da Macerata

da Macerata

venerdì 27 settembre 2019

La Notte europea dei ricercatori e Unifestival: due iniziative per mettere al centro della città conoscenza e libero pensiero.

È pronta la città per vivere insieme all’Università degli Studi di Macerata momenti di festa e di conoscenza. La Giunta comunale ha deliberato l’adesione e il sostegno a due grandi eventi promossi dall’Ateneo maceratese, la Notte europea dei ricercatori in programma oggi 27 settembre e l’Unifestival previsto per dal 14 al 25 ottobre.

Mettiamo al centro della città la ricerca e la conoscenza, perché coltiviamo il libero pensiero e la crescita culturale” afferma Stefania Monteverde assessore alla Cultura del Comune “Dal 1290 lo facciamo insieme all’Università di Macerata per creare un bel clima di città accogliente, vivace e serena. Auguri a tutti gli studenti, studentesse, docenti e personale per il nuovo anno accademico”.

Nel 2018 il Comune di Macerata ha firmato, insieme alle città di Ancona, Cagliari, Caserta, Catania, L’Aquila, Napoli, Nuoro, Palermo, Pavia, Perugia e Trieste, l’adesione alla Notte Europea dei Ricercatori con l’impegno a sostenerla nel tempo. Si chiama SHARPER: Sharing Researchers’ Passions for Evidences and Resilience ovvero “condividere le passioni dei ricercatori, per il coinvolgimento e la responsabilità”.

Dal primo pomeriggio di oggi, venerdì 27 settembre, fino a tarda notte, in centro storico un appuntamento ricco di attività dedicate a scienza, innovazione e tecnologia, in grado di avvicinare il grande pubblico e il mondo della ricerca. Una festa in cui intrattenimento, informazione e partecipazione si mescolano per creare un insieme di spettacoli, incontri e caffè scientifici, performance tra arte e scienza, giochi di ruolo e appuntamenti conviviali animati da ricercatori ed esperti comunicatori.

Nell’ottica di una fattiva collaborazione il Comune di Macerata nel 2016 ha aderito a Unitown, la rete europea di città universitarie lanciata dal Comune di Ferrara e dall’Unife, di cui fa parte anche l’Università di Macerata. Lo scopo è favorire l’integrazione tra città e università nelle loro molteplici articolazioni, nonché lo sviluppo e la promozione di buone pratiche nel rapporto tra la comunità cittadina e l’università.

In questa direzione vanno le iniziative dell’Amministrazione comunale messe in campo con lo stesso Ateneo, che hanno permesso di ampliare i servizi e il dialogo con studenti e mondo universitario come Macerata digitale con il wi-free, il sito di servizi per gli studenti www.maceratadigitale.it e la carta studenti. Va ricordata anche la collaborazione con PlayMarche, spin-off dell’Unimc nel Distretto culturale evoluto e i progetti insieme al Museo della Scuola e ai diversi Dipartimenti di Unimc per la crescita del sistema dei musei civici.

Con questo stesso spirito il Consiglio Comunale ha deliberato l’istituzione del consigliere rappresentante degli studenti universitari finalizzato proprio a rafforzare le politiche di collaborazione per una visione di città inclusiva e accogliente.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com