Studentessa UniMc premiata in una competizione legale

Studentessa UniMc premiata in una competizione legale

E’ di Rossella Marchese la miglior arringa nella simulazione di un caso davanti alla Corte europea dei diritti dell’Uomo. 

L’Università di Macerata ha partecipato come finalista alla Moot Court Competition sul tema “Diritto e religione” rappresentata dalle studentesse di Giurisprudenza Rossella Marchese e Irene Pizzi, accompagnate dai professori Fabrizio Marongiu Buonaiuti e Laura Vagni. Rossella Marchese è stata premiata come miglior oralist: un grande traguardo pieno di soddisfazione.

Si è svolta nelle scorse settimane la fase finale di questa competizione internazionale dove squadre di studenti di diversi atenei italiani, statunitensi e russi si sfidano ogni anno nella discussione di un caso davanti alla “Corte Europea dei diritti dell’Uomo”, generalmente rappresentata da esponenti autorevoli dell’accademia e della magistratura.

Diritto e religione è stato il tema affrontato quest’anno. A causa della pandemia, la competizione si è svolta online e ha visto la competizione solo delle squadre di atenei italiani: oltre all’ateneo maceratese, hanno partecipato studenti dell’Università Bocconi, di Milano Bicocca e Statale, dall’Università di Padova e dalla sua sede distaccata di Treviso.

 

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com