Be Your Boss! Partito il progetto europeo coordinato da Smarteam in cooperazione transnazionale

Be Your Boss! Partito il progetto europeo coordinato da Smarteam in cooperazione transnazionale

SMARTEAM PRESENTA IL PROGETTO ED I PARTNERS DI “BE YOUR BOSS!”

 

San Benedetto del Tronto, 2019-12-03 – Si è svolto oggi presso la sala smeraldo dell’Hotel Calabresi di San Benedetto del Tronto il 1° meeting transnazionale del progetto europeo Erasmus Plus coordinato da Smarteam Società Cooperativa: il progetto, dal titolo “Be Your Boss! – European Connections 4 Entrepreneurship Development”, si pone l’obiettivo prioritario di supportare lo sviluppo di capacità imprenditoriali a favore di giovani laureati in discipline umanistiche.

I partecipanti esteri ai lavori del primo meeting sono 11, oltre a Smarteam, ed appartengono alle seguenti organizzazioni partner

  1. STICHTING REFLEXION, Olanda
  2. AKADEMIA HUMANISTYCZNO-EKONOMICZNA W LODZI – AHE, Polonia
  3. I BOX CREATE, SOCIEDAD LIMITADA, Spagna
  4. COMUNE DI PEGEIA, Cipro
  5. ASPEKT-MANAGEMENT I MEZHDUKULTURNI OTNOSHENIYA, Bulgaria

 

A margine dei lavori del meeting si è svolta anche la conferenza pubblica, patrocinata dal Comune di San Benedetto del Tronto, durante la quale sono intervenuti:

  1. Emanuela Carboni, Assessore Politiche sociali e Conciliazione tempi di vita e di lavoro del Comune di San Benedetto del Tronto, che ha portato i saluti dell’Amministrazione Comunale e che ha dichiarato il proprio impegno a rendersi parte attiva nel progetto.

  2. Vincenzina Beatrice Martella, Presidente di Smarteam, che ha presentato l’attività della cooperativa, start-up innovativa costituitasi nel 2015 che sviluppa servizi di consulenza e formazione, con particolare riferimento agli strumenti agevolativi a supporto di start-up ed all’euro-progettazione.

  3. Veronica Grandoni, euro-progettista redattrice e project manager del progetto “Be Your Boss!”, che ha presentato gli obiettivi ed i partner del progetto di 6 diversi paesi: Bulgaria, Italia, Cipro, Olanda, Polonia, Spagna.

  4. Alessandra Marcozzi, Vice-Presidente ed euro-progettista Smarteam che ha posto in evidenza come il dibattito tra i presenti costituisca di fatti un focus group, uno dei principali strumenti di analisi utilizzati nel progetto.

Durante il dibattito tra i presenti sono poi intervenuti:

  • Simone Marcelli, Presidente Conflavoro Ascoli Piceno

  • Desiree Basili, funzionario del Consorzio di Garanzia UNICO delle Marche

  • Gianluca Vagnarelli, docente Università di Macerata

  • giovani laureati in discipline manistiche che hanno portato il loro contributo di idee ed esperienze.

 

 

Presentazione 

Il tema che abbiamo voluto affrontare nel progetto “Be Your Boss!” (Sii il Tuo Capo!) è attuale e sfidante, e radicato in un momento storico-culturale ed economico, che riguarda da vicino il mondo del lavoro giovanile, in particolare la difficoltà dei giovani laureati in discipline umanistiche (25-35 anni) a trovare un lavoro, e la scarsa predisposizione a creare un’attività imprenditoriale.

Il Rapporto 2017 dell’OCSE sulla domanda di Competenze per il lavoro (Skills for Jobs) registra che almeno 80 milioni di lavoratori in Europa non possiede la qualifica adeguata per il lavoro che svolge, sia perché sottovalutati che sovra qualificati. Secondo l’OCSE, questo è il caso del 42% dei lavoratori in Grecia, del 41% in Portogallo o del 37% in Germania. La carenza di competenze ha un impatto economico sia sui lavoratori che sulle imprese. In Italia, questo si traduce in una riduzione dei salari di 4.000 € all’anno; e circa 8.000 € in Germania. Più di 7 laureati su 10 in discipline umanistiche sono impiegati in un lavoro estraneo alla loro specializzazione. Il 19° rapporto globale sull’imprenditorialità, ricerca condotta dal consorzio GEM (Global Entrepreneurship Monitor) in 54 paesi registra tra i paesi europei più intraprendenti Svezia e Paesi Bassi (posizionati nella top ten). Tra i peggiori paesi l’Italia collocandosi al 51mo posto su 54, seguita da Bosnia e Grecia, poco sopra la Francia. Il TEA europeo, Tasso di Attivazione Imprenditoriale, che misura la percentuale della popolazione adulta di età compresa tra 18 e 64 anni che sta avviando un’impresa o ha iniziato un’attività commerciale in Europa da meno di 42 mesi, è il più basso a livello mondiale. I giovani laureati, tra i 22-35 anni, fanno difficoltà a percorrere la strada dell’autoimprenditorialità con timore di fallire, percezione negativa delle proprie capacità e bassa percezione delle opportunità favorevoli.

Le difficoltà individuate per  il target, che tende a rimanere fuori dal mercato del lavoro e non riesce a percorrere la strada imprenditoriale, sono le seguenti:

– mancanza di competenze scientifico-economiche ed informatiche;

–  mancanza di capacità imprenditoriali;

– distanza del mondo dell’imprenditoria da quella dell’istruzione e della formazione;

– mancanza di sostegno da parte delle associazioni di categoria;

– assenza di una strategia nazionale specifica per l’educazione all’imprenditorialità.

In assenza di coordinamento e riconoscimento formale, nonché di fondi dedicati, le iniziative sono spesso affidate alla volontà dei singoli docenti ed istituti formativi. Il ruolo di un dirigente scolastico innovativo e di insegnanti motivati diventa quindi essenziale. Gli insegnanti non sono sempre disponibili a presentare progetti imprenditoriali e, in assenza di un’adeguata consapevolezza e informazione, spesso scambiano questi progetti con iniziative relative alle discipline tecniche e gestionali.

Il partenariato del progetto “Be Your Boss!” è composto da 6 organizzazioni qualificate nella formazione e supporto all’imprenditoria di: Italia, Cipro, Spagna, Bulgaria, Polonia, Paesi Bassi.

 

Obiettivo

L’obiettivo specifico è fornire supporto ai giovani laureati (23-35 anni) nelle discipline umanistiche nell’acquisizione di capacità imprenditoriali utili ad incoraggiare la creazione di nuove imprese.

Il progetto coinvolgerà una serie di soggetti istituzionali e industriali e si darà vita una serie di iniziative di comunicazione e diffusione fondamentali per la migliore riuscita del progetto al fine di ottenere un quadro dettagliato della situazione formativa professionale e imprenditoriale degli adulti nei paesi partner, e una corretta condivisione del piano di lavoro progettuale tra i soggetti coinvolti.

Attività

Il progetto prevede il coinvolgimento fattivo di docenti e esperti del mondo della didattica universitaria e della ricerca educativa, responsabili istituzionali, rappresentanti di associazioni di categoria, imprenditori e formatori della regione Marche, per le seguenti attività:

1) Somministrazione di 1 questionario rivolto al gruppo target. Il team del progetto svilupperà un questionario da sottoporre a un campione di laureati in discipline umanistiche al fine di tracciare un quadro della situazione lavorativa, dei bisogni e delle percezioni del gruppo.

2) Somministrazione di 1 questionario rivolto a esperti (rappresentanti di associazioni di categoria, imprenditori, formatori e responsabili politici) responsabili della formazione professionale degli adulti sull’analisi delle opportunità di incentivazione e dei contributi all’imprenditorialità per i laureati in discipline umanistiche, sull’analisi delle opportunità di formazione professionale su capacità imprenditoriali a favore del target, sulla propensione del mondo imprenditoriale a avvicinarsi al mondo della formazione.

3) Partecipazione ad 1 focus group per la discussione sulle questioni affrontate nel progetto. Questo strumento viene utilizzato per supportare la raccolta di dati e si basa sulle informazioni emerse dai questionari sulle questioni relative al progetto (capacità imprenditoriali, inclusione lavorativa, auto-imprenditoria).

Il gruppo di discussione, composto da un gruppo di esperti e membri del gruppo target, sarà uno strumento particolarmente efficace per:

  • analizzare le esigenze di un contesto specifico,
  • attivare i processi partecipativi, facilitare i processi di apprendimento,
  • valutare l’impatto di un progetto,
  • consentire a coloro che devono prendere decisioni di comprendere meglio le esigenze dei soggetti intervistati, e quindi di calibrare le loro politiche di intervento o a coloro che devono avanzare proposte di miglioramento rispetto ad un particolare tipo di problema, di effettuare scelte più attente alle esigenze e congruenti con le rappresentazioni dei soggetti.

CONTATTI SMARTEAM

Presidente: Dott.ssa Vincenzina Beatrice Martella

Referenti progetto: Dott.ssa Veronica Grandoni – Dott.ssa Alessandra Marconi

Sede legale e operativa: Via Calatafimi n. 44 – 63074 San Benedetto del Tronto (AP)

Email: formazione@smarteam.net

Cell. ufficio 339 5852890 – 351 8920860

 

Smarteam si aggiudica un progetto Erasmus Plus come capofila di un partenariato per lo sviluppo di competenze imprenditoriali in 6 Paesi Ue

 

 

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com