dall’UniUrb

dall’UniUrb

2019-01-25

OPLA’”: ECCO IL TEATRO PER BAMBINI

“Oplà!” è il nuovo laboratorio di teatro che il CTU “Cesare Questa” dell’Università di Urbino Carlo Bo ha pensato per i bambini dai 6 ai 12 anni, non solo della città ma anche dell’entroterra; infatti sono due i corsi tra i quali ragazzi e genitori scegliere: a Urbino (Sala del maniscalco, scalette del Teatro Sanzio) tutti i mercoledì dalle 16:00 alle 17:15 dal 30 gennaio al 29 maggio; a Macerata Feltria (Teatro Battelli) tutti i martedì dalle 16:00 alle 17:15 dal 29 gennaio al 28 maggio.

Comune di Urbino, Comune di Macerata Feltria e Unione Montana del Montefeltro sono i promotori di questo nuovo servizio dedicato ai più piccoli in cui sono valorizzati il gioco, la manualità, il contatto e la relazione. 

Per maggiori info ctu.cesarequesta@uniurb.it – 3888336662

Uniurb e Sant’Anna di Pisa studiano insieme l’economia delle risorse idriche

L’Università di Urbino Carlo Bo ha siglato una convenzione con l’Istituto di Management della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa riguardante la ricerca  relativa alla Quantificazione dei costi ambientali e della risorsa relativi alla fornitura di acqua attraverso l’acquedotto della Romagna e delle Fonti Locali, finanziata da Romagna Acque SpA. 

L’apporto del gruppo di lavoro dell’Ateneo feltresco coordinato dal Prof. Riccardo Santolini (già referente per il Ministero Ambiente ed Agricoltura per questi temi) ha il compito di approfondire l’analisi biofisica ed economica dei Servizi ecosistemici legati al ciclo dell’acqua in modo da poter stimare i costi associati all’utilizzo dell’acqua e ai servizi da essa resi attraverso la valutazione degli impatti ambientali, integrandosi con la valutazione economica dei danni ambientali. 

Questa ricerca si sviluppa in seguito alla richiesta dell’Unione Europea attraverso la direttiva acque 2000/60/CE  e del DM 24 febbraio 2015, n. 39, di valutare i costi ambientali e della risorsa (ERC Environmental Recovery Cost) da integrare nella tariffa del servizio idrico integrato ma che l’Italia non ha mai considerato, finalizzati al recupero delle funzioni ambientali. 

L’importanza degli obiettivi da raggiungere ha determinato la necessità di un lavoro più stretto e approfondito sviluppando anche gli aspetti didattici e divulgativi che spiegano l’incarico come visiting professor del professor Santolini. I risultati di questa ricerca quindi potranno diventare fondamentali nel costruire un nuovo quadro economico rispetto alla gestione della risorsa idrica ed alla conservazione del capitale naturale e delle sue funzioni.

 

 

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com