dalla Regione Marche

dalla Regione Marche

“Regata per la vita”, Ceriscioli: “Sanità non solo strutture e servizi, ma persone”

“Una seconda edizione di successo. Già lo è stata la prima lo scorso anno, ma il fatto che sia cresciuta come manifestazione è molto importante. Ne è un segno certamente il momento sportivo, ma soprattutto ne è un segno il significato che ha. La vicinanza con un’esperienza significativa, quella delle Dragonesse, quella delle donne che dopo avere avuto un percorso di malattia sanno reagire con grande energia, con grande forza, è il segno di una comunità che si tiene unita alle persone che hanno bisogno, un modo di vedere la sanità non solo come strutture e servizi ma, soprattutto, come persone che si rivolgono a noi per le loro necessità e vanno considerate nella loro completezza”. Con queste parole il Presidente della Regione Marche, Luca Ceriscioli ha presenziato, presso la Marina Dorica di Ancona, alla premiazione della seconda ‘Regata per la Vita’, iniziativa di beneficienza promossa dalla Clinica oncologica degli Ospedali Riuniti di Ancona-Università Politecnica delle Marche, in collaborazione con Marina Dorica, Club Nautico di Senigallia, Fiv Marche, Lega Navale di Falconara, Fondazione Ospedali Riuniti di Ancona e Marcangola, la rete che riunisce le associazioni di volontariato in ambito oncologico delle Marche. La regata, che ha visto la partecipazione – tra gli altri – dell’imprenditore e skipper Alberto Rossi (vincitore assoluto con la sua imbarcazione) e della campionessa Giorgia Speciale, ha raccolto 2.647 euro che saranno utilizzati per supportare progetti in ambito oncologico di rilevanza regionale.

Altri 15 milioni di euro del Psr per gli investimenti agricoli e il “pacchetto giovani” nelle aree del cratere sismico. Casini: “Destiniamo le quote di cofinanziamento regionale recuperato dallo Stato al rilancio delle zone terremotate”

Aumentano da 15,5 a 30,5 i milioni di euro disponibili per sostenere gli investimenti nelle aziende del cratere sismico. La Giunta regionale ha destinato altri 15 milioni all’ammodernamento aziendale e al “Pacchetto giovani”: gli aiuti concessi ai giovani agricoltori che vogliono costruire il proprio futuro professionale nell’agricoltura. Su proposta della vice presidente Anna Casini, l’esecutivo ha riservato a queste due misure del Psr (Programma di sviluppo rurale) gli aiuti statali arrivati alla Regione nell’ambito del fondo di solidarietà, a copertura della quota di cofinanziamento regionale del Psr. Complessivamente saranno 72,2 i milioni risparmiati e recuperati dalla Regione, che li reinvestirà nelle zone terremotate mano a mano che verranno “liberati”. Il provvedimento, circoscritto all’area del cratere, in quanto i fondi sono di specifica destinazione, segue quello recentemente approvato per tutto il territorio regionale, con altri 2 milioni assegnati come terzo rifinanziamento del bando 2017 (attualmente con una dotazione di 26,6 milioni) per gli stessi investimenti aziendali e il “pacchetto giovani”. La vice presidente spiega che “le domande pervenute dalle aree del cratere, per entrambi i bandi, eccedono le risorse del Psr a disposizione nel 2018. Ora destiniamo le quote di cofinanziamento recuperate dallo Stato per cercare di offrire una risposta migliore alle richieste delle imprese, favorendo la loro voglia di ripartire e la fiducia dei giovani a investire nell’agricoltura”.

 

 

INCONTRO CERISCIOLI – PARLAMENTARI SU OPERE FERROVIARIE REGIONE MARCHE: CONDIVISE LE PRIORITA’ SU CUI LAVORARE INSIEME

 

“Il raddoppio della tratta PM 228 Albacina sulla Linea Orte – Falconara  per 77,6 milioni di euro,  l’elettrificazione della tratta Macerata – Albacina per 70 milioni di euro, la soppressione di circa 70  passaggi a livello su tutte le linee, l’avvio degli studi di fattibilità per l’arretramento della ferrovia adriatica e la linea trasversale centrale “ferrovia dei due mari””.

Sono queste le principali priorità del trasporto ferroviario marchigiano, in un’ottica di breve medio periodo,   illustrate questa mattina a Palazzo Raffaello dal presidente della Regione Luca Ceriscioli ai parlamentari marchigiani  al fine di un’azione comune a favore della realizzazione delle opere.  Presenti all’incontro la vicepresidente Anna Casini, l’assessore Angelo Sciapichetti, il presidente del Consiglio regionale Antonio Mastrovincenzo,  i parlamentari Andrea Cecconi, Mauro Coltorti, Giorgio Fede, Tullio Patassini, Giuliano Pazzaglini e i consiglieri regionali Sandro Bisonni, Giovanni Maggi, Boris Rapa, Sandro Zaffiri.

“E’ stata una riunione operativa – ha continuato Ceriscioli – e tutti i presenti hanno condiviso la necessità di continuare con gli investimenti lungo queste direttrici. I progetti evidenziati sono quelli più urgenti  e anche più semplici in termini di obiettivo di finanziamento.  Per quanto riguarda Orte – Falconara , se si guarda il quadro dei tratti già raddoppiati e dei tratti che invece sono ancora a binario unico, sarebbe auspicabile che il piccolo tratto che unisce Fabriano ad Albacina per 77 milioni di investimento già presenti nel Contratto 2017/2021 ma non finanziati, rientrasse  nell’aggiornamento del Contratto con una anticipazione di questo piccolo importo. Obiettivo comune è quello di favorire sempre più l’utilizzo del treno negli spostamenti dei marchigiani: si tratta di un mezzo meno impattante dal punto di vista dell’inquinamento, comodo e che permette di lavorare durante il viaggio.  Per questo dobbiamo migliorare il servizio.  Parliamo di piccole cifre per interventi di grande valore.  In particolare il vantaggio dell’elettrificazione è evidente:  elettrificare significa permettere una diversa e migliore programmazione dei collegamenti con un aumento dei passeggeri e  un miglioramento ambientale.  Questo anello nel cuore delle Marche che collega Macerata Albacina e Falconara consentirebbe di non cambiare mezzi e velocizzare la tratta incrementando anche i passeggeri così come già accaduto sul percorso Ascoli Porto d’Ascoli (+ 30%)”.

Il senatore Coltorti, nelle vesti di presidente della Commissione Lavori Pubblici, ha sottolineato che si tratta delle medesime priorità individuate a livello parlamentare durante lo studio del Progetto di sviluppo quinquennali di RFI lo scorso novembre e che queste opere sono estremamente importanti per lo sviluppo della Regione. “L’aggiornamento del Piano, previsto tra settembre e ottobre – ha proseguito il parlamentare – permetterà di dare a queste opere una più elevata priorità”. Coltorti ha inoltre assicurato il massimo impegno di ciascun parlamentare ognuno per il proprio ruolo a favore degli interventi evidenziati. L’on. Cecconi ha proposto la stesura di un documento congiunto.

Nel corso della riunione sono stati anche affrontati temi di lungo periodo come il raddoppio strategico Civitavecchia Ancona, l’alta velocità e la sicurezza, la linea turistica Fano – Urbino.

 

Promozione Salute over 65

 

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com