Benvenuto e Buona Navigazione, sono le ore 08:11 di Mar 16 Lug 2019

Dottorando UniMc selezionato dalla Japan Foundation

di | in: Cronaca e Attualità

Nicola Costalunga

image_pdfimage_print

Nicola Costalunga trascorrerà un anno di ricerca all’Università di Osaka per il suo progetto di ricerca sui sindacati in Giappone.

Dopo Simona Tiribelli, un secondo dottorando del corso di “Global Studies. Justice, Rights, Politics” dell’Università di Macerata ha vinto un’altra prestigiosissima borsa di studio per un soggiorno all’estero. Si tratta di Nicola Costalunga, che è risultato selezionato, fra domande provenienti da tutto il mondo, dalla Japan Foundation, un’emanazione del Ministero degli Affari esteri giapponese.


Il programma di finanziamento è riservato a ricercatori che abbiano una buona conoscenza della lingua giapponese e che intendano svolgere un lavoro di studio scientifico in Giappone all’interno di centri di ricerca, istituti e università. Costalunga, trentaduenne originario di Thiene in provincia di Vicenza, laureato presso l’università Ca’ Foscari di Venezia con un’esperienza lavorativa all’interno di un sindacato italiano,trascorrerà un anno di ricerca all’Università di Osaka per il suo progetto di ricerca sui sindacati in Giappone.

Ma perché proprio il Giappone? “Ho una passione innata per la diversità culturale e sociale – spiega Costalunga -. A questo si aggiunga che, durante gli anni Novanta, la figura Giappone risultava imperante, per quanto riguarda modelli e immagini, nella comunicazione visiva del tempo. In particolar modo, durante il percorso universitario, ho sviluppato uno spiccato interesse nell’approfondire questa tematica della diversità, comparandola con le peculiarità italiane proprio da un punto di vista sociale e culturale”.

“Il percorso di dottorato presso l’Università di Macerata – aggiunge – è stato la miccia e, al tempo stesso, la ragione principale, perché ha incentivato il mio interesse a tematiche che non avevo mai pensato di poter approfondire nel corso del mio percorso di studi e della mia vita. In tutto ciò devo ringraziare i miei relatori, i professori Pavolini e Busilacchi, che mi hanno dato dei consigli estremamenti preziosi per la mia ricerca, e la professoressa Barbisan, coordinatrice del corso di dottorato, che mi ha aiutato e sostenuto. In particolare, le possibilità che mi sta fornendo il corso di dottorato in “Global Studies. Justice, Rights, Politics” nella sua prospettiva interdisciplinare sono estremamente importanti per poter dare alla mia ricerca un respiro più ampio e possibilità che prima non avrei mai pensato”.

© 2019, Redazione. All rights reserved.




11 Luglio 2019 alle 23:17 | Scrivi all'autore | | |

Argomenti Frequenti


Archivio


Ricerca personalizzata