dall’Amat

dall’Amat

MARCHE PALCOSCENICO APERTO. FESTIVAL DEL TEATRO SENZA TEATRI:

VENERDÌ 9 APRILE “SYBILLA. UNA STORIA DI RICICLO” DI CHIARA BORSELLA

 

 

Marche Palcoscenico Aperto. Festival del teatro senza teatri – promosso dalla Regione Marche / Assessorato alla Cultura con AMAT – prosegue a ritmo serrato e venerdì 9 aprile (ore 18.30) propone su Facebook e Youtube Sybilla. Una storia di riciclo di Chiara Borsella, uno spettacolo per bambini e famiglie liberamente ispirato al libro Sybilla. L’odissea di una bottiglia di plastica di Marco Mastrorilli.

Chiara Borsella è performer ed educatrice teatrale, si occupa di teatro sociale e svolge progetti di ricerca sull’uso della Lis come strumento performativo di accessibilità negli spettacoli.

Lo spettacolo porta in scena una storia di riciclo che ha per protagonista Sybilla, una bottiglia di plastica dotata di anima e sentimenti, con una lingua tutta sua -il “plasticoso”. Dopo mille peripezie e dopo aver incontrato, nel suo lungo viaggio in mare, molti amici di plastica e animali marini, Sybilla comprende quanto il materiale di cui è composta costituisca un vero dramma sia per il presente sia per il futuro del pianeta.

Sybilla è una performance ecologica che allude all’inquinamento nei mari e alla possibilità di rigenerarli, trasportando lo spettatore in un viaggio che tra immagini, movimento e segni della Lis lo conduca a pensare e “consumare” in maniera alternativa. Il racconto propone, anche al pubblico dei piccolissimi, il tema sempreverde dell’inquinamento da plastica, dove lo strumento ludico del teatro fa il paio con un potente uso simbolico delle immagini e dei segni della Lis, amplificando e supportando la diffusione di messaggi attraverso vari canali espressivo-sensoriali, per un’accessibilità universale.

Scritto, interpretato e diretto da Chiara Borsella, supervisione regia del progetto Emilia Martinelli, scenografie digitali di Luigi Vetrani, diretta streaming e mixer video live Stefano Fiori, illustrazioni Arianna Moncini, progetto realizzato nell’ambito di Marche Palcoscenico Aperto. I mestieri dello spettacolo non si fermano promosso da Regione Marche / Assessorato alla Cultura e AMAT.

Lo spettacolo è visibile gratuitamente su Facebook e YouTube, pagine e canali di Chiara Borselli e Fuori contesto.

Per informazioni: cborsella@fuoricontesto.itinfo@fuoricontesto.it

Calendario completo di Marche Palcoscenico Aperto Festival su www.amatmarche.net.

 

 

 

MARCHE PALCOSCENICO APERTO. FESTIVAL DEL TEATRO SENZA TEATRI:

GIOVEDÌ 8 APRILE ROBA MACHINE DI FRANCESCO ARCURI 

 

Musica per macchine sonore e singolo musicista, Roba Machine di Francesco Arcuri in programma l’8 aprile (ore 21) su YouTube per Marche Palcoscenico Aperto. Festival del teatro senza teatri – promosso dalla Regione Marche / Assessorato alla Cultura con AMAT – è una performance musicale immersiva.

Artista audiovisivo sperimentale e polistrumentista, Francesco Arcuri utilizza strumenti sia classici che non convenzionali. Ha collaborato con diversi artisti tra cui Vinicio Capossela, Ludovico Einaudi, Alessandro Mannarino, Pacifico, Francesca Michielin.

Roba Machine – in programma anche il 6 e 25 maggio (ore 21) – “è sperimentazione e ricerca in un flusso continuo di suoni e stati emozionali in cui l’uomo e la macchina interagiscono costantemente. L’idea embrionale – si legge nelle note del progetto – è nata a inizio 2020, durante il primo lockdown, con l’intento di trasformare l’immobilità e la solitudine in qualcosa di costruttivo e creativo, con un senso di libertà che nel “mondo veloce” non era più immaginabile. Nel corso del 2020 il progetto ha preso una forma definitiva fino ad arrivare alla creazione di macchine sonore programmate che interagiscono con la composizione suonata dal vivo, in modo da creare una sorta di orchestra meccanica, in un flusso continuo di suoni e stati emozionali. Il progetto ha una forte componente visiva, in quanto si ha la possibilità, attraverso un’attenta regia video e l’utilizzo di riprese molto ravvicinate, di entrare nelle macchine e scoprirne facilmente il loro funzionamento. Le composizioni sono tutte originali e libere da schemi mainstream, seppur accessibili a tutti, in un giusto equilibrio tra sperimentazione e sonorità più popolari”. Il progetto realizzato nell’ambito di Marche Palcoscenico Aperto. I mestieri dello spettacolo non si fermano promosso da Regione Marche / Assessorato alla Cultura e AMAT.

La visione della performance è gratuita. Per informazioni: arcuri.francesco@gmail.com.

Calendario completo di Marche Palcoscenico Aperto Festival su www.amatmarche.net.

 

MARCHE PALCOSCENICO APERTO. FESTIVAL DEL TEATRO SENZA TEATRI:

VENERDÌ 9 APRILE LIVE STREAMING DI VERGINE PLAYS VERGINE

 

 

Spazio alla musica venerdì 9 aprile (ore 21.30) nel cartellone di Marche Palcoscenico Aperto. Festival del teatro senza teatri – promosso dalla Regione Marche / Assessorato alla Cultura con AMAT – con Vergine plays “VERGINE”, concerto live in streaming del duo elettro pop Vergine, in concomitanza con la release dell’album di esordio della band.

Il momento storico che stiamo vivendo è molto penalizzante per la musica dal vivo e ancora di più per le band emergenti che nel live hanno la loro più grande forma di promozione. La possibilità di poter raggiungere il proprio pubblico diventa vitale per lo sviluppo del progetto e Marche Palcoscenico Aperto offre una possibilità di live utilizzando il digitale come palcoscenico di debutto.

Vergine è elegante e diretto, atmosfere elettroniche dal gusto vintage e contemporaneamente moderno si mescolano a una voce che con innocente leggerezza racconta la parte più nascosta della mente. Vergine è un progetto elettropop di ?Lucia Lareglia (voce, elettronica) e Pierpaolo Ovarini (elettronica, chitarra). Il progetto Vergine esordisce con il singolo Contemporaneamente nel dicembre del 2019: nello stesso anno si aggiudicano la finale del concorso BMA – Bologna Musica D’autore e nel 2020 la finale del contest Freschissimo organizzato dall’associazione Locomotiv e l’agenzia di booking Panico Concerti, esperienze che danno l’opportunità ai Vergine di esibirsi in location come il Teatro Duse e il Locomotiv Club di Bologna e che gli permettono fin da subito di condividere il palco con artisti come La Rappresentante di Lista, Dola, Gente, Wrongonyou.

Il live si svolge presso Basement Recording Studio – Fermo, studio di registrazione immerso nelle colline fermane che si affaciano sul mare. Una struttura altamente professionale e geograficamente perfetta per ospitare l’artista nella sua fase creativa. Il Basement studio ha lavorato per artisti come Jovanotti, Raphael Gualazzi, Bowland, Tommaso Paradiso, Brunori Sas, Nicolò Fabi, Colombre e molti altri. Regia e DOP del live a cura di Alessio Beato, mix audio Stefano Luciani / Nufabric Records, service video Rs Project.

Vergine plays “VERGINE” è un progetto realizzato nell’ambito di Marche Palcoscenico Aperto. I mestieri dello spettacolo non si fermano promosso da Regione Marche / Assessorato alla Cultura e AMAT.

Il concerto, gratuito, sarà in diretta Facebook sulla pagina di Vergine. Per informazioni: info@nufabric.com, 329 0527028. Calendario completo di Marche Palcoscenico Aperto Festival su www.amatmarche.net.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com