dalla Città

dalla Città

2019-03-01

Area archeologica del Paese alto, a grandi passi verso l’apertura del cantiere

La Giunta approva il progetto per gli spazi all’aperto mentre si avviano le procedure di gara per allestire le sale museali nell’ex scuola

Nei giorni scorsi sono stati approvati due atti che segnano un passo avanti importante verso la realizzazione del complesso museale che valorizzerà l’area archeologica del Paese alto.

Con una determinazione dirigenziale è stata formalmente avviata la gara d’appalto per la realizzazione delle opere edili connesse alla parte interna dell’area museale (lotto A) che occupa il piano terra dell’ex scuola “Castello”. L’intervento, finanziato per 200 mila euro di fondi comunitari POR-FESR, prevede il recupero e la valorizzazione in chiave museale del meraviglioso pavimento mosaicato riferibile ai resti di una “domus” romana di tipo residenziale del I sec. a. C. Le ditte potranno manifestare entro il 15 marzo il proprio interesse ad essere invitate alla procedura di gara e l’avvio dei lavori è previsto entro l’estate.

La Giunta comunale ha invece approvato il progetto definitivo del lotto B, finanziato con i fondi del Piano Nazionale di Riqualificazione sociale e culturale delle aree degradate per circa 313.000 euro, che prevede la valorizzazione dell’area museale all’aperto che interessa la parte di piazza Sacconi adiacente alla ex scuola.

Per ottimizzare tempi e risorse, l’avviso pubblico per il lotto A in corso di pubblicazione lascia al Comune la possibilità di estendere il contratto anche al lotto B nel momento in cui sarà operativa la convenzione con la Presidenza del Consiglio dei Ministri che gestisce il fondo del Piano per le aree degradate.

Sono in fase di avvio, invece, i lavori realizzazione del centro culturale didattico che occuperà la stanza adiacente a quella dove si trova il mosaico, sempre al piano terra della ex scuola: in questo caso il finanziamento deriva da fondi regionali PRUACS per circa 90.000 euro che si andranno ad aggiungere ai due finanziamenti sopra indicati.

Lavori al sottopasso di via Fiscaletti, per 10 giorni sarà aperta una campata per volta

Rete Ferroviaria Italiana dovrà eseguire un intervento di manutenzione

Rete Ferroviaria Italia deve eseguire dei lavori di manutenzione straordinaria del sottopasso ferroviario di Via Fiscaletti. D’intesa con la Polizia Municipale di San Benedetto, sono stati definiti dei provvedimenti per ridurre al minimo i disagi per la circolazione e garantire la sicurezza del cantiere.

Nei giorni 2, 3, 9, 11, 13, 14, 16, 18, 20 e 21 marzo 2019, dalle 9 alle 19, sarà in vigore un senso unico alternato regolato da movieri nella campata del sottopasso non interessata dai lavori che inizieranno dalla campata nord.

Pertanto, mentre in un tunnel si eseguirà l’intervento (con divieto di accesso anche nel percorso pedonale), nell’altro potrà scorrere il traffico a senso unico alternato regolato da personale della ditta appaltatrice.

Al via il progetto “Un mare di idee”

 

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com