dalla Regione Marche

dalla Regione Marche

2019-02-18

REGIONE MARCHE E CAMERA DI COMMERCIO FORMALIZZANO LA COLLABORAZIONE: SIGLATO IL PROTOCOLLO DI INTESA

Sviluppo del territorio, rafforzamento della competitività del sistema imprenditoriale, semplificazione, internazionalizzazione e attrazione degli investimenti: sono i cardini del protocollo di intesa siglato questa mattina dal presidente della Regione Marche, Luca Ceriscioli, e dal presidente della Camera di Commercio delle Marche, Gino Sabatini. Per l’attuazione dell’accordo la Regione mette a disposizione 4.605.000 euro nel triennio 2019-2021 (905.000 nel 2019; 2.900.000 nel 2020 e 800.000 euro nel 2021). Sottolinea l’importanza dello spirito collaborativo e le opportunità che si aprono per il sistema imprenditoriale l’assessora alla Attività Produttive, Manuela Bora: ”La Regione Marche crede fortemente in questo progetto che finalmente unisce la nostra Regione al plurale nel segno delle crescita e dello sviluppo”. “Stiamo attraversando un momento di grandi cambiamenti – aggiunge l’assessora – in cui si stanno attivando importanti riforme, prima tra tutte quella camerale, fortemente voluta dalla Giunta Regionale. Ringrazio tutti coloro che hanno reso possibile la realizzazione di questo progetto, a partire dalle Associazioni di categoria, per l’impegno e la passione profusi, e soprattutto il grande spirito di collaborazione che fa ben sperare in una proficua collaborazione futura”. “E’ una giornata importante per il mondo imprenditoriale marchigiano – ha detto Sabatini – Abbiamo firmato un protocollo d’Intesa dove il sistema camerale e la Regione Marche lavorano all’unisono per progetti utili alle nostre imprese. Abbiamo settori in difficoltà, settori che vogliono crescere, con questa firma mettiamo a disposizione il know-how del sistema camerale e la Regione Marche il suo know-how per trovare insieme dei progetti da poter condividere con il mondo imprenditoriale. E’ un impegno forte quello della Regione con circa 4 milioni e 7 in 3 anni. Oggi più che mai possiamo dire che l’unitarietà del sistema camerale ha dato la possibilità alla Regione Marche di trovare un interlocutore forte, preparato che può essere a fianco al mondo imprenditoriale. Oggi più che mai condividiamo la linea del presidente Ceriscioli, dobbiamo aiutare le imprese a resistere, a restare su questo mercato e a trovare quell’innovazione che è più che mai utile per guadagnare nuove fette di mercato, possiamo farlo con una Camera unica delle Marche con una regione al fianco”. La recente riforma camerale con il riordino delle cinque Camere di Commercio marchigiane in un unico Ente, costituisce l’opportunità per un rilancio e consolidamento della tradizionale collaborazione istituzionale puntando ad accrescere ogni possibile sinergia fra le funzioni di governo e coordinamento proprie della Regione Marche e le funzioni istituzionali della Camera di Commercio delle Marche.

PUNTO NASCITA – CERISCIOLI RICEVE I SINDACI DEL FABRIANESE: ”RICHIESTA CONGIUNTA PER INCONTRARE IL MINISTRO”

“Ho appena incontrato i sindaci del territorio fabrianese. È stato un incontro molto costruttivo: abbiamo parlato di come lavorare per raggiungere l’obiettivo condiviso che è quello di dare un futuro al punto nascita di Fabriano.  Abbiamo deciso di fare una richiesta congiunta di incontro al Ministro per poter sottoporre le nostre ragioni, anche nel rispetto, da parte della Regione, delle iniziative che faranno i Comuni autonomamente nei confronti del Tar.  Ad oggi infatti è mancato un interlocutore e quindi la risposta da parte del Governo sulla deroga. E’ un bene questo cambio di passo: anziché lanciarci in invettive reciproche  è molto meglio andare a guardare fino in fondo dove sta il nodo per superare il problema e affrontarlo insieme, sapendo che il Ministro si è già espresso favorevolmente per la revisione questa politica sui punti nascita. Ma questa espressione ha bisogno di diventare concreta. Speriamo che ci sia un riscontro, una risposta  che possa cambiare le cose, altrimenti dovremmo continuare con  l’adempimento che il tavolo Lea (livelli essenziali di assistenza) ha chiesto alla Regione e cioè provvedere alla chiusura del punto nascita”.  Questo il commento del presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli  dopo l’incontro oggi a Palazzo Raffaello con  il sindaco di Fabriano Gabriele Santarelli, il  sindaco di Sassoferrato e presidente dell’Area Montana dell’Esino – Frasassi Ugo Pesciarelli, il sindaco di Genga Giuseppe Medardoni e il vicesindaco di Cerreto d’Esi Giovanni Montanari.

 

 

 

PREVENZIONE SISMICA E EFFICIENTAMENTO ENERGETICO IN EDILIZIA SANITARIA OLTRE 12 MILIONI ALL’OSPEDALE REGIONALE DI TORRETTE

 

 

Nell’ambito di un programma di interventi di efficientamento energetico e di prevenzione sismica in edifici pubblici e sostegno alla ripresa socio- economica delle aree colpite dal sisma, la giunta regionale ha approvato questa mattina un Piano di interventi di efficientamento energetico e miglioramento sismico in edilizia sanitaria con l’assegnazione di risorse per alcune strutture sanitarie.

 

 

Tra queste, 12 milioni e 236 mila euro sono stati assegnati all’Ospedale regionale di Torrette per lavori di riqualificazione energetica e di adeguamento/ miglioramento sismico con la realizzazione di torri dissipative. Un sistema ad alta innovazione tecnologica che si applica in edifici classificati strategici e che prevede la costruzione di torri dedicate alla protezione sismica, equipaggiate all’esterno degli edifici con dispositivi di dissipazione di energia.

 

“Sono passati 36 anni da quando la legge per la grande frana di Ancona (L. 183/83) – commenta il direttore generale Azienda Ospedali Riuniti, Michele Caporossi – attribuì un cospicuo finanziamento che permise l’avvio e poi la conclusione della realizzazione del Nuovo Ospedale Regionale delle Marche nella sede di Torrette. Dopo oltre 30 anni va a merito dell’attuale Amministrazione Regionale di aver, sin dall’inizio del suo mandato, scelto di dare il via ad una nuova stagione di poderosi investimenti in opere, tecnologie e messa a norma di tutto il patrimonio della nostra Azienda Ospedaliera. Oltre 120milioni di euro, che testimoniamo una sensibilità ed una lungimiranza che ci permetteranno di potenziare il nostro ruolo, diventando per tutto il territorio il punto di riferimento principale della rete sanitaria regionale che cresce ogni giorno, soprattutto per via del grande lavoro svolto dai nostri professionisti. Esprimo da parte loro e da parte di tutti i nostri pazienti la più viva gratitudine al Presidente Luca Ceriscioli ed all’amministrazione regionale tutta”.

 

 

L’ASSESSORE BRAVI ALLA CONFERENZA DI URBANIA “ESSERE GENITORI, MESTIERE DIFFICILE ”: “FONDAMENTALE L’ALLEANZA TRA SCUOLA E FAMIGLIA”

L’assessore all’Istruzione, alla Formazione e al Lavoro Loretta Bravi nei giorni scorsi ha partecipato alla Conferenza con Giovanni Miselli “Essere genitori: un mestiere difficile, specie quando ci sono bisogni speciali” che si è svolta ad Urbania all’Istituto Della Rovere. Il prof. Miselli è docente di Psicologia all’Università Iulm di Milano e presidente ACT Italia (Italian Chapter Association for Contextual Behavioral Science). “Un percorso formativo – ha commentato – che ha come obiettivo l’approfondimento delle dinamiche di accompagnamento a sostegno dell’inclusione di alunni con particolari difficoltà ed è in grado di cogliere sia gli aspetti genitoriali sia gli aspetti didattici. Si tratta di un ciclo di seminari rivolto non solo al personale docente e agli educatori ma anche i genitori di bambini e adolescenti con disabilità che devono essere sostenuti. E vedere la numerosa presenza in platea di enti e associazioni, di insegnanti e genitori pronti a fare rete è particolarmente importante per una inclusione vera ed effettiva. Una delle maggiori priorità per la Regione Marche e per l’Assessorato di mia competenza è proprio quello di una inclusione scolastica e sociale di tutti i cittadini che hanno situazioni di disabilità e di svantaggio di ogni tipo e per questo abbiamo messo in campo una serie di misure a sostegno della famiglia e della genitorialità. Nel dibattito sono emerse le difficoltà quotidiane e le esigenze a cui dare risposta e quello che risulta chiaro è che non servono slogan o formule particolari, ma è invece necessario lavorare insieme, innovando le attività in base alle esigenze concrete che via via si presentano, attraverso un’alleanza solida tra genitori e scuola”. L’iniziativa, organizzata dall’Unione Montana Alta Valle del Metauro , in collaborazione con la Montefeltro Cooperativa Sociale – Centro Francesca e l’Istituto omnicomprensivo Della Rovere di Urbania (con il patrocinio della Regione Marche e dell’Università degli Studi di Urbino), rientra nel Percorso Formativo su: Le sfide nella Scuola di “tutti e di ciascuno”, in corso fino a maggio 2019 nei Comuni dell’Unione Montana. Gli incontri sono rivolti ai docenti degli istituti scolastici di ogni ordine e grado, agli operatori del settore e alle famiglie. I prossimi appuntamenti saranno ad Urbino l’ 11 marzo, a Fermignano il 9 aprile e a Mercatello sul Metauro il 10 maggio. Info: http://www.unionemontana.altavalledelmetauro.pu.it/uploads/media/4_programma.pdf

 

Interventi per il rilancio produttivo delle aree colpite dal sisma: 46 milioni di contributi e oltre 200 milioni di investimenti

 

 

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com