dalla Regione Marche

dalla Regione Marche

TORNA “MARCHE IN MOVIMENTO NELLE SCUOLE” – IL PRESIDENTE CERISCIOLI: ”PROMUOVIAMO LA CULTURA DEL BENESSERE, UN MODELLO PER TUTTE LE REGIONI”

“Marche in Movimento è un progetto di grande qualità, unico in Italia e, la nostra ambizione, non è solo quella di riconfermarlo ogni anno, ma di offrirlo a tutti i bambini. Abbiamo investito oltre 1,1 milioni di euro come Regione attraverso l’Asu, siamo circa al 75% del coinvolgimento dei ragazzi e il nostro obiettivo è il 100%. Avevamo già sollecitato il precedente Ministro per un contributo straordinario che andasse a coprire quello che manca per il triennio e lo rifaremo. In questo modo saremmo la prima Regione in Italia dove tutti i bambini della scuola primaria fanno attività fisica e movimento. Dal concetto di sanità negli anni ci siamo spostati a quello di salute, non solo intesa come malattia ma anche prevenzione. Oggi si parla diffusamente di benessere: un passo ancora avanti. Imparare corretti stili di vita non solo ci permette di evitare la patologia,  ma ci dà anche qualità della vita dal punto di vista fisico, psicofisico, relazionale. Ecco, noi promuoviamo questa cultura, e nessuno meglio della scuola può veicolarla. Come Regione diamo alla scuola quello che il sistema in generale non offre, in modo sussidiario. Per questo chiediamo un sostegno dallo Stato: abbiamo fatto tanta strada e ci piacerebbe fare anche l’ultimo miglio visto che abbiamo una squadra affiatata  pronta a trasformare le risorse in un modello da esportare anche nelle altre Regioni”.

Lo ha detto il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli che questa mattina, nella sede dell’Istituto comprensivo Margherita Hack di  Ancona guidato dalla dirigente Alessandra Bertini, ha partecipato alla conferenza stampa di presentazione del progetto “Marche in Movimento con lo Sport di classe”, giunto per l’anno scolastico 2019/2020 alla terza edizione.

Promossa dalla Regione Marche, con la collaborazione di Asur, Coni Marche, CSI (Centro sportivo italiano), CIP (Comitato Regionale Paralimpico) Marche ed Ufficio Scolastico Regionale per le Marche, l’iniziativa vede coinvolte 2.490 classi della scuola primaria della Regione, pari al 74%. Si fonda sull’importanza dello sport, dell’attività fisico/motoria come parte integrante della vita quotidiana e sulla promozione di corretti stili di vita.

“Un grazie alla Regione che ha creduto a questo progetto e ci ha messo risorse importanti– ha aggiunto Fabio Luna presidente regionale del Coni – Il nostro intento è sopperire ad una mancanza della scuola perché le attività motorie non possono essere trascurate e i giovani vanno educati fin da piccoli al movimento. E chissà che in questo modo non si possa anche arricchire in futuro il nostro medagliere olimpico”.

Le attività sono iniziate il 7 gennaio  scorso grazie a 270 tutor giovani laureati in scienze motorie del Coni che, nella dimensione della formazione assistita, intervengono in aula con i docenti per migliorare la qualità e la quantità delle ore di attività motorie di circa 50mila alunni non solo in palestra, ma anche mentre si studiano le sillabe o si risolve un’operazione matematica. 66mila le ore di lezione previste.

La modulazione del progetto prevede:

–      nelle classi prime, seconde e terze si svolge sport di classe e scuola in movimento per un totale di 3 ore di attività motoria settimanale e 12 ore mensili;

–      nelle classi quarte e quinte si svolge sport di classe (Sport e Salute) e orientamento sportivo per un totale di 2 ore di attività motoria settimanale e 8 ore mensili.

Presenti all’incontro tra gli altri Nadia Storti (Direttore Asur Marche), Luca Savoiardi (Presidente Regionale Comitato Paralimpico), Tarcisio Antognozzi (Presidente Regionale Centro Sportivo Italiano), Giuseppe Scorzoso (Presidente Regionale Fidal).

 

clicca gli allegati:
ALCUNI DATI SCUOLA IN MOVIMENTO_2018_2019
ALCUNI DATI SCUOLA IN MOVIMENTO_2019_2020
Marche in movimento 2020
Okkio

Bit, Moreno Pieroni: “Sono innamorati delle Marche”

 

 

Calamità naturali in agricoltura: Casini: “In uscita un bando della Regione Marche per indennizzare gli apicoltori danneggiati dai cambiamenti climatici”

La Regione corre in aiuto degli apicoltori marchigiani che hanno subito danni economici, nel 2019, per gli effetti devastanti che i cambiamenti climatici hanno determinato sulla salute delle api e sulla produzione di miele. La Giunta regionale ha approvato i criteri e le modalità con cui verranno concessi indennizzi mediante un bando in corso di emanazione. A disposizione degli apicoltori ci saranno 250 mila euro, assegnati in regime di “de minimis” (aiuti di Stato che non violano le norme Ue sulla concorrenza). Il provvedimento fa seguito alla Mozione 581/2019 dell’Assemblea legislativa delle Marche che sollecitava gli indennizzi, presentata dall’assessore Casini e dal consigliere Minardi. “A fronte di un quadro straordinario di condizioni climatiche negative e del loro significativo impatto sulle aziende apistiche, sussistono le condizioni per accedere ai fondi delle calamità naturali – evidenzia la vicepresidente Anna Casini, assessore all’Agricoltura – La Regione si è assunta l’impegno di indennizzare gli apicoltori che svolgono un’attività produttiva di straordinario valore agricolo e ambientale”. L’annata apistica 2019 si è rivelata la più critica e problematica di sempre per l’apicoltura nazionale. Nelle Marche le avverse condizioni metereologiche (siccità primaverile con temperature sopra la media stagionale, seguita da piogge e calo termico fino al mese di maggio) hanno determinato una scarsa o nulla resa delle fioriture primaverili. La conseguenza è stata una grave riduzione della produzione di miele, in particolare quello di acacia (il più redditizio per gli apicoltori) che è stata consumata dalle api per la loro sopravvivenza. Il maltempo prolungato ha anche richiesto una “nutrizione di soccorso”, per supplire ai nutrienti naturali (nettare e polline), che ha aggravato i bilanci aziendali. Perdite, poi, accentuate dalla mortalità degli alveari e da un’eccessiva sciamatura delle api, alla ricerca di condizioni ambientali migliori. Il bando che verrà emanato, secondo le indicazioni della Commissione apistica regionale, assegnerà gli aiuti agli apicoltori con più di 30 arnie censite nell’Anagrafe apistica nazionale, in possesso di partita Iva.

 

Qualificazione dei datacenter regionali Tiziano e Sanzio a Poli Strategici Nazionali

 

Il datacenter della Regione Marche, costituito dalle server farm di Tiziano e Sanzio, è stato riconosciuto candidabile a Polo Strategico Nazionale dal censimento del Patrimonio ICT delle PA dell’Agenzia per l’Italia Digitale.  “E’ il livello più alto previsto” annuncia con soddisfazione l’assessore all’Informatica e reti Ict, Fabrizio Cesetti.

Le due infrastrutture regionali, tra di loro in business continuity, hanno partecipato al censimento dell’AgID e tecnologicamente sono state riconosciute aderenti ai requisiti previsti per i Poli Strategici Nazionali. Delle due la server farm Tiziano, collocata presso palazzo Leopardi, che eroga numerosi servizi in qualità di Polo Strategico Regionale verrà utilizzata per ospitare anche le soluzioni digitali degli enti locali del territorio nell’ambito del progetto di razionalizzazione “ELAASTIC”. Sanzio è già utilizzato prevalentemente per erogare servizi in ambito sanitario.

La finalità principale del censimento è raccogliere dati significativi sul patrimonio infrastrutturale, applicativo, organizzativo, economico dell’IT pubblico. Tra i dati raccolti, quelli relativi alle infrastrutture sono stati utilizzati per classificare i datacenter pubblici in 3 categorie definite Infrastrutture candidabili all’utilizzo da parte di un Polo Strategico Nazionale (PSN); Gruppo A, se l’infrastruttura non rientra tra quelle utilizzabili dal PSN, ma soddisfa in ogni caso tutti i requisiti specifici per il Gruppo A, e dunque può essere mantenuta in funzione per un ulteriore periodo pluriennale; Gruppo B, se non soddisfa i requisiti di cui alle categorie precedenti (o nel caso di mancata partecipazione alla rilevazione) e dunque va dismessa nel breve periodo.

Nel periodo luglio-settembre 2019, AgID ha comunicato alle PA che hanno partecipato al Censimento la classificazione preliminare delle infrastrutture censite, consentendo anche di integrare i dati già inseriti e ha invitato le PA che non si erano mai censite ad inserire i propri dati.

Al termine di questo percorso, AgID ha elaborato i dati ricevuti dal Censimento e predisposto la classificazione definitiva delle infrastrutture censite. Ora si apre la fase di selezione tra le strutture candidate a polo strategico nazionale tra cui compare anche Regione Marche.

 

martedì 11 febbraio 2020  04:45

Bando Sottomisura 16.2 “Sostegno a progetti pilota e allo sviluppo di nuovi prodotti, pratiche, processi e tecnologie – Azione 2

Con Decreto del Dirigente del Servizio Politiche agroalimentari n. 29 del 07 febbraio 2020 è stato emanato il Bando Sottomisura 16.2 “Sostegno a progetti pilota e allo sviluppo di nuovi prodotti, pratiche, processi e tecnologie” – Azione 2 “Attivazione di nuovi strumenti di prevenzione attraverso modelli innovativi di monitoraggio e lotta alle patologie animali e prevenzione delle epizoozie” per l’annualità 2020.

Il bando è finalizzato all’attivazione di nuovi strumenti di prevenzione attraverso modelli innovativi di monitoraggio e lotta alle patologie animali e prevenzione delle epizoozie che determinano gravi danni alle produzioni zootecniche regionali sia in termini di qualità/quantità del latte prodotto che, negli animali da carne, di perdita dei capi o minor accrescimento.

I destinatari del bando sono: Forme di aggregazione tra Enti di ricerca, sperimentazione e consulenza operanti nel campo della sanità veterinaria ed una o più imprese agricole o agroalimentari, singole o associate.

La scadenza per la presentazione delle domande è fissata per il 05 marzo 2020 alle ore 13.00

Per maggiori informazioni vai al bando

 

 

 

martedì 11 febbraio 2020  04:35

PSR Marche 2014-2020 – Proroga del bando Progetti Integrati Filiere Corte e Mercati Locali – attivati nell’area cratere del sisma

Con Decreto del Dirigente del Servizio Politiche agroalimentari n. 30 del 07 febbraio 2020 è stato prorogato il termine per la presentazione delle domande di sostegno del bando “Progetti Integrati Filiere Corte e Mercati Locali attivati in area cratere del sisma”.

Il nuovo termine è fissato in giovedì 19 marzo 2020, ore 13.00.

Per maggiori informazioni vai al bando

 

 

 

martedì 11 febbraio 2020  10:37

L’Accesso Civico Generalizzato (Freedom Of Information Act – FOIA) come spinta al cambiamento. Da RiformAttiva in arrivo nuove opportunità per le PA

Webinar, incontri mirati e tavoli tecnici per condividere e valorizzare il lavoro, gli strumenti e le esperienze realizzate in materia di Accesso Civico Generalizzato (FOIA) nel corso degli ultimi anni grazie al Progetto RiformAttiva.

È questo l’obiettivo dall’azione di disseminazione dei risultati che il progetto RiformAttiva avvierà da questo mese di febbraio e grazie alla quale le metodologie, gli strumenti e le conoscenze, maturate nelle prime due fasi di sperimentazione e consolidamento del progetto che hanno coinvolto circa 20 amministrazioni nel corso di due anni di lavoro, saranno estese ad un numero più ampio di amministrazioni.

Secondo il Formez, il tema dell’Accesso Civico Generalizzato non va guardato solo dal punto di vista della trasparenza e dell’apertura al cittadino, ma anche per le opportunità che offre in materia di cambiamento organizzativo, di analisi dei processi interni e di maggiore efficienza dell’azione amministrativa e della capacità di individuazione delle priorità e dell’azione programmatoria.

In questa ottica la nuova fase del progetto RiformAttiva che si apre da oggi rappresenta un’occasione significativa per tutte quelle amministrazioni che intendono lavorare alla revisione di prassi e strumenti obsoleti, beneficiando di un percorso di accompagnamento, scambio e condivisione di esperienze e soluzioni già sperimentate altrove. Una opportunità di condividere e fare proprie soluzioni concentrate tanto sugli aspetti organizzativi, procedurali e tecnologici, quanto sulle criticità ricorrenti e le buone pratiche in materia di gestione dell’accesso civico generalizzato, favorendo al contempo l’efficienza e la semplificazione all’interno dell’ente.

Le amministrazioni interessate avranno la possibilità di entrare a fare parte di un network di enti impegnati nel promuovere i processi di innovazione amministrativa al centro dell’azione di RiformAttiva attraverso la razionalizzazione di processi e di flussi documentali, la messa a sistema delle informazioni in possesso dell’amministrazione, accessibili dalla normativa FOIA, la pubblicazione proattiva di informazioni relative ai più rilevanti ambiti di azione dell’ente.

Nello specifico l’azione di disseminazione che RiformAttiva avvia con questa nuova fase sarà prevalentemente concentrata su tre azioni portanti, realizzate con diversi strumenti.

Anzitutto un’azione di diffusione della conoscenza e formazione rispetto alle esigenze e alle opportunità connesse alla disciplina e all’attuazione del FOIA. Tale azione sarà condotta mediante la realizzazione di un ciclo di 4 webinar che seguirà i temi e il calendario di seguito elencato.

In secondo luogo un’azione di condivisione di un modello di rilancio per le Province quali hub di supporto tecnico-amministrativo per i Comuni in materia di Accesso Civico Generalizzato. Tale azione sarà condotta mediante la realizzazione di 3 incontri tematici durante i quali saranno affrontati i temi delle soluzioni organizzative e tecnologiche, quelli delle modalità di interazione dell’Help Desk provinciale con il centro nazionale di competenza FOIA, le modalità di coinvolgimento delle amministrazioni del territorio e le simulazioni operative per la conduzione delle attività. Gli incontri si terranno presso il Dipartimento della Funzione Pubblica a Roma nei giorni 10 marzo24 marzo 7 aprile 2020. Saranno ammesse a partecipare un numero massimo di 20 Province che ne faranno richiesta.

Infine un’azione di condivisione, scambio di esperienze e di soluzioni avanzate nella gestione del FOIA. Quest’azione, complementare rispetto a quella precedente, sarà condotta mediante tavoli tecnici dove saranno previste testimonianze di amministrazioni che, attraverso la partecipazione al progetto RiformAttiva, sono riuscite ad avviare, sviluppare e consolidare azioni, competenze, soluzioni, percorsi, e strumenti in materia di Accesso Civico Generalizzato. I 3 tavoli tematici si svolgeranno presso il Dipartimento della Funzione Pubblica a Roma nei giorni 31 marzo16 aprile e 28 aprile 2020.
Per approfondimenti consulta gli aggiornamenti sul portale del comitato di pilotaggio OT11-OT2 (Rafforzamento della CAPACITÀ AMMINISTRATIVA e DIGITALIZZAZIONE della PA).

 

 

 

martedì 11 febbraio 2020  09:46

Comunicazione della Protezione Civile nazionale: precauzioni da osservare in caso di vento forte e burrasca

Raccomandazioni della Protezione Civile in caso di venti forti e burrasche:

  • resta al chiuso
  • stai lontano dalle zone alberate
  • fai attenzione a impalcature, tendoni, gazebo e alla caduta di tegole
  • guida con prudenza, specie nei tratti stradali esposti (all’uscita delle gallerie, sui viadotti)
  • ricorda che furgoni, mezzi telonati e caravan possono essere spostati dal vento
  • metti al riparo o assicura i vasi sul davanzale, le piante e gli ombrelloni sul terrazzo
  • evita le scogliere, i moli e i pontili e fai attenzione sulle litoranee. Nelle zone costiere ai venti forti si assoc ia il rischio mareggiate. Evita di andare a pesca o uscire in barca.

www.protezionecivile.gov.it

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com