Cna, “Le Marche della doppia ricostruzione”

Cna, “Le Marche della doppia ricostruzione”

La Cna di Ascoli Piceno su occupazione e ricostruzione post sisma. A ottobre l’occupazione nell’artigianato recupera ma le previsioni restano improntate al pessimismo. In crescita gli interventi di ripristino e ricostruzione nel cratere. Gli approfondimenti della Cna, il primo dal titolo: “Le Marche della doppia ricostruzione”

OCCUPAZIONE, I “PICCOLI” RESISTONO. Secondo l’Osservatorio sul lavoro del Centro studi della Cna nazionale, e in base ai dati disarticolati per la provincia di Ascoli Piceno a ottobre l’occupazione nelle imprese artigiane, micro e piccole recupera le perdite accumulate nei due mesi precedenti, portandosi sostanzialmente sui livelli dello scorso anno. L’incremento dei posti di lavoro registrato a ottobre è pari allo 0,7% su settembre e anche su base tendenziale il sistema dei “piccoli” appare resiliente: è ormai da luglio che, al netto di qualche oscillazione, riesce a confermare la base occupazionale del 2019.

“I dati dell’andamento occupazionale in questa platea imprenditoriale – commenta Francesco Balloni, direttore della Cna di Ascoli Piceno – benché confortanti, non permettono tuttavia un particolare ottimismo. Nascono infatti dal combinato disposto del calo nelle assunzioni, pari al -5%, e dal forte contenimento nelle cessazioni, pari al -16,1%. Una riduzione favorita in maniera rimarchevole dal blocco dei licenziamenti dei lavoratori con contratto a tempo indeterminato. Un risultato, quest’ultimo, che allunga le sue ombre sul futuro dell’occupazione in Italia e nel Piceno”.

L’Osservatorio lavoro Cna prevede che il 2020 si chiuderà comunque con una riduzione dei posti di lavoro, considerando non solo l’emergenza sanitaria in corso ma anche l’andamento tradizionale del mercato del lavoro, che a dicembre registra una forte riduzione degli organici. Che cosa succederà da gennaio dipenderà non solo dai tempi di ritorno alla normalità dell’economia, ma anche dalla prosecuzione, o meno, delle misure a sostegno dell’occupazione attualmente in vigore.

RICOSTRUZIONI POST SISMA. Secondo i dati raccolti dalla Cna Picena alla scadenza del termine del 30 novembre, le richieste di contributo per la riparazione degli edifici privati che hanno subito danni lievi con il sisma del 2016 presentate agli Uffici della Ricostruzione di Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria sono 14.685. Rispetto alle 8.822 che si contavano a fine 2019, la crescita è pari al 66,5%. Le domande presentate nel solo mese di novembre grazie alla procedura semplificata prevista dall’Ordinanza 107 per i danni lievi, sono 4.485, mentre quelle arrivate dall’inizio dell’anno sono pari a 5.725. Considerati anche i danni gravi e le attività produttive, il numero complessivo delle richieste di contributo ammontano a 19.539, con una crescita del 62% rispetto alle 12.063 domande di fine 2019. Attualmente, nell’intero cratere del sisma 2016, sono aperti 3.350 cantieri per la ricostruzione privata, mentre gli immobili già riparati sono pari a 3.520.

Nel corso di questo difficile 2020, segnato dagli effetti negativi della pandemia, le domande di contributo presentate hanno fatto un balzo in avanti significativo arrivando quasi a 20 mila, cioè un quarto del totale potenziale, visto che dopo il sisma si contavano 80 mila edifici danneggiati.

GLI APPROFONDIMENTI ONLINE DELLA CNA PICENA. “Le Marche della doppia ricostruzione”: La Cna Picena incontra l’autore – in diretta Cna “Le Marche della doppia ricostruzione” – Venerdì 4 dicembre ore 19,15. Dal terremoto del Centro Italia del 2016/2017 alla pandemia di Covid-19, le Marche stanno sperimentando una prova molto dura, che si aggiunge alla crisi del modello produttivo legato alle cosiddette “economie di territorio” registrata in tutti i distretti industriali europei. Il libro di Daniele Salvi “La Post Regione. Le Marche della doppia ricostruzione” raccoglie 5 anni di sue riflessioni e proposte, dedicate ai temi dello sviluppo locale e regionale di un’area che ha bisogno di una nuova generazione di idee e di politiche. L’obiettivo è dare forza ad una visione delle Marche, ad un nuovo regionalismo indispensabile per superare le emergenze e raccogliere sfide ed opportunità.

Appennino, aree interne e patrimonio culturale; manifattura, credito e infrastrutture; città, luoghi e personaggi; Europa, macroregioni ed ecosistemi territoriali; paura, disuguaglianze ed ecologia integrale: questi ed altri gli spunti presenti nel libro che saranno anche argomenti del dibattito web dell’autore con Cna in programma venerdì 4 dicembre alle ore 19,15. Diretta sul Canale 14 Marche e possibilità di partecipare ed interagire con l’ospite sulla piattaforma zoom.

Per collegarsi alla diretta – Spettatore post riunione – Zoom

Di seguito la tabella con i dati sulla ricostruzione e la locandina della diretta web sull’approfondimento della Cna Picena

La Cna di Ascoli sul Decreto rilancio, sbloccare rapidamente i sostegni alle attività produttive delle aree interne. Altrimenti, con artigiani e piccole imprese, moriranno anche interi territori. Gli ultimi dati sulle imprese del Piceno in tempo di Covid e ancora in emergenza ricostruzione per il post terremoto

Si sblocchino, senza ulteriore indugio, i trasferimenti alle attività produttive ubicate nei comuni delle aree interne. A chiederlo è la Cna Picena e l’intero sistema associativo nazionale, che si appella al Governo affinché i tanti artigiani e le numerosissime piccole imprese che animano borghi e cittadine delle aree periferiche italiane possano accedere alle misure di sostegno economico – pari a 210 milioni di euro – finanziati attraverso le risorse del fondo istituito con la Legge di Bilancio per il 2018 e incrementato in estate con il Decreto Rilancio.

Senza specifici per le criticità delle specifiche aree – spiega Francesco Balloni, direttore della Cna di Ascoli Piceno – la strategia nazionale per l’incentivazione delle aree interne rischia di rimanere sulla carta. Via libera dunque ai contributi a fondo perduto per gli investimenti in beni strumentali e alle agevolazioni per l’innovazione di prodotto e processo. Definire interventi per lo sviluppo in grado di ricucire un tessuto produttivo. L’occasione non va sprecata se si intende avviare un reale percorso di superamento delle fratture territoriali, causa di impoverimento e spopolamento nelle aree più fragili, che, specie in questo particolare frangente di forte arretramento dell’economia, rischiano di vedere approfonditi i divari socio-economici”.

GLI ULTIMI DATI PROVINCIALI ELABORATI DALLA CNA PICENA

Se si considerano i saldi tra iscrizioni e cessazioni per settore nei primi nove mesi 2020 a confronto con lo stesso periodo degli anni prima, si vede come l’effetto pandemia non sia tangibile per nessuno dei principali settori. Ma è l’effetto della compensazione tra due fenomeni diversi: se nel 2020 le iscrizioni di nuove imprese calano per tutti i principali settori (-22% circa in totale), le cessazioni calano ancora di più (-28% in totale) e ciò avviene per tutti i principali settori.

Provincia di ASCOLI PICENO

iscrizioni nei primi nove mesi di ogni anno

2010

2011

2012

2013

2014

2015

2016

2017

2018

2019

2020

a agricoltura, silvicoltura e pesca

89

83

88

65

82

93

113

98

105

82

75

b estrazione di minerali da cave e miniere

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

c attività manifatturiere

76

63

62

65

44

55

52

56

50

36

23

d fornitura energia elettrica, gas, …

4

5

10

4

0

1

6

0

2

0

0

e fornitura acqua; reti fognarie, gestione rifiuti

0

3

0

0

1

2

2

1

2

0

0

f costruzioni

116

114

101

80

75

75

55

64

67

71

45

g commercio e riparazione autoveicoli e moto

156

196

139

155

136

135

118

115

117

133

104

h trasporto e magazzinaggio

7

10

14

8

6

5

5

3

2

5

3

i attività dei servizi di alloggio e di ristorazione

40

46

44

47

37

43

26

42

29

26

25

j servizi di informazione e comunicazione

19

25

28

22

24

18

26

24

30

28

11

k attività finanziarie e assicurative

26

27

15

35

19

20

22

17

22

21

27

l attività immobiliari

6

7

8

22

5

8

12

7

7

9

4

m attività professionali, scientifiche e tecniche

29

25

23

20

34

30

39

38

32

46

30

n noleggio, ag. viaggio, servizi supporto imprese

33

23

26

27

33

27

15

28

28

41

31

o amm. pubblica e difesa; assic. sociale obblig.

0

0

0

0

0

1

0

0

0

0

0

p istruzione

2

2

4

3

2

4

3

3

7

2

5

q sanità e assistenza sociale

2

0

1

1

2

2

1

1

0

1

1

r attività artistiche, sportive, intratten. divert.

9

3

10

9

5

5

13

7

6

8

4

s altre attività di servizi

38

30

21

28

23

25

31

26

29

32

25

t attività di famiglie e convivenze datori lavoro

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

u organizzazioni ed organismi extraterritoriali

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

nc

540

633

512

585

511

533

508

478

494

463

372

TOTALE

1192

1295

1106

1176

1039

1082

1047

1008

1029

1004

785

Fonte: elab. centro studi CNA Marche su dati Infocamere

cessazioni nei primi nove mesi di ogni anno

2010

2011

2012

2013

2014

2015

2016

2017

2018

2019

2020

a agricoltura, silvicoltura e pesca

155

182

188

190

145

152

165

153

163

142

122

b estrazione di minerali da cave e miniere

0

1

0

0

2

2

1

0

2

0

1

c attività manifatturiere

122

99

126

133

81

109

84

115

84

123

63

d fornitura energia elettrica, gas, …

0

2

2

2

2

7

10

0

1

4

0

e fornitura acqua; reti fognarie, gestione rifiuti

1

2

0

2

2

2

0

1

2

3

2

f costruzioni

150

161

178

198

140

146

118

118

116

148

94

g commercio e riparazione autoveicoli e moto

213

251

247

269

261

261

249

248

262

331

221

h trasporto e magazzinaggio

18

25

29

27

21

33

18

16

24

30

10

i attività dei servizi di alloggio e di ristorazione

71

91

69

92

78

95

84

86

83

93

71

j servizi di informazione e comunicazione

21

22

22

22

35

26

25

18

26

29

18

k attività finanziarie e assicurative

17

26

29

26

33

22

21

26

20

37

22

l attività immobiliari

9

21

16

24

18

11

23

17

22

21

14

m attività professionali, scientifiche e tecniche

31

46

49

48

39

37

27

36

43

34

48

n noleggio, ag. viaggio, servizi supporto imprese

16

24

27

35

30

40

49

34

22

41

37

o amm. pubblica e difesa; assic. sociale obblig.

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

p istruzione

1

1

5

3

5

4

4

3

2

3

5

q sanità e assistenza sociale

2

4

2

3

1

1

6

5

3

5

2

r attività artistiche, sportive, intratten. divert.

22

15

12

19

18

16

18

12

10

23

16

s altre attività di servizi

41

34

54

50

52

45

48

31

42

54

45

t attività di famiglie e convivenze datori lavoro

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

u organizzazioni ed organismi extraterritoriali

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

nc

46

72

79

120

60

48

55

48

47

46

50

TOTALE

936

1079

1134

1263

1023

1057

1005

967

974

1167

841

Fonte: elab. centro studi CNA Marche su dati Infocamere

saldi tra iscrizioni e cessazioni nei primi nove mesi di ogni anno

2010

2011

2012

2013

2014

2015

2016

2017

2018

2019

2020

a agricoltura, silvicoltura e pesca

-66

-99

-100

-125

-63

-59

-52

-55

-58

-60

-47

b estrazione di minerali da cave e miniere

0

-1

0

0

-2

-2

-1

0

-2

0

-1

c attività manifatturiere

-46

-36

-64

-68

-37

-54

-32

-59

-34

-87

-40

d fornitura energia elettrica, gas, …

4

3

8

2

-2

-6

-4

0

1

-4

0

e fornitura acqua; reti fognarie, gestione rifiuti

-1

1

0

-2

-1

0

2

0

0

-3

-2

f costruzioni

-34

-47

-77

-118

-65

-71

-63

-54

-49

-77

-49

g commercio e riparazione autoveicoli e moto

-57

-55

-108

-114

-125

-126

-131

-133

-145

-198

-117

h trasporto e magazzinaggio

-11

-15

-15

-19

-15

-28

-13

-13

-22

-25

-7

i attività dei servizi di alloggio e di ristorazione

-31

-45

-25

-45

-41

-52

-58

-44

-54

-67

-46

j servizi di informazione e comunicazione

-2

3

6

0

-11

-8

1

6

4

-1

-7

k attività finanziarie e assicurative

9

1

-14

9

-14

-2

1

-9

2

-16

5

l attività immobiliari

-3

-14

-8

-2

-13

-3

-11

-10

-15

-12

-10

m attività professionali, scientifiche e tecniche

-2

-21

-26

-28

-5

-7

12

2

-11

12

-18

n noleggio, ag. viaggio, servizi supporto imprese

17

-1

-1

-8

3

-13

-34

-6

6

0

-6

o amm. pubblica e difesa; assic. sociale obblig.

0

0

0

0

0

1

0

0

0

0

0

p istruzione

1

1

-1

0

-3

0

-1

0

5

-1

0

q sanità e assistenza sociale

0

-4

-1

-2

1

1

-5

-4

-3

-4

-1

r attività artistiche, sportive, intratten. divert.

-13

-12

-2

-10

-13

-11

-5

-5

-4

-15

-12

s altre attività di servizi

-3

-4

-33

-22

-29

-20

-17

-5

-13

-22

-20

t attività di famiglie e convivenze datori lavoro

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

u organizzazioni ed organismi extraterritoriali

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

nc

494

561

433

465

451

485

453

430

447

417

322

TOTALE

256

216

-28

-87

16

25

42

41

55

-163

-56

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com