Benvenuto e Buona Navigazione, sono le ore 16:38 di Sab 17 Ago 2019

Turismo, Ambiente, Sviluppo sostenibile, Cultura, Comunità, Progetti di Futuro all’ombra del Torrione

di | in: Cronaca e Attualità

image_pdfimage_print
San Benedetto del Tronto, 2019-07-14 – Oltre 200 persone a parlare di “Progetti di futuro”, per la nostra Città e il nostro Territorio , oggi pomeriggio al Paese Alto. Grazie a tutti coloro che hanno collaborato , a partire dagli Amici del Paese Alto . Importanti impegni nelle conclusioni dell’Assessore Moreno Pieroni: Terza Corsia Autostrada , Bretella, Fermate dei Treni , Rilancio del Porto ,Realizzazione di Smart City e Riviera Smart per il futuro del Turismo *
Nel primo intervento il Sindaco di Gradara ,Filippo Gasperi ,ha sottolineato la necessità di fare rete tra i comuni delle Marche , valorizzando lo straordinario patrimonio dei nostri centri storici . Gianluca Carrabs ,Amministratore di Unico di SVIM ha parlato dei Progetti della società pubblica Sviluppo Marche . Massimiliano Bianchini ,Segretario regionale dell’Arci ,ha espresso l’urgenza di organizzare le nostre comunità , mettendo insieme istituzioni e associazioni , per un nuovo “civismo attivo “ . Giuliano Bartolomei ,Presidente di Fideas -Smart Team , ha illustrato tutti i bandi europei , nazionali e regionali ( attualmente in essere ) che danno opportunità di finanziamento a imprese , persone e associazioni nei diversi settori . Filippo Lucci ,Presidente di Corecom Italia ( Comunicazioni ) , ha portato le esperienze delle nuove infrastrutture del 5G che sono essenziali per il Turismo e per la costruzione delle Smart City . Barbara Riga , Assessore al Turismo del Comune di Acquaviva Picena , ha evidenziato il ruolo dei comuni bandiere arancioni per valorizzare l’entroterra e il collegamento sempre più stretto tra Acquaviva e San Benedetto per integrare le reciproche offerte turistiche .Infine Brunilde Crescenzi , consigliere comunale di San Benedetto , ha evidenziato come San Benedetto debba e possa qualificarsi sempre di più per mantenere e consolidare il primato del Turismo nelle Marche . La consigliera provinciale Maria Rita Morganti ( che non è potuta essere presente ) ha fatto pervenire un messaggio in cui propone la costituzione di una “Consulta interistituzionale” del Piceno aperta alle associazioni e alle organizzazioni di categoria , per progettare insieme il futuro del nostro Territorio. Sono intervenuti anche il Presidente dell’associazione Amici del Paese Alto , Italo Giuliani; il vice presidente del Comitato di quartiere , Vincenzo Rossi ; il Presidente del Torrione Calcio , Antonio Spazzafumo ; il vicepresidente dell’associazione La Rocca , Piero Galiè . Sono intervenuti nel dibattito numerosi presenti tra cui il neo Sindaco di Castignano , Giancarlo Vesperini ; il Vicesindaco di Cupramarittima Lucio Spina e l’Assessore al turismo sempre di Cupra , Daniela Luciani. E infine le conclusioni di Moreno Pieroni . GRAZIE A TUTTI !
Pietro Colonnella ( Presidente Smart Piceno )

 


 

 

Ph © Simonetta Capecci
© www.ilmascalzone.it © Press Too srl – Riproduzione riservata
nb: per immagini ad alta definizione scrivere a redazione@ilmascalzone.it
simonettacapecci@libero.it https://www.facebook.com/simonettacapecci

 

 

San Benedetto del Tronto, 2019-07-14 – TURISMO, CULTURA, VALORIZZAZIONE DEI CENTRI STORICI,INFRASTRUTTURE i temi affrontati nel convegno di San Benedetto, al Paese Alto, di domenica 14 luglio. Conclusioni del convegno di Moreno Pieroni ( Assessore al Turismo e Cultura della Regione Marche )

Si è parlato tra l’altro delle seguenti proposte.

Smart City e Smart Land, Metropolitana adriatica, Pista ciclabile, Bretella e Terza Corsia A14 nel Quadrilatero Piceno – Aprutino, Porto di San Benedetto, Riqualificazione e rilancio dell’Ospedale Madonna del Soccorso.
1. Realizzazione di Smart City e Smart Land con connessione con banda ultra larga e con 5G in tutto il territorio entro il 2020 realizzando a pieno “l’internet delle persone e l’internet delle cose “.
2. La realizzazione della “Metropolitana Adriatica” è diventata un possibile realtà dopo l’elettrificazione della tratta Ascoli / Porto d’Ascoli. Occorre prevedere una stazione in zona stadio /viale dello sport, una stazione in zona ascolani e una stazione a Marina di Massignano. In un futuro non remoto è possibile ipotizzare l’interramento della stazione di San Benedetto recuperando decine di ettari di superficie per servizi turistici e per nuove strutture della “Wellness Valley”( Talassoterapia, collegamento con le terme di Acquasanta e nuovi istituti di salute -cura -benessere). Vanno richieste con forza anche le fermate dei treni veloci: San benedetto come principale stazione intermedia fondamentale tra Ancona e Pescara.
3. Dopo il finanziamento del ponte ciclopedonale sul Tronto, tra Marche e Abruzzo, da parte delle 2 Regioni, può diventare realtà una unica pista ciclabile tra il Conero / San Benedetto / Ascoli lungo il Tronto / fino a Pescara tra le più estese e suggestive d’Italia
4. Potenziamento del ‘’Quadrilatero’’ Piceno -Aprutino (San Benedetto Ascoli Roma ) -(Giulianova Teramo Roma ) potenziando sia la connessione costiera tra Porto Sant’Elpidio / San Benedetto / Giulianova con la TERZA CORSIA anche in questo tratto ( o con forme “leggere” di arretramento ) dell’autostrada A14 . Il prossimo piano pluriennale di Autostrade deve contenere anche questo tema. Il Piceno non può diventare l’imbuto dell’ Adriatico! Connesso a questo problema occorre finalmente realizzare LA BRETELLA di collegamento Casello di Porto d’Ascoli /Casello di Grottammare ( per attraversare la città occorrono ormai mediamente 50 minuti con il portato di un forte inquinamento sulla SS 16, non più tollerabile ). Il potenziamento del Quadrilatero Piceno/ Aprutino, peraltro, oggi è indispensabile, ed è una grande opportunità, dopo l’avvenuto finanziamento della Salaria nei tratti Acquasanta / Arquata e dopo l’approvazione del “Programma di sviluppo del Piceno” con la reindustrializzazione del territorio.
5. Il Porto di San Benedetto deve essere rivitalizzato. Il terzo braccio , l’allungamento del molo sud (anche per evitare il continuo insabbiamento), sono fondamentali per il rilancio anche dell’attività della pesca e del turismo in collegamento con la Croazia.Turisticamente, il Porto di San Benedetto, può diventare l’anello di congiunzione di un nuovo corridoio tra l’Est Europa, i Balcani, l’Adriatico e Roma.
6. Riqualificazione e rilancio dell’Ospedale di San Benedetto Madonna del Soccorso, come qualificato presidio della sanità pubblica nella nostra Città e sulla Riviera delle Palme

 

 

 

© 2019, Redazione. All rights reserved.




14 Luglio 2019 alle 22:28 | Scrivi all'autore | | |

Argomenti Frequenti


Archivio


Ricerca personalizzata