Isabella Nurigiani, “Infinite Vibrazioni” alla Palazzina Azzurra

Isabella Nurigiani, “Infinite Vibrazioni” alla Palazzina Azzurra

San Benedetto del Tronto – Inaugurata sabato 11 luglio alle 18 alla Palazzina Azzurra di San Benedetto del Tronto la mostra dedicata all’artista contemporanea Isabella Nurigiani dal titolo “Infinite Vibrazioni” curata da Cornelia Bujin.

Le circa 20 opere in mostra sottolineano quanto e come il tema del sociale, del rapporto con la natura e tra le persone sia caro all’artista. Questo tema trova la massima realizzazione espressiva nell’uso del ferro come materiale “forte” che sfida le leggi statiche e fisiche librandosi “leggero” nello spazio circostante, divenendo sguardo attento e di denuncia (come in “ Passato, Presente, Futuro”, “Cosmogonia”, il “ Cerchio della resistenza”) e nella lavorazione del marmo (come in “Totem” e “ Parlarsi in trasparenza”).

Nelle opere della Nurigiani la scultura supera dunque tutti i linguaggi storici restituendosi a noi più che mai giovane e bella dove la nudità dei materiali, che non mascherano le loro naturali proprietà, vengono lavorati e piegati come linee sottese e vibranti esaltando le tonalità del chiaroscuro come forme pronte a staccarsi da terra per librarsi nello spazio.

Isabella Nurigiani studia e si diploma a Roma, all’Accademia di Belle Arti. Da sempre sensibile e attenta osservatrice dei codici simbiotici ed interpretativi, sviluppa nel tempo un interesse verso l’uso materico della pietra e del ferro come espressione di un sentire che è pathos ma anche coscienza e valore etico. Questo suo sentire l’arte e la scultura come energia vitale che può aiutare alla comprensione, alla solidarietà, all’abbattimento di frontiere ideologiche e può anche essere slancio e gioia condivisa pone la Nurigiani tra i protagonisti di quel filone creativo che si distingue per la ricerca segnica e oggettuale che tende a scardinare codici linguistici precostituiti, donando all’opera il compito di stabilire relazioni tra ”l’uomo e gli elementi primari.”

Le sue opere entrano così in dialogo diretto con il pubblico e la scelta del linguaggio che di volta in volta applica diviene scelta empatica, nello sviluppo dello slancio concettuale dalla forte connotazione emotiva ed espressiva.

La mostra resterà aperta fino al 30 agosto,  orario 18-23 (tutti i giorni)

dove
Palazzina Azzurra
quando
da sabato 11 luglio 2020 a domenica 30 agosto 2020
a cura di

Cornelia Bujin

NFINITE VIBRAZIONI

Isabella Nurigiani

a cura di Cornelia Bujin

Inaugurazione: sabato 11 luglio, ore 18.00

Apertura al pubblico: 11 luglio – 30 agosto 2020

Palazzina Azzurra – Viale Buozzi,14 –San Benedetto del Tronto

 

L’Assessorato alla Cultura del comune di San Benedetto del Tronto, presenta una mostra dedicata all’artista contemporanea Isabella Nurigiani, dal titolo “Infinite Vibrazioni” curata da Cornelia Bujin.

La Mostra rientra nell’ambito di un programma culturale svolto dall’Assessorato, teso alla valorizzazione del territorio e della sua vocazione nel sostenere programmi di incentivazione della creatività artistica del XXI secolo.

ISABELLA NURIGIANI

Isabella Nurigiani, studia e si diploma a Roma all’Accademia di Belle Arti. Da sempre sensibile e attenta osservatrice dei codici simbiotici ed interpretativi, sviluppa nel tempo un interesse verso l’uso materico della pietra e del ferro, come espressione di un sentire che è pathos ma anche coscienza e valore etico. Questo suo sentire l’arte e la scultura come energia vitale che può aiutare alla comprensione, alla solidarietà, all’abbattimento di frontiere ideologiche e può anche essere slancio e gioia condivisa, pone la Nurigiani tra i protagonisti di quel filone creativo che si distingue per la ricerca segnica e oggettuale che tende a scardinare codici linguistici precostituiti, donando all’opera il compito di stabilire relazioni tra ”l’uomo e gli elementi primari.”

Le sue opere entrano così in dialogo diretto con il pubblico e la scelta del linguaggio che di volta in volta applica, diviene scelta empatica, nello sviluppo dello slancio concettuale,dalla forte connotazione emotiva ed espressiva.

La mostra vuole essere una riflessione sul tema dello sconfinamento tra arte e vita che l’artista ricerca nelle emozioni e percezioni del quotidiano, trasformandole, in un laboratorio permanente.

Una selezione di circa 20 opere in mostra sottolineano quanto e come il tema del sociale, del rapporto con la natura e interpersonale, sia un tema caro all’artistaQuesto tema, trova la massima realizzazione espressiva nell’uso del ferro come materiale forte” che sfida le leggi statiche e fisiche librandosi “leggero” nello spazio circostante, divenendo sguardo attento e di denuncia come in “ Passato, Presente, Futuro”,

Cosmogonia”, il “ Cerchio della resistenza” e nel marmo, nel lavorarlo come elemento prezioso come in “Totem” e “ Parlarsi in trasparenza”.

Nelle opere della Nurigiani la scultura supera dunque tutti i linguaggi storici restituendosi a noi piu’ che mai giovane e bella dove la nudità dei materiali, che non mascherano le loro naturali proprietà, vengono lavorati e piegati come linee sottese e vibranti esaltando le tonalità del chiaroscuro come forme pronte a staccarsi da terra per librarsi nello spazio.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com