Questa sera infatti, grazie all’organizzazione di Tipicità Marche in missione in Albania con una delegazione guidata dal direttore Angelo Serri e dal coordinatore Alberto Monachesi e composta da alcuni  rappresentanti degli Enti locali, delle Università di Camerino e della Politecnica delle Marche, delle categorie e da dieci imprenditori marchigiani, si terrà l’evento “Vivere All’Italiana: Taste Marche Experience”. Saranno presenti ambasciatori da tutto il mondo, rappresentanti dell’Unione Europea e del Governo Albanese oltre a numerosi giornalisti del settore compresa una troupe del Tg5 guidata dal caporedattore e curatore della rubrica “Gusto” Gioacchino Bonsignore e il conduttore radiofonico di Caterpillar Radio2 Marco Ardemagni.

La serata prevede una cena con show ed intrattenimento musicale dedicata al territorio ed alle eccellenze enogastronomiche marchigiane. Il menù  è stato ideato dagli chef del marchio Tipicità con l’ausilio di professori e studenti degli Istituti professionali alberghieri Panzini di Senigallia e Urbani di Porto Sant’Elpidio, in collaborazione con alcuni studenti di istituti professionali albanesi.

In occasione della sua visita in Albania inoltre, il presidente Ceriscioli questa mattina è  intervenuto anche all’incontro della Task Force Adriatico Ionica, che si è svolta al termine delle iniziative di AI-NURECC (Adriatic Ionian Network of Universities, Regions, Chambers of Commerce and Cities) di questi giorni, con l’obiettivo di capitalizzare le opportunità offerte da questa importante rete, coordinata dalla CRPM (Conference of Peripheral Maritime Regions), per sviluppare progetti concreti nell’area Adriatico- Ionica nei settori del turismo-cultura, dell’innovazione tecnologica,  delle politiche giovanili e della formazione professionale. Scopo dell’incontro fare un’analisi dei bisogni dell’area e scambiare buone pratiche per trovare nuove soluzioni e proporre nuovi progetti e azioni concrete in allineamento con i  fondi della prossima programmazione europea.


Dichiarazione assessora Bora rapimento giovane volontaria in Kenia

 

Manuela Bora, Assessora alla Cooperazione Internazionale della Regione Marche appreso con sconcerto del rapimento in Kenya della giovane volontaria Silvia Romano esprime a nome della Giunta Regionale forte solidarietà e vicinanza alla giovane volontaria ed alla sua famiglia ed all’Associazione Africa Milele di Fano

“Ho appreso con sconcerto del rapimento in Kenya della giovane volontaria Silvia Romano ed esprimere a mio nome e a nome della Regione Marche forte solidarietà e vicinanza vicina alla giovane Silvia, alla sua famiglia ed alla onlus marchigiana MILELE di Fano. Si tratta purtroppo di un inqualificabile gesto rivolto a chi dedica la propria vita ad aiutare comunità in difficoltà in un paese lontano e si spende con serietà e totale dedizione, con poche risorse e tante difficoltà, per dare piccole ma importanti risposte alle diseguaglianze del mondo globalizzato”.

 

 

Piano cessioni alloggi Erap: già ceduti 182 alloggi per 8,3 milioni di euro. Casini: “Risorse per nuovi investimenti abitativi”

Sono già stati ceduti 182 alloggi, per un importo complessivo di 8,3 milioni di euro. È il dato che emerge dall’aggiornamento, a fine ottobre, del Piano di cessione del patrimonio edilizio dell’Erap Marche. Un programma di dismissioni previsto dal Piano regionale di edilizia pubblica 2014-2016. Accanto ai nuovi investimenti e alla riqualificazione degli immobili, la programmazione stabilisce che parte delle risorse da utilizzare vengano reperite dalla vendita di alloggi pubblici. “Le Marche hanno dato vita a un piano di dismissioni notevole per far fronte alle carenze di risorse da destinare all’edilizia pubblica – afferma la vicepresidente Anna Casini, che ha la delega del settore – I fondi incassati verranno utilizzati per finanziare interventi di recupero del patrimonio esistente e per realizzare nuovi alloggi nelle aree urbane. Le dismissioni stanno riguardando edifici individuati con criteri oggettivi per consentire all’Erap una migliore operatività. Le alienazioni coinvolgono immobili vetusti, quelli di realtà dove non c’è una tensione abitativa elevata o ubicati in condomini con propensione all’acquisto da parte degli assegnatari, Dalla loro vendita arriveranno le risorse per garantire il diritto alla casa a quanti sono in graduatoria”. Le proposte di alienazione hanno avuto 578 adesioni, che si sono poi ridotte a seguito di rinunce. Attualmente sono 302 gli alloggi in vendita per un incasso previsto di 18,1 milioni. Le province che hanno garantito all’Erap introiti maggiori sono quelle di Ancona (3,8 milioni) e Macerata (2 milioni).

 

IL PRESIDENTE DEL CONI MARCHE, FABIO LUNA, HA RICEVUTO AL CONI IL CAMPIONE REGIONALE DI MOTOCICLISMO, LORENZO BALDASSARRI

Insieme al presidente Luna, anche il vice presidente Giovanni Torresi e l’esponente di Giunta, Marco Porcarelli

ANCONA, 21 NOVEMBRE 2018 – Il presidente del CONI Marche, Fabio Luna, ha incontrato questo pomeriggio nella sede del Comitato regionale, al PalaPrometeo Estra Rossini di Ancona, il campione regionale di motociclismo, Lorenzo Baldassarri. Insieme al presidente Luna anche il vice presidente del CONI Marche, Giovanni Torresi, ed il rappresentante di Giunta, Marco Porcarelli.

Nato a San Severino Marche nel 1996, Balsassarri è una giovane promessa del motociclismo nazionale. Attualmente in Moto2, in sella alla sua Kalex con il team Pons, categoria nella quale ha collezionato successi nell’ultimo anno, Baldassarri punta alla Moto Gp. “È il sogno di ogni pilota – afferma – e naturalmente anche il mio”.

La sua prima volta in moto è stata a 3 anni e mezzo, racconta, prima in minicross e poi sull’asfalto. La prima gara a 7 anni. “La velocità e le moto ce le ho nel sangue”. Merito anche, come egli stesso ammette, della sua terra d’origine, le Marche “da sempre terra di motori”. Non a caso uno dei suoi “mentori” è il campione mondiale Valentino Rossi, che lo ha voluto nella sua Vr 46 Academy. “È stata una grande opportunità e a Valentino bisogna riconoscere il merito di aver capito che in Italia il motociclismo stava perdendo terreno, non si stavano più formando piloti, come ad esempio in Spagna. E lui dopo 9 Mondiali ha deciso di trasmettere i suoi segreti, le sue conoscenze ai giovani talenti ed oggi quella scelta lungimirante sta dando i suoi frutti”.

Baldassarri, per la prima volta al CONI Marche, si è detto: “Onorato di essere stato ricevuto per la prima volta dai vertici del CONI Marche e di aver ricevuto i riconoscimenti del Comitato”.

Orgogliosi di accogliere il giovane campione nella sede del CONI Marche, i vertici del Comitato regionale. “È stato uno degli impegni che ho assunto sin dall’inizio del mio mandato: incontrare ufficialmente i campioni e le eccellenze dello sport marchigiano nella sede del CONI Marche che è la casa di tutti gli sportivi – le parole del presidente Fabio Luna –. È un onore avere qui con noi oggi Lorenzo Baldassarri. Un campione giovanissimo che non solo ha collezionato importanti successi negli ultimi anni, ma che rappresenta uno dei migliori piloti italiani. A lui va il nostro augurio di un futuro ancora più ricco di vittorie. L’incontro di oggi – aggiunge Luna – vuole essere anche un omaggio al mondo del motociclismo regionale, che come sappiamo rappresenta una delle realtà sportive più rilevanti delle Marche, come ha ricordato lo stesso Lorenzo”.

 

 

 

BANDO “SPORT E PERIFERIE”: FINANZIATI 34 PROGETTI PER LA RIQUALIFICAZIONE DEGLI IMPINTI SPORTIVI NELLE MARCHE PER 11,8 MILIONI DI RISORSE

Il presidente Luna: «Risultato di grande rilievo per la nostra regione che ha un ricco patrimonio di strutture sulle quali spesso i Comuni da soli non riescono ad intervenire. Un altro tassello di un piano di opere straordinario, tra fondi regionali e statali, con oltre 150 impianti interessati e 30 milioni di investimento»

Aperto il bando 2018 “Sport e periferie”, termine per la presentazione dei progetti il 17 dicembre

ANCONA, 21 NOVEMBRE 2018 – Sono 34 i progetti approvati relativi alla riqualificazione o al completamento degli impianti sportivi del territorio, dislocati in 32 Comuni, per un finanziamento complessivo di 11,8 milioni di euro. Sono i numeri del bando “Sport e periferie 2017” nelle Marche, del quale è stata pubblicata la graduatoria degli interventi, mentre si è aperto già il bando 2018 i cui termini si chiuderanno il prossimo 17 dicembre. La quota di investimento statale nelle Marche è di oltre il 10% del totale delle risorse a disposizione. Tra i Comuni che saranno interessati dagli interventi, anche molte località del cratere sismico, che potranno così vedere completate o messe in sicurezza le proprie strutture sportive: un aiuto alla ricostruzione, ma anche alla ricucitura di relazioni sociali per favorire la quali lo sport è fattore privilegiato.

Istituito dal precedente Governo, il fondo “Sport e periferie” è volto a realizzare interventi edilizi per l’impiantistica sportiva, tesi, in particolare, al recupero e alla riqualificazione degli impianti esistenti, e individua come finalità il potenziamento dell’agonismo, lo sviluppo della relativa cultura, la rimozione degli squilibri economico-sociali e l’incremento della sicurezza urbana. Gli interventi nascono dall’esigenza di dare un segnale immediato sul territorio, soprattutto a quei territori particolarmente degradati delle periferie delle città. Nelle Marche saranno 34 i progetti finanziati, distribuiti in 32 Comuni di tutte e cinque le province. Opere che vanno dall’impianto sportivo polivalente, ai campi di calcio, atletica, alle strutture per svolgere il canottaggio. «Il risultato ottenuto dalle Marche è di grande rilievo commenta il presidente del CONI Marche, Fabio Lunasegno anche di una collaborazione proficua con i livelli nazionali del CONI, e con la Regione Marche. Se il terremoto del Centro Italia resta un dramma, non posso che sottolineare l’impegno che il presidente Giovanni Malagò ha profuso affinché ci fosse un’attenzione particolare alle zone colpite dal sisma. Le Marcheprosegue Lunasono una piccola regione, ma con un ricco patrimonio sportivo non solo in termini di campioni o di movimento sportivo di base, ma anche in termni di impiantistica. Parliamo di strutture prevalentemente pubbliche che hanno bisogno di manutenzione, ma anche di ampliamenti, messe a norma ed adeguamenti tecnici. Interventi ai quali spesso i Comuni, specie se piccoli, non riescono a far fronte da soli. Per questo poter usufruire di finanziamenti statali è un elemento di estrema importanza». E le risorse del fondo “Sport e periferie” non sono che una parte degli investimenti pubblici statali, ma anche regionali rivolti all’impiantistica sportiva. Ricorda Luna: «Nell’ultimo anno sono stati finanziati nelle Marche, attraverso diversi bandi e fondi, circa 150 strutture sportive, per circa 30milioni di investimenti complessivi. Solo poco più di un mese fasottolinea Lunaè stata pubblicata la graduatoria per i progetti finanziati dai fondi regionali, circa 6 milioni, che hanno generato oltre 17 milioni di investimento per interventi su circa 90 strutture».

Appena pubblicata la graduatoria del bando 2017 di “Sport e periferie” è già aperto il bando 2018, i cui termini scadranno il prossimo 17 dicembre.

clicca l’allegato: dpcm 22 ottobre 2018 approvazione secondo piano pluriennale interventi

© 2018, Redazione. All rights reserved.




21 Novembre 2018 alle 22:47 | Scrivi all'autore | | |

Argomenti Frequenti


Archivio


Ricerca personalizzata