Grottammare, in pensione l’ingegnere capo Marco Marcucci

Grottammare, in pensione l’ingegnere capo Marco Marcucci

Ha lavorato alle trasformazioni che caratterizzano la storia recente di Grottammare

Dopo oltre 30 anni di servizio, per l’ingegnere Marco Marcucci è arrivato il tempo di salutare i dipendenti e gli amministratori del comune di Grottammare.

Il collaudo amministrativo della Scuola Speranza è l’ultimo impegno della carriera di funzionario tecnico, iniziata il 1° ottobre del 1988 e terminata lo scorso 31 gennaio, come responsabile dell’area Assetto del Territorio e con la promessa di “restare a disposizione dei colleghi”.

La sua vita lavorativa ha conosciuto i mandati di sei sindaci (Lucci, Perotti, Lauri, Rossi 1 e 2, Merli 1 e 2, Piergallini 1 e 2 in corso) e l’esperienza di un commissario prefettizio (Marchetti) ed è stata attraversata dai radicali cambiamenti che caratterizzano la storia recente della Pubblica amministrazione e della Città stessa. Lascia il testimone all’ing. Pierpaolo Petrone.

 

“Ho iniziato nel 1988 come responsabile dell’ufficio tecnico, quando questo comprendeva i settori Manutenzioni, Urbanistica e Lavori pubblici. All’epoca era tutto più semplice. Oggi l’attività amministrativa è più difficile, i procedimenti sono più complessi ma la Pubblica Amministrazione è diventata più trasparente, – afferma l’ing. Marcucci, ricordando il passato che gli ha dato più soddisfazioni – Sicuramente tra gli impegni più importanti ricordo il piano di recupero con cui è ripartito il nostro centro storico, gli accordi di programma che hanno consegnato alla città il Teatro delle Energie e la piscina, oltre a interi quartieri come l’ex Ferriera e ai tanti progetti di edilizia economica e popolare. Il mio ultimo lavoro è stato per la Scuola Speranza e l’ho consegnato venerdì scorso”.

 

“La crescita professionale dell’ing. Marcucci coincide con gli anni del profondo cambiamento che ha investito la città di Grottammare – sottolinea il sindaco Enrico Piergallini -. Un passaggio delicatissimo che ha visto la città aumentare in dimensioni, in infrastrutture e in complessità. I successi ottenuti non sono solo da ascrivere alla direzione politica: si sono realizzati anche perché accanto alla visione degli amministratori c’è stato l’accompagnamento costante dell’ing. Marcucci e della sua squadra. Lo ringrazio, a nome di tutta la città e anche delle amministrazioni precedenti, per il contributo fondamentale che ha dato alla maturazione di Grottammare. Sappiamo anche che tutto il patrimonio di conoscenze acquisito sarà trasmesso a coloro che nei prossimi anni dovranno proseguirne il cammino”.

 

 

 

 

03.02.2021

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com