Benvenuto e Buona Navigazione, sono le ore 23:52 di Mer 16 Ott 2019

Partille Cup e Interamnia, doppia grande esperienza per l’Hc Monteprandone

di | in: Il Mascalzone Sportivo

image_pdfimage_print

HC Monteprandone alla 47ma Interamnia

 

MONTEPRANDONE – Senza respiro. Ma i due tornei di pallamano più prestigiosi del mondo valgono bene un inizio di luglio a tavoletta per l’Under 14 dell’Handball Club Monteprandone.

Appena rientrata dalla Svezia, dove per il secondo anno consecutivo ha partecipato alla Partille Cup, edizione numero 50, la squadra blu deve già ripreparare i borsoni. Stavolta niente trasferta internazionale, però. Basterà arrivare a Teramo, per la 47? Interamnia World Cup: si tratta della prima partecipazione dell’HC Monteprandone alla manifestazione abruzzese, che quest’anno vedrà al via 122 squadre provenienti da 32 Nazioni in rappresentanza di 4 continenti.

Motivo di orgoglio, insomma, per la società dei fratelli Roberto e Pierpaolo Romandini. A Göteborg, al freddo e sotto la pioggia (il torneo era outdoor), ma come unica rappresentanza italiana di club tanto da sfilare col tricolore (e la bandiera cittadina) nella cerimonia di apertura al parco Liseberg, l’Under 14 si è fermata al primo impegno nei Playoff A, perdendo di un solo gol di scarto contro gli svedesi dell’Hammarby IF, dopo essere stata avanti di 2 a 3 minuti dalla fine. I ragazzi allenati da coach Andrea Vultaggio hanno comunque migliorato il risultato della stagione scorsa, grazie alla qualificazione per il tabellone principale e al secondo posto ottenuto nella prima fase (girone 12). Nei primi tre giorni di gare, infatti, sono arrivate 4 vittorie (19-9 contro i tedeschi della SG Wehrheim/Obernhain, 18-17 con gli svedesi dell’IK Sävehof, 26-16  contro gli islandesi del Fylkir 2 e 12-8 coi norvegesi del Nordstrand IF) e una sola sconfitta (18-12 contro gli svedesi dell’RP IF). Poi la beffa ai Playoff, ma l’esperienza per i blu rimane indicibile.

E sarà lo stesso per l’Interamnia che scatta tra poche ore (stavolta il torneo è indoor). L’HC Monteprandone, in gara per la categoria E (Under 14) insieme ad altre 25 formazioni, è stato inserito nel gruppo D. L’esordio mercoledì 10 luglio, alle 12.30 nella palestra Molinari di via Gasbarrini contro i polacchi dell’UKS Spartacus A. A seguire, alle 15, il match il derby contro la Pallamano Chieti al campo calcio Acquaviva B. Altri due impegni giovedì 11: alle 12 la partita con gli ungheresi dell’Elektromos S.E., alle 18.45 quella coi polacchi dell’Anilana Lodz A. Venerdì 12, alle 10.30, l’ultima gara per la fase di qualificazione ai quarti di finale, contro TJ JM Chodov (Repubblica Ceca).


 

 MONTEPRANDONE – “Abbiamo fatto un grande sforzo economico e organizzativo per portare i nostri giovani in Svezia. Ma ne è valsa l pena. Anno dopo anno continuiamo a crescere”. Il vicepresidente dell’HC Monteprandone, prima di salire sull’aereo che ha riportato lui e i 16 ragazzi dell’Under 14 in Italia, esterna tutta la sua soddisfazione. Merito della seconda partecipazione consecutiva alla Partille Cup, il torneo di pallamano più grande al mondo. “A Göteborg abbiamo confermato l’ottimo lavoro svolto nelle ultime stagioni. Ho visto una Under 14 molto compatta e sono convinto che a Teramo, all’Interamnia, contro altre formazioni di assoluto livello, faremo ancora meglio. Abbiamo vissuto una settimana molto intensa, nonostante il clima invernale, e ci tengo nuovamente a ringraziare i dirigenti Sonia Romandini, Paride Bisirri e Raffaele Salladini, oltre alle famiglie dei nostri ragazzi, al solito disponibili. In bocca al lupo a un altro dirigente, Raffaele D’Andrea, che ora accompagnerà l’U14 a Teramo” conclude Pierpaolo Romandini.

Felice anche coach Andrea Vultaggio: “Ho insistito per ripetere l’esperienza della Partille Cup, la società mi ha seguito, e siamo contenti. Sapevo che questo sarebbe stato un momento di crescita importante. I ragazzi si confrontano con altre culture, crescono al di là del loro impegno sul campo. Che pure è stato tanto: un po’ perché abbiamo giocato all’aperto e sul sintetico, un po’ perché gli avversari erano di un altro livello rispetto al nostro campionato. Ci siamo divertiti tanto, abbiamo migliorato il risultato dell’anno scorso, e peccato per la prima sfida dei Playoff A: avevamo fatto la bocca al passaggio del turno, ma la maggiore esperienza dei nostri rivali si è rivelata decisiva”.

Coach Vultaggio chiude così: “Non abbiamo tempo di rammaricarci troppo. Siamo di nuovo in partenza. Avversari di qualità ne troveremo anche all’Interamnia, dove siamo sicuri di divertirci e di vivere un’altra grande esperienza”.

 

© 2019, Redazione. All rights reserved.




7 Luglio 2019 alle 17:58 | Scrivi all'autore | | |

Argomenti Frequenti


Archivio


Ricerca personalizzata