Mozione sulla Sanità predisposta dal Comitato Salviamo il Madonna del Soccorso

Mozione sulla Sanità predisposta dal Comitato Salviamo il Madonna del Soccorso

Riceviamo dal Comitato Salviamo il Madonna del Soccorso e pubblichiamo integralmente

 

La mozione sulla sanità predisposta dal Comitato Civico Salviamo il Madonna del Soccorso condivisa da tutto il Consiglio Comunale di San Benedetto del Tronto (e da altri comuni dell’Ambito 21), che la ha approvata all’unanimità, si proponeva sia di denunciare il depauperamento ultradecennale della sanità sul territorio a causa di scelte regionali, ma più ancora locali, a dir poco illogiche ed inique, e dunque di sollecitare il ripristino dei servizi, sia di contrastare il programma dell’ospedale unico (o Nuovo) di Pagliare-Spinetoli, che, nonostante l’assenza di ogni atto ufficiale, appariva già deciso sulla base di un inesistente algoritmo e di un voto della conferenza dei sindaci non solo non vincolante, ma nemmeno rappresentativo della popolazione del territorio.

Appare chiaro che tutti i parametri stabiliti dalla legge (bacino di utenza anche extraregionale, densità abitativa, fattori di rischio presenti, accessi al PS, domanda di servizi, frequenza di determinate patologie ecc.) collocano senza dubbio un eventuale nuovo ospedale di primo livello sulla costa o in prossimità della stessa.

Il PSI regionale si è sempre dichiarato solidale con le legittime iniziative del Comitato, riconoscendo la validità del suo incisivo supporto tecnico e della sua fondamentale azione informativa e propulsiva, che ha portato finalmente i cittadini a prendere coscienza dei propri diritti, lesi da anni e che verrebbero definitivamente calpestati dalla realizzazione di un disegno la cui regìa risale ad almeno tre lustri or sono, e che gli ultimi atti della Regione continuano irragionevolmente a perseguire, contro ogni logica giuridica e ogni convenienza economica.

Il Comitato vuole ringraziare sentitamente, in questa sede, il gruppo consiliare regionale “Uniti per le Marche” (PSI), nella persona del consigliere Boris Rapa, il quale si è messo a disposizione ed ha studiato gli atti ed i dati forniti dal Comitato, stilando in collaborazione con lo stesso, sulla base della mozione a suo tempo proposta, un valido e articolato emendamento, che dimostra davvero di avere riguardo agli interessi reali dei cittadini dell’AV5 ed in particolare della più popolosa zona costiera.

Egli ha preso in considerazione sia le esigenze della zona montana, sia i DATI (blasfemìa?) sul fabbisogno sanitario effettivo dei due bacini di Ascoli e San Benedetto, sia (inaudito!) le prescrizioni del decreto Balduzzi e la giusta collocazione e tipologia dei DUE ospedali di AV5, così come prospettata nella mozione, in uno con l’adeguamento ed il coordinamento delle decisioni relative all’edilizia sanitaria con quelle sulle infrastrutture e la viabilità a livello regionale, onde ridurre i divari anche tra area costiera ed area montana, tipici della nostra Regione: un emendamento che appare equanime e orientato alla razionalizzazione ed armonizzazione auspicate dalla legge.

La richiesta di collaborazione per il bene del territorio, cercata in altri rappresentanti locali, non ha ricevuto uguale attenzione, anzi, è apparso chiaro che molte decisioni politiche locali sono in realtà atti di obbedienza a diktat impartiti da chi magari non rappresenta nessuno, ma si arroga una autorità dispositiva col benestare dei governanti. In particolare, alcuni politici interpellati, non solo, pur avendone la possibilità, non hanno mai fatto alcunché di concreto, ma addirittura hanno attaccato il Comitato, cercando di delegittimarlo con la famigerata strumentalizzazione politica, o accusandolo di creare allarmismi ingiustificati o confusione nell’opinione pubblica. Se fare chiarezza e scoprire i giochini sotterranei equivale a fare confusione, ne andiamo fieri, e ribadiamo la nostra gratitudine nei confronti del cons. Rapa, sottolineando che, stranamente, ci voleva un cittadino pesarese, che si è speso per il nostro territorio, in vece di altri nostri politici locali. Ce ne chiediamo mestamente il motivo…

Comitato Salviamo il Madonna del Soccorso

Dott. Nicola Baiocchi

 

clicca l’alegato: emendamento-PSSR-San-Benedetto

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com