Benvenuto e Buona Navigazione, sono le ore 08:38 di Lun 28 Set 2020

Al via alla Mole Vanvitelliana il Festival “KA – Nuovo immaginario migrante”

di | in: Cultura e Spettacoli

image_pdfimage_print

Ancona, 19 giugno 2019 – Al via alla Mole Vanvitelliana il Festival “KA – Nuovo immaginario migrante”. Giovedì 20 giugno ore 21, per celebrare la Giornata Mondiale del Rifugiato, la rassegna cinematografica ospita La Cineteca di Bologna e il regista italo-srilankese Suranga Deshapriya Katugampala, con la proiezione del cortometraggio “La Consegna” (Italia, 2017), e il lungometraggio d’esordio “Per un figlio” (Italia, 2016), vincitore del Premio Mutti 2015. Ingresso gratuito

Torna nelle Marche il Festival “KA – Nuovo immaginario migrante”, la rassegna cinematografica dedicata al tema delle frontiere e delle migrazioni. Per la seconda edizione KA approda alla Mole Vanvitelliana di Ancona fino al 29 giugno, con cinema d’autore (una prima nazionale), incontri con artisti ed ospiti internazionali, arte site-specific, libri e laboratori. Il tema della seconda edizione di KA è FRONTIERE, scelto poiché confini e frontiere sono il tema nodale su cui si confrontano e si scontrano idee di società e di umanità profondamente diverse.

Tutti gli appuntamenti sono ad ingresso gratuito, fino ad esaurimento posti.

Il cartellone prende il via giovedì 20 giugno ore 21 alla Mole, Canalone Spanditori – Arena Cinema (in caso di pioggia, La Mole presso Auditorium O. Tamburi) in occasione della ricorrenza della Giornata Mondiale del Rifugiato istituita dalle Nazioni Unite per sensibilizzare l’opinione pubblica sulle condizioni di milioni di persone in fuga dai propri paesi. La serata è realizzata in collaborazione con Cineteca di Bologna, Archivio Memorie Migranti, Ass. Amici Di Giana, Fondazione Pianoterra Onlus e Premio Mutti.


Alla presenza del giovane autore, il regista italo-srilankese Suranga Deshapriya Katugampala, saranno proiettati il cortometraggio “La Consegna” (Italia, 2017), premiato a Venezia Film Festival (MigrArti) nel settembre 2017 e prodotto da Okta Film, e il lungometraggio d’esordio “Per un figlio” (Italia, 2016), una produzione Gina Film, considerato dalla critica una tappa fondamentale per il riconoscimento culturale e artistico degli italiani di seconda generazione, realizzato con il sostegno Premio Mutti-AMM dedicato a registi migranti residenti in Italia.

Ospiti della serata, introdotta dalla giornalista Simona Marini, saranno Enrica Serrani della Cineteca di Bologna, Laura Traversi presidente Associazione Amici di Giana, Amedeo Siragusa della Fondazione Pianoterra.

Il cortometraggio “La Consegna” (16’) ha partecipato alla 74a Mostra del Cinema di Venezia nella sezione Migrarti, dove si è aggiudicato il Premio Bisato d’Oro 2017 della critica indipendente “per il coraggio di fare un cinema migrante, attento a un mondo che cambia e a un’intimità sempre in cammino in cerca di sogni”. La narrazione prende il via da una telefonata inattesa che scombussola i piani di Gaia e il suo papà. In un pomeriggio d’estate, la consegna di un pacco tra le montagne della Lessinia si trasforma in una piccola avventura, dove ordinario e straordinario si confondono.

Il lungometraggio “Per un figlio” (74’) racconta il delicato rapporto tra una madre srilankese, venuta in Italia per lavorare, e il figlio adolescente. Sunita, una donna srilankese, divide le sue giornate tra il lavoro di badante e il figlio; fra loro regna un silenzio pieno di tensioni e conflitti. Il ragazzo, cresciuto in Italia, tenta un’ibridazione culturale difficile da capire per la madre, che lotta per vivere in un paese a cui non vuole appartenere.

Suranga Deshapriya Katugampala vive a Verona e lavora tra l’Italia e lo Sri Lanka. Nel 2012 ha fondato e gestito in Sri Lanka una tv web chiamata Freesh Tv. Nel 2015, di ritorno da un lungo e importante viaggio condotto nel 2014 dall’Italia allo Sri Lanka via terra, dove ha lavorato come giornalista fotografico, ha iniziato a lavorare come regista. Insegna comunicazione digitale a Milano. Nel 2017 ha prodotto il primo lungometraggio “Per un figlio”, successivamente ha diretto il cortometraggio “The Delivery”.

“Ka – Nuovo immaginario migrante” è un progetto promosso dall’associazione culturale PepeLab; ne firmano la direzione artistica Valeria Bochi, Sabrina Maggiori ed Evelyn Puerini. Sostengono il Festival il Comune di Ancona – Assessorato alla Cultura, Coop alleanza 3.0, Arci Ancona, La Mole, Tonidigrigio.it, SpiaggiaBonetti, in collaborazione con un’ampia rete regionale e nazionale di realtà culturali: Garante Regionale dei diritti della Persona, Commissione per le Pari Opportunità tra uomo e donna della Regione Marche, Le Reseau, Ottomani, W.G.O., Premio Mutti-Amm, I.I.S Savoia Benincasa, Archivio Memorie Migranti, TU Tenerezze Urbane, Fondazione Pianoterra Onlus, Marche Teatro, Ass. Amici Di Giana, Terra di Tutti Film Festival, Ratatà, Africa e Mediterraneo, CinemAmbiente di Torino, Cineteca di Bologna, Ambasciata dei Diritti Ancona, Comitato 3 Ottobre, Libreria Fogola, USB Gallery.

Info e contatti

Pepe Lab a.c. / Piazza della Repubblica, 5 / Jesi (AN)

+39 3939202830 / info@pepelab.org

Programma completo e in continuo aggiornamento su ka.pepelab.org

facebook.com/KaNuovoImmaginarioMigrante

© 2019, Redazione. All rights reserved.


Sostieni www.ilmascalzone.it
La lettura delle notizie è gratuita ma i contributi sono graditi. Se ci credi utili sostienici con un contributo a tua scelta intestato a Press Too Srl
IBAN: IT07L0847424400000000004582
Banca del Piceno Credito Cooperativo – Filiale San Benedetto del Tronto 2




20 Giugno 2019 alle 10:19 | Scrivi all'autore | | |

Argomenti Frequenti


Archivio


My Web TV Marche

• Coronavirus Marche: aggiornamento
• Ritorno al futuro
• dalla Regione Marche


Social

Visit Us On TwitterVisit Us On FacebookVisit Us On YoutubeVisit Us On Instagram
Ricerca personalizzata