Alla scoperta della sede Rai di Ancona

Alla scoperta della sede Rai di Ancona

2. UN ‘LABIRINTO’ DI TECNOLOGIA

La classe 4B del Liceo Scientifico Rosetti di San Benedetto del Tronto è stata accolta, lo scorso 10 gennaio, nella sede Rai di Ancona, situata in Piazza della Repubblica. La visita, grazie al progetto “Rai porte aperte”, si è inserita nel percorso di Alternanza Scuola Lavoro“Dalla realtà alla scrittura” dedicato al mondo della comunicazione e alla scrittura giornalistica, percorso attuato con la testata www.ilmascalzone.it . Gli studenti sono stati accompagnati dalle docenti Elena Cardola, tutor interno per l’ASL, Maria Agnese Sciocchetti e Federica Vallorani.

Nei pressi del grande porto di Ancona, di fianco al prestigioso Teatro delle Muse, ha sede il grande studio della Rai. Questo si trova al secondo piano del palazzo antistante piazza della Repubblica ed è composto da oltre quaranta sale, ognuna delle quali viene utilizzata per una diversa mansione. Tutte sono collegate ad un unico orologio comune il cui orario proviene dall’Istituto elettrotecnico nazionale Galileo Ferraris, al fine di coordinare tutte le trasmissioni a livello nazionale. A farci conoscere gli spazi dell’emittente è stato Peppino Bucci, coordinatore della produzione.

Quest’ultimo ci ha accompagnati a visitare la redazione, una grande ambiente che si affaccia sul mare e che mette a disposizione innumerevoli scrivanie dotate di computer per lo scorrevole svolgimento dell’attività giornalistica. La stanza adiacente viene invece adoperata per le riunioni durante le quali i giornalisti stabiliscono quali notizie inserire nei notiziari e con quale. A seguire, nella parte ovest del palazzo, il corridoio si ramifica in diverse stanze di piccole dimensioni che accolgono impianti di registrazione audio e video, tra cui la sala di montaggio ingest, in cui è presente un server centrale nel quale è inviato tutto il materiale che serve per la realizzazione del telegiornale. Le altre sale invece sono adibite al montaggio e in esse, attraverso l’unione di immagini e suoni, vengono creati i servizi per i giornali radio ed i telegiornali.

Nei pressi di queste sale si trova anche lo studio televisivo che appare a primo impatto molto moderno e funzionale. Infatti, a differenza di altri studi dello stesso tipo, questo è capace di mandare in onda più edizioni del telegiornale grazie all’uso significativo dell’impianto di illuminazione e degli schermi, le cui immagini cambiano a seconda dell’edizione del TG. Per la transazione tra una notizia e l’altra sono presenti tre telecamere, posizionate con diverse angolazioni, le cui immagini vengono successivamente inviate alla regia tv dove sono collocati molti schermi e mixer che controllano la messa in onda di tutte le trasmissioni.

Infine ci siamo recati nella centrale di controllo audio dove, attraverso la collaborazione tra una speaker e un videomaker, l’audio precedentemente registrato dalla giornalista unito a quello ricavato dai servizi e dalle interviste preparati in precedenza, viene messo in onda.

Daniele Sbaffoni-Cristian Mandolini

IV B Liceo Scientifico Statale “Benedetto Rosetti”

 

 

 

© www.ilmascalzone.it © Press Too srl – Riproduzione riservata
nb: per immagini ad alta definizione scrivere a 
redazione@ilmascalzone.it

 

 

 

 

 

 

 

 

 

2019-02-05 – Gli studenti della classe 4B del Liceo Scientifico Benedetto Rosetti stanno collaborando con la testata giornalistica Il Mascalzone.it per il progetto di alternanza scuola lavoro “Dalla realtà alla scrittura. Gli alunni sono impegnati nella stesura di articoli  sulla base delle esperienze affrontate previste dal progetto nell’arco dell’anno scolastico. Obiettivo è quello di potenziare le competenze comunicative, attraverso attività di scrittura e documentazione foto/video, per vivere la realtà con maggior consapevolezza.

 

Alla scoperta della sede Rai di Ancona

 

Alla scoperta della sede Rai di Ancona

 

Alla scoperta della sede Rai di Ancona

 

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com