Casserata, una Sagra del Cassero a Montalto

Musica e spettacolo, enogastronomia a km0 e rispetto dell’ambiente alla Casserata di Montalto delle Marche (AP)

Giunge alla nona edizione la “Casserata, una Sagra del Cassero”, evento enogastronomico organizzato dai ragazzi dell’Associazione Giovanile “MyClan” di Montalto delle Marche (AP) che avrà luogo Venerdì 12 e Sabato 13 Luglio.

Come suggerito dal nome, la manifestazione si snoderà per le vie e per le piazze della parte più arroccata del centro storico di Montalto (chiamata appunto Cassero), inebriando il borgo antico di suoni e profumi meravigliosi.

Gli stand, presenti tutto intorno alla Piazza Giacomo Leopardi, offriranno i piatti della tradizione culinaria montaltese: i “taccù” (tipica pasta fresca di acqua e farina) con sugo bianco di carne, le “ova in trippa” e le “Palle di Sisto V”, spiedini di arista di maiale avvolti da una lingua di pancetta croccante e cuore di formaggio filante. Accanto a tutto ciò, gli intramontabili arrosticini, la carne alla brace, le olive fritte e il fregandò, accompagnati da freschissima birra e dal vino della cantina Simone Capecci di San Savino di Ripatransone.

Artisti di qualità si alterneranno sul palco centrale durante le due serate di festa: Venerdì 12 Luglio si esibiranno Lorenzo Kruger, cantante della band Nobraino, che porta in giro per lo Stivale uno spettacolo con pianoforte e voce in cui eseguirà sia brani classici della sua band che alcuni inediti, seguito da Eusebio Martinelli Gipsy Orkestar che con la sua musica “Gipsy turbo all’italiana” renderà il Cassero un’enorme pista da ballo.

Sabato 13 Luglio, invece, saliranno sul palco gli Strada Secondaria, band che propone cover di musica italiana, reinterpretate in chiave contemporanea; a seguire, il grande cabaret show di Carmine Faraco, direttamente dalla trasmissione Colorado Cafè, famoso in tutta Italia per la sua frase “la domanda non è chi è, la domanda è pecché?!”. A fine spettacolo, il divertimento continuerà fino a tarda notte presso il Belvedere di Montalto con il “MyGreenParty”, con la musica di Marketto DJ e Luca Calvaresi Voice.

Nota di merito per questa edizione della Casserata: l’associazione MyClan adotterà un approccio “plastic free” e “zerowaste”, in anticipo rispetto alle direttive europee sull’impatto ambientale: tutto l’evento si svolgerà con l’impiego di posate, bicchieri e stoviglie biodegradabili, in modo da ridurre al minimo l’impatto sull’ambiente. La tutela del territorio piceno, dunque, al centro dell’evento: bellezza da tutelare, preservare e valorizzare nel rispetto dell’ambiente.

L’Associazione Giovanile MyClan vi aspetta numerosi, perchè “non c’è cosa più azzeccata che venire alla Casserata!!!”

 




Alla Mole con il Festival “Ka – Nuovo immaginario migrante”

Ancona, 26 giugno 2019 – Dal 27 al 29 giugno, tre giorni di grande cinema alla Mole Vanvitelliana con il Festival “KA – Nuovo immaginario migrante”.

Giovedì 27 giugno ore 21, in collaborazione con CinemAmbiente di Torino la proiezione di “Anote’s Ark” (Canada, 2018) del regista Matthieu Rytz, selezionato in concorso al Sundance Film Festival 2018, che racconta gli effetti dei cambiamenti climatici. Ospite della serata Marirosa Iannelli, presidente del “Water Grabbing Observatory”.

 

 

Tre giorni di cinema d’autore e ospiti internazionali alla Mole Vanvitelliana di Ancona con il Festival “KA – Nuovo immaginario migrante”, la rassegna cinematografica dedicata al tema delle frontiere e delle migrazioni. Il tema della seconda edizione di KA è FRONTIERE, scelto poiché confini e frontiere sono il tema nodale su cui si confrontano e si scontrano idee di società e di umanità profondamente diverse.

Tutti gli appuntamenti sono ad ingresso gratuito, fino ad esaurimento posti. Grazie alla collaborazione con la Libreria Fogola, il Festival Ka proporrà ai visitatori, tutti i giorni della rassegna, una selezione tematica di libri.

Giovedì 27 giugno ore 21 alla Mole, Canalone Spanditori – Arena Cinema (in caso di pioggia, Ridotto Teatro delle Muse), Ka propone una riflessione sui temi ambientali e le emergenze climatiche spesso all’origine dei fenomeni migratori contemporanei, per una serata in collaborazione con CinemAmbiente di Torino. Ospite della serata è Marirosa Iannelli, specializzata in cooperazione internazionale e water management, presidente del W.G.O. Water Grabbing Observatory, l’osservatorio che rileva, analizza, comunica fenomeni sociali, ambientali ed economici legati ad acqua e clima, in Italia e nel mondo.

Il film proposto è “Anote’s Ark” (Canada, 2018, produzione EyeSteelFilm), lungometraggio del regista canadese Matthieu Rytz, selezionato in concorso al Sundance Film Festival 2018, che racconta gli effetti dei cambiamenti climatici nell’arcipelago di Kiribati, in Oceania. Kiribati rischia di essere ingoiato dalle acque del mare, il cui livello va progressivamente alzandosi a causa dei repentini cambiamenti climatici. Sullo sfondo del dibattito internazionale sull’ambiente e degli appelli perché le migrazioni causate dal clima siano riconosciute come questione urgente in materia di diritti umani, la lotta del Presidente Anote Tong per salvare la sua nazione si intreccia con il destino della giovane Semerary. Mentre il primo, con tenacia, sostiene i negoziati internazionali sul clima e persino indaga la possibilità di costruire città sottomarine, la ragazza, madre di sei figli, si dibatte nella decisione di lasciare l’unica cultura che conosce per ricominciare in Nuova Zelanda. Il ritratto di un popolo dalla grazia e forza di carattere straordinarie, determinato ad affrontare la sfida a testa alta.

Venerdì 28 giugno ore 21 alla Mole, Canalone Spanditori – Arena Cinema (in caso di pioggia, Ridotto Teatro delle Muse), appuntamento con “Benzine” (Emirati Arabi Uniti, 2017) della regista tunisinaSarra Abidi, per una proiezione in prima nazionale con sottotitoli in italiano a cura di KA Nuovo Immaginario Migrante. Il film ci fa conoscere l’altra faccia dell’immigrazione, la sofferenza estrema di genitori e parenti che rimangono nei villaggi, una famiglia il cui figlio di 19 anni ha lasciato la sua casa, a insaputa dei genitori, per imbarcarsi con un gommone verso le coste italiane. Un film toccante, che ha ottenuto il Prix IMA – Tv5Monde per l’opera prima alla prima edizione del Festival del Cinema Arabo di Parigi organizzato dall’IMA, l’Istituto del Mondo Arabo di Parigi. Ospite della serata saranno Tareke Brhane, presidente Comitato 3 Ottobre – organizzazione nata all’indomani del naufragio di Lampedusa del 3 ottobre 2013 – e la regista Sarra Abidi con un contributo video.

 

Due gli appuntamenti della serata finale del Festival KA, sabato 29 giugno.

Alle ore 19 c’è “KAbook” alla Mole Foyer Auditorium O. Tamburi, con la presentazione del libro “La legge del mare. Cronache dei soccorsi nel Mediterraneo” della scrittrice e giornalista Annalisa Camilli alla presenza dell’autrice e di Valentina Giuliodori attivista dell’Ambasciata dei diritti Marche. Il libro è un viaggio accorato e avvincente sulle rotte dei migranti, sulle navi che li soccorrono, dentro le storie dei protagonisti e nel cuore della fabbrica di false notizie che alimentano la retorica anti-ONG, partendo dalla storia di Josefa, donna camerunense salvata dalla nave Open Arms nel luglio 2018, e dalla strumentalizzazione della foto delle sue unghie smaltate di rosso.

Alle ore 21 alla Mole, Canalone Spanditori – Arena Cinema (in caso di pioggia, Ridotto Teatro delle Muse), ancora Annalisa Camilli e Valentina Giuliodori sono le ospiti di una serata incentrata sulla proiezione di “Iuventa” (Italia, Germania, 2018) del regista Michele Cinque; il film documentario segue per oltre un anno i protagonisti della ONG tedesca Jugend Rettet, dalla prima missione nel Mediterraneo al sequestro della nave avvenuto nell’agosto 2017 nel porto di Lampedusa con l’accusa di aver favorito l’immigrazione clandestina. Il documentario attraversa la vita sulla barca, le speranze e i timori dei ragazzi della ONG, il ritrovamento dei barconi, l’imbarco dei naufraghi, l’incontro con la morte.

Due eventi “site-specific” di arte urbana arricchiscono e prolungano il cartellone del Festival Ka in una apposita sezione “ArtWorks”. Fino al 29 giugno, il collettivo Guerrilla Spam espone gigantografie e manifesti alla Mole, presso il Canalone Spanditori e nel Foyer Auditorium O. Tamburi, in collaborazione con USB Gallery: nell’artwork “Afferrare il sole in bilico su di una sfera saltando la corda” convivono una serie di personaggi, oggetti e simboli appartenenti a mondi distanti. Sono disegni immaginati da bambini e famiglie provenienti da Nigeria, Ghana, Gambia, Niger, Iraq, Marocco, Siria e Italia e rielaborati poi dagli artisti con uno stile semplice, ironico e fantasioso.

Fino al 31 luglioSpiaggiabonetti a Portonovo di Ancona accoglie la mostra di poster “Frontiere” di Lisa Gelli e Nicola Alessandrini, una riflessione visiva sulle frontiere e su chi le attraversa. Nic+Lisa (Nicola Alessandrini e Lisa Gelli) sono due artisti attivi da vari anni sulla scena artistica nazionale ed internazionale, sia con esposizioni in gallerie d’arte che con la produzione di opere murarie pubbliche.

“Ka – Nuovo immaginario migrante” è un progetto promosso dall’associazione culturale PepeLab; ne firmano la direzione artistica Valeria Bochi, Sabrina Maggiori ed Evelyn Puerini. Sostengono il Festival il Comune di Ancona – Assessorato alla Cultura, Coop alleanza 3.0, Arci Ancona, La Mole, Tonidigrigio.it, SpiaggiaBonetti, in collaborazione con un’ampia rete regionale e nazionale di realtà culturali: Garante Regionale dei diritti della Persona, Commissione per le Pari Opportunità tra uomo e donna della Regione Marche, Le Reseau, Ottomani, W.G.O., Premio Mutti-Amm, I.I.S Savoia Benincasa, Archivio Memorie Migranti, TU Tenerezze Urbane, Fondazione Pianoterra Onlus, Marche Teatro, Ass. Amici Di Giana, Terra di Tutti Film Festival, Ratatà, Africa e Mediterraneo, CinemAmbiente di Torino, Cineteca di Bologna, Ambasciata dei Diritti Ancona, Comitato 3 Ottobre, Libreria Fogola, USB Gallery.




Si aprono tutte le piazze di Passaggi Festival

Al via Pincio e San Francesco: poesia, narrativa, graphic novel, scienza, saggi al femminile e Fuori Passaggi, il festival nel festival per i giovani. Corti e saggistica per i piccoli alla MEMO.

Premio Barbato a Riccardo Iacona. Domande in diretta da Facebook

Fano, 26 giugno 2019 – A Passaggi Festival della Saggistica, a Fano fino al 30 giugno, giovedì 27 giugno è la giornata del Premio Barbato a Riccardo Iacona. Ma è anche la giornata in cui si aprono tutte le sedi del festival ideato e diretto da Giovanni Belfiori e debuttano altre 6 delle 10 rassegne librarie in programma e nuovi eventi collaterali. Tra gli ospiti più attesi Paolo Gentiloni, Lella Costa, Vittorio Giardino, Bashkim Shehu e tanti altri.

Ma cominciamo con un ospite d’onore.  Sul Palco Centrale di piazza XX Settembre, per la rassegna “Grandi Autori”, Riccardo Iacona alle 22.00 presenta il suo libro Palazzo d’ingiustizia (Marsilio) insieme al direttore Rai Radio 3, Marino Sinibaldi. Subito dopo ritirerà il Premio Andrea Barbato per il giornalismo, conferito dal 2014 nell’ambito di Passaggi Festival e patrocinato dall’Ordine dei Giornalisti. Il premio opera dell’artista fanese Giovanni Bellantuono verrà consegnato da Ivana Monti Barbato, vedova  del grande giornalista, e da Caterina Del Bianco, assessore alla Cultura del Comune di Fano.

Sullo stesso palco e per la stessa rassegna troviamo alle 19.00 Paolo Gentiloni, autore  de “La sfida impopulista. Da dove ripartire per tornare a vincere” (Rizzoli) che parlerà con Alessandra Longo del quotidiano Repubblica della crisi del centrosinistra e dell’onda sovranista in Italia e in Europa. Alle 21.00 una grande attrice e donna di cultura, Lella Costa con il suo saggio sulla patrona d’Europa, “Ciò che possiamo fare. La libertà di Edith Stein e lo spirito dell’Europa” (Solferino), conversa con Jessica Chia del Corriere della Sera. L’incontro sarà preceduto (dalle 21.00 durata 3 minuti) dalla seconda pillola di Destinazione Luna, i filmati di Rai Teche dedicati allo sbarco sulla luna in ricordo di Andrea Barbato.

Da oggi e fino a domenica sulla pagina Facebook di Passaggi Festival si potrà seguire la diretta di uno degli incontri della rassegna Grandi Autori. Si comincia con Lella Costa, gli utenti potranno anche fare domande in diretta che verranno selezionate e girate all’autrice.

La quarta giornata è quella del debutto del nuovo format del festival. Al Pincio, suggestivo angolo del centro storico di Fano tra Porta Maggiore e l’Arco D’augusto, si apre Fuori Passaggi il contenitore per i giovani tra libri, musica, radio e web. Gli ospiti in programma sono Matteo B. Bianchi, Daniela Collu, Sofia Viscardi, Irene Graziosi  e i Camillas. Stessa location per la rassegna Passaggi fra le Nuvole dedicata ai graphic novel. Il più raffinato autore di fumetti italiano, Vittorio Giardino (alle 19.00), con “La doppia vita di Max Fridman” (Rizzoli Lizard) e Paolo Bacilieri (alle 21,00), autore di “Ettore e Fernanda” (Coconino press) converseranno con il critico di fumetti Alessio Trabacchini.

Si aprono anche le rassegne alla Chiesa di San Francesco. Per Libri alla San Francesco, la saggistica al femminile, Daniela Collu – che insieme a Matteo B. Bianchi è anche la conduttrice di Fuori Passaggi – alle 18.00, presenta il suo libro “Volevo solo camminare” (Vallardi), il racconto del suo cammino di Santiago di Compostela che ripercorrerà in una conversazione con le giornaliste Flavia Fratello de La 7 e Meri Pop di Repubblica Live. La poesia di Passaggi DiVersi ospita i poeti Franca Mancinelli e Alessandro Anil, autori di “Come tradurre la neve. Tre sentieri nei Balcani” (Anima Mundi Edizioni) e Flavia Novelli autrice di “Universi femminili” (H.E. Herald Editore) che converseranno con Fabrizio Lombardo della rivista Versodove.

Debutto assoluto al festival per la narrativa con un focus su quella balcanica. Primo ospite di Europa-Mediterraneo. Passaggi Ad Est è l’albanese Bashkim Shehu (alle 22.00), con il suo ultimo romanzo “La rivincita” (Rubbettino) che sarà intervistato da Matteo Mandalà uno dei massimi esperti di letteratura

Albanese che insegna all’università di Palermo e il direttore del festival Giovanni Belfiori .

Alla Mediateca Montanari primo incontro di Piccoli Assaggi, la saggistica per diventare grandi, che presenta alle 17.00 “C’erano anche ieri i giovani di oggi” (Città Nuova) dello sceneggiatore Paolo di Paolo intervistato da Valeria Patregnani del Sistema Bibliotecario Fano. Sempre alla MeMo alle 21.30 Passaggi Corti, un’antologia di cortometraggi a cura di Fiorangelo Pucci del Fano Film Festival dal titolo “Europa in Shorts!”

Primo appuntamento anche di Calici di Scienza, gli aperitivi con ricercatori e scienziati dell’Università di Camerino, alle 18.00 alla Sala da tè L’Uccellin Bel Verde: lo storico dell’arte Alessandro Delpriori  parlerà di “L’Arte come ponte di culture e lievito di sviluppo”. L’aperitivo è offerta da Passaggi Festival e dalla Sala da tè.

Alle 17.00 da piazza XX Settembre partirà la seconda visita guidata alla volta della “Fano da scoprire”, viaggio tra le eccellenze della città della Dea Fortuna, curata da Manuela Palmucci con prenotazione obbligatoria al numero 346.6701612 o indirizzo lelaste@gmail.com, costo 5,00 euro.

E infine al pomeriggio tanti laboratori per bambini e ragazzi da 0 a 18 anni sia sulle spiagge di Lido e Sassonia sia alla Mediateca Montanari.

Tutti gli eventi e i laboratori sono gratuiti, eccetto le visite guidate.

Il programma completo su www.passaggifestival.it




Un mare di divertimento

CAMP PER BAMBINI SORDI, UDENTI E CODA 

 

San Benedetto del Tronto – Si è concluso nel week end il primo camp per bambini sordi, udenti e CODA (bambini udenti figli di sordi) organizzato a San Benedetto del Tronto dalla ASD e di Promozione Sociale SORDAPICENA in collaborazione con l’APS CODA Italia con il patrocinio e il determinante sostegno del Comune.
“Un mare di divertimento” ha coinvolto 23 bambini tra i 7 e i 14 anni provenienti da tutta Italia che hanno soggiornato gratuitamente presso l’ostello IPSIA e che si sono integrati con i bambini iscritti alla Lega Navale di San Benedetto del Tronto nell’approccio alle discipline nautiche grazie alle competenze messe in campo dagli istruttori della Lega. Gli operatori Coda hanno affiancato i bambini in tutte le attività facendo da ponte comunicativo e rendendo le stesse accessibili a tutti.

Una gita all’acquapark e un’escursione a Monteleone di Fermo resa possibile grazie alla disponibilità del Sindaco Marco Fabiani hanno completato il calendario delle attività. Per chiudere in bellezza i bambini hanno partecipato alla prima edizione dei Giochi senza barriere junior, in cui come per la manifestazione riservata ai senior organizzata da ormai un decennio dalla Sordapicena, hanno potuto cimentarsi in giochi di destrezza, velocità e precisione sulla sabbia, sviluppando la collaborazione e il senso di squadra.

Presente alle premiazioni anche l’assessore alle politiche sociali Emanuela Carboni, da sempre vicina a tutte le iniziative organizzate dalla Sordapicena, che si è dichiarata entusiasta dei risultati di questo nuovo progetto: “Con la Sordapicena c’è un bellissimo rapporto – ha dichiarato l’assessore Carboni – concretizzatosi in una serie di iniziative finanziate dal Comune per rafforzare i servizi erogati. In questo quadro si inserisce il sostegno offerto a questo camp estivo”.
Fausto Lucidi, Presidente della Sordapicena ha dichiarato: “Siamo orgogliosi di essere riusciti a realizzare il primo camp inclusivo anche per bambini sordi nella nostra città. Le famiglie sono rimaste entusiaste, l’impegno è di replicare il servizio anche il prossimo anno, perchè tutti i bambini possano godere di un “mare di divertimento”.



Progetto lingue, “Un passaporto per il mondo” all’Ic Centro

San Benedetto del Tronto – Si conclude con uno spettacolo musico-teatrale il Summer Camp di lingua inglese, organizzato nel plesso di Scuola Primaria di Ragnola, che vede coinvolti, dal 17 al 22 giugno, gli alunni della Scuola Primaria Ragnola e i ragazzi delle classi quinte dell’IC Centro di San Benedetto. Il Campus è l’ultimo step del progetto lingue “Un passaporto per il mondo”, fiore all’occhiello dell’offerta formativa dell’IC Centro.

Varie ed articolate sono state le attività legate all’apprendimento della seconda lingua europea, che hanno coinvolto tutti gli alunni nei tre ordini di scuola. Nella primaria, grazie anche al finanziamento di un gruppo di imprese guidate dalla ditta GATE-AWAY di Grottammare, che sostiene il progetto da ormai tre anni, sono stati attivati laboratori di lingua inglese, in orario curricolare nelle classi prime e terze.

La Scuola è intervenuta invece finanziando il madrelingua per gli alunni di 5 anni della Scuola dell’Infanzia, per gli alunni di tutte le classi seconde della Scuola Primaria e per gli alunni delle classi terze della Scuola secondaria “M. Curzi”. Un impegno economico non indifferente che è stato possibile sostenere anche grazie all’utilizzo dei contributi volontari da parte delle famiglie.

In orario extracurricolare si sono svolti i laboratori delle classi quarte e quinte di Scuola Primaria e seconde di Scuola Secondaria di 1° grado con un piccolo contributo da parte delle famiglie. I  corsi di potenziamento di lingua sono stati tenuti da insegnanti madrelingua e madrelinguiste della British Academy School di San Benedetto del Tronto. Il metodo utilizzato rappresenta la sintesi dell‘ esperienza dei docenti in ambito formativo e nella ricerca didattica: è un metodo induttivo che prevede un approccio diretto alla lingua straniera attraverso la conversazione, potenziando le abilità dell’ascolto-comprensione e produzione orale. A fine maggio i ragazzi di quinta hanno sostenuto l’esame di Certificazione delle competenze di lingua inglese (Certificazione Cambridge), livello Movers A1, a cura del C.S.A. Centro Studi Alpha srl- British School  di Ascoli Piceno e il livello KET per gli alunni della secondaria.

Sempre per i ragazzi delle classi quinte da novembre a gennaio sono stati altresì attivati laboratori in orario extracurricolare di lingua tedesca e francese, anche con l’obiettivo di orientare gli alunni nella scelta più consapevole della seconda lingua straniera, in vista dell’iscrizione alla Scuola Secondaria di primo grado.

I corsi di francese sono stati tenuti dalla British Academy School di San Benedetto, ma ci si è avvalsi anche della collaborazione, a titolo gratuito, dell’Alliançe francaise di San Benedetto e dei ragazzi del Liceo linguistico Capriotti, coinvolti nel progetto con attività di alternanza scuola-lavoro.

 




Presentata la Coppa Paolino Teodori

Sono 244 i piloti iscritti alla classica cronoscalata ascolana, per l’ennesima edizione internazionale valida per IHCC, CIVM e TIVM

Ascoli Piceno – E’ stata presentata presso la Bottega del Terzo Settore la 58^ edizione della Coppa Paolino Teodori, un appuntamento fisso per gli appassionati e per il territorio dal 1962. A fare gli onori di casa sono stati naturalmente Elio Galanti presidente dell’Automobile Club Ascoli Piceno-Fermo e Giovanni Cuccioloni presidente del Gruppo Sportivo AC Ascoli Piceno, con Pierluigi Terrani ds del Gruppo Sportivo a fare da moderatore e gli altri intervenuti Armando De Vincentiis (CONi Ascoli Piceno), don Giampiero Cinelli (Radio Ascoli), Mario Laureati figlio del pilota Pietro), Angelo Galeati (pres. Fondazione Carisap), e gli sponsor Pierluigi Paoletti (bevande), Luigi Pedron (gelateria) e Gianmichele Cestarelli (macchine per ufficio).

La cronoscalata internazionale ha ricevuto la notevole adesione di 244 piloti, con rappresentanze straniere da Francia, Repubblica Ceca e Romania. Al via ci saranno anche il fiorentino Simone Faggioli e il trentino Christian Merli (in due 13 vittorie ad Ascoli), che rinnoveranno l’affascinante confronto che da diverse stagioni si svolge anche in ambito europeo. Questi gli interventi più significativi.

Elio Galanti: “Abbiamo saputo creare con un infaticabile e appassionato gruppo di lavoro un evento che ci viene invidiato da molti. Con grande soddisfazione stiamo proseguendo un rapporto di amicizia ed alternanza con gli amici della Trento-Bondone per l’Europeo e la Coppa FIA, una collaborazione che ci rende orgogliosi. Approfitto per ringraziare il nostro principale sponsor Vulcangas che ci è molto vicino e ci conferma la fiducia da diverse stagioni.”

Giovanni Cuccioloni: “Abbiamo arricchito con altre iniziative il già interessante programma della gara. Dopo qualche anno di progetti siamo riusciti finalmente a programmare in collaborazione con Radio Ascoli una diretta streaming e tv digitale. Il parco partenti è di assoluto prestigio, molto vicino al tetto massimo consentito. Ci sarà un punto di ritrovo “food & beverage” dedicato a piloti, addetti ai lavori ed appassionati operativo fin dal venerdi. Per il pubblico ricordiamo che la chiusura al traffico del percorso di gara sarà alle ore 8, e sarà confermato il bus navetta gratuito messo a disposizione dalla ditta Start da Bivio Colle al pianoro di Colle San Marco sia sabato fino alle ore 13,40 che la domenica per tutta la giornata. Per il pubblico raccomandiamo il corretto comportamento dal punto di vista della sicurezza, utilizzando le aree consentite ben segnalate e delimitate, oltre al dovuto necessario rispetto della natura.”

Mario Laureati: “Devo ringraziare lo staff organizzatore per aver permesso l’istituzione del Memorial Pietro Laureati, per ricordare mio padre che ha disputato ben 18 edizioni della gara dalla prima del 1962 fino al 1981. Sfileremo quindi con circa 15 auto storiche di carattere sportivo, prima di ognuna delle due salite di prova del sabato.”

Don Giampiero Cinelli: “Con notevole sforzo siamo riusciti a programmare una cronaca in diretta video, dopo la lunga esperienza della diretta radio. Trasmetteremo in streaming sulla pagina facebook del Gruppo Sportivo e con diverso personale a disposizione effettueremo dirette e collegamenti dalla zona partenza al traguardo anche con le interviste dei protagonisti. Saremo in diretta sul canale digitale 89 di Emme TV in due finestre che coincideranno con le fasi calde della conclusione delle due manches di gara. Sul pianoro di Colle San Marco installeremo anche un maxischermo a disposizione del pubblico per godere al meglio le fasi salienti di questa interessante 58^ edizione”.

Angelo Galeati: “E’ un nostro vanto poter essere al fianco dello staff organizzatore di questa gara automobilistica internazionale, che è positiva ed utile vetrina per il territorio.”

L’appuntamento è quindi ora per la giornata di venerdi 28 giugno con le verifiche sportive per i piloti e le verifiche tecniche per le vetture che si terranno nel pomeriggio, quando il pianoro di San Marco, grande base logistica dell’evento, sarà in piena fibrillazione sportiva.

 




L’assessora Baiocchi vola in Polonia per firmare un protocollo di intesa con Nysa

Firmato un protocollo con la città polacca di Nysa

San Benedetto del Tronto, 26-06-2019 – L’assessore Antonella Baiocchi ha rappresentato l’Amministrazione comunale di San Benedetto del Tronto a Nysa, in Polonia, dove la Città ha sottoscritto un accordo di cooperazione e scambi culturali, commerciali e turistici. Il protocollo è stato firmato domenica 23 giugno in occasione di una cena di gala organizzata appositamente per l’evento: per la provincia di Nysa, ha sottoscritto il documento il presidente Andrzej Kruczkiewicz alla presenza del vice presidente Jacek Chwalenia e degli assessori Joanna Burska e Adam Fujarczuk.

Alla firma del protocollo si è giunti dopo una serie di contatti portati avanti nei mesi scorsi tra l’amministrazione Piunti e quella polacca: i partner si sono impegnati a sviluppare la cooperazione tra le due realtà e a creare condizioni favorevoli per proficui scambi di conoscenze tra istituzioni e le entità aziendali. In particolare, sono stati gettate le basi per una serie di iniziative che interessano entrambe le parti: scambi di giovani, cooperazione educativa, trasferimento reciproco di esperienze nel campo della promozione turistica, economica e commerciale. Tra queste iniziative, l’amministrazione polacca ha caldeggiato l’attivazione di pacchetti turistici per accogliere già nel prossimo mese di settembre i primi ospiti da Nysa negli alberghi di San Benedetto del Tronto.

Un ringraziamento particolare va al dott. Giampiero Marini, originario di S. Benedetto del Tronto, e alla sua compagna Dorota Labusga, delegata ai rapporti con l’Italia per la Provincia, che hanno curato in ogni particolare il processo di intesa nonché il supporto logistico alla delegazione sambenedettese.




Trekking Urbano: Torrione – Faro – Porto e Visita al Torrione e al Faro di San Benedetto

ITINERARI TURISTICI E CULTURALI GRATUITI: 

TREKKING URBANO TORRIONE-FARO-PORTO E VISITA AL TORRIONE E AL FARO A SAN BENEDETTO DEL TRONTO

L’iniziativa è realizzata CEA “Ambiente e Mare” R. Marche, Partners in Service srl in occasione della Festa della Piccola Pesca sbt e dei 70 anni della “Casa del Pescatore”.

 Obiettivo: la scoperta dei luoghi culturali e storici della città, passeggiare nei luoghi in cui la città affonda le sue memorie e tradizioni, particolare focus sull’area portuale, in compagnia di guide d’eccezione, i pescatori.

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Venerdì 28 e Sabato 29 Giugno dalle ore 9.00 alle ore 13.00 in occasione della FESTA DELLA PICCOLA PESCA E I 70 ANNI DELLA CASA DEL PESCATORE “Associazione Pescatori Sambenedettesi” grazie al CEA “Ambiente e Mare” R. Marche, Partners in Service srl, saranno prenotabili gli itinerari completamente gratuiti: “TREKKING URBANO TORRIONE-FARO-PORTO E VISITA TORRIONE E FARO.

Un’opportunità per passeggiare nei luoghi in cui la città affonda le sue memorie e tradizioni, con un particolare focus sull’area portuale, in compagnia di guide d’eccezione, i pescatori. Iniziativa che rientra all’interno dei pacchetti Eco-sostenibili a Marchio di Qualità registrato “In Blu Turismo Sostenibile in Adriatico”. Da non perdere la visita al faro che aprirà le sue porte per l’occasione. Le visite e gli itinerari sono completamente gratuiti, ma è richiesta la prenotazione per ragioni organizzative.

Dopo il successo dell’iniziativa realizzata a marzo 2018 di Trekking Urbano e visita al Faro (totale oltre 1.500 cittadini e turisti coinvolti con 3 week end  di attività), organizzata dal Comune di San Benedetto del T. Assessorato alla Pesca Filippo Olivieri, Consigliere al Porto Mario Ballatore ed Emidio Del Zompo in collaborazione con il CEA “Ambiente e Mare”, R. Marche Partners in Service grazie al bando R. Marche FEAMP 2014/2020 di “Promozione e Valorizzazione della Pesca e della Acquacoltura Sostenibile”, si prosegue con gli appuntamenti che hanno l’obiettivo di promuovere i luoghi culturali e storici di San Benedetto del Tronto e l’economia del mare sostenibile, avvicinando i turisti ai luoghi di pesca e far conoscere la Piccola pesca.

 

Gli Itinerari turistici e culturali: Trekking Urbano: Torrione – Faro – Porto  di S. Benedetto del Tronto, con Visita Torrione e Faro, sono gratuiti e su prenotazione Venerdì 28 Giugno 2018 e Sabato 29 Giugno  2018

 (A CHIAMATA MASSIMO 5 PERSONE):

 

Per le prenotazioni si specifica che:
Itinerario A) TORRIONE FARO – VISITA AL TORRIONE E FARO
– ore 9.00 Torrione (con visita) e avvio del trekking fino al Faro (con visita Turno III) termine ore 12.00

Itinerario B) VISITA AL FARO
– dalle ore 9.15 alle ore 10.00 Turno I
– dalle ore 10.00 alle ore 11.00 Turno II

– dalle ore 11.00 alle ore 12.00 Turno III (per chi prenotato itinerario A)Torrione Faro
– dalle ore 12.00 alle ore 13.00 Turno IV

 

Sabato 29 Giugno  2018  (A CHIAMATA MASSIMO 5 PERSONE):

Itinerario C) Porto Sud Villaggio Piccola pesca

– dalle ore 10.00 alle ore 12.00

Laboratori Educativi inerenti al mondo del “Mare e della Piccola Pesca” grazie gli educatori del CEA “Ambiente e Mare” R. Marche, Partners in Service srl in collaborazione con i pescatori locali Co.Ge.PaSbt

 

Info e prenotazioni: Partners in Service srl – CEA “Ambiente e Mare”, R. Marche – 393.5659969, 0735.701028 mail cea.ambientemare@gmail.com

Un’opportunità per passeggiare nei luoghi in cui la città affonda le sue memorie e tradizioni, con un particolare focus sull’area portuale, in compagnia di guide d’eccezione, i pescatori.

Il torrione, è visitabile durante l’itinerario A: Torrione—Faro alle ore 9.00 grazie alla collaborazione con l’Associazione Culturale Amici del Paese Alto, attraverso il suo orologio scandisce le ore della giornata, è il simbolo della città ed elemento visibile e punto di riferimento.

 

Il Faro di San Benedetto del Tronto il più importante del medio Adriatico nella fascia tra Ancona ed Ortona darà la possibilità persone di ammirare la vista mozzafiato. Oltre al Faro, sarà possibile visitare i luoghi storici di San Benedetto accompagnati da guide esperte, anche in lingua inglese, che porteranno i turisti dal Torrione al Faro percorso A) partenza ore 9.00 e ore 11.00, con gruppo da massimo 25 persone; comunque sempre possibile la visita al Faro percorso B) dalle ore 9.15 alle ore 13.00

L’evento è organizzato dalla Partners in Service titolare del CEA “Ambiente e Mare” R. Marche, in collaborazione con Slow Food San Benedetto del Tronto – Valdaso, l’Associazione Accademia della Cultura e del Turismo Sostenibile, Riviera delle Palme (Associazione Albergatori San Benedetto del Tronto) l’Associazione Culturale Amici del Paese Alto,  Associazione Pescatori Sambenedettesi e le Associazioni della Pesca quali il Co.Ge.Pa. (Consorzio di Indirizzo, Coordinamento e Gestione tra Imprese della Piccola Pesca Artigiana), la Piccola Pesca di S. Benedetto del Tronto, Mitilpesca Soc. Cooperativa e l’OP Abruzzo Pesca.

Sabato 29 Giugno ore 10.00 la cittadinanza è invitata a partecipare alla Festa dei 70 anni della “Casa del Pescatore”, Sede Associazione Pescatori Sambenedettesi, Viale Marinai d’Italia; dopo i saluti delle Autorità, vede coinvolto il Dr. Giuseppe Merlini dell’Archivio storico comunale con la relazione “Dalla Lega dei pescatori all’Associazione Pescatori Sambenedettesi”

Sabato 29 Giugno dalle ore 10.00 alle ore 12.00 sarà possibile visitare il Villaggio Piccola Pesca dove saranno allestiti Laboratori Educativi inerenti al mondo del Mare e della Piccola Pesca dagli educatori del CEA “Ambiente e Mare” R. Marche, Partners in Service srl in collaborazione con i pescatori locali Co.Ge.Pa. di San Benedetto del Tronto.

A seguire Domenica 30 Giugno ore 19.00 si celebrerà la Santissima Messa presso zona Porto sud Villaggio Piccola Pesca sbt in ricordo dei Caduti in Mare celebrata da Don Giuseppe Giudici.

Barbara Zambuchini – Biologa Nutrizionista, Responsabile Partners in Service titolare del CEA “Ambiente e Mare” R. Marche sottolinea l’obiettivo del progetto: “Promuovere alla cittadinanza e ai turisti la cultura del territorio, in particolar modo l’economia del mare sostenibile e far conoscere la piccola pesca nel rispetto  del mare e delle sue stagioni con un particolare focus sull’area portuale in collaborazione con i pescatori e le associazioni della pesca. Con l’apertura del Torrione e l’imperdibile visita al Faro. Siamo partiti anche quest’anno con uscite di pescaturismo a Marchio di Qualità registrato “In Blu Turismo Sostenibile in Adriatico”, dove la pesca si trasforma in un momento di apprendimento e di piacere nel trascorrere una giornata al mare abbinato alla possibilità di mangiare cibo sano, locale e fresco,di specie massive e sostenibili, non impattando sull’ambiente, la possibilità di fare escursioni in barca con i pescatori”.

 

Si ringraziano la Marina Militare – Difesa – Mari Fari Venezia, e in particolare il Comandante Daniele Verdi, per l’autorizzazione accordata alla visita interna del Faro e il Farista Calisti Dario.

Si ringrazia inoltre il Comandante Mauro Colarossi della Capitaneria di San Benedetto del Tronto.




Piceno d’Autore 2019, presentato il programma della 10a edizione

Il festival letterario si terrà dal 1 al 23 luglio nel Centro Storico di Monteprandone

Monteprandone –E’ stato presentato mercoledì 26 giugno in conferenza stampa, presso il Residence Borgo da Mare a Monteprandone, il programma di Piceno d’Autore, festival letterario ormai giunto alla sua decima edizione, che propone al pubblico temi contemporanei di interesse culturale e sociale, attraverso incontri con gli autori.

Sono sei le serate previste per l’edizione 2019 e si terranno dal 1° al 23 luglio, in piazza dell’Aquila, nel Centro Storico, quattro appuntamenti per la sezione monografica e due per la sezione universo editoriale. Il tema generale scelto è “Informazione e comunicazione. Raccontare la comunità oggi”.

Si partirà lunedì 1 luglio con lo psichiatra e sociologo Paolo Crepet. “Invocare, provocare, raccontare la Passione” è il nome dell’incontro coordinato da Simone Incicco, giornalista de L’Ancora e Consigliere dell’Ordine Regionale dei Giornalisti delle Marche.

Giovedì 11 luglio sarà la volta del vicedirettore di La Repubblica, Sergio Rizzo che proporrà una riflessione su “L’Italia fuori dell’euro: fantapolitica?”, con introduzione di Mario Di Vito giornalista de Il Manifesto e Il Resto del Carlino.

La rassegna proseguirà lunedì 15 luglio con un appuntamento che darà spazio ad una riflessione sul nuovo civismo. Relatore della serata sarà Ferruccio de Bortoli, già direttore de Il Corriere delle Sera e de Il Sole 24 ore. L’incontro sarà coordinato da Pier Paolo Flammini, giornalista di RivieraOggi.

Nella serata di martedì 16 luglio verrà assegnato il “Premio Nazionale Editor 2019” a Stefano Izzo, editor della narrativa italiana per De Agostini Planeta. Sarà presente Pino Imperatore, autore di “Con tanto affetto ti ammazzerò”. Coordina Mimmo Minuto.

Lunedì 22 luglio, ospite della serata sarà Francesco Giorgino, volto del Tg1. Ad affiancarlo sul palco di Piceno d’Autore, Renato Pierantozzi giornalista di Cronache Picene.

L’ultimo appuntamento è in programma martedì 23 luglio quando verrà consegnato il Riconoscimento Casa Editrice 2019 a Bollati Boringhieri. Saranno presenti Michele Luzzatto, direttore editoriale e Marco Aime autore di “L’isola del non arrivo. Voci da Lampedusa”. Coordina Silvio Venieri.

Gli appuntamenti del 1°, 11, 15 e 22 luglio sono accreditati come corso di formazione dell’Ordine dei Giornalisti Marche. I giornalisti possono iscriversi attraverso la piattaforma nazionale SIGEF.

Gli incontri avranno inizio alle ore 21:30, si terranno tutti in piazza dell’Aquila nel Centro Storico di Monteprandone. In caso di pioggia, si svolgeranno al Centro Pacetti, via San Giacomo n. 107, Centobuchi di Monteprandone.

 

NOVITA’ 2019

Aperitivo letterario… aspettando l’Autore

L’edizione 2019 è caratterizzata da un rinnovato format. Nell’attesa dell’incontro con gli ospiti, dalle ore 19, è possibile gustare un aperitivo a base dei prodotti tipici ed eccellenze enogastronomiche del territorio, nella suggestiva cornice del Centro storico di Monteprandone. Si possono anche visitare i musei e i luoghi di interesse storico e artistico che sono custoditi nel cuore borgo. Alle ore 21,30 prenderà poi il via l’incontro con l’Autore.

Servizio di bus navetta gratuito

In occasione delle serate del 1, 11, 15 e 22 luglio, il Comune di Monteprandone mette a disposizione un servizio di trasporto gratuito.

Navetta da San Benedetto/Porto d’Ascoli a Monteprandone

ore 19 liceo Scientifico “Benedetto Rosetti” in viale De Gasperi a San Benedetto

ore 19:10 palazzetto dello Sport in viale Dello Sport a San Benedetto

ore 19:20 piazza Sacra Famiglia a Porto d’Ascoli

Il rientro è previsto al termine dell’incontro con l’autore.

Minibus veloce

A partire dalle ore 20 sarà attivo un minibus dal parcheggio del Santuario di San Giacomo della Marca al Centro Storico.

L’evento è organizzato dal Comune di Monteprandone, dall’associazione “I Luoghi della Scrittura”, dalla libreria “La Bibliofila”, con il patrocinio e il contributo di Regione Marche e Bacino Imbrifero del Tronto, con il patrocinio della Provincia di Ascoli Piceno, dell’Ordine dei Giornalisti delle Marche dell’Associazione librai italiani (Ali).

Maggiori informazioni su picenodautore.it e facebook.com/picenodautore.

26/06/2019

Anche il presidente del BIM Luigi Contisciani, assente alla conferenza per motivi istituzionali, ha voluto rilasciare la sua dichiarazione sull’iniziativa: “La cultura è il primo ingrediente di una società viva. È in essa che l’uomo ancora può scoprirsi creativo e libero, perfino nella nostra epoca. L’ente che presiedo considera da sempre la cultura quale risorsa imprescindibile per l’educazione e la crescita di ogni cittadino, per questo la preserva e valorizza con ogni strumento a disposizione. Da qui il deciso sostegno assicurato dal Bim Tronto a Piceno d’Autore 2019, una delle maggiori rassegne letterarie del Piceno. Sono molto orgoglioso di contribuire alla crescita umana, culturale e sociale di questa comunità”.




dalla Città

Firmato un protocollo con la città polacca di Nysa

L’assessore Antonella Baiocchi ha rappresentato l’Amministrazione comunale di San Benedetto del Tronto a Nysa, in Polonia, dove la Città ha sottoscritto un accordo di cooperazione e scambi culturali, commerciali e turistici. Il protocollo è stato firmato domenica 23 giugno in occasione di una cena di gala organizzata appositamente per l’evento: per la provincia di Nysa, ha sottoscritto il documento il presidente Andrzej Kruczkiewicz alla presenza del vice presidente Jacek Chwalenia e degli assessori Joanna Burska e Adam Fujarczuk.

Alla firma del protocollo si è giunti dopo una serie di contatti portati avanti nei mesi scorsi tra l’amministrazione Piunti e quella polacca: i partner si sono impegnati a sviluppare la cooperazione tra le due realtà e a creare condizioni favorevoli per proficui scambi di conoscenze tra istituzioni e le entità aziendali. In particolare, sono stati gettate le basi per una serie di iniziative che interessano entrambe le parti: scambi di giovani, cooperazione educativa, trasferimento reciproco di esperienze nel campo della promozione turistica, economica e commerciale. Tra queste iniziative, l’amministrazione polacca ha caldeggiato l’attivazione di pacchetti turistici per accogliere già nel prossimo mese di settembre i primi ospiti da Nysa negli alberghi di San Benedetto del Tronto.

Un ringraziamento particolare va al dott. Giampiero Marini, originario di S. Benedetto del Tronto, e alla sua compagna Dorota Labusga, delegata ai rapporti con l’Italia per la Provincia, che hanno curato in ogni particolare il processo di intesa nonché il supporto logistico alla delegazione sambenedettese.

San Benedetto del Tronto, 26-06-2019

All’ex GIL torna “Cinema d’amare”, tutte le sere grandi film

Nel giardino del complesso dell’ex GIL, sul lungomare Scipioni (ingresso su via Sforza), torna “Cinema d’aMare”, la rassegna di proiezioni cinematografiche all’aperto che si svilupperà, con un film a sera, fino alla fine di agosto. Come da contratto, anche quest’anno sarà UCI Italia spa, titolare del marchio UCI Cinemas, a gestire la rassegna.Si parte sabato 29 giugno con “A star is born”, remake del musical “È nata una stella” e inserito dall’American Film Institute tra i dieci migliori film del 2018. Ha ricevuto 8 candidature ai Premi Oscar 2019, incluse quelle per miglior film, miglior attore protagonista a Bradley Cooper (che è anche il regista) e migliore attrice protagonista (Lady Gaga).

“Anche quest’anno, con il gestore del servizio siamo riusciti a mettere in cartellone film di livello altissimo – dice l’assessore alla cultura Annalisa Ruggieri – chi ama il cinema potrà godere dei migliori titoli della stagione appena conclusa, dai grandi film pluripremiati alle produzioni di largo intrattenimento, italiane e straniere. Senza dimenticare che in questo modo stiamo dando nuova funzione ad un’area bellissima del nostro territorio per troppo tempo non valorizzata”.

Aggiunge l’assessore al turismo Pierluigi Tassotti: “Anche quest’anno, nonostante i costi di gestione non siano certo diminuiti, il prezzo del biglietto resta invariato ad appena 4 euro per tutti. Forti del consolidamento di questa iniziativa, che giunge al terzo anno di vita, vorremmo fare meglio delle due passate stagioni quando fu superato il traguardo dei 2 mila spettatori. Rinnovo il ringraziamento al Rettore e a tutto il personale dell’UNICAM, la cui sede è accolta nell’edificio dell’ex GIL, per la disponibilità sempre manifestata all’accoglimento del nostro progetto”.

San Benedetto del Tronto, 26-06-2019

MUSEI SISTINI DEL PICENO

Diocesi di San Benedetto del Tronto Ripatransone Montalto

Museo di arte Sacra di Rotella

via Ciccolini n° 7, Rotella (AP)

COMUNE DI ROTELLA

Assessorato alla cultura

OGGETTO: MOSTRA ROTELLA (AP) 29 giugno-29 settembre 2019

Le Annunciazioni tra Marca e Umbria: il ritorno delle sculture di Rotella

nelle terre ferite del sisma

dav

Il progetto, ideato dai Musei Sistini, ma che si realizzerà in piena collaborazione e sinergia con il Comune di Rotella, ruota attorno al ritorno temporaneo del gruppo ligneo raffigurante l’Angelo Annunziante e la Vergine Annunciata; lo stesso fu ceduto nel 1919 dalla chiesa parrocchiale di Rotella alla Galleria Nazionale delle Marche di Urbino, dove a tutt’oggi si trova lungo il percorso espositivo.

Il gruppo scultoreo, legato agli stilemi della pittura locale, da Carlo Crivelli a Pietro Alemanno, fu definito da Luigi Serra, allora Soprintendente delle Marche e autore dell’acquisto, come “il miglior saggio di scultura abruzzese conservato nella Marca”.

Evidenti sono i rapporti delle due sculture con la celebre Annunciazione di Carlo Crivelli del 1486, oggi alla National Gallery di Londra e con le tavole della cimasa del trittico di Camerino, le cui parti laterali, raffiguranti l’Angelo Annunziante e la Vergine Annunciata, si trovano oggi a Francoforte, presso lo Städel Museum/ Städelsches Kunstinstitut lo und Städtische Galerie.

Queste due tavole esemplificano molto bene le novità apportate da Carlo Crivelli al tema dell’Annunciazione, ponendosi quale modello iconografico cui quasi certamente ha guardato l’autore del gruppo ligneo di Rotella.

I contatti in corso con l’attuale direttore della Galleria Nazionale delle Marche, Dott. Peter Aufreiter, permetteranno di far tornare temporaneamente le due sculture nel Museo di arte sacra di Rotella, andando a costituire il nucleo centrale dell’esposizione.

La mostra intende presentare al pubblico opere di uno stesso soggetto e appartenenti al medesimo ambito figurativo crivellesco, assieme ad altri lavori ad esso collegati, per vicinanza culturale e geografica e realizzati nell’Ascolano, nell’Abruzzo settentrionale e in Umbria.

Numerosi sarebbero i rimandi iconografici e stilistici generati dal confronto di queste opere con testimonianze, soprattutto pittoriche, che si riferiscono al popolare tema dell’Annunciazione: si pensi ai celebri dipinti di scuola camerte databili alla metà del Quattrocento o alle opere dei crivelleschi sparse in numerosi borghi montani tra Marche e Abruzzo.

Il legame delle Marche con il tema dell’Annunciazione risulta peraltro particolarmente forte grazie soprattutto alla presenza della Santa Casa, giunta a Loreto nel Trecento, secondo la tradizione, ed intorno alla quale è stato eretto uno dei Santuari mariani più noti al mondo.

Sebbene l’iconografia della Vergine lauretana si caratterizzi per una sua propria immagine, affatto diversa da quella dell’Annunciazione, è tuttavia innegabile che il significato connesso al Santuario mariano sia stato un elemento di rafforzamento della devozione verso questo avvenimento di cruciale importanza nella storia dell’umana salvezza. Il ruolo che questa ricorrenza ha sempre ricoperto, infatti, è testimoniato da altri eventi singolari come, ad esempio, l’acquisizione nel 1482 da parte del territorio ascolano, della Libertas Ecclesiastica avvenuta il 25 marzo, giorno dell’Annunciazione; ed è proprio in questa occasione che vennero commissionate ad Ascoli Piceno notevoli opere d’arte sul tema, come il dipinto di Pietro Alemanno (Ascoli Piceno, Pinacoteca) e la pala di Carlo Crivelli per i Francescani osservanti della chiesa dell’Annunziata (Londra, National Gallery). Inoltre, un importante santo dell’ordine, Giacomo della Marca, aveva già sostenuto, attraverso la predicazione, la devozione alla Vergine Annunciata, come testimonia il dono fatto alla vicina città di Fermo della Sacra Icona (oggi nel locale Museo Diocesano), preziosa tavola dipinta e impreziosita da una coperta d’argento contenente una reliquia dell’Annunciazione.

Proprio grazie a questa devozione nel secondo Quattrocento si diffondono dipinti e gruppi lignei raffiguranti l’Annunciazione in una vasta area tra Marche, Umbria e Abruzzo: la mostra intende dunque offrire un approfondimento di questo tema dal punto di vista storico, artistico e devozionale.

Il piano della mostra prevede l’esposizione delle seguenti opere che si ritengono di fondamentale importanza per la coerenza del progetto:

  • Scultore delle Marche meridionali, fine sec. XV Angelo annunciante e Vergine Annunciata, legno scolpito e dipinto, Urbino, Galleria Nazionale delle Marche.

  • Scultore abruzzese, 1410-1420 ca. Angelo annunciante e Vergine Annunciata, marmo scolpito, Firenze, Museo Nazionale del Bargello

  • Scultore marchigiano, sec. XV, Angelo annunciante e Vergine Annunciata, legno scolpito e dipinto, Ripatransone (AP), Pinacoteca Civica

  • Ignoto scultore, seconda metà sec. XV, Angelo annunciante e Vergine Annunciata, legno scolpito e dipinto, Perugia, Galleria Nazionale dell’Umbria.

  • Pittore crivellesco, fine sec. XV, Polittico di Poggio Canoso, tavola dipinta, museo diocesano, Ascoli Piceno

  • Atelie di Bruxelle, 1460-70, l’Annunciazione, arazzo, Pinacoteca civica, Fermo

  • Bartolomeo da Montelparo, 1520, Croce astile con rafigurazione dell’Annunciazione, argento inciso e niello, Parrocchia San Marone, Monteleone fi Fermo

Unitamente alla finalità artistico-scientifica appena descritta, un importante obiettivo di questa mostra è quello di creare, attraverso l’arte, un volano per l’incremento del settore turistico del piceno dopo gli eventi sismici. Da un punto di vista prettamente legato alla storia dell’arte, si intende infatti creare un richiamo per gli esperti e amanti dell’arte sacra, che specificatamente decideranno di venire a visitare la mostra di Rotella in quanto attratti da questa unica e probabilmente irripetibile simultanea presenza di testimonianze pregevoli.

Un ulteriore obiettivo è anche quello di convogliare nelle aree interne dell’entroterra, ricche di storia e di tradizioni religiose, una parte dell’ingente porzione di turisti che tradizionalmente nei mesi estivi affollano le località turistiche della costa, interessati principalmente al classico turismo balneare ma anche desiderosi di iniziative ed eventi socio-culturali, quali quelli legati alle manifestazioni religiose e artistiche. Scaturisce infatti da questa richiesta di diversificazione dell’offerta turistica l’inaspettato successo di pubblico che nell’estate 2018 ha fatto registrare la mostra Opere d’arte salvate dal terremoto da Camerino e dalle terre Sistinetenutasi a Rotella dal 22 luglio al 30 settembre 2018.

Facendo tesoro di questa esperienza, ci si prefigge con questa nuova e scientificamente ancora più probante iniziativa artistico-culturale programmata per l’imminente estate, di creare un modello concreto di sviluppo, capace di valorizzare i centri minori del Piceno.

La mostra sarà realizzata con il contributo della Regione Marche, del Bim, della Fondazione Carisap e soprattutto delle aziende locali.