Concerto di Natale della banda Città di Camerino

IL TRADIZIONALE CONCERTO DI NATALE DELLA BANDA CITTA’ DI CAMERINO INCANTA TUTTI

Non sarebbe Natale a Camerino senza il tradizionale concerto di Natale della banda Città di Camerino diretta dal maestro Vincenzo Correnti. Come ogni 26 dicembre, anche quest’anno un Benedetto XIII strapieno ha ospitato quello che è diventato un appuntamento sempre più atteso e a cui la città tiene maggiormente. Note natalizie e un repertorio sempre in grado di coinvolgere hanno deliziato il pomeriggio, presentato da Donatella Pazzelli, in momenti di gioia e allegria partecipatissimi, ma anche di commozione. Sempre bella la risposta del pubblico numerosissimo, che a fine concerto si è abbandonato a scroscianti applausi, chiedendo più volte il bis. Sul palco anche giovanissimi musicisti dell’istituto Nelio Biondi e il sindaco Sandro Sborgia che ha rivolto un personale augurio alla città, ringraziando la Banda e sottolineando come ogni istituzione a Camerino abbia una storia importante e come sia fondamentale in un periodo di difficoltà preservare e accrescere le eccellenze della città e del territorio. Non è mancato un accenno anche alla nuova Scuola della musica che sarà realizzata dall’Andrea Bocelli Foundation della quale è partita la cantierizzazione poche settimane fa. Al concerto, organizzato dall’Associazione Adesso Musica, con il patrocinio del Comune di Camerino e l’ospitalità di Unicam all’auditorium Benedetto XIII erano presenti anche il vice sindaco Lucia Jajani, l’assessore Giovanna Sartori e i consiglieri Riccardo Pennesi e Anna Ortenzi. Un nuovo concerto della Banda città di Camerino sarà all’Epifania il 6 gennaio in occasione della Festa del torrone, quest’anno rinnovata con diverse novità.

 




dalla Città

Azioni comuni al fine di risolvere la difficile situazione che sta seriamente compromettendo la viabilità dell’ A14

 

In data odierna , alle ore 9,30, si sono riuniti, presso la Sala Giunta del Comune di San Benedetto del Tronto i Sindaci dell’Ambito Territoriale 21, L’Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Martinsicuro il Comandante della P.M. ed il Responsabile della Protezione Civile del Comune ospitante, convocati dal sindaco Pasqualino Piunti in qualità di Presidente del Comitato dei Sindaci dell’A.T. 21 (composto dai primi cittadini dei seguenti Comuni della Provincia di Ascoli Piceno: Acquaviva Picena, Carassai, Cossignano, Cupra Marittima, Grottammare, Massignano, Monsampolo Montalto delle Marche, Montefiore dell’Aso, Monpetrandone, Ripatransone e San Benedetto del Tronto) per determinare le azioni comuni al fine di risolvere la difficile situazione che sta seriamente compromettendo la viabilità dell’ A14.

I Sindaci hanno determinato di sollecitare Società Autostrade ad iniziare, se non già iniziati, i lavori dopo il dissequestro avvenuto da parte della Procura di Avellino e chiedono, oltre ai tempi certi, la possibilità che questi interessino solo la corsia di emergenza (oggetto del sequestro da parte della Procura) consentendo la circolazione in entrambe le corsie di marcia al fine di evitare gli enormi disagi fino ad ora creati e che hanno coinvolto non solo i turisti, ma tutti quelle persone che o per lavoro o per motivi di salute devono percorrere tale tratto di autostrada.Anche a San Benedetto del Tronto  parte il progetto “Sport di tutti”, un programma per l’accesso gratuito allo sport, che mira ad abbattere le barriere economiche e declina concretamente il principio del diritto allo sport per tutti, fornendo un servizio alla comunità. L’obiettivo è promuovere, attraverso la pratica sportiva, stili di vita sani tra tutte le fasce della popolazione, al fine di migliorare le condizioni di salute e benessere degli individui. “Sport di tutti” è promosso da “Sport e salute” in collaborazione con gli organismi sportivi. L’intervento si rivolge alla fascia di età dai 5 ai 18 anni, che avrà la possibilità di praticare gratuitamente attività sportiva pomeridiana, per 2 ore alla settimana. L’associazione selezionata nel Comune di San Benedetto del Tronto èla EC Studios Productions asd e aps di via Luciano Manara 134/136, presso il Centro Smeraldo. La domanda di partecipazione potrà essere presentata  fino alle ore 16 del 16 gennaio 2020. Gli obiettivi del progetto sono: Garantire il diritto allo sport per ragazzi e famiglie in condizioni di svantaggio economico; incoraggiare i ragazzi a svolgere attività fisica; supportare le società e associazioni sportive dilettantistiche; offrire servizi alla comunità di riferimento. I genitori, o i titolari della potestà genitoriale, possono iscrivere i propri ragazzi:  online sul sito https://www.sportditutti.it/ o direttamente accedendo al portale area.sportditutti.it; compilando il modulo cartaceo debitamente compilato e firmato, presso la sede della EC Studios, per informazione sui corsi e sulle modalità di iscrizione, e’ possibile scrivere al seguente indirizzo email: segreteria@ecstudios.eu o telefonare al 3776722567 o seguire le istruzioni sul sito www.ecstudios.eu . I corsi prevedono le seguenti discipline:

  1. DANZA – GIOCO DANZA
  2. DANZA – MUSICAL
  3. DANZA MODERNA
  4. DANZA CONTEMPORANEO
  5. DANZA HIP HOP
  6. VIDEO DANCE
  7. ARTI MARZIALI AUTODIFESA WING TSUN
  8. ATTIVITA’ MOTORIA – GIOCO SPORT
  9. ATTIVITA’ MOTORIA DI BASE
  10. ATTIVITA’ MOTORIA AVANZATA

Per completare l’iscrizione, prima dell’avvio del corso sportivo, sarà necessario presentare all’associazione sportiva la documentazione completa (tra cui il modulo di iscrizione, certificato medico, dichiarazione ISEE riferita all’anno 2018).

M°ERMANNO CROCE 3776722567

 

 

 

 

Corso gratuito di Autodifesa per maschi e femmine

 

 

 




Corso gratuito di Autodifesa per maschi e femmine

IL PRIMO CORSO DI AUTODIFESA

PER MASCHI E FEMMINE IN POSIZIONE DI FRAGILITA’

E PER VITTIME DI BULLISMO

Il Comune di San Benedetto del Tronto, Assessorato Pari Opportunità, Politiche di Integrazione, Inclusione e Pace, è onorato di presentare il primo corso di Autodifesa che non discrimina il sesso delle persone che vi si rivolgono.

Al corso possono accedere maschi e femmine di qualsiasi età, intenzionati a contrastare lo stato di fragilità fisica e psicologica che sentono di subire nell’ambiente in cui vivono fortificandosi dal punto di vista fisico e mentale: la difesa personale parte dalla testa, dalla conquista di un ragionamento che permetta di valutare la situazione in cui ci si trova, il grado di pericolo, il grado di intensità con cui reagire, la scelta della tecnica adeguata alla situazione di difesa propria e dei propri cari.

Particolare attenzione sarà rivolta alle vittime di Bullismo alle quali sarà indicata la modalità per uscire dallo stato di vessazione attraverso modalità rispettose ed autorevoli.

L’iniziativa è effettuata in collaborazione con KMA (Krav Maga Academy®), un’eccellenza italiana per i corsi di difesa, che opera in Italia e all’estero (Israele, Russia, Somalia).

KMA opera con applicazioni sia Civili che Professionali (Police, Military e Security)” commenta Matteo Paolini responsabile KMA per la Provincia di Ascoli Piceno e la Regione Abruzzo” a stretto contatto con l’Arma dei Carabinieri, Forze dell’Ordine e Comandi Militari per la formazione di particolari reparti Antiterrorismo. Si occupa inoltre della formazione del personale impiegato nella protezione di diplomatici dell’ONU, Agenzie di Sicurezza private, Compagnie Aeree ed ovviamente forma anche civili. Siamo particolarmente orgogliosi di accogliere questa originale angolazione che ci ha proposto l’Assessore”.

E’ un corso cui tengo particolarmente” commenta l’Assessore Antonella Baiocchi L’apertura sia alle femmine che ai maschi non è per nulla scontata ed ha un valore simbolico che mi aiuta a contrastare un concetto deleterio che, fino a che persiste, intralcia l’individuazione della vera matrice alla base della violenza: mi riferisco al radicato pregiudizio che tende a vedere la violenza prerogativa del maschio e la dolcezza e la comprensione prerogativa della femmina. Al di là delle rilevanze statische e della risonanza mediatica, è sotto gli occhi di tutti invece che nel ruolo di Vittima possano venire a trovarsi le femmine, certo, ma anche i maschie e che nel ruolo di Carnefice si possano trovare certo i maschi, ma anche le femmine: senza necessariamente ricorrere agli ultimi fatti di cronaca che hanno visto operatori sia maschi che femmine attuare violenze e vessazioni verso gli anziani e i minori, questo aspetto è particolarmente evidente nel Bullismo.

Soffermarsi su certe caratteristiche del carnefice come il sesso, ma anche il colore della pelle, l’etnia, l’età, il grado di cultura etc., rischia di portare fuori strada nell’individuazione della vera matrice della violenza: sono caratteristiche significative dal punto di vista dell’analisi criminologica di determinate categorie di vittime (nei femminicidi, ad esempio, il carnefice è prevalentemente maschio) ma rischiano di portare fuori strada dal punto di vista dell’individuazione della matrice alla base della violenza.”

L’originale angolazione che sta divulgando l’amministrazione Piunti, vede nell’Analfabetismo Psicologico/Relazionale il vero Killer responsabile delle violenze che si consumano dentro e fuori le mura domestiche. Tra le gravose conseguenze questo Analfabetismo porterebbe alla “Gestione Dicotomica delle Divergenze”, che si basa sulla presunzione (tossica) di credere di sapere dove sia “la verità assoluta”: convinzione che impedirebbe il reciproco rispetto inducendo a rifiutare/tagliare tutto ciò che diverge da questa verità (ritenuto di logica, un errore). A causa di questa mentalità dicotomica (che vede la verità o di qua o di là) l’interlocutore che si trova in una qualche posizione di forza (fisica, psicologica, economica, di ruolo, legale, numerica, etc.) tenderà a far valere la “propria Verità” prevaricando l’interlocutore in posizione di “debolezza”. “Andando oltre le rilevanze statistiche” continua l’Assessore Baiocchi “questa angolazione suggerisce che chiunque rischia di trovarsi nel ruolo di carnefice e/o di vittima: e questo è particolarmente evidente nel Bullismo, in cui è sotto gli occhi di ogni genitore che vittime e carnefici possono essere sia i figli maschi che femmine”.

Il corso di Autodifesa è aperto a tutti, non necessita di alcuna particolare precedente preparazione sportiva ed è gratuito e si terrà per 5 sabati consecutivi, con inizio sabato 25 gennaio. Ci si può prenotare telefonando al 3387578357.




L’anno nuovo a Crispiero di apre ridendo con le Ddmm

Primo appuntamento dell’anno per le Dieci Donne Mamme Matte di Camerino che venerdì 3 gennaio 2020 alle ore 21,15 nella Sala Proloco di Crispiero presentano la commedia in due atti di Italo Conti “www.scampamorte.com”.

Fortunato Scampamorte, titolare dell’omonima agenzia di pompe funebri, mal tollera Felice Agonia, fidanzato di sua figlia Addolorata e soprattutto non approva le innovazioni tecnologiche che costui intende apportare alla storica attività di famiglia. Tuttavia il lavoro deve andare avanti e tutto lo staff, Anselmo compreso, è pronto a dar seguito alle ultime volontà espresse dal cavaliere Onofrio Del Corno, che lascia l’affranta moglie Adalgisa e la sorella Matilde. Ma nella storia fanno irruzione anche due postini particolari, Venere e Umberto, quest’ultimo amico ‘molto’ intimo della vedova inconsolabile.

Una commedia esilarante, irriverente… da morire dal ridere con Francesco Mariotti, Mauro Sebastiani, Donatella Pazzelli, Massimo Marchetti, Massimo Urlietti, Loredana Ottavini, Daniela Calcinelli, Rossella Marsili e Paolo Romagnoli, regia di Alberto Pepe, trucco e parrucco a cura di Patrizia Pupilli, luci e suoni di Cesare Casoni e Giuseppe Rivelli.