18 anni dell’Osteria Ophis, una eccellenza tutta offidana

18 anni dell’Osteria Ophis, una eccellenza tutta offidana

Offida – L’Osteria Ophis compie 18 anni e ottiene, annualmente, dei riconoscimenti a livello italiano. Se la bravura dello chef si è diffusa grazie al passaparola dei suoi clienti, ormai il nome di Daniele Citeroni Maurizi è scritto nelle più famose guide e riviste di settore.

Tra queste: Touring club come buona cucina; Un bacio su Bibenda; La Chiocciola Slow Food (unica nel Piceno); Tre gamberi per la guida ristoranti d’Italia del Gambero Rosso (unico in tutte le Marche).

Per il 2019 Citeroni può vantare anche la menzione del Golosario di Gatti Massobrio e della Guida dell’Espresso dove ha ricevuto 1 Cappello e il grande riconoscimento di Trattoria dell’anno, che viene conferito annualmente a 2-3 attività ristorative italiane.

La Città di Offida – commenta il vice Sindaco Isabella Bosano – non può che essere orgogliosa per questi 18 anni di attività di un grande chef come Citeroni. Nella sua Osteria non si va semplicemente a cenare ma si fa un vero e proprio percorso degustativo di sapori piceni, che lo chef interpreta con maestria. Nei suoi piatti torna a nuova vita tutta la nostra tradizione. I premi ricevuti sono il giusto compenso per i suoi sforzi. Ne arriveranno altri, ne sono sicura. A nome di tutta l’Amministrazione, auguro un buon compleanno a Ophis, un’eccellenza tutta offidana”.

Per i risultati ottenuti, Citeroni ringrazia i produttori locali dai quali si rifornisce quotidianamente:

Se ci cena da Ophis si scelgono di fatto le 22 aziende a cui faccio riferimento, tranne 3 sono tutte Picene e marchigiane. Quindi se si parla di Ophis non si fa solo la felicità del proprietario o dello staff ma di una sinergia che dura da 12 anni: la cosiddetta filiera”.

A questo proposito Citeroni si auspica che nel prossimo futuro anche la stampa locale, così come avviene in altre zone d’Italia, dia la giusta valenza alle aziende che fanno sistema e valorizzano il territorio. “Non abbiamo nulla da invidiare a zone più blasonate d’Italia, per diversità e qualità, ma facciamo fatica a comunicarlo. Io continuerò a credere sempre nel Piceno, che sarà sempre il protagonista dei miei piatti. Esporterò le sue tradizioni ovunque, ogni volta che mi capiterà di uscire dai suoi confini”.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com