Marche Palcoscenico Aperto, Bach e il Romanico nel Piceno

Marche Palcoscenico Aperto, Bach e il Romanico nel Piceno

SECONDA PUNTATA DEL CICLO “BACH E IL ROMANICO NEL PICENO”

Dopo la prima Suite di J.S. Bach tenuta nella meravigliosa Chiesa di Santa Maria in Muris di Belmonte Piceno, il ciclo di sei concerti per violoncello solo facente parte del progetto “Bach e il Romanico nel Piceno” ideato e curato dal giovane e talentuoso violoncellista fermano Federico Bracalente, prosegue con con la seconda Suite BWV 1008 che verrà trasmessa dalla Chiesa di San Paolino da Nola di Falerone, maestoso esempio di architettura longobarda presente nel territorio piceno. Nella seconda suite la scrittura bachiana, densa e articolata, è capace di rappresentare in musica emozioni e affetti estremamente contrastanti. Il temperamento delle varie danze che la compongono è così ricco da poter esprimere sia un universo di emozioni vicine all’austerità e alla malinconia, sia una placida serenità, il tutto all’interno di una incessante energia contrappuntistica.

Il concerto è realizzato in collaborazione con il Festival Musicale Piceno e sarà trasmesso venerdì 23 aprile alle ore 21:30 sui canali Youtube Federico Bracalente music e Secretsoundservicehd e sulla pagina facebook del Festival Musicale Piceno. Il ciclo di sei recital per violoncello solo, tenuto in solitaria dall’artista marchigiano è curato dalla regia dei tecnici audio video Maurizio Machella e Alessandra Machella.

Il progetto “Bach e il Romanico nel Piceno” scelto nell’ambito del grande festival Marche Palcoscenico Aperto proposto dalla Regione Marche/Assessorato alla cultura e AMAT, si sviluppa attraverso l’esecuzione integrale delle sei Suites per violoncello solo di J.S. Bach in sei abbazie romaniche situate nel territorio piceno, nelle province di Fermo e Macerata.

Venerdì 30 aprile alle ore 21:30 avrà luogo nella Abbazia Imperiale di Santa Croce al Chienti, il terzo concerto che vedrà protagonista la terza Suite BWV 1009. Al termine, lo storico Manfredo Longi dell’Associazione Santa Croce interverrà nella postfazione in cui si parlerà della storia dell’antico tempio romanico.

Federico Bracalente, violoncellista fermano, nasce nell’82 e studia con Maestri del calibro di Mario Brunello, Giovanni Sollima, Stefano Veggetti, prime parti del Teatro alla Scala, Berliner Philharmoniker, LSO. Svolge una fiorente attività discografica per etichette internazionali quali Brilliant Classics, Hyperion, Amadeus, Exit Live, Da Vinci Classics. Nel 2017 crea il Cubis Project che apre il concerto di Tom Yorke e Jonny Greenwood, allo Sferisterio di Macerata. Come solista e camerista è invitato in importanti festival quali il Festival Piatti Bergamo, Suoni delle Dolomiti, Mantova Chamber Music Festival, collaborando con artisti come Wolfram Christ, Daniele di Bonaventura, Paolo Fresu, Francesco di Rosa. E’ direttore artistico del Metamorfosi Festival di San Ginesio.

www.federicobracalente.com

Per informazioni: federicobra@hotmail.it

 

 

 

MARCHE PALCOSCENICO APERTO. FESTIVAL DEL TEATRO SENZA TEATRI: DA VENERDÌ 16 APRILE BACH E IL ROMANICO NEL PICENO SEI CONCERTI FINO AL 21 MAGGIO DEL VIOLONCELLISTA FEDERICO BRACALENTE

 

Bach e il Romanico nel Piceno è il titolo del progetto di Federico Bracalente, violoncellista fermano, che prevede sei eventi concertistici in streaming per sei venerdì a partire dal 16 aprile e fino al 21 maggio sul canale YouTube SECRETSOUNDSERVICEHD e sulla pagina facebook del Festival Musicale Piceno. La prima Suite sarà trasmessa venerdì 16 aprile alle ore 21.30 dalla Chiesa di Santa Maria in Muris di Belmonte Piceno, le successive dalla Chiesa di San Paolino di Falerone (23 aprile), dall’Abbazia Imperiale di Santa Croce al Chienti di Sant’Elpidio a Mare (30 aprile), da Abbey of SS. Ruffino and Vitale di Amandola (7 maggio), dall’Abbazia di Sant’Urbano di Apiro (14 maggio) e dalla Chiesa di Santa Maria a Mare di Torre di Palme – Fermo (21 maggio).

Bach e il Romanico nel Piceno – proposto nell’ambito di Marche Palcoscenico Aperto. Festival del teatro senza teatri, promosso dalla Regione Marche / Assessorato alla Cultura con AMAT – si sviluppa attraverso l’esecuzione integrale delle sei Suites per violoncello solo di Johann Sebastian Bach (1685-1750) in sei meravigliose Abbazie romaniche situate nel territorio piceno, tra i Sibillini e il mare adriatico, scelte nelle province di Macerata e Fermo. Il ciclo di sei recital per violoncello solo, tenuto dal violoncellista Federico Bracalente con la regia dei tecnici audio video Maurizio Machella e Alessandra Machella che cureranno la trasmissione streaming degli eventi concertistici, è volto anche alla valorizzazione dei luoghi di culto, al fine di esaltare l’aura sacrale delle abbazie, sia dal punto di vista estetico, sia dal punto vista della loro naturale risonanza acustica. Alla base del progetto c’è l’intenzione di associare l’opera bachiana, che rappresenta l’acme per importanza e virtuosismo del repertorio violoncellistico, agli antichi santuari, legando la raffinatezza della geometria espressiva della musica barocca e la sua retorica poetica che è logica pura ed eleganza all’essenzialità architettonica delle abbazie romaniche presenti nelle Marche. Le antiche chiese si fanno dunque teatri elettivi di questo repertorio fortemente intriso di spiritualità, trascendenza e tensione all’assoluto. Le sei Suites costituiscono il fondamento della letteratura per violoncello e la loro registrazione integrale è un percorso arduo ed impervio per l’imprescindibile cimento interpretativo richiesto nella lettura e nell’esecuzione di un’opera così tanto complessa e profonda e per la perfezione tecnica e virtuosistica necessaria.

Durante questo viaggio nella musica e nella bellezza artistica interverranno lo storico Manfredo Longi e l’antropologo Giacomo Recchioni che racconteranno la storia delle abbazie e dell’antico territorio Piceno.

Federico Bracalente nasce nell’82 e studia con Maestri del calibro di Mario Brunello, Giovanni Sollima, Stefano Veggetti, prime parti del Teatro alla Scala, Berliner Philharmoniker, LSO. Svolge una fiorente attività discografica per etichette internazionali quali Brilliant Classics, Hyperion, Amadeus, Exit Live. Nel 2017 crea il Cubis Project che apre il concerto di Tom Yorke e Jonny Greenwood, allo Sferisterio di Macerata. Come solista e camerista è invitato in importanti festival quali il Festival Piatti Bergamo, Suoni delle Dolomiti, Mantova Chamber Music Festival, collaborando con artisti come Wolfram Christ, Daniele di Bonaventura, Francesco di Rosa, Paolo Fresu.  www.federicobracalente.com

Per informazioni: federicobra@hotmail.it

Calendario completo di Marche Palcoscenico Aperto Festival su www.amatmarche.net.

 

MARCHE PALCOSCENICO APERTO. FESTIVAL DEL TEATRO SENZA TEATRI:

GIOVEDÌ 22 APRILE LAJ BIG BAND IN ALFOSINA Y EL MAR – STORIE DI VIAGGI DI SOLA ANDATA

 

Giovedì 22 aprile su Facebook e Youtube alle ore 21 LAJ Big Band diretta dal M° Roberto Gazzani presenta Alfosina y el mar – Storie di viaggi di sola andata, bandoneon di Pablo Corradini e Orchestra Jazz in un viaggio musicale tra i racconti dei migranti proposto da Marche Palcoscenico Aperto. Festival del teatro senza teatri, promosso dalla Regione Marche / Assessorato alla Cultura con AMAT.

Racconti di immigrazione del secolo scorso, così lontani e così vicini, accompagnati da tango, milonga, chacarera, zamba, suonati ed arrangiati per la prima volta da una big band jazz in un ambizioso ed entusiasmante sperimento che, attraverso la musica, favorisce l’integrazione e la conoscenza di una cultura differente.

Lo spettacolo è costituito da una serie di racconti, originali e rielaborazioni, che hanno come tema principale il viaggio dei migranti in Argentina all’inizio del XX secolo con particolare riferimento alla poetessa Alfonsina Storni. I racconti sono intervallati e accompagnati da musiche inedite e arrangiamenti originali ispirati dal folklore musicale argentino ed eseguiti dall’orchestra jazz.

 

LAJ Big Band nata dall’Accademia Musicale di Ancona, costituita da giovani musicisti della Provincia di Ancona, si esibisce in vari festival e rassegne anche al fianco di solisti come Javier Girotto, spaziando tra le varie sfumature del jazz. Pablo Corradini bandoneonista e compositore argentino attivo come concertista in diverse rassegne e festival jazz internazionali. Roberto Gazzani bassista, clarinettista, direttore ed arrangiatore attivo da anni come concertista e docente.

Gli autori del progetto – realizzato nell’ambito di Marche Palcoscenico Aperto. I mestieri dello spettacolo non si fermano promosso da Regione Marche / Assessorato alla Cultura e AMAT – sono Pablo Corradini, Roberto Gazzani, autori anche delle musiche.

I link per assistere allo spettacolo, gratuitamente, sono: https://www.facebook.com/AccademiaMusicaleAncona/https://www.youtube.com/channel/UCSjfqDd9LqRrtrMHaCi_otA?reload=9,http://www.facebook.com/pablocorradiniprojecthttps://it-it.facebook.com/pages/category/Musician-Band/LAJ-BIG-BAND-1618115978446030/.

 

Per informazioni: paterno158@gmail.compcorradini@hotmail.com, 339 5785572, 389 9744449.

Calendario completo di Marche Palcoscenico Aperto Festival su www.amatmarche.net.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com