Giornata della Memoria a Camerino: Medaglia d’Onore per Corrado Maraviglia

Giornata della Memoria a Camerino: Medaglia d’Onore per Corrado Maraviglia

CONSEGNATA AL FIGLIO E AL NIPOTE

Camerino, 2021-01-27 – Nella Giornata della Memoria, è stato insignito della Medaglia d’Onore Corrado Maraviglia, camerte, catturato e fatto prigioniero dalle forze armate tedesche, deportato poi internato, in un campo di concentramento in Germania nel 1943. Liberato nei primi giorni del luglio 1945 fu rimpatriato in Italia il 19 luglio dello stesso anno, facendo poi ritorno a Camerino. Deceduto nel 2015 Corrado Maraviglia ha portato con sè il triste ricordo di quegli anni, di “cui non ha mai parlato volentieri”, come ha riportato il nipote. Con una cerimonia sobria, alla presenza del sindaco Sandro Sborgia, il Prefetto Flavio Ferdani ha consegnato al figlio Adriano e al nipote Stefano Maraviglia il riconoscimento riservato ai cittadini italiani militari e civili ed ai familiari dei deceduti che sono stati deportati o internati nei lager nazisti e destinati al lavoro coatto per l’economia di guerra nell’ultimo conflitto mondiale. “Un riconoscimento che rende omaggio a coloro che hanno pagato il prezzo della libertà anche con la loro vita – ha detto il sindaco Sandro Sborgia –  non devono venire meno il ricordo e la memoria che rischiano di perdersi col tempo che passa. In questo senso, tutti noi abbiamo l’obbligo di impegnarci affinchè quei fatti non si ripetano”.

Importanza della memoria sottolineata anche dal Prefetto Ferdani che si è soffermato anche sul significato della cerimonia e del sacrificio di tutte quelle persone che, loro malgrado, sono state coinvolte in quelle vicende. Grande l’emozione di Adriano Maraviglia, figlio di Corrado, che ha raccontato quello che suo padre, molto restio a parlare di quella esperienza, ha comunque riferito, segnato da una vicenda avvenuta proprio nel periodo più bello e spensierato della sua vita.

 

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com